HOME PAGE                                

                                                                                                                                                                   

               

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

          


Air Dolomiti rinnova la certificazione IOSA implementata con la nuova procedura Enhanced

Air Dolomiti, Compagnia italiana del Gruppo Lufthansa, annuncia l’esito positivo dell’ispezione IOSA (IATA Operational Safety Audit) avvenuta nelle scorse settimane.

Air Dolomiti ha confermato al team di auditors accreditato di rispettare gli standard di sicurezza prescritti dalla IATA (International Air Transport Association).

In particolare quest’anno la certificazione prevedeva la procedura “Enhanced” strutturata con parametri ancora più complessi. La sfida è stata affrontata con una maggior consapevolezza e una più dettagliata programmazione.

Air Dolomiti è stata tra le prime compagnie in Italia e nel Gruppo Lufthansa a superare con successo l’audit implementato del criterio Enhanced.

L’audit è stato svolto da un team di cinque esperti dell’aviazione che per una settimana ha verificato la sicurezza e l’efficienza del vettore. In particolare sono state esaminate: la struttura organizzativa, la manutenzione, il training, l’area Flight Operations, le aree Ground Operations, Quality, Safety e Security ed altre aree correlate a questi reparti della Compagnia.

Air Dolomiti ha ricevuto la certificazione IOSA nel 2005 e con cadenza biennale vengono effettuati i controlli per verificare il rispetto degli standard operativi. Il prossimo rinnovo è ora previsto per il 2019.

Per informazioni: www.airdolomiti.it

Milano, 10 luglio 2017

 

 

Milanosanremodelgusto

     

L’evento Milanosanremodelgusto è un’occasione unica per assaporare e conoscere le coinvolgenti eccellenze enogastronomiche di Savona a pochi passi dal Duomo di Milano. Oggi, 26 giugno si è tienuto l’evento #MSRGUSTO Lounge creato far conoscere alcuni luoghi ed eccellenze del territorio grazie all’intervento di chef e produttori che si trovano lungo l’itinerario enogastronomico Milano Sanremo.

Per Savona e dintorni, in rappresentanza delle oasi verdi di relax, ricche di attrazioni, di arte e cultura, sarà presente anche l’ecclettico creatore di profumi Marco Abaton che porta avanti con altre aziende del presidio Slow Food del chinotto di Savona, una serie di azioni atte a far conoscere e apprezzare i “Profumi e i colori della Liguria” tramite visite guidate e laboratori dedicati alla scoperta dell’albicocca di Valleggia e del chinotto di Savona.

“Far apprezzare e promuovere prodotti tipici e storici del territorio, gioielli del “Made in Italy” a Milano è un’occasione unica come unici sono i nostri profumi per la persona e per la casa che racchiudono le note intese agrumate e fiorite delle bucce di chinotto maturo e dei fiori d’arancia. Una vera sferzata di energia che arriva dalla natura che ci circonda” dice Marco Abaton che ha recentemente trasformato l’agrume ligure nel profumo al chinotto Abaton Gourmand, da subito molto apprezzato in Italia e negli States.   Un ennesimo invito a visitare Savona e la sua Boutique in via Paleocapa 76.

Abaton, brand italiano nato dalla profonda passione per la profumeria artistica, dall'esperienza, dalla passione e dalla consapevolezza dei fratelli Abaton, che dopo una stimolante esperienza negli Stati Uniti hanno concentrato le risorse creative nella realizzazione e distribuzione di una linea di prodotti d’eccellenza Made in Italy.

Collezioni di prodotti diversi tra loro ma con lo stesso denominatore comune di alta qualità, raffinatezza e originalità, realizzati dai migliori artigiani Italiani.

Un’officina di idee in costante fermento, dove ogni prodotto nasce per celebrare un esclusivo elemento di unicità, collegato alla storia, alle tecniche di lavorazione od alla materia prima, che lo caratterizza come prodotto d’eccellenza artigianale e non rappresenta solo la soddisfazione di un bisogno materiale ma crea un’emozione personale.

Dai profumi ai saponi, dai prodotti da barba agli articoli per rasatura, dalle candele ai profumatori per ambienti, dagli accessori alla più esclusiva maglieria in cachemire a titolo millesimale, dai cappelli artigianali ai capolavori di gioielleria e persino ad alcune golose prelibatezze di gusto.

I prodotti artigianali dell'intera collezione firmata Abaton, sono disponibili presso i migliori concept store e profumerie di nicchia, ed on line sul sito www.abatonbros.com oppure presso show room di Savona di Via Paleocapa 76 e nella filiale di New York a pochi passi dall’Empire State Building. dove, in eleganti appartamenti, oltre agli uffici della sede americana si può prenotare un appuntamento per il personal shopping di accessori esclusivi accessori.

Savona, città del chinotto 

L’incontro tra Savona e la pianta del chinotto risale circa al 1500. È merito di un esploratore savonese che, di ritorno da una spedizione in Cina, importa questo frutto considerato dai navigatori un amuleto per tenere lontani malattie e pericoli. Grazie alle ottimali condizioni climatiche, l’impervia riviera Savonese ne ha migliorato le proprietà organolettiche. Insediatosi perfettamente nell’ecosistema locale, il chinotto è diventato punta di diamante della città. Savona è infatti conosciuta come la Città del Chinotto. Dalla fioritura ricca e profumata nascono foglie e scorza da cui si estrae un olio essenziale utilizzato sia in cosmetica che in profumeria. Ed ecco che infine crescono i frutti che, a seconda della maturazione, danno a questo agrume colorazioni dal verde al giallo sino all’arancione. Dal carattere contradditorio, il chinotto si presenta molto amaro se consumato al naturale ma molto piacevole se lavorato e trasformato nella celeberrima bibita degli anni ’50 - ancora oggi di grandissima tendenza - e squisito candito se caramellato a dovere. La forte urbanizzazione accompagnata da sbalzi climatici a dir poco sfavorevoli ed inaspettati hanno distrutto la maggior parte delle coltivazioni presenti nel Savonese. Ma grazie ad alcuni estimatore ed agricoltori ed appassionati, è stata riavviata. Un passato unico, avvincente ed originale che accompagna la storia di Savona e delle sue eccellenze dal 1500 ad oggi. 

Visitare Savona

Situata nella Riviera ligure di Ponente, Savona e i suoi 60000 abitanti sono cullati da un clima decisamente mediterraneo. Questa città portuale è a misura d’uomo, perfetta per essere visitata anche in un giorno se non si dispone di molto tempo. La visita può cominciare dalla Fortezza di Priamar. Costruita nel 1542 dai genovesi e nel corso degli anni ha avuto anche funzione di colonia detentiva in cui è stato incarcerato nel 1830 Giuseppe Mazzini, accusato di cospirazione. Oggi è sede di diverse attività culturali – ad esempio viene adibito a teatro durante la stagione estiva. All’interno è stato istituito infatti il Museo Pertini e il Museo Archeologico. Dalla Fortezza si respira solo aria buona e la vista non è niente male: Darsena e passeggiata vista mare Walter Tobagi è quello che vi aspetta. È proprio in questi dintorni - appena passata la Torre del Brandale, simbolo della città - che si insedia il centro storico ottocentesco di Savona dove si trova la meravigliosa struttura della Pinacoteca Civica collegata in un unico percorso espositivo con il Museo della Ceramica, a rimarcare il costante rapporto che nel corso dei secoli è venuto a instaurarsi fra pittura e ceramica sul territorio di Savona e Albisola.

La raccolta della Pinacoteca offre una compiuta testimonianza dello sviluppo della pittura a Savona dal XIV al XX secolo. Tra i suoi gioielli spiccano la Crocifissione di Donato de’ Bardi, un unicum nel panorama della pittura rinascimentale, e gli imponenti polittici che documentano la fioritura artistica della città tra Quattrocento e Cinquecento, grazie alla committenza legata ai due papi savonesi Sisto IV e Giulio II.

Nelle sale della Pinacoteca sono ospitate anche le collezioni della Fondazione Museo d’arte contemporanea Milena Milani, con una selezione dei più rilevanti momenti dell’arte contemporanea internazionale e capolavori di artisti quali Picasso, Miro, Magritte, De Chirico, Tombly, Jorn, Capogrossi, Fontana. Tra le ceramiche si segnalano in particolare: Fanciulla con fiori (1937) in nero e oro di Lucio Fontana e i Ritratti di Milena di Fontana (1952) e di Franco Garelli, il Vaso donna ceramica di Picasso (1959).

Pochi passi più avanti si può visitare anche il Giardino dei Chinotti per conoscerne la storia e le curiosità di questa grande tradizione. Non solo Città del Chinotto ma anche città dei Papi: Sisto IV della Rovere e Giulio II hanno reso regale e maestosa la Cattedrale di Nostra Signora Assunta – visitabile gratuitamente – con una Cappella Sistina, la seconda presente in Italia e di gusto Rococò.

Se si visita Savona tappa obbligata è il Concept Store Nicchia by Abaton, in Via Paleocapa 76, aperto dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 19:00 (Tel. 019 833 5278).

La passione dei fratelli Abaton per Savona e per le sue eccellenze è stata coinvolgente, facendo nascere Il Chinotto nella Rete, rappresenta un pool di appassionati estimatori ed aziende accomunate dall’amore per questo straordinario agrume, presidio Slow Food. www.ilchinottonellarete.it  

L’obiettivo principale della rete è quello di promuovere il Territorio ligure e tutte le sue eccellenze, seguendo il fil rouge del chinotto, mettendo in rete e in collaborazione diversi produttori, dai vivaisti ai trasformatori, sia di prodotti food, sia di prodotti cosmetici ed anche di originali oggetti di design strettamente correlati alla storia di questo prezioso agrume e anche organizzando Tour del Chinotto, ed i laboratori sul Chinotto, piacevoli escursioni ed interessanti eventi, tra le vie del gusto, arte e cultura. Durante l’evento sarà inoltre presentata la fragranza Chinotto Gourmand di Abaton

Milano, 26 giugno 2017 

Amore a prima vista tra Relais Masseria Le Cesine e tedeschi

             

E’ stato amore a prima vista. Sono stati i tedeschi, seguiti dagli austriaci, i primi clienti del Relais Masseria Le Cesine, appena inaugurato nel Salento dal gruppo alberghiero CDSHotels (www.cdshotels.it). In particolare i tedeschi hanno scelto di trascorrere le importanti vacanze della Pentecoste, concomitanti quest’anno con ilponte del 2 giugno, nel Relais Masseria Le Cesine e continueranno a frequentarlo numerosi per tutta la stazione fino all’autunno, numerosi, anche in autunno, quando ci saranno le imperdibili vacanze di ottobre. E ora, con l’incedere dell’estate arrivano gli italiani e tanti altri ospiti di diverse nazionalità, tanto che dal 2 luglio il Relais sarà al completo.

Del resto non c’è da meravigliarsi se ad aprire la prima stagione siano stati proprio gli stranieri. E’ risaputo infatti il loro amore per gli spazi aperti, la natura, la possibilità di fare escursioni in bicicletta e soprattutto la buona cucina tipica italiana con prodotti di prima scelta.

           

Giovane come le essenze di macchia mediterranea appena piantate e gli alberelli di ulivo, elegante e raffinato come tutte le strutture firmate da www.cdshotels.it il Relais Masseria Le Cesine è come un gioiello incastonato nella natura a due passi dall’oasi naturale Le Cesine, riconosciuta riserva di interesse internazionale con la convenzione di Ramsar (Turchia) sin dal 1979. Ha tre piscine di cui una riservata ai bimbi e l’altra esclusivamente ai clienti dell’hotel, ricavato da un’antica masseria dei primi dell’800: Termolito.

Si trova a pochi passi da una meravigliosa spiaggia, definita la Perla Nera del Salento da prestigiose riviste di settore come Spiagge e Bell’Italia. Per uno strano gioco di correnti, sulla sua sabbia, si depositano le ceneri del vulcano Vulture (in Basilicata), che sfociando nel mare attraverso il fiume Ofanto, arrivando a depositarsi sulle spiagge dell’Adriatico salentino. L’acqua è di un colore azzurro cristallino. Alla spiaggia si accede, o attraverso una passaggiata in pineta oppure usufruendo del servizio navetta, messo a disposizione degli ospiti.

Intorno alla piscina tanti giochi e divertimento a cura dei simpatici animatori.

LA SPA. Nella Spa, ricavata dalla masseria, con le mura di pietra leccese lasciata a vista e i tetti a stella, si va dall’idromassaggio alle docce emozionali fino ai massaggi più particolari: come il LOMI LOMI, per liberare i blocchi energetici o il MASSAGGIO CALIFORNIANO che parte da tante coccole per arrivare poi ad una forma di ginnastica passiva.

Rituali e trattamenti corpo con gusci di noci micronizzati, mandorle e sali minerali del Mar Morto…per raggiungere l’armonia tra la mente e il corpo.

Mentre mamma e papà (o zii o nonni) si rilassano nella SPA i piccoli si divertono e vengono controllati nel miniclub con tante attività che spaziano dalle attività sportive ai giochi, dalla mattina alla sera per stuzzicare la loro curiosità e dare sfogo alla loro ineusaribile energia.

UN’ATTENZIONE PARTICOLARE PER I NEONATI. Chi ha bimbi tra 0 e 3 anni, può concedersi una vacanza serena. Per loro c’è uno spazio curatissimo: la biberoneria, dove la mamma può trovare sempre tutti i tipi di verdura fresca, i formaggi e i formaggini, il fornello elettrico per preparare le pappine. A richiesta, vi è anche la possibilità di affidare i neonati a una baby sitter.

LA SERATA SALENTINA E LEZIONI DI PASTA FRESCA. Il mercoledì si impara a fare la pasta fresca, tipica del Salento, con le massaie del posto e a ballare la pizzica, da sfoggiare poi la sera, quando ci sarà un gruppo live per l’occasione. In un borgo salentino, ricreato ad hoc nel Relais, si potranno vedere all’opera gli artigiani salentini come il cestaio che intreccia i cesti fatti con i rametti di giunco.

A TAVOLA. Si parte già con una colazione sostanziosa a buffet dove si sceglie tra dolce e salato. E per i dormiglioni la possibilità di svegliarsi con calma e fare colazione al bar con dolci e caffè (light breakfast). A pranzo e cena ampia scelta tra primi e secondi piatti di pesce e di carne. Caffè, apertitivi, bevande… cocktail, amaro… tutto incluso. E per chi ha ancora voglia di qualcosa di buono, appuntamento gastronomico sotto le stelle alle 23.30 per chiudere la giornata in bellezza.

Torre dell’Orso, 26 giugno 2017


 

L’Altra Tela del Ragno

Concerto di pizzica a Villa Castelli - Arrivano giornalisti italiani e italo-tedeschi

      

VILLA CASTELLI - E’ scattato il conto alla rovescia per il grande concerto in memoria di Giandomenico Caramia, il famoso musicista esperto di musica popolare scomparso prematuramente. Appuntamento sabato 17 giugno alle 20 nel parco della Musica di Villa Castelli, che sarà intitolato ufficialmente a lui dal sindaco Vitantonio Caliandro e da tutta l’amministrazione comunale. Subito dopo, al via il grande concerto che ha visto l’arrivo a Villa Castelli di artisti di fama internazionale come Mario Salvi, le sorelle Gomes e Josè Barros, tutti animati dal desiderio di ricordare il grande amico e musicista Giandomenico.

Sono molto emozionata”, dice la sorella di Giandomenico, Rossella Caramia. “Giandomenico era una persona che si faceva amare e apprezzare”.

In prossimità della Giornata europea della musica fissata per il 21 giugno”, dice il sindaco, Vitantonio Caliandro, “abbiamo voluto organizzare questo grande concerto e l’intitolazione del parco della musica a Giandomenico Caramia per ricordare la sua grande figura professionale e umana, ma anche per ribadire che la pizzica non è solo patrimonio della provincia di Lecce, ma anche di Villa Castelli, famosa per la pizzica con l’organetto, di cui Giandomenico era il massimo rappresentante”.

L’evento sarà presentato in conferenza stampa nella sala consiliare del Comune di Villa Castelli venerdì 16 alle 19.00. Sarà anche l’occasione per dare il benvenuto ad un gruppo di giornalisti italiani e italo tedeschi che vengono ospitati, assieme agli artisti, per partecipare ad un educational, progettato dal Comune di Villa Castelli in partenariato con la rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge, diretta da Carmen Mancarella (www.mediterraneantourism.it), grazie al Programma operativo regionale FESR-FSE 2014-2020 “Attrattori culturali, naturali e turismo” Asse VI - Tutela dell’Ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali - Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche - Programma di promozione turistica nei mercati intermediati.

I giornalisti, in rappresentanza di prestigiose testate come Meridiana, Il Giorno, la Nazione, Il Resto del Carlino, dazebao.com il sito ufficiale dei giornalisti parlamentari, Agenda Viaggi e per Berlino: berlinocacioepepe.it e “Goethe liebe Italien”, seguiranno un viaggio che li porterà a scoprire l’Altra tela del Ragno, la pizzica con l’organetto per cui Villa Castelli è famosa proprio grazie al musicista Giandomenico Caramia e le origini del tarantismo. Andranno infatti anche a Galatina per conoscere la chiesetta di San Paolo, meta di pellegrinaggio da parte dei tarantati e delle tarantate, e a Melpignano, dove, a fine agosto si volge la Notte della Taranta. Ma non mancheranno gli appuntamenti con le eccellenze della gastronomia e dell’imprenditoria di Villa Castelli, che si distingue nella produzione di vino, olio extravergine di oliva, piante officinali, dolci a base di pasta di mandorla (la pasta reale) e marmi.

I giornalisti visiteranno anche il Museo della Magna Grecia, il sito archeologico di Pezza Petrosa e Canale Reale.

Tappa poi anche al mare nel parco naturale di Torre Colimena e le Saline dei Greci. Sosta in spiaggia a Torre Lapillo e appuntamento a Oria per completare la conoscenza della civiltà messapica dove è stato inaugurato da poco il museo archeologico comunale.   www.mediterraneantourism.it

Torre dell'Orso, 14 giugno 2017

 

L’Unione Terra di Leuca Promuove il territorio e  ospita giornalisti francesi e italiani

 

Natura selvaggia, panorami mozzafiato e i profumi dei due mari che si incrociano, lo Jonio e l’Adriatico. Dal 3 al 7 giugno l’Unione dei Comuni Terra di Leuca ospiterà un gruppo di giornalisti, esperti in eventi, turismo ed enogastronomia, provenienti da Parigi, Milano, Roma e Pistoia per far conoscere la via dei pellegrinaggi nel Capo di Leuca, dove si intrecciano arte, storia, cultura e natura.

Il viaggio è stato progettato dall’Unione dei Comuni Terra di Leuca in partenariato con Carmen Mancarella, direttrice di Spiagge (www.mediterraneantourism.it) grazie al Programma operativo regionale FESR-FSE 2014-2020 “Attrattori culturali, naturali e turismo” Asse VI - Tutela dell’Ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali - Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche - Programma di promozione turistica nei mercati intermediati. In campo il meglio dell’imprenditoria di Guagnano e del Salento.

Sarà presentato in conferenza stampa sabato 3 giugno alle 19.00 nella sede dell’Unione dei Comuni Terra di Leuca, palazzo Ramirez a Salve.

Molto ricco il programma: sul filone del turismo religioso i giornalisti visiteranno i Santuari di Santa Marina a Ruggiano, frazione di Salve e Leuca Piccola a Barbarano frazione di Morciano di Leuca. Tappa poi ad Alessano, che grazie a don Tonino Bello, è diventato il secondo polo del turismo religioso in Puglia, dopo San Giovanni Rotondo. Ma non mancheranno i paesaggi mozzafiato e i due mari del Salento, lo Jonio e l’Adriatico: a Corsano, passeggiata lungo le vie del Sale per conoscere la storia dei contrabbandieri, che commerciavano il sale quando questo era monopolio di Stato. Poco distante ecco il Ciolo con i suoi tuffatori. Sullo Jonio i giornalisti saranno affascinati dalle spiagge. Conosceranno poi la storia della misteriosa Centopietre di Patù e a Tiggiano incontro con gli operatori del Parco Otranto Santa Maria di Leuca per scoprire la biodiversità del parco attraverso i suoi produttori. Chiusura in bellezza con la Festa di tradizione in onore di San Vincenzo di Arigliano, la piccola frazione di Gagliano, tra mille luci colorate.

Milano,  2 giugno 2017

Primavera sui laghi austriaci

A piedi, sui rollerblade o in bicicletta, la primavera sui laghi austriaci va oltre la fantasia, in Carinzia si trovano 44 laghi balneabili dall'acqua potabile e dai colori accesi tra l'azzurro e il verde con caratteristiche uniche per una vacanza indimenticabile. Austria per l’Italia, Associazione che riunisce 40 hotel che “parlano italiano” e si rivolgono agli ospiti italiani, ha individuato emozionanti percorsi da scoprire.

  

Il Wörthersee, il mondano e più grande lago della Carinzia che unisce molti vantaggi in un unico luogo, dove trascorrere vacanze attive in un ambiente lacustre tra magnifiche ville, bar e spiagge alla moda; il Millstätter See, la Perla della Carinzia, dall’ambiente mistico e rilassante dove è possibile trascorrere la notte in un “Rifugio sotto le stelle” messo a disposizione dall’Ufficio del Turismo, un’esperienza di coppia indimenticabile in un luogo tranquillo di ritiro al quale si accede solo presentando una semplice lettera d’amore piena di sentimento; il Faaker See, dai colori turchesi e dai 26° delle sue acque nelle quali è possibile rilassarsi come in una SPA all’aperto nel mezzo di un panorama da favola; l’ Ossiacher See, sede del colto festival musicale “Estate Carinziana” e con una vasta offerta sportiva di sport acquatici, terrestri e per gli amanti del volo libero e tutti gli altri laghi, ognuno con una caratteristica peculiare differente dove l’imbarazzo è solo nella scelta.

In questa cornice naturale di inesauribili meraviglie si trovano hotel confortevoli ed accoglienti, come il Karnerhof, hotel che fa parte dell’Associazione Austria per l’Italia, direttamente sul cristallino Faaker See in posizione particolarmente romantica dove trascorrere serate al fuoco di bivacco nell’elegante giardino con vista sulle acque e sui monti e svegliarsi al mattino per scoprire il risveglio della natura con escursioni scenografiche nella regione o godere della piscina naturale lacustre, prima di ritemprarsi con l’accogliente vapore della sauna o con i massaggi con i fanghi della SPA della struttura: bellezza del corpo, energia e salute.

L’Hotel Zur Post permette la prenotazione diretta dei “Rifugi sotto le stelle” posti sulla sua bellissima spiaggia del lago Millstätter dove l'acqua e la natura si fondono alla vista della pacifica e silenziosa superfice del lago. Vacanze estive, attività sportive, relax e benessere, ma anche matrimoni, il paesaggio calmo e rilassante del lago, gli ampi giardini e la natura rigogliosa permettono l’organizzazione di suggestive ed intime cerimonie di matrimonio all’aperto. Due anime che si uniscono in un ambiente da sogno.

 

L’ Hotel Trattlerhof offre una accoglienza della tradizione montana austriaca in forma moderna, per un romantico approccio al benessere alpino dei tempi passati in una vacanza fuori dal comune. Nominato tra i primi 10 Hotel della Carinzia nell’ambito dell’Holiday Check Award, ad un’altitudine compresa tra i 1.100 m e i 2.055 m offre campi da tennis, beach volley, maneggio e spiaggia privata di 10.000 m² sul lago Millstätter See. I campi da golf sono poco distanti ed una straordinaria rete di sentieri e percorsi per bici davanti alla porta di casa. Gite in trattore d’epoca, in carrozza, fiaccolata con pony e cavalli, il ciclo di appuntamenti “Viticoltore in montagna“ e tante altre iniziative sono disponibili per rendere la vacanza indimenticabile, in un’esplosione di benessere e gusto.

All’Hotel Nudelbacher gli ospiti dicono di sentirsi a casa propria, amore per l’ospitalità discreta caratterizzano il team dell’Hotel Nudelbacher per far vivere momenti di felicità in Carinzia ai propri ospiti. Un tuffo in uno dei più di 400 laghi dei dintorni, i festival culturali, le prelibatezze culinarie come la specialità tradizionale "Kärntner Kasnudel", passeggiate protette e fantastici percorsi speciali da percorrere anche con i propri amici animali tutto intorno all'hotel fanno sentire bene ed in famiglia. Le camere sono tutte differenti, dalla suite romantica a quella a due piani per famiglie. Il Duomo di Gurk, la Tomba di S.Emma nella cripta dalle 100 colonne, la Cappella Vescovile del 1200, la Collegiata di Ossiach dell’anno 1000, la Basilica romanica e tanti altri luoghi storici e suggestivi aspettano chi preferisce le visite culturali alle passeggiate nella rigogliosa natura ed in montagna, una vacanza dalle mille possibilità.

L’Hotel Linderhof di Abersee sul lago Wolfgangsee è il luogo ideale da dove prendere il Treno a Vapore con Cremagliera del Monte Schafbergbahn. Lo Schafbergbahn è la più ripida ferrovia a cremagliera Austriaca che conduce fino a 1783 metri di quota su di un moderno e nostalgico del vapore, ma naturalmente l’hotel è anche il posto ideale dove trascorre le vacanze a contatto della natura. Posto in posizione soleggiata e tranquilla, a pochi metri dalle rive dal lago di St. Wolfgang offre camere con balcone accoglienti, ampio giardino e parcheggio privato per poter praticare al meglio sia sport che relax. Gite in battello sul lago, visite a St. Gilgen, Strobl, Bad Ischl, la funivia sullo Zwölferhorn, Hallstatt patrimonio dell’umanità, le caverne del Dachstein, i castelli e le fortezze del Salisburghese aspettano i turisti per escursioni indimenticabili, tra paesaggi ed ambienti dai profumi naturali speciali ed inconfondibili che lasciano un profondo senso di pace e tranquillità nell’anima. Rigenerarsi con tutti i cinque sensi, vista, olfatto, gusto, udito e tatto per un’esperienza sensoriale unica e completa in Carinzia e nel Salisburghese.  Info: www.vacanzeinaustria.com

Milano, 14 maggio 2017

La vacanza ideale? La bianca Ostuni

Con tappe a Oria e Gallipoli tra ulivi secolari e l’azzurro mare

Natura selvaggia, storia, mare natura. Tutto condensato in una sola parola: Ostuni, la città bianca che illumina il cielo.

La primavera è l’ideale per scoprire Ostuni abbracciata dalla piana degli ulivi secolari, lambita dal mar Adriatico con spiagge dalle mille sfumature di blu e siti archeologici frequentati sin dalla preistoria.

Il nostro obiettivo”, spiega il sindaco, Gianfranco Coppola, “è di rendere Ostuni, sempre più accogliente, bella come il salotto di casa dove si ricevono gli amici con servizi sempre più di eccellenza”.https://www.facebook.com/viaggiareinpuglia.it/videos/10154081293751324/

Si viaggia per provare emozioni e fare esperienze non solo per visitare una destinazione”, dice Niki Maffei assessore al turismo. “Noi stiamo potenziando l’offerta turistica della nostra città anche facendo leva sugli eventi in un connubio tra spettacolo, sport e fruizione dei beni culturali e naturali”.

Il viaggio è stato sperimentato con successo da un gruppo di giornalisti nazionali e internazionali ospiti del 43mo educational organizzato dal Comune di Ostuni grazie al bando ospitalità della Regione Puglia, POR FESR- FSE 2014 – 2020, Asse VI, Azione 6.8, in partenariato con la rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge, diretta da Carmen Mancarella (www.mediterraneantourism.it).


ORIA, INAUGURATO IL NUOVO MUSEO MESSAPICO. Prima tappa nella vicina Oria, la città amata dall’imperatore tedesco Federico II. Il 21 aprile scorso è stato inaugurato il Museo archeologico comunale di Oria e dei Messapi sotto il segno della Dea Madre e dei culti femminili. Gran parte dei reperti esposti, provengono dalla Grotta di Monte Papalucio, uno dei tre colli dove sorge Oria, dove nel VI secolo avanti Cristo, le donne si dedicavano ai rituali in onore di Demetra, Proserpina e Afrodite, le tre divinità di cui sono state ritrovate le statuine assieme a resti di sacrifici vegetali e animali. Lo ha raccontato il professore Francesco D’Andria, famoso archeologo leccese che ha curato anche l’allestimento del Museo. Sul pavimento si può ammirare la copia di un mosaico rinvenuto sotto il palazzo vescovile di Oria. Raffigura un leone che azzanna una cerbiatta, affresco realizzato, in bianco e nero, da maestranze provenienti dalla Macedonia!

Dice il sindaco, Cosimo Ferretti: “Abbiamo atteso tanti anni per il restauro di Palazzo Ramirez, che ospita il Museo e ora, finalmente ne vediamo la luce”. “Siamo molto soddisfatti di aver arricchito l’offerta turistica di Oria” gli fa eco il vicesindaco Egidio Conte.

Diretto dal professore Pino Malva, direttore onorario nominato dalla Sovrintendenza, il museo resterà aperto tutti i giorni, nei feriali solo la mattina dalle 9.00 alle 13.00, nei festivi anche il pomeriggio dalle 16.30 alle 20.00. “Dalla Messapia fino al Medioevo”, dice Malva, “Oria è un affascinante libro aperto sulla Storia”.  

 

OSTUNI - Il nostro viaggio ci riporta a OSTUNI. Il verde intenso, l’azzurro del mare spumeggiante sono il biglietto da visita del Parco delle Dune Costiere. Qui la natura è selvaggia e incontaminata. Vicino ai laghetti di acqua salmastra si possono scorgere gli uccelli che sostano nel Parco prima di proseguire lungo le rotte migratorie verso l’Africa. E c’è un esemplare di ginepro coccolone vecchio di ‘700 anni!

 

 

Il parco è aperto e visitabile tutto l’anno”, spiega il direttore Gianfranco Ciola. “Lo si può vivere in vari modi: a piedi, in bicicletta… in tour goloso: si possono incontrare le sue aziende che vivono all’interno e che fanno agricoltura bio. Si pratica l’allevamento sostenibile delle anguille”.

 

Una delle aziende bio del parco è Il Frantoio, un’antica masseria restaurata magistralmente da un imprenditore di successo, Balestrazzi, che a un certo punto della sua vita, ha deciso di vendere la sua azienda per riscoprire e vivere i valori di una volta, dedicandosi con la moglie all’agricoltura biologica e all’accoglienza di ospiti che non sono considerati estranei, ma amici. Tutto sembra essersi fermato ed è facile rivivere le atmosfere di un tempo, quando, allo scoccare della campanella, si rientrava dai campi per ritrovarsi a pranzo!

Dedica gite in barca gratuite per disabili con imbarcazione adatta, almeno una volta all’anno, un’altra azienda del parco, Marco Carani Nautica, rimasto colpito anni fa dall’incontro di un ragazzo diversamente abile che sognava di solcare il mare.

Infine nel parco viene ancora allevata la pecora leccese e la mucca podolica, specie in via di estinzione che vengono salvaguardate e che sono diventate oggetto di studi e servizi video e giornalistici a livello internazionale.

GALLIPOLI. Al mattino, a Ostuni, ci si sveglia inondati dalla luce dell’Alba che sorge sul Mar Adriatico. Il pomeriggio si va a vedere i tramonti sul mar Jonio e precisamente a Gallipoli. Uno spettacolare tramonto dalla spiaggia della Purità che bagna il centro storico ci accoglie, mentre i gabbiani volano nel cielo.

Gallipoli, che in greco vuol dire città bella, ha il suo centro storico adagiatato su un’isola, collegata alla terra ferma da un ponte. Vi si affacciano le chiese-vista mare dove si celebrano i Riti della Settimana Santa, che testimoniano le influenze della Dominazione spagnola nella cultura gallipolina e del Salento tutto.

Tra vie e palazzi nobili si arriva al Duomo, soffermandosi tra i negozietti tipici che offrono prodotti dell’artigianato locale per arrivare poi al porto, al mercato del pesce, dove vengono offerti aperitivi con cruditè e buon vino del Salento!

Ma non si può lasciare Gallipoli senza visitare le spiagge della Movida: una lunga sequenza di lidi e stabilimenti balneari dove si sono esibiti i dj più importanti della scena internazionale. Famoso tra tutti è il lido Zen e il locale Neesh, dove la musica non si ferma mai…

OSTUNI, LA PIANA DEGLI ULIVI SECOLARI. L’indomani il nostro viaggio prosegue alla scoperta di Ostuni: la Maratonina degli ulivi secolari, che viene organizzata con successo da dieci anni da Fidal, in collaborazione con il Comune, ha richiamato oltre 700 atleti provenienti da tutta Italia. I partecipanti attraversano la città, ma i sentieri attraverso i maestosi ulivi secolari, vanto di Ostuni e di tutta la Puglia.

E’ nella piana di Ostuni che si concentra il maggior numero di ulivi secolari. Alcuni sono addirittura millenari. Censiti dalla Regione Puglia che ne vieta l’espianto con una legge, ce ne sono 6milioni solo qui.

Circondano anche uno dei siti archeologici più importanti della Preistoria: Santa Maria di Agnano, dove, nel ’91, venne scoperta dal professore Donato Coppola, la Mamma più antica del mondo! Visse 28mila anni fa e aveva solo 20 anni, quando morì, incinta di otto mesi! Il suo scheletro e quello del suo piccolo, sono custoditi oggi nel Museo della civiltà preclassica della Murgia meridionale assieme alle statuine votive dedicate alla Dea Demetra. La donna infatti ricevette gli onori di una Dea: non venne sepolta, ma adagiata nella grotta con il capo ricoperto da una cuffia di conchiglie e braccialetti di conchiglie al braccio. Dopo di lei, nella Grotta, è continuato il culto della Dea madre, fino a trasformarsi, nel Medioevo, nella venerazione della Madre con bambino di cui si conserva un affresco sulle pareti. Tanto che, nel Medioevo, un vescovo trasformò la grotta in chiesa rupestre di importanza vescovile e moltissimi devoti chiesero e ottennero di essere seppelliti lì davanti come testimoniano alcuni resti rinvenuti!

Il richiamo della musica ci distrae dal Mito della Dea Madre. Il centro storico di Ostuni è un pullulare di eventi. Tutti gli angoli sono stati trasformati in piccoli palcoscenici naturali dove si esibiscono gruppi di giovani emergenti che propongono dallo swing ai classici della canzone internazionale… Ostuni accoglie e diverte per una vacanza indimenticabile.


Indirizzi utili: https://www.facebook.com/viaggiareinpuglia.it/videos/10154081293751324

www.comune.ostuni.br.it  www.parcodunecostiere.org  www.comune.oria.br.it   www.comune.gallipoli.le.it


Dove soggiornare:

Grand Hotel Masseria Santa Lucia

Loc. Costa Merlata  SS 379 km 23,500  Marina di Ostuni (BR) Tel. 0831 35 60

www.masseriasantalucia.it     info@masseriasantalucia.it

 

Il Frantoio

Strada Statale 16 Km 847 Ostuni (BR) Tel. 0831 33 02 76 www.masseriailfrantoio.it

Hotel Victoria Palace:

Via Francesco Tetrarca snc Gallipoli (LE) Tel. 0833 29 30 40 www.hotelvictoriagallipoli.it

 

ESCURSIONI IN BARCA

Marco Carani Nautica Via Petrolla 54 Porto di Villanova di Ostuni Tel. 0831 187 12 908

www.marcocaraninautica.it info@marcocaraninautica.it

 

Milano, 3 maggio 2017


Pasqua e Pasquetta nel Salento al Grand Hotel Riviera

      

Mare, cultura e natura. Pasqua nel Salento ha i colori magici del mare e del verde dei parchi. E si torna a casa dopo aver imparato a preparare un piatto tipico salentino da far degustare, al ritorno, a parenti e amici con la guida dell’eccezionale chef del Cloe Restaurant, Antonella Montanaro.

Il nostro week end è breve, ma ricco di emozioni per una full immersion nella natura e nella cultura. Siamo a Santa Maria al Bagno, poco a nord di Gallipoli. Il Grand Hotel Riviera, tutto vista mare, offre un pacchetto di due giorni e due notti tra il 15 e il 17 aprile con lezioni di cucina e passeggiate nel parco di Porto Selvaggio.

L’escursione vi porterà a godere dello spettacolare panorama da uno dei punti più suggestivi del Salento: la Torre dell’Alto e il Dirupo della Dannata, nel cuore del Parco di Porto Selvaggio, che prende il nome da una leggenda.

Il programma prevede l’arrivo sabato 15 aprile al Grand Hotel Riviera, nella caratteristica marina di Santa Maria al Bagno, con camere affacciate sulla baia di Gallipoli. Si può subito fare un tuffo nella piscina vista mare riscaldata e con idromassaggio immersa nel parco di pini alle spalle dell’Hotel! E poi lasciarsi coccolare dalle tante delizie che saranno offerte nella cena a buffet dallo chef Antonella Montanaro che coniuga i sapori mediterranei con la cucina tipica salentina. Per rubarne i segreti, ecco il giorno dopo la sua lezione di cucina, da mettere in pratica di ritorno dal Salento.

Il giorno dopo passeggiata (compresa nell’offerta) per il borgo marinaro e il parco di Santa Caterina con guida e degustazione di gelato fresco artigianale. Naturalmente a colazione risveglio con uova di cioccolato finissimo per lasciarsi un po’ coccolare da mare, natura e gusto.

Info: http://www.cdshotels.it/grand-hotel-riviera/pasqua-2017/

Milano, 2 aprile 2017


La Puglia a Berlino nel suo massimo splendore. Presentate le sei destinazioni MUST per le vacanze 2017   

 

La Puglia a Berlino nel suo massimo splendore, le sei destinazioni MUST SEE per le vacanze 2017”. Così alcuni siti tedeschi hanno annunciato l’arrivo DELLA PUGLIA a Berlino, in occasione della più importante fiera internazionale del turismo al mondo: la ITB che ha chiuso i battenti registrando 120mila visitatori!

Successo della conferenza stampa “Italy Puglia my love“ organizzata per il terzo anno consecutivo nel ristorante Casa Italia di Luca Bruno nella centralissima Friedrichstrasse 136 da Carmen Mancarella direttrice della rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge (www.mediterraneantourism.it) in partenariato con i Comuni di Castellana Grotte, Gallipoli, Leverano, Melendugno, Oria e Ostuni e con il meglio dell’imprenditoria turistica pugliese.

OLTRE 70 I GIORNALISTI ACCREDITATI.

Il sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva, gli assessori al turismo Anna Elisa Prete di Melendugno, Niki Maffei di Ostuni con il presidente del Museo delle civiltà pre classiche della Murgia Meridionale Michele Conte e la responsabile dell’ufficio turismo del Comune di Castellana Grotte, Eugenia Maria Rubino hanno guidato gli oltre 70 giornalisti accreditati in un viaggio ideale alla scoperta delle località con l’invito a venirle a scoprire di persona. A presiedere la conferenza stampa il presidente dell’Associaizione regionale pugliesi Apulier In BERLIN, Adalberto Andorlini.

 

PREMIO INTERNAZIONALE PUGLIA MY LOVE

Premiati con l’International Award Puglia MY LOVE ideato dalla rivista SPIAGGE, l’imprenditore Nicola Pascale, che originario di Castellana Grotte, opera nel campo dell’import export a Berlino, per aver diffuso attraverso i prodotti tipici la conoscenza della Puglia nel mondo e i giornalisti Sigrid Molk di Berlino e Suat Tore, di Instabul. Entrambi, dopo essere stati ospitati in educational organizzati dalla rivista Spiagge, hanno contribuito in modo determinate a richiamare con i loro articoli sempre più turisti.

Dice l’assessore al turismo, della Regione Puglia, Loredana Capone: “Con più di 129mila arrivi e 712mila pernottamenti, la Germania continua ad essere il primo mercato turistico della Puglia. Gli arrivi sono cresciuti del 4,7 per cento rispetto all’anno scorso. I mesi in cui si registra il picco sono maggio e giugno, fine agosto e settembre. La fiera del turismo di Berlino resta per noi un appuntamento imperdibile“.

IL VIAGGIO

Ma facciamo insieme il viaggio alla scoperta delle sei destinazioni MUST SEE delle vacanze 2017, iniziando da uno dei due mari che bagnano il Salento, l’Adriatico dove si trova Melendugno, che ha presentato il nuovo sito www.melendugnotoyou.it con il territorio, gli eventi e tutte le strutture ricettive.

MELENDUGNO, LE CINQUE MARINE

Dice l’assessore al turismo Anna Elisa Prete: “Circondate dal bosco degli ulivi secolari, Melendugno ha cinque meravigliose marine, dove svetta la Bandiera Blu del Fondo sociale europeo per lo sviluppo e per l’ambiente e le Cinque vele di Legambiente: Torre Specchia, San Foca, Roca, Torre dell’Orso e Torre Sant’Andrea tra spiagge morbide e bianche e scogliere mozzafiato. Roca Vecchia è un sito archeologico abitato dai Messapi, sin dall’età classica. La Grotta della Poesia è stata definita dai giornalisti e dai lettori del National Geographic tra le dieci piscine naturali più belle al mondo, mentre la stessa località è diventata un caso studiato da google perchè sono arrivati contemporaneamente a visitarla turisti provenienti da 90 nazionalità diverse. Imperdibile una visita agli spettacolari faraglioni di Sant’Andrea dove spesso vengono ambientati film, alla baia di Torre dell’Orso e alle spiagge che vanno da San Foca a Torre Specchia”.

  

GALLIPOLI e il Festival della Poesia

Andiamo ora a Gallipoli con il sindaco Stefano Minerva: “Gallipoli, il cui nome in greco significa CITTA’ BELLA, è famosa per le spiagge della movida che ospitano dj di livello internazionale. Il nome della nostra città risulta anche quello più cliccato su google. Ma Gallipoli non è bella solo d’estate. Soprattutto in primavera e in autunno ha tanto da offrire con il suo Parco del Pizzo, Isola di Sant’Andrea, il centro storico isola dove è ancora possibile incontrare le donne che fanno le orecchiette (la pasta fatta in casa) e i pescatori che riparano le loro reti. Tra il centro storico, le spiagge e il Parco del Pizzo Isola di Sant’Andrea, Gallipoli è così bella che ha ispirato in noi l’organizzazione del Festival della POESIA l’ultima settimana di aprile. Siamo sicuri che se verrete, vi innamorerete e desiderete di farvi ritorno”.

LEVERANO, CITTA’ DEL VINO E DEI FIORI

Rimanendo sul mar Jonio arriviamo ora a Leverano, famosa per il vino e i fiori. Le sue cantine esportano buon vino di negroamaro e primitivo in tutto in mondo. Famoso è anche il suo mercato dei fiori, uno dei tredici mercati più importanti d’Italia. Domina il centro storico la torre dell’imperatore tedesco Federico II, che amava la città. Tappa imperdibile il convento dei Frati minori conventuali.

ORIA

Sempre restando sulle tracce dell’imperatore Federico II arriviamo ora a ORIA, nel cuore del Salento. Qui l’imperatore visse diversi mesi in attesa che arrivasse la sua sposa Jolanda di Brienne dall’Oriente. Nell’attesa ampliò il castello e indisse il Torneo dei Rioni, evento che si celebra ancora oggi il secondo week end di agosto con 800 partecipanti e attori famosi che vestono i panni di Federico e della sua corte attorniati dagli sbandieratori.

Oria è famosa anche per aver dato i natali al medico ebreo Donnolo, uno dei padri fondatori della medicina moderna, così importante che a lui è stato dedicato uno dei due ospedali di Tel Aviv.

                       

OSTUNI

Il nostro viaggio fa tappa ora a Ostuni, la città bianca che illumina il cielo. A raccontarci la città è l’assessore al turismo Niki Maffei: “Circondata dalla piana degli ulivi secolari e immersa nel parco delle Dune Costiere, Ostuni offre spiagge morbide e bianche, ma è molto amata per il suo centro storico tutto dipinto di bianco a calce. Si possono esplorare i suoi vicoli che circondano la Cattedrale, ma anche praticare cicloturismo lungo la ciclovia dell’Acquedotto pugliese e tra le affascinanti campagne”.

OSTUNI LA MAMMA PIU’ ANTICA DEL MONDO

Ostuni ha anche un gioiello incastonato in una chiesa sconsacrata nel cuore del centro storico: Il Museo delle civiltà pre-classiche della Murgia Meridionale.

Qui”, dice il presidente del Museo, “viene conservato lo scheletro di una donna vissuta 28mila anni fa che morì, incinta all’ottavo mese di gravidanza, quando aveva solo vent’anni! A fare l’eccezionale scoperta fu il professore Donato Coppola, nel 1992, nella Grotta di Santa Maria di Agnano, alla periferia di Ostuni, divenuto oggi un sito archeologico aperto al pubblico.

La donna venne composta nella Grotta (e non sepolta) con tutti gli onori di una DEA, la DEA MADRE con un copricapo fatto a corona di conchiglie che ricorda tanto la famosa Venere di Willendorf in Austria e la Venere di Parabita, in Italia”.

CASTELLANA GROTTE, ALLE PORTE DELLA VALLE D’ITRIA

Il nostro viaggio approda ora in una delle prime destinazioni del turismo in PUGLIA, CASTELLANA GROTTE, alle porte della Valle d’ITRIA. Dice la responsabile dell’ufficio turismo Eugenia Maria Rubino:

Castellana Grotte alle porte della Valle d’Itria è famosa per le sue grotte sotterranee dove in migliaia di anni la Natura ha disegnato stalattiti e stalagmiti di incomparabile bellezza. Si va dalla Grotta Grave, la prima grotta che si incontra scendendo fino alla Grotta Bianca, unica al mondo. Le Grotte sono le più visitate in Italia e hanno battuto il record, nell’ultimo anno di 310 mila visitatori. IMPERDIBILE è il centro storico, dominato dalla cattedrale romanica vicina alla Chiesa del Purgatorio con gli altari barocchi tutti in oro.

Castellana è da vivere anche in pieno inverno: in onore della Madonna della Vetrana, l’11 gennaio si svolge una festa unica: la Notte dei Cento Falò. Più di cento falò, detti in dialetto, fanove, realizzati con rami e radici di ulivo, ardono per tutta la notte, richiamando il vicinato e i viaggiatori provenienti da tutta la regione e dal resto d’Italia. Castellana si trova alle porte della Valle d’Itria ed è circondata da una meravigliosa campagna punteggiata di trulli.

Storia, mare, natura, divertimento e cultura, buon cibo, buon vino. La Puglia si conferma sempre di più la meta ideale delle vacanze!

Milano, 15 marzo 2017

 

UN TOUR ARTISTICO D’INIZIO ANNO 

Si può festeggiare il nuovo anno anche dedicando tre giorni alla bellezza dell’arte italiana: un tour tanto breve quanto ricco nella zona del ferrarese e del padovano. Una vera immersione nella raffinatezza, una “boccata d’ossigeno” per occhi e cervello.

Prima tappa Cento, paese natale di Francesco Barbieri, più noto come il Guercino (1591-1666). Purtroppo il sisma del maggio 2012 ha lasciato il segno: la Pinacoteca e la Chiesa del Rosario sono tuttora inagibili, sono ancora evidenti i danni ad alcuni edifici, anche se i lavori di restauro proseguono. I dipinti del Guercino, dopo essere stati esposti in numerose mostre in giro per il mondo (anche in Giappone) sono ora temporaneamente collocati nella chiesa di San Lorenzo, aperta solo il venerdì, il sabato e la domenica (per aperture in altri orari tel. 051.6843334, o consultare www.comune.cento.fe.it ). Si possono ammirare l’Assunta (1622), appesa in alto nella navata, straordinariamente prospettica; Cristo risorto appare alla Vergine (1629), il Miracolo di San Carlo Borromeo (1614) e altri splendidi capolavori. In fondo alla via principale, corso del Guercino, dove si tiene un affollato mercato settimanale il giovedì mattina, sorge la trecentesca Rocca di Cento, sede della biblioteca civica, visitabile. Interessanti anche alcuni palazzi ed edifici storici, come il Palazzo del Governatore.

 

            

Da Cento a Ferrara si percorre in auto una quarantina di chilometri: la città estense è sempre una meraviglia. Occorre ricordare –per evitare multe salate! - che se si alloggia in un hotel del centro storico si hanno agevolazioni per l’ingresso in ZTL e la sosta, a patto che l’albergatore segnali alla Polizia municipale, entro 48 ore dall’arrivo, la targa della vettura, che così entra nella cosiddetta white list (per informazioni  http://servizi.comune.fe.it/4336/clienti-hotel-e-strutture-ricettive-collocate-in-ztl ). Fino al 29 gennaio 2017 si può visitare, nel magnifico Palazzo dei Diamanti, la bellissima mostra “Orlando furioso 500 anni. Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi” (informazioni e prenotazioni 0532.244949, oppure www.palazzodiamanti.it ). Un percorso, con audioguida compresa nel biglietto, tra opere pittoriche, sculture, testi antichi, oggetti (splendido l’Olifante detto Corno d’Orlando, dell’XI secolo) dell’universo ariostesco, in occasione del quinto centenario della prima edizione del poema (1516). Capolavori di Raffaello (“Ritratto di Tommaso Inghirami detto Fedra”),di Giorgione (“Ritratto di guerriero con scudiero detto Gattamelata”), di Mantegna (“Minerva che scaccia i Vizi dal giardino delle Virtù”), di Tiziano (“Il baccanale degli Andrii”), portano il visitatore ad immergersi in splendide immagini, evocative delle figure ariostesche di cavalieri eroici e meravigliose fanciulle, di paesaggi mitologici, di scene dell’Orlando. Usciti dalla mostra, davvero imperdibile, si ha solo l’imbarazzo della scelta. Si possono seguire gli itinerari suggeriti dalla mappa turistica della città: il centro medioevale e il ghetto ebraico, oppure l’addizione rinascimentale, dimore e chiese rinascimentali… Dipende soprattutto dal momento della giornata e dal tempo meteorologico. Nel tardo pomeriggio si può anche scegliere semplicemente di passeggiare intorno al Castello Estense (che ospita, fino al 4 giugno, una mostra delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea dedicata a Previati, Boldini, De Pisis) e al Palazzo del Municipio, visitando la bella Cattedrale, la piazza Trento e Trieste e le vie adiacenti. Una buona cena a base di cappellacci di zucca (per esempio al ristorante “Il gatto bianco” di via Mayr, con buon rapporto qualità/prezzo) può concludere piacevolmente il giro. La mattina successiva, prima di lasciare Ferrara, si riesce a visitare Palazzo Schifanoia; il ciclo di affreschi quattrocenteschi che decora il famoso Salone dei Mesi è di rara bellezza e grande fascino. [Hotel suggerito a Ferrara: Albergo San Romano, via S.Romano 120, tel.0532-760170, www.hotelsanromano.it )

                                              

Da Ferrara ci si sposta a Stra, in provincia di Venezia (circa ottanta chilometri, si viaggia sull’autostrada A13, con bella vista, sulla sinistra, dei rilievi vulcanici dei Colli Euganei): la meta è ora Villa Pisani (www.villapisani.beniculturali.it ), la più bella tra le ville venete della Riviera del Brenta, che non sfigura affatto se messa a confronto con un castello della Loira. Immenso parco, con serre, fontane, vasche, una collina-ghiacciaia, un boschetto, un magnifico labirinto di siepi. La villa fu costruita dalla ricchissima famiglia patrizia dei Pisani, che diedero un doge a Venezia, e fu terminata nel Settecento; subì varie vicissitudini, fu venduta nel 1807 a Napoleone, allora re d’Italia, che poi la cedette al figliastro Eugenio de Beauharnais. Dopo la disfatta di Waterloo del 1815 la villa passò agli Asburgo e divenne amatissimo luogo di villeggiatura dell’imperatrice d’Austria, che vi ospitò i reali di Spagna, di Napoli, di Grecia, perfino lo zar di Russia Alessandro I, mantenendo dunque sale e giardini, dove si susseguivano feste e danze, al massimo splendore. Quando il Veneto fu annesso al Regno d’Italia nel 1866 la villa diventò proprietà dello Stato e non dei Savoia; cessò il suo ruolo di rappresentanza e si trasformò in un museo. Un museo nazionale preziosissimo: la sala da ballo con il soffitto affrescato da Tiepolo (“La Gloria della famiglia Pisani”) è stupenda; l’appartamento napoleonico, con parti dell’arredo originali, e le altre sale visitabili, una trentina, contengono decori e pitture di grande eleganza e raffinatezza. Non stupisce apprendere che la villa veniva spesso visitata da D’Annunzio e Wagner!

   

                                        

Lasciata Villa Pisani, si raggiunge in circa mezz’ora la splendida Padova. A Palazzo Zabarella (www.zabarella.it )si trova un’altra interessante mostra aperta fino al 29 gennaio: questa volta il protagonista è il pittore Federico Zandomeneghi, di cui si celebra il centenario della morte, avvenuta a Parigi nel 1917. Nato a Venezia nel 1841, figlio e nipote di scultori di fama, Zandomeneghi fu l’unico italiano a raggiungere nella capitale francese, a trentatrè anni, il gruppo degli Impressionisti, diventando amico di Degas, Pissarro e Renoir, dopo un periodo trascorso a Firenze, dove aveva frequentato i Macchiaioli. La sua pittura, fondata su un eccezionale talento naturale stimolato dagli ambienti artistici in cui aveva vissuto, mostra uno stile particolare; i soggetti sono molto spesso le donne, ritratte in momenti della loro quotidianità, con espressioni assorte, o divertite, o malinconiche, mai banalizzate o superficiali, anzi colte con grande sensibilità e attenzione. A Padova le mete da visitare sono dietro ogni angolo, e in un soggiorno così breve è opportuno selezionarle, anche in anticipo. Per chi non l’avesse mai vista, sicuramente è imperdibile la Cappella degli Scrovegni, affrescata da Giotto (1303-1305); è comunque obbligatoria la prevendita del biglietto, fino a un giorno prima della visita (www.cappelladegliscrovegni.it ). Imponente la basilica di Sant’Antonio, con il grande Prato della Valle vicino, magnifico il Palazzo della Ragione, bellissima anche la basilica di santa Giustina , e il duomo, il Battistero…Se si vuole dare alla visita anche un “taglio” scientifico, nessun problema: qui insegnò Galileo, e la sua cattedra di legno è ancora visibile nell’antica sede dell’Università, il Palazzo Bo, che conserva un magnifico Teatro Anatomico. Sempre a Padova si laureò in Medicina Andrea Vesalio, autore del De corporis humani fabrica (1543), cui il Musme (Museo di Storia della Medicina, www.musme.it ) dedica la sua esposizione “Il corpo scoperto: l’anatomia da Vesalio al futuro”, fino all’8 gennaio. [Hotel suggerito a Padova: Hotel Igea, via Ospedale 87, tel. 049-8750577, www.hoteligea.it )

  

Ultima tappa proposta, raggiungibile il terzo (e ultimo) giorno del tour, è la Villa Contarini, a Piazzola sul Brenta - nei luoghi che diedero i natali ad Andrea Mantegna - considerata la più maestosa e scenografica delle ville nobiliari del padovano (www.villacontarini.eu ). I Contarini erano una famiglia potentissima a Venezia: ben otto dogi e quarantotto procuratori tra i suoi membri. La villa era la loro casa “di campagna”, lussuosa residenza estiva, costruita nel XVI secolo, su disegno del Palladio, e ampliata successivamente con edifici laterali per accogliere i numerosi ospiti. La visita alle sale è possibile solo con la guida, mentre nel parco, molto vasto, con un enorme prato all’inglese, un lago e canali, si può passeggiare a piacimento. Abbandonata nell’Ottocento, depredata dei suoi arredi, usata come magazzino o deposito di legname, invasa e occupata da militari durante la Seconda Guerra Mondiale, la villa rischiava di diventare un edificio fatiscente, destinato alla distruzione. Fu un medico, il prof. Giordano Emilio Ghirardi, a occuparsene, ad acquistarla nel 1969 e a trovare fondi e appoggi per il restauro. Dal 2005 appartiene alla Regione Veneto, che dovrebbe farne un fiore all’occhiello per il turismo! E’ invece a mio parere ancora poco pubblicizzata, anche se aperta a ricevimenti e convention, che in genere si svolgono nella bella Galleria delle Conchiglie, a pianterreno. Durante la visita alla villa si attraversano magnifiche sale: al primo piano la sala dell’Altalena, delle arti e delle scienze, dei Baccanali, del mosaico…La sala da ballo o degli stucchi, bellissima, la scala dei Giganti…Al secondo piano la biblioteca, ricca di libri antichi, la sala degli specchi con uno straordinario effetto ottico, il salottino dei pastelli, raffinatissimo. Ma è al terzo piano che si scopre un “segreto”: durante le feste, ma anche in altre occasioni, si diffondeva la musica suonata da orchestre collocate qui, in una sala a forma di chitarra rovesciata, tutta rivestita di legno, dall’acustica perfetta, che fungeva da “amplificatore”. Il suono riflesso dalle pareti era convogliato in una grande apertura ottagonale al centro della sala e “scendeva” ai piani sottostanti, fino alla sala dell’Auditorio e oltre…Una soluzione davvero geniale: si potevano dunque ascoltare note o voci senza vedere alcuno strumento o cantante, quasi una magia! E magico questo luogo lo è davvero. Indimenticabile.

Milano, 4 gennaio 2017     Anna Busca 

UN GIRO DELLA PENISOLA IBERICA (3-DA MALAGA A BARCELLONA)

MALAGA

La visita della seconda città dell’Andalusia riserva piacevoli sorprese. E’ un centro culturale vivace, ricco di musei, spazi espositivi, iniziative di grande interesse. Ha magnifici palazzi, in particolare nella zona di plaza de la Constitucion e calle Compaῆia, con la bella calle Marqués de Larios, coperta in estate da grandi ed eleganti parasol; qui i negozi e i locali sono numerosissimi e richiamano folle di clienti. Tra questi un ristorante della catena “La Mafia se sienta a la mesa”, ossia “La mafia si siede a tavola”, con ritratti del Padrino alle pareti e altri oggetti o decorazioni che richiamano alla mafia e all’Italia in modo esplicito e decisamente di cattivo gusto, per non dire altro. Come italiani abbiamo trovato il brand, che pare abbia successo in Spagna, piuttosto deprimente e offensivo per le vittime della criminalità organizzata. Lo scorso anno il governo italiano, sollecitato appunto dal figlio di un giornalista catanese assassinato dalla mafia, ha chiesto invano al governo spagnolo di intervenire per una cancellazione o una modifica del marchio. Niente da fare. La parola “Mafia” è già stata brevettata e usata più volte da esercizi commercialiPer risollevare un po’ il morale ci si può allontanare di pochi passi da questo posto ed entrare in uno splendido museo: il Carmen Thyssen. La collezione include dipinti di pittori spagnoli dal ‘600 fino all’inizio del ‘900, da Zurbaran a Sorolla; il terzo piano è dedicato a mostre temporanee, noi abbiamo potuto vedere “Reflejos del pop”, che chiudeva a settembre. Exhibition interessante, che consentiva di ammirare la produzione, con tecniche ad olio e ad acrilico, di artisti spagnoli nel decennio 1960-70, appartenenti ai movimenti di Luis Gordillo, Eduardo Arroyo, Equipo Cronica ed Equipo Realidad: nell’ultimo periodo del franchismo sorsero in Spagna correnti artistiche “di rottura”, in parte ispirate al pop americano ed europeo. Un’altra visita davvero da non perdere è quella al Museo Picasso, a Palacio de Buenavista, calle san Augustin 8. Pablo Ruiz Picasso nacque proprio a Malaga, il 25 ottobre 1881; si può anche visitare la sua casa natale al n° 15 di Plaza de la Merced (all’epoca era il n°36), che ora è sede della Fundaciòn Picasso. La piazzetta è molto graziosa e ospita bancarelle di artigianato locale. Nelle stanze sono visibili oggetti, mobili, fotografie, disegni e alcuni quadri, anche in prestito da musei di altri Paesi. Si ricordano i momenti più importanti della vita di Picasso. Ma è il Museo ad avere la raccolta di opere del pittore più ricca: nelle undici sale si ripercorrono le tappe principali della sua produzione artistica. “La madre e il bambino”, “La donna con le braccia alzate”, “L’acrobata” sono solo alcuni dei capolavori che si possono ammirare. Uno spazio è dedicato ad exhibition di altri artisti: noi abbiamo visto una bella mostra di Pollock (Mural, L’energia hecha visible). Il Centre Pompidou, segnalato da un grande cubo colorato, e il CAC - Museo d’Arte Contemporanea, sono altri percorsi artistici di grande rilievo da considerare in una visita di più giorni. La Malaga “storica” è altrettanto interessante. Abbiamo cenato in un ottimo ristorante davanti alla Catedral de la Encarnaciòn, con i tavoli all’aperto nella Plaza del Obispo. La cattedrale, di origine cinquecentesca ma con parti non terminate, è bellissima anche di sera, illuminata in modo da far risaltare il colore rosa della pietra: la facciata è monumentale e ha grande fascino, come l’interno. Imperdibile la visita dell’Alcazaba: una fortezza risalente all’VIII-IX secolo, con torri e mura, sopra i resti del teatro romano. La parte alta, ristrutturata, consente passeggiate e soste piacevoli. In cima alla collina, il castello di Gibralfaro. “Gibral” viene dall’arabo Jabal che significa “montagna”; anche la parola Gibilterra ha questa radice (Jabal Tariq, montagna di Tariq, colui che guidò i Mori alla conquista della Spagna nell’VIII secolo).Malaga è stupenda anche nella zona prospicente il mare: si arriva attraversando un largo viale, il Paseo de Los Curas , con alle spalle un vero e proprio palmizio di centinaia di palme, attraversato dal Paseo Parque. Si passeggia davanti al porto sul Paseo de Muelle Dos, sotto una tettoia dall’architettura interessante. Ristoranti di pesce, caffetterie, locali affollati di giovani, soprattutto alla sera, si susseguono, senza comunque disturbare la tranquillità di chi sta camminando e ammirando le luci riflesse dalle acque.

TABERNAS-CARTAGENA

Lasciata Malaga, ripromettendoci di tornare presto, ci dirigiamo verso Cartagena. Decidiamo di seguire una strada un po’ alternativa che ci porta verso l’interno e attraversa il deserto di Tabernas, nella provincia di Almeria. E’ una zona di sierre a gariga arida, considerata l’unico deserto europeo. L’ambiente ricorda il Far West,e Sergio Leone girò qui alcuni suoi film (i celeberrimi “Per qualche dollaro in più”, “Il Buono, il Brutto, il Cattivo”, “C’era una volta l’West”). Ci siamo diretti verso la MiniHollywood di Tabernas, lungo una strada sterrata, incuriositi dai cartelloni pubblicitari che invitavano a visitare i set cinematografici usati all’epoca, con il villaggio western, il saloon, la banca, l’ufficio dello sceriffo… Personaggi dei film, impersonati da attori, simulano duelli tra pistoleri, assalti alla diligenza e quant’altro per il divertimento dei visitatori (pochi, ci è parso). Ci siamo però fermati davanti all’ingresso di “Fort Bravo” e siamo tornati indietro, scoraggiati dal prezzo alto del biglietto d’entrata e dal fatto che tutto sommato il posto non sembrava particolarmente attraente, anzi appariva piuttosto squallido. Ci siamo quindi accontentati di ammirare il paesaggio, che davvero ci ricordava un po’ l’Arizona. A Tabernas, paesino piuttosto assolato, abbiamo pranzato in un piccolo ristorante abbastanza grazioso, dalla cucina semplice ma gustosa. Giunti a Cartagena, nella Murcia, abbiamo pernottato all’Hotel Carlos III, calle Carlos III 49, un albergo a un quarto d’ora a piedi dal Casco Antiguo, con camere pulite e dai colori vivaci. Cartagena non entra spesso nei circuiti turistici, e invece merita senz’altro una visita. Salendo in cima alla collinetta del Parque Arqueològico Cerro del Molinete, si vede un bel panorama della città. La Calle Mayor, pedonale, è molto piacevole da percorrere: palazzi storici ben restaurati, negozi di lusso, ristoranti con tavoli all’aperto e localini anche nelle viuzze adiacenti. Interessante il vicino Teatro romano, ben conservato. Proseguendo si giunge al porto, piuttosto elegante, con una lunga fila di palme. Alcuni cantieri semiabbandonati e qualche zona centrale un po’ degradata fanno comunque capire che il lavoro di recupero di palazzi e quartieri della città è ancora in fieri.

XATIVA-OROPESA DEL MAR

Il nostro viaggio è poi ripreso lungo l’autostrada verso Valencia – splendida città da noi visitata in un soggiorno precedente e quindi non inclusa nell’itinerario - con una sosta a Xàtiva per il pranzo. Siamo capitati proprio nel bel mezzo della festa che si celebra ormai dal medioevo: molte bancarelle di artigianato locale e di prodotti alimentari, un po’ di folla e qualche difficoltà nel parcheggiare, ma niente di più. La città è dominata da un castello e il centro è attraversato da un lungo viale ombreggiato da platani. Una curiosità: nell’Ayuntamiento è conservato un ritratto di Filippo V di Borbone appeso al contrario, a testa in giù; rappresenterebbe la “vendetta” di Xàtiva contro il re che aveva ordinato di incendiare la città dopo che, nel 1707, in piena Guerra di Successione, era diventata una roccaforte dei suoi avversari, ossia i sostenitori di Carlo d’Austria. Sconfitti questi ultimi e conquistata la città, Filippo V ne ordinò la distruzione per punire i suoi abitanti (“infamia de Xàtiva”). Si può comprendere quindi il risentimento nei confronti di tale monarca anche a distanza di trecento anni!

La sosta successiva, per un paio di giorni, è stata a Oropesa del Mar. Un tuffo nelle acque del Mediterraneo per rinfrescarci e prepararci agli ultimi giorni di viaggio era indispensabile! Anche a Oropesa non è stato facilissimo trovare l’albergo, data l’alta stagione, ma alla fine siamo riusciti a pernottare in una stanza quadrupla all’Hotel Neptuno Playa (Playa de la Concha 1) proprio di fronte alla spiaggia, di sabbia fine, in una bella baia. Davanti all’hotel – dall’arredo un po’ datato - si trova anche l’Ufficio del Turismo, e vicinissimi negozietti, gelaterie e ristoranti. Palme e aiuole abbastanza curate fanno da sfondo al Paseo Maritimo, la passeggiata lungomare. E’ un posto semplice, senza grandi attrattive, ma si riesce a nuotare e ad abbronzarsi un po’, nonostante il gran numero di ombrelloni e di bagnanti sulla spiaggia.

BARCELLONA

Dopo la pausa balneare siamo ripartiti per Barcellona. Già visitata in più occasioni, mancavamo comunque dalla capitale catalana da una ventina d’anni: un must quindi tornare a rivederla. Questa volta la ricerca di una sistemazione last minute con buon rapporto qualità/prezzo nel centro della città si è rivelata infruttuosa. Abbiamo tuttavia trovato, con Booking, una soluzione eccellente: due notti al Park Sedò (Paisos Catalans 13-21, Rubì), un aparthotel elegante e tranquillo in una piccola città a nord di Barcellona. Uno spazioso appartamento in un residence con un bel giardino, una piccola piscina scoperta tra il verde, il parcheggio: l’ideale per ritagliarsi momenti di relax. A un quarto d’ora a piedi si raggiunge la stazione del treno/metrò, piuttosto grande e ben servita, con partenze ogni 15 minuti circa (sedici fermate per arrivare a plaҫa Catalunya, circa mezz’ora di tragitto). A pochi passi dalla stazione si entra nel centro di Rubì: si è molto lontani dalla vivacità delle strade di Barcellona, ma comunque vi si trovano alcuni negozi, un supermercato, qualche ristorantino grazioso dove mangiare un boccone. Abbiamo quindi pianificato una visita rapida di Barcellona, considerando che avevamo circa tre giorni soltanto. La scelta dell’itinerario e dei luoghi da visitare è stata però anche influenzata dai costi: purtroppo in questi anni la spesa per i biglietti d’ingresso nella case di Gaudì o alla Sagrada Familia è davvero lievitata fino a diventare quasi proibitiva (un adulto paga, per esempio, 22.50 euro per entrare in casa Batllò, e in quattro avremmo pagato 90 euro!). In più, code infinite di visitatori –soprattutto turisti di gruppi organizzati - agli ingressi. Ci siamo quindi limitati a una lunga passeggiata per vedere (o meglio rivedere) dall’esterno i capolavori di Gaudì Casa Battlò, Casa Milà (La Pedrera) e la Sagrada Familia, ancora con i lavori in corso ma con parti nuove (un po’ discutibili, troppo chiare e di stile diverso) nella zona absidale; abbiamo dedicato più tempo alla Ciutat Vella, raggiunta percorrendo l’affollatissima Rambla e le vie strette del centro storico. Sempre magnifica la cattedrale, dalla facciata neogotica ma dall’interno duecentesco, con il suo chiostro ricco di fontane con belle statue e popolato da simpatiche oche bianche; ancora più affascinante la gotica Santa Maria del Mar, con la suggestiva e altissima navata centrale. Bellissimo anche il Palau de la Musica. Al porto, dopo aver ammirato il monumento a Colombo, ci siamo recati, percorrendo una specie di grande ponte di legno, verso un grande edificio, il Maremagnum. Si tratta di un enorme centro commerciale, utile per una sosta rinfrescante. Interessante la visita al Museo d’Arte contemporanea, dagli immensi spazi bianchi. Per goderci il panorama della città siamo saliti all’ultimo piano del Cortes Ingles di plaҫa Catalunya ( ne vale la pena!) e al Parc Güell, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Qui, tra palme e pini, in una vegetazione a tratti lussureggiante nel cui fogliame si possono scorgere decine di pappagalli, tra colonne storte e strutture colorate progettate da Gaudì e dai suoi collaboratori, con magnifici miradores da cui godersi il panorama della città, si è concluso di fatto il nostro indimenticabile tour della penisola iberica.

Milano, 17 dicembre 2016   Anna Busca

UN GIRO DELLA PENISOLA IBERICA (2- da LISBONA a MALAGA)

LISBONA-ARRAJOLOS-EVORA-ALGARVE

Lasciando la bellissima Lisbona siamo passati dal Parque das Naҫões, eredità dell’Expo 1998. Molto interessante è la stazione ferroviaria (Gare do Oriente) progettata dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava: un edificio gigantesco a più piani, con un grande piazzale adibito a parcheggio per i pullman e per le auto; all’interno si sale e si scende continuamente per andare ai binari e dà quasi l’impressione di un formicaio; straordinarie le forme e i tetti che appaiono come ampie onde bianche. Attraversato il lungo ponte Vasco de Gama, ci siamo diretti verso l’interno del Portogallo, nella regione dell’Alentejo. Una tappa resa necessaria dal tragitto che volevamo seguire si è rivelata una piacevole sorpresa: Arraiolos, tra l’Alto e il Baixo Alentejo. Una piccola città assolata, dominata dai resti di un magnifico castello, con una chiesa all’interno delle sue mura ben conservate, dalle quali si può ammirare un bellissimo panorama: il luogo ricorda un po’ la Fortezza Bastiani de “Il deserto dei Tartari”. Nel centro storico case bianchissime, viuzze con taverne tipiche e negozi di tappeti, e una grande piazza con in mezzo i tavoli di un paio di ristoranti. Arraiolos ha una tradizione artigiana antica: i tapetes vengono tessuti a mano da almeno otto secoli. Noi abbiamo alloggiato in una splendida casa storica del XVIII secolo, arredata in stile e gestita da una padrona di casa gentilissima (Casa Dom Diogo, R. Cunha Rivara 6). Da Arraiolos ci siamo spostati a Evora, da noi già visitata negli anni ’90: ricordavamo una bella città medioevale circondata da alte mura, e la nostra memoria non ci ingannava. Abbiamo lasciato l’auto in un parcheggio esterno, entrando dalla Porta da Lagoa. Camminando lungo i vicoli costellati di negozietti (un po’ troppo turistici) siamo giunti alla Praҫa do Giraldo, la piazza principale. Da qui ci siamo diretti verso la cattedrale del XII secolo, con un magnifico chiostro. Molto bella anche la chiesa di san Francesco, in stile gotico manuelino. Interessante l’acquedotto del ‘500 e i resti romani, il tempio di Diana e le terme. Da Evora ci siamo diretti, viaggiando per qualche ora, verso sud, in Algarve. L’idea era quella di riposarci qualche giorno sulla costa dedicandoci ad attività balneari più che a visite di musei o città: riposo necessario, considerando la lunghezza dell’itinerario. Non avendo prenotato nulla in anticipo e considerando che eravamo nel periodo di Ferragosto, non è stato per nulla facile trovare su Booking qualche struttura che garantisse un buon rapporto qualità prezzo: sembrava che fossero rimaste solo camere carissime, sia in appartamenti che in hotel. Siamo tuttavia riusciti ad alloggiare alcuni giorni in due belle località, prima ad Armaҫão de Pera e poi ad Albufeira, a un prezzo accettabile e in strutture adeguate. Armaҫão è una cittadina adatta alle famiglie, con una bella spiaggia e un lungomare piacevole, su cui si affacciano una miriade di locali, bancarelle e negozi. La passeggiata diventa affollatissima soprattutto la sera (si stenta a camminare), anche perché vengono organizzati giochi per bambini tipo “la nave dei pirati” o spettacoli di giocolieri, che attirano appunto molta gente. Noi abbiamo trovato un alloggio discreto a due passi dal lungomare, in una posizione molto comoda anche per supermarket e servizi (Atlantic Side Apartments, Rua das Caravelas 7). L’unico problema può essere rappresentato paradossalmente proprio dall’oceano: le onde sono alte e una balneazione tranquilla, per chi la desidera, è un po’ una chimera. Molto energizzante comunque il “massaggio” naturale dato dalle onde su schiena e fianchi, purchè si riesca a stare in piedi quando si viene colpiti dal frangente! Ci saremmo anche fermati di più ma purtroppo non c’era disponibilità ulteriore dell’appartamento; ci siamo quindi trasferiti alla vicina Albufeira, in un elegante residence con piscina (Tropical Sol, Rua Natalia Correia). A piedi, con una lunga passeggiata tra edifici piuttosto anonimi, abbiamo raggiunto la lunga Praia da Oura, molto affollata ma adattissima ai tonificanti bagni nell’oceano. Turistica e piacevolmente vivace la strada detta “The Strip”, l’Avenida Francisco Sà Carneiro, con negozi, locali notturni, ristoranti e fast food, dalle insegne colorate al neon che alla sera rendono l’ambiente molto “americano” (sembra quasi di essere a Las Vegas!).  

SIVIGLIA-CADICE-GIBILTERRA-MALAGA

Lasciato il soleggiatissimo Algarve, ci siamo diretti verso il confine, non senza ritagliarci una sosta nella bella Faro: merita una visita la bella cattedrale e vale sicuramente una passeggiata il porto, dove ci si può fermare per un boccone in qualche caffè. La meta era Siviglia, di cui serbavamo ricordi splendidi, anche se l’avevamo visitata nell’ormai lontano 1994, durante un’estate torrida: le temperature insopportabili ci costringevano a uscire di prima mattina o nel tardo pomeriggio. Questa volta invece il clima di agosto era piacevole e non ci ha affatto impedito di girare per le strade anche nelle ore più calde. Anche a Siviglia non è stato facile prenotare le stanze in albergo: ci siamo quindi fermati una notte in un hotel un po’ fuori dal centro - ma sempre comunque raggiungibilissimo a piedi - sull’altra sponda del Guadalquivir (Ribera Triana, Plaza Chapina), dall’architettura originale e molto elegante (da provare la spa all’ultimo piano e la minuscola piscina sulla terrazza-solarium) e ancora due notti nel romantico Hotel Simon di calle Garcia Vinuesa 19, dove avevamo pernottato ventidue anni fa, a due passi dall’imponente cattedrale. Il patio è un’oasi di tranquillità, nel silenzio si sente solo la piccola fontana zampillante…L’edificio è un’antica casa sevillana: davvero un ottimo indirizzo per immergersi in un’atmosfera particolare. La nostra visita è iniziata naturalmente dalla cattedrale, sorta a partire dal XV secolo su una moschea del XII. Imponente, davvero straordinaria (è la cattedrale gotica più grande del mondo), come è suggestiva la torre, la famosa Giralda, l’antico minareto, alta cento metri. Assolutamente imperdibile, a pochi passi, il Real Alcazar, la residenza reale che Pedro I fece costruire, nel XIV secolo, all’interno dei palazzi degli Almohadi. La storia di questo edificio è quella della stessa Siviglia. Cupole dorate, azulejos, stucchi, archi, fontane, sia gli appartamenti che i magnifici giardini circondati dalle alte mura sono un tripudio di decorazioni raffinatissime: ogni patio e ogni sala mostrano al visitatore armonia e bellezza. La famiglia reale utilizza ancora un piano superiore. Passeggiare nel quartiere di Santa Cruz è un vero piacere, come sulle sponde del Guadalquivir, ammirando i ponti e la famosa Torre del Oro, di origine araba e oggi sede del museo navale. Un giro nella spettacolare Piazza di Spagna, dell’inizio del Novecento, magari in una carrozza trainata da cavalli bianchi, sembra essere una specie di must per i turisti, così come la visita al Metropol Parasol di plaza de La Encarnacion, una serie di giganteschi edifici di legni a forma di fungo (las setas de Sevilla) progettati dall’architetto tedesco Mayer e inaugurati nel 2011. Il Parasol ospita un museo archeologico, un mercato generale, ristoranti; è possibile anche passeggiare in alto e ammirare il panorama della città. Peccato che la parte sottostante sia un po’ sporca e trascurata; inoltre si comprende perfettamente perché la sua costruzione sia stata criticata e osteggiata da una buona parte degli abitanti…L’ultimo giorno siamo riusciti a visitare il ricchissimo Museo de Bellas Artes, con una preziosa collezione di dipinti di Zurbaran, Velazquez, Murillo, Valdes e diverse sezioni di pittura, sia spagnola che europea.

Lasciata l’affascinante Siviglia, ci dirigiamo verso sud. Questa volta la meta è Cadice, fondata da Ercole secondo la mitologia classica (in realtà furono i Fenici a creare il primo insediamento); città dalla storia complessa, considerata la più antica d’Europa, occupata dai Romani e dagli Arabi, fu perfino capitale spagnola nel 1812. La città appare bianca, stesa lungo un’enorme baia; si può passeggiare sul lungomare, un po’ ventoso, o all’interno della città vecchia, seguendo stretti vicoli e fermandosi a prendere un caffè in qualche piazzetta. Bella la cattedrale, dalla facciata neoclassica. Abbiamo tuttavia colto un senso di abbandono: poca gente, un po’ di sporcizia qua e là, segni di trascuratezza. Peccato, perché il luogo ha sicuramente un notevole fascino.

 

Continuando l’itinerario, abbiamo fatto tappa ad Algeciras (Hotel Maria Luisa, avenida de Francia 2), città industriale senza particolari attrattive, da cui però si gode una bella vista sul promontorio di Gibilterra: destinazione raggiunta in poco tempo la mattina seguente. E’ stato difficile trovare il parcheggio: Gibilterra attrae moltissimi turisti. Questa esclave inglese in terra iberica, assegnata al Regno Unito nel 1713 con il Trattato di Utrecht, è un luogo realmente curioso, dove sembra di essere ovunque e da nessuna parte al tempo stesso. Siamo dunque riusciti dopo lunghi giri a parcheggiare l’auto a un quarto d’ora a piedi dalla frontiera, la Linea de la Concepcion, davanti alla quale la fila di vetture in attesa di passare era davvero impressionante. Dopo il controllo dei documenti, abbiamo preso una navetta della Citibus che in sette fermate – dopo aver attraversato la pista dell’aeroporto! - ci ha portato nel centro, all’interno delle mura, vicino all’affollatissima Main Street. Qui, tra cabine rosse del telefono, negozi e duty free con le bandiere britanniche, menù rigorosamente in inglese esposti davanti a pub e ristoranti, sembra di essere in uno strano quartiere di Londra. Migliaia di scimmiette rosse di peluche in bella vista nei numerosi negozietti ricordano un’attrazione locale, ossia le bertucce (Macaca sylvanus) portate qui probabilmente dagli Arabi, o addirittura dai Romani o, come sostiene qualche zoologo, forse discendenti di una specie autoctona. Questi macachi, poco più di duecento, sono le uniche scimmie selvatiche in Europa e occupano la parte alta della rocca (anche se talvolta scendono tra le abitazioni a cercare cibo); per vederle si può salire in cima con la funivia (Cable car, sei minuti per arrivare a circa 400 m di quota, 12.75 sterline il prezzo del biglietto andata e ritorno per un adulto). Il panorama, se la giornata è serena, deve essere spettacolare da lassù, ma noi non abbiamo potuto ammirarlo: la giornata era nuvolosa, ma soprattutto la fila di turisti in attesa davanti alla funivia occupava tutto il Giardino Botanico a lato e abbiamo rinunciato a metterci in coda, perché avremmo perso almeno un paio d’ore. Dopo un veloce pranzo in un grazioso ristorante della Main Street con tavoli all’aperto (anche in questo caso, trovare posto è stata un’impresa!), ci siamo avviati a piedi verso l’Europa Point. La passeggiata è interessante, si sfiorano un paio di spiagge, si percorrono alcune gallerie, una piuttosto lunga, e si giunge, dopo poco più di mezz’ora di cammino dal centro, alla punta del promontorio, che si affaccia sullo stretto. A sinistra il Mediterraneo, a destra l’Atlantico: ci si sente proprio vicino alla colonne d’Ercole! Una moschea moderna, costruita nel 1997, ci ricorda che di fronte c’è il Marocco e che buona parte della popolazione di Gibilterra è musulmana. Un monumento (Sikorski Memorial) rammenta un disastro aereo qui verificatosi nel 1943, dove perirono il Primo Ministro del governo polacco in esilio Wladislaw Sikorski e tutti gli altri passeggeri, comprese la moglie Helena e la figlia Zofia. Oppositore di Stalin dopo il massacro di Katyn dello stesso anno, Sikorski fu forse eliminato; si ipotizzò infatti un sabotaggio dell’aereo su cui viaggiava. Un faro alto una cinquantina di metri e risalente al 1841, infine, dona al paesaggio un’atmosfera nordica, soprattutto se dalle acque sottostanti sale una sorta di nebbia. Più luogo-non luogo di così…

Partiamo da Gibilterra diretti a Malaga, magnifica città sulla costa andalusa. L’impatto con la città è stato particolare: siamo capitati nel bel mezzo della Feria di ferragosto, in un caos incredibile, in una sorta di Carnevale estivo con vere sfilate di abitanti in maschera (bellissime le signore, anche anziane, con gli abiti tradizionali e gli immancabili ventagli). Canti e balli ovunque. Fiumi di birra –letteralmente-invadevano insieme alla folla le strette strade del centro, e muoversi in auto è stato difficilissimo, anche se divertente. L’alloggio prenotato era in un vicolo caratteristico, Pozos Dulces 9 (Apartamentos Salamanca); un appartamento nuovo, perfettamente arredato, in un edificio moderno, con piscina e solarium sul tetto, una sistemazione davvero comoda e gradevolissima a un ottimo prezzo. Abbiamo dovuto parcheggiare al di là del fiume Guadalmedina, peraltro in secca, che attraversa la città e ci siamo poi dedicati alla scoperta di Malaga. (continua)

Milano, 20 novembre 2016    Anna Busca

I MERCATINI PIU’ BELLI DELL’AUSTRIA, DA SALISBURGO ALLA CARINZIA, PASSANDO PER IL TIROLO

Il mercatino più alto dell’Austria, quello sul battello e ancora quello in una piramide di cristallo


    

Un interessante itinerario tra i più originali mercatini dell’Austria: ecco i consigli dell’Associazione Austria per l’Italia che riunisce 40 hotel austriaci dove si parla italiano.

I mercatini di Natale più romantici? Nel Salisburghese! Sono quelli che si affacciano sul lago Wolfgangsee: piccole bancarelle in legno, curate nei dettagli, che propongono solo prodotti di artigianato locale. Tutto brilla e luccica e il profumo di cannella è dappertutto. I tre caratteristici mercatini di Natale St. Wolfgang, Strobl e St. Gilgen sono collegati l’uno all’altro dal battello Wolfgangseeschiff che naviga sul lago. Vin brulé e Punsch (c’è anche quello analcolico per bambini), le castagne calde, il pan di zenzero e le mele al forno trascinano tutti nell’atmosfera natalizia. Affacciato proprio sul lago, il bellissimo hotel Im Weissen Rössl, con scenografica piscina esterna riscaldata, inserita nel lago, propone un pacchetto per 2 notti in mezza pensione, biglietto di due giorni per il traghetto che collega i villaggi dell’Avvento St. Gilgen/Strobl e un massaggio rilassante nella SPA (25 Min.). Pacchetto valido da venerdì a domenica, usufruibile dal 25 novembre al 21 dicembre 2016, a partire da Euro 420 a persona.

Salisburgo diventa durante l’Avvento una cittadina natalizia per eccellenza: le piazze e le strade sono addobbate a festa e i mercatini arricchiscono con la piacevole atmosfera ogni angolo della città, da non perdere il mercatino al castello di Hellbrunn, uno dei più celebri e scenografici di Salisburgo.

Tra gli hotel dove soggiornare: Romantikhotel Gmachl (http://www.vacanzeinaustria.com/tema-vacanze/dettaglio-offerta/incantevoli-weekend-dell-avvento-a-salisburgo-15845.html) propone incantevoli weekend dell’ ”Avvento a Salisburgo”
dal 25 al 27 novembre 2016, dal 2 al 4 dicembre 2016, dal 8 al 11 dicembre 2016, dal 16 al 18 di dicembre 2016. I profumi di panpepato, castagne calde, punch e mele ripiene al forno calano gli ospiti nell’atmosfera del periodo più intimo dell’anno grazie alla musica tradizionale del coro Salzburger Adventsingen nel palazzo della musica. 2 notti, in mezza pensione, visita dell’ ”Adventsingen” nel palazzo della musica, programma speciale per sabato, 17 di dicembre: un’eccezionale rappresentazione artistica durante il festival invernale salisburghese nel Volksgarten alle ore 20:00, un bagno al pino mugo – cura pregiata per la pelle e per l’armonia interiore (30 minuti di relax assoluto), un benefico impacco riparatore a base di pino mugo per un relax come in assenza di gravità nei nostri paradisiaci lettini sospesi (30 minuti di puro piacere), un massaggio rivitalizzante a testa, collo e spalle per liberare la mente dai pensieri (25 minuti di puro piacere). Da Euro 471.-per persona

All‘Hotel Walserwirt (info: http://www.vacanzeinaustria.com/tema-vacanze/dettaglio-offerta/mercatini-di-natale-e-prelibatezze-culinarie-15790.html) il pacchetto parte da 219 euro a persona e comprende 2 pernottamenti in camera doppia in mezza pensione, centro benessere, bagno a vapore, sauna finlandese e bio e piscina coperta riscaldata, un punch di benvenuto, una bottiglia di spumante e biscotti natalizi in camera da Euro 219.-per persona.

Passando al Tirolo, il mercatino di Natale di Seefeld profuma di aria pura di montagna. Questo è il regno dello sci di fondo, della neve e dell’atmosfera tirolese (Seefeld fu anche sede dei Giochi Olimpici del 1964 e del 1976 e nel 2019 avranno luogo i Nordic World Championships). Tra le bancarelle, situate nel delizioso paese di Seefeld, si possono assaggiare deliziose specialità culinarie e curiosare tra i numerosi oggetti d‘artigianato locale. Una piacevole musica di sottofondo, suonata dal vivo dall’orchestra del posto, accompagna la passeggiata. Per i più piccoli, c’è poi la baita del bricolage dove realizzare un disegno o lavoretto da dedicare ai propri genitori, oppure dove scrivere la lettera a Gesù Bambino, che verrà poi imbucata presso la cassetta delle lettere degli angeli.
All‘hotel Veronika (
http://www.vacanzeinaustria.com/alberghi/alberghi/dettagli/aktivhotel-veronika-3676.html) dal 3 al 22 dicembre vanno in scena gli highlight dell’Avvento: un pittoresco viaggio in treno ai mercatini natalizi di Innsbruck inclusa visita guidata, preparazione e degustazione collettiva dei biscotti natalizi fatti in casa, lavori manuali natalizi con il team dell’animazione, indimenticabile passeggiata con le fiaccole al chiaro di luna intorno al lago Wildsee, nostalgico giro in carrozza trainata da cavalli attraverso il paesaggio invernale di Seefeld. 3 notti in mezza pensione, uso gratuito della piscina, sauna e sala fitness, a partire da 327 Euro.

In Tirolo non si può omettere una visita da Swarowski, (ecco tra l’altro un link dove scaricare il biglietto scontato:
http://www.vacanzeinaustria.com/fileadmin/user_upload/PDF/SKW_FIT_API_IT_2016_Maerz.pdf) vicino a Innsbruck: le camere delle meraviglie che si visitano in questa sorta di luccicante museo ricordano l’atmosfera del Natale scintillante, con mille luci. Anche il centro storico di Innsbruck brulica di bancarelle e di aria natalizia.

In Carinzia, il mercatino dell‘Avvento di Villaco con oltre cinquanta tipiche casette di legno, è il tradizionale luogo di ritrovo prenatalizio per grandi e piccini. Qui si trovano tutti gli ingredienti che rendono magico un mercatino di Natale. Oltre 90 eventi vengono organizzati per emozionare ospiti da tutto il mondo. Il profumo della cannella, dei chiodi di garofano e di altre spezie o del vino dell’Avvento – Glühwein - prodotto appositamente per l’occasione sono gli highlight di chi vuole vivere le atmosfere natalizie anche con il gusto e l’olfatto.
L’hotel Mosser, (
http://www.vacanzeinaustria.com/tema-vacanze/dettaglio-offerta/avvento-a-villach-13536.html) dal 25 novembre al 23 dicembre 2016 ha un’offerta speciale per i clienti dell'Austria per l'Italia Hotels, per visitare i mercatini nella regione di Villach e Carinzia. Il prezzo comprende: 2 notti, con colazione, un vin brulè presso uno degli stand dell’ Avvento, un ingresso alla pista di pattinaggio comprensivo di pattini a noleggio, un regalo da portare a casa. Supplemento mezza pensione € 15 per persona/giorno da Euro 129,50 per persona.

Il mercatino più alto dell’Austria? Si trova a Petzen: si sale con la cabinovia e ci si trova immersi in un paesaggio idilliaco, davanti a uno splendido panorama.

L’hotel Nudelbacher si trova a circa un’ora dalla cabinovia di risalita di Petzen (http://www.vacanzeinaustria.com/tema-vacanze/dettaglio-offerta/magico-avvento-in-carinzia-15843.html) e propone tante attività per l’Avvento, a cominciare dalla camminata invernale “Balsamo per corpo e anima”: con la funivia si arriva al maestoso altopiano che sorge sulla vetta dal Gerlitzen, visibile già a grande distanza, che è punto di partenza per straordinarie emozioni avendo tutta la Carinzia ai propri piedi. Si respira l’aria chiarissima delle montagne passeggiando sui cammini preparati perfettamente. (15 minuti di auto dall’albergo). Ci si può recare poi al mercatino di Natale a Klagenfurt e a Villach, passeggiando tra piccoli cortili, ascoltando i canti natalizi e sorseggiando un bicchiere di punch e dolci tipici fatte a casa. (20 minuti auto dall’albergo). Oppure si può visitare Velden, la città degli angeli, che incanta i visitatori con angeli e stelle sulla sponda invernale del Wörthersee. Dinanzi allo scenario del celebre “Castello sul Wörthersee” l’incomparabile “corona d’Avvento galleggiante” illumina la baia di Velden. (15 minuti auto dall’albergo). 3 notti, con prima colazione, merenda pomeridiana, sauna riscaldata con la legna, da Euro 126.- per persona

E sempre in Carinzia non poteva mancare il mercatino affacciato sul lago: a Millstaettersee “Kap 4613” è una piramide di vetro sul lago che nel periodo di Natale si trasforma in un moderno mercatino natalizio. L’hotel zur Post (http://www.vacanzeinaustria.com/tema-vacanze/dettaglio-offerta/mercatini-di-natale-in-carinzia-3-notti-15833.html ) offre 3 pernottamenti in mezza pensione, uso dell'area benessere con bagno a vapore, sauna, cabina a raggi infrarossi e bar di tisane,da Euro 179

Info: www.vacanzeinaustria.com

AUSTRIA PER L’ITALIA: VACANZE TUTTE IN ITALIANO MA OLTRE CONFINE

Scoprire l’Austria parlando italiano è possibile in uno degli 40 hotel del gruppo “Austria per l'Italia”, un’associazione fondata nel 1986. Tra le novità: è possibile prenotare direttamente dal sito a tariffe competitive. Negli hotel a 5, 4 e 3 stelle dislocati in tutta l'Austria, gli ospiti vengono accolti al motto "dove l'ospitalità parla italiano”. Visitando il sito www.vacanzeinaustria.com c’è la possibilità di richiedere l'invio gratuito del catalogo o di iscriversi alla newsletter mensile; nel sito si trovano le presentazioni degli hotel con immagini, proposte di itinerari in città e in montagna e una sezione dedicata alle news e alle offerte speciali del momento. Un'altra sezione raccoglie moltissimi pacchetti per tutte le tematiche, sia estive che invernali: arte e cultura, soggiorni per famiglie, terme e cure, benessere e bellezza, vacanze attive, golf, equitazione, bici e mountain bike, sci e sport invernali, vacanze in moto, o all'insegna di caccia e pesca nella natura austriaca. Oltre al sito, anche il numero verde 800-977492 permette di ottenere informazioni dettagliate sugli hotel e la disponibilità, effettuare una prenotazione o richiedere l'invio gratuito per posta del catalogo annuale aggiornato, che presenta in dettaglio tutti gli alberghi de L'Austria per l'Italia Hotels, nonché gli enti turistici delle diverse regioni austriache, e i partner di cooperazione dell'associazione. L'ospite può verificare il prezzo e la disponibilità direttamente sul sito e inviare una richiesta non impegnativa direttamente agli hotels scelti oppure richiedere il soggiorno desiderato inviando un’e-mail a: booking@vacanzeinaustria.com oppure chiamando il numero verde 800 977492.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI PER IL PUBBLICO:
Numero Verde
Dall’Italia: 800-977492
www.vacanzeinaustria.com
Informazioni: info@vacanzeinaustria.com
oppure per le prenotazioni: booking@vacanzeinaustria.com

Milano, 2 novembre 2016

 

UN GIRO DELLA PENISOLA IBERICA (1-da BILBAO a LISBONA)
       

Se avete a disposizione un mese di ferie, un’automobile comoda e voglia di viaggiare nell’Europa occidentale, questo itinerario è quello che fa per voi. Noi siamo partiti da Milano alla fine di luglio, tornando alla fine d’agosto: in effetti l’estate è la stagione ideale. Ma anche il primo autunno o la tarda primavera possono essere sfruttate da chi non ha problemi di tempo. Attraversata la Francia meridionale, siamo entrati in Spagna da Biarritz; la nostra prima tappa importante è stata Bilbao, la città più grande dei Paesi Baschi.

BILBAO

La ricerca di un albergo a Bilbao, a costo accessibile, per una famiglia di quattro adulti è stata difficile; molte strutture in centro hanno prezzi proibitivi. Cercando su Booking.com – il nostro motore di ricerca preferito per le prenotazioni alberghiere - abbiamo trovato alla fine una soluzione convincente: la Pension Don Claudio, Hermogenes Rojo 10, vicino alla stazione della metro “Zorrotza”, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Abbiamo lasciato l’auto davanti all’hotel (muoversi per le strade di Bilbao non è facilissimo!) e siamo arrivati in centro in pochi minuti di metropolitana, scendendo ad “Abando”. La zona consente la visita alla città vecchia, il Casco Viejo, con la bella cattedrale gotica di san Giacomo, dichiarata Patrimonio dell’Umanità; attraversando un ponte sul fiume Nervion si raggiunge facilmente. Intorno, quartieri moderni con eleganti viali alberati. La mattina successiva, lasciando l’albergo, abbiamo raggiunto il Museo Guggenheim, che era in realtà lo scopo principale della nostra visita. “Museo più bello del mondo 2016”: non si può non condividere tale riconoscimento, ammirando la costruzione inaugurata nel 1997 e progettata dall’architetto Franck O. Gehry, dalle forme curvilinee come i petali di una corolla, rivestite da più di trentamila lamine di titanio che la rendono rilucente e spettacolare. Anche gli interni sono stupefacenti: una sorta di labirinto di pietra calcarea e vetri, di ponti e ascensori trasparenti tra le sale espositive, che coprono una superficie di più di 10.000 m2, con collezioni permanenti ed exhibition temporanee davvero affascinanti. Abbiamo potuto ammirare Andy Warhol (Shadows), The Matter of Time, The School of Paris (1900-1945), Louise Bourgeois (Cells)… All’esterno del museo installazioni d’arte contemporanea, con un laghetto che circondando l’edificio fa da sfondo, ed è anch’esso opera d’arte, come il gigantesco cane di fiori – Puppy - di Jeff Koons davanti all’ingresso (70.000 fiori freschi lo ricoprono e vengono periodicamente sostituiti). Anche un enorme ragno (Maman, di Bourgeois) colpisce il visitatore. Vicino al Guggenheim il Museo de Bellas Artes ospita una collezione di capolavori della pittura europea (opere di Cranach il Vecchio, Josè de Ribera, Orazio Gentileschi, Murillo, Goya, Gauguin…) ed exhibition di successo; noi abbiamo visitato la mostra dedicata alla Escultura hiperrealista 1973-2016, davvero incredibile.

VALLADOLID –SALAMANCA – CIUDAD RODRIGO

L’idea di trascorrere alcuni giorni sulle belle spiagge della Cantabria è stata subito abbandonata dopo aver guardato il meteo della Spagna del Nord: pioggia, pioggia e ancora pioggia. Purtroppo la costa spagnola dai Paesi Baschi alla Galizia soffre le perturbazioni del clima atlantico anche in estate. Abbiamo preso quindi la decisione di spostarci più a sud, all’interno, verso zone decisamente soleggiate. Tappa del viaggio: Valladolid. Non è una città particolarmente turistica, né viene spesso inserita nei circuiti classici della Spagna, pur essendo nel cuore della Castiglia, ma merita senz’altro una visita. Abbiamo alloggiato all’Hotel Roma, Heroes de Alcantara 8, in pieno centro (zona pedonale). In pochi minuti a piedi si possono raggiungere la vasta Plaza Mayor e la bella cattedrale incompiuta, del celebre architetto Herrera. Magnifiche le chiese di San Pablo, Santa Maria la Antigua e San Benito. Un vero gioiello è il Museo Nacional de Escultura, ubicato in edifici adiacenti, con una magnifica collezione (considerata la più preziosa in Spagna e in Europa) di opere lignee medioevali.

Lasciata Valladolid, ci siamo spostati verso il Portogallo. Una sosta nella stupenda Salamanca non poteva mancare: l’avevamo già visitata parecchi anni fa e ricordavamo il fascino della città vecchia, con le sue chiese e i suoi palazzi in arenaria dorata che diventa rosa al tramonto. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità, è la più antica sede universitaria spagnola. Bellissima la facciata dell’Università, così come risulta sempre incantevole la famosa Casa de las Conchas. Ricchissimo il retablo churrigueresco della chiesa di Santo Stefano. Salamanca merita naturalmente una visita di almeno due-tre giorni, invece in questa occasione le abbiamo potuto dedicare solo una passeggiata di poche ore. La nostra meta effettiva era infatti oltre, vicino al confine con il Portogallo: Ciudad Rodrigo. E’ una cittadina arroccata, con una fortezza dalla mura ben conservate in cima a una collina, che conservano all’interno un bel centro storico. Abbiamo trovato alloggio presso il Molino del Agueda, un elegante hotel ricavato dalla ristrutturazione di un antico mulino settecentesco, sul fiume Agueda. Da qui si raggiunge in un quarto d’ora l’abitato con una bella passeggiata in mezzo agli alberi, in riva al fiume. Tra le vie e i palazzi di Ciudad Rodrigo si respira un’atmosfera tranquilla, ricca di storia, si è come immersi nel passato. Bella la Plaza Mayor, con ristorantini che hanno tavoli all’aperto, dove si può gustare l’ottima cucina locale.

VISEU - PORTO

Superato il confine con il Portogallo, si è reso subito necessario il pagamento con la carta di credito (praticamente obbligatoria!) del permesso di circolazione sulle autostrade. Viene così associata la targa del veicolo alla carta di credito, e ogni volta che si passa sotto un’alta armatura di metallo con apparecchi rilevatori tipo autovelox (il sistema si chiama “easy toll”), viene addebitata automaticamente una determinata somma, che comunque è opportunamente segnalata. Si evitano così caselli e rallentamenti per i pedaggi autostradali. Abbiamo comunque scoperto che i pagamenti sono numerosi e la spesa complessiva non è bassissima.

La prima tappa è stata Viseu. Lasciata l’auto vicino al bellissimo Parco Aquilino Ribeiro, costellato da stagni ricoperti di ninfee, siamo passati dalla piazza principale, il Rossio, dove si stava svolgendo una festosa manifestazione gastronomica ripresa dalla TV portoghese. La città è infatti famosa anche per i suoi piatti tipici. Molto interessante il centro storico, con la cattedrale del XII secolo, le mura, le chiese antiche e i palazzi nobiliari. Nella chiesa barocca dos Terceiros si possono ammirare splendidi azulejos con scene della vita di san Francesco. Il nostro viaggio è poi proseguito fino alla magnifica Porto, dove ci siamo fermati tre giorni, pernottando in un bell’appartamento moderno, con terrazza, a neppure mezz’ora di cammino dal centro (Live in Porto Apartments, Rua Vale Formosa 17). La città è davvero ricca di fascino. D’obbligo scendere al quartiere di Ribeira, sul fiume Douro: un altro Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, dove passeggiare nelle viuzze tra antichi palazzi e chiese è un vero piacere, nonostante la folla di turisti e l’alto numero di locali e ristoranti che rende soprattutto la vita notturna molto vivace. Se si vuole cenare in qualche romantica tavernetta che serve ottima cucina portoghese (come A Grade, in Rua da Sao Nicolau) è d’obbligo la prenotazione. Il pesce (in particolare il bacalhau)è squisito; da provare anche le tradizionali francesinhas, fette di pane ricoperte da formaggio fuso ma anche da pezzi di salsiccia e altri ingredienti non leggerissimi…Il panorama è stupefacente: i ponti sul Douro sono splendide opere d’architettura, in particolare l’ardito Ponte de Dom Luis I, progettato da un allievo di Gustave Eiffel e completato nel 1886. Si può percorrere a piedi l’altissima parte superiore, pedonale, raggiungendo la riva opposta, dove si trova Vila Nova de Gaia; qui, oltre ad ammirare la vista della città con le sue case colorate, si può degustare il famoso vino liquoroso direttamente nelle cantine delle case produttrici, scoprendo, durante la visita guidata, le varietà di Porto ruby (fruttato), tawny (più secco, dal profumo di noce), vintage (il top). Meglio comunque non esagerare, visto che questo vino è dolce ma con un’alta gradazione alcolica (19-22%). Un coupon per la degustazione gratuita in qualche cantina può essere ritirato al momento dell’acquisto di un biglietto per una breve crociera sul Douro. Da non perdere assolutamente, infatti, la bella gita in barca (sul fiume vi sono numerose agenzie di navigazione); in un’ora molto allegra e piacevole (se la musica a bordo non ha il volume troppo alto!) si passa sotto tutti i sette ponti e poi si arriva alla foce, nell’oceano. Meglio sbarcare sulla stessa riva, come abbiamo fatto noi, per prendere poi anche il Teleferico de Gaia, che porta in pochi minuti al ponte. Dalle cabine si gode ancora un magnifico panorama e alla stazione d’arrivo si può, se si desidera, ritirare una fotografia scattata alla partenza, come ricordo... Si riattraversa quindi il ponte e si torna nel centro di Porto. La passeggiata prosegue: da ammirare gli azulejos che ricoprono l’Igreja do Carmo e quelli che rivestono le pareti interne della stazione ferroviaria di Sao Bento. Si raggiunge la grande Avenida dos Aliados, dominata dal palazzo del Consiglio Municipale e fiancheggiata da imponenti e splendidi palazzi. Interessanti monumenti sono la Torre de los Clerigos, la cattedrale, la chiesa di san Francesco. Altri indirizzi suggeriti per la visita di Porto: il Centro Portugues de Fotografia, un’antica prigione settecentesca che ospita mostre fotografiche d’eccellenza; il Museu de Arte Contemporanea, presso l’Avenida de Boavista, a qualche chilometro dal centro, che ospita belle exhibition, insieme alla vicina Casa de Serralves, entrambe in uno splendido, vastissimo parco ricco di fontane, statue, roseti; la Casa da Musica, bell’edificio ultramoderno con un’elegantissima sala da concerto.

COIMBRA –TOMAR -SINTRA

Abbiamo quindi lasciato Porto a malincuore, dirigendoci verso la capitale portoghese, Lisbona. Lungo il tragitto abbiamo fatto una sosta a Coimbra, per visitare la magnifica antica università e la Cattedrale Vecchia, romanica e fortificata. Bellissima l’ampia piazza con la statua di Joao III, che portò l’università ad essere una delle migliori dell’Europa cinquecentesca. Abbiamo poi pernottato a Tomar (Hotel Kamanga, in Rua Major Ferreira do Amaral, ottimo indirizzo). Il centro storico è delizioso, con la grande Praҫa da Republica, contornata da edifici secenteschi e dominata dalla Igreja de São João Baptista, della fine del XV secolo. Qui ci siamo goduti una cena squisita alla Taverna Antiqua, a lume di candela, in una perfetta atmosfera medioevale. Ma il motivo principale della nostra sosta a Tomar era la visita al monastero fortificato che si può ammirare già dalla città, in cima a una collina. Si tratta del celeberrimo Convento de Cristo (XII secolo), fondato dai cavalieri templari e arricchito e ampliato via via nei secoli successivi. La visita dei chiostri, dei giardini, delle chiese, delle cappelle, dei dormitori, richiede almeno un paio d’ore. E’ un complesso davvero straordinario. Famosa la “finestra manuelina” sul lato occidentale della chiesa, dove si intrecciano corde e nodi marinari, stemmi, alghe, elementi dell’ordine dei templari, con un effetto stupefacente. Il ricordo della storia del Portogallo come grande potenza coloniale, con una flotta di galeoni e caravelle in grado di attraversare le tempeste dell’Atlantico, tornando con immense ricchezze dall’America, è ovunque, nelle decorazioni, nelle statue, nei simboli. Il luogo è decisamente ricco di fascino.

Prima di giungere a Lisbona ci siamo fermati a Sintra per il pranzo. Una vegetazione lussureggiante, quasi tropicale, circonda la città, che ha palazzi sontuosi e appare quasi come un miraggio. Abbiamo visitato il Palacio Nacional, di origine araba e poi rimaneggiato soprattutto nel ‘500-‘600. Bellissime le sale, in particolare le sale dei Cigni, delle Gazze e degli Stemmi. Grandi camini nella cucina sono collegati a due enormi comignoli a cono che decorano il tetto del palazzo e lo rendono caratteristico. Proseguendo il viaggio, ci siamo diretti verso Cabo de Roca, a picco sull’oceano. E’ il punto più occidentale d’Europa, sferzato da venti freddi che tuttavia non fanno desistere i numerosi turisti, che si spingono anche a camminare pericolosamente sulle rocce. Dall’oceano sale anche una nebbiolina che rende il paesaggio piuttosto nordico… tanto che si dubita di essere in Portogallo!

LISBONA

La capitale è considerata a ragione una delle più belle d’Europa. L’avevamo già visitata nel 1993, ma ci è sembrata una città “nuova”; in questi vent’anni si è decisamente abbellita e arricchita di nuovi spazi museali, giardini, strutture. Abbiamo alloggiato inizialmente in un appartamento nella zona di Mandragoa- Estrela, a Calҫa da Castelo Piҫao, vicino al Museu da Marioneta e al Museu Nacional de Arte Antiga (che possiede una magnifica collezione di capolavori dell’arte europea). Un quartiere molto popolare, con stretti vicoli in salita che si intersecano (difficile il parcheggio!), tra case a volte un po’ fatiscenti, che espongono bucati stesi alle finestre; la gente è accogliente, disponibile a far quattro chiacchiere e a dare una mano se serve. C’è anche qualche ristorantino delizioso; è sicuramente un quartiere che sta per essere “scoperto” dal punto di vista turistico ma ancora mantiene una sua identità, originale e abbastanza pittoresca. Successivamente ci siamo spostati al Barrio Alto, vicino alla zona dei locali ma in una via molto tranquilla, Rua de Sao Bonaventura (il nostro appartamento nel residence, molto elegante, aveva perfino un giardinetto: MySuiteLisbon è un ottimo indirizzo!). Abbiamo lasciato in entrambi i casi l’auto in strada, e ci siamo mossi sempre a piedi per immergerci pienamente nell’atmosfera della città. Camminare per Lisbona è un po’ faticoso visto il continuo saliscendi, ma molto appagante. Munirsi di scarpe comode, cappellino, uno zainetto con bottigliette di acqua minerale (per non fermarsi troppo spesso a cercare fontanelle o a comprare bibite!). Ci sono comunque tram (in particolare il 28 è molto ambito dai turisti, che sembrano godersi la corsa come se fossero su un otto volante)e anche una funicolare per chi proprio non ce la fa più. Abbiamo seguito tre itinerari di visita: il primo, più classico, ci ha portato a scendere in Praҫa dos Restauradores e da qui, passando dal Rossio (Praҫa Dom Pedro IV) siamo giunti fino alla riva del Rio Tajo, attraversando l’Arco da Victoria e la bella Praҫa do Comercio, un tempo punto di approdo delle navi che giungevano da oltre Atlantico. La città sorge infatti in prossimità dell’ estuario del fiume. La passeggiata è ideale anche per potersi fermare in qualche elegante caffè o pasticceria per assaggiare le eccellenti pasteis de nata, squisite paste alla crema. Durante questo lungo tragitto si coglie il lavoro di ricostruzione effettuato dopo il disastroso terremoto del 1° novembre 1755: strade molto larghe, adatte alla fuga, piazze molto ampie, in grado di accogliere migliaia di persone, in sostituzione del vecchio centro storico di Lisbona raso al suolo. Siamo passati anche al Convento do Carmo, i cui resti affascinanti – restano solo le colonne della navata e archi di pietra, il tetto è il cielo – sono la testimonianza più diretta degli effetti distruttivi del sisma del giorno di Ognissanti, la cui magnitudo Richter si stima oggi essere stata intorno agli 8.5 gradi. Un’onda di tsunami alta 15 m si abbattè sulla città e sulla costa, fino a Cadice e oltre; il terremoto fu sentito in quasi tutta Europa e provocò gravi danni e vittime anche in Nordafrica. Fu un evento che sconvolse tutti e segnò una sorta di cesura tra il periodo precedente e quello successivo. Camminando s’incontrano anche la magnifica Igreja de San Roque, dal prezioso interno decorato con azulejos, oro e pietre preziose portate dal Brasile, e il curioso Elevador de Santa Justa, un ascensore panoramico progettato da un allievo di Eiffel (e con turisti sempre in coda per salire in cima e godersi il panorama urbano). Un altro itinerario ha coinvolto il castello e il famoso quartiere dell’Alfama. Il Castelo de Sao Jorge sorge in cima a una collina e vale la pena raggiungerlo anche solo per trovarsi nel miradouro più bello di Lisbona. Da visitare, prima di affrontare la salita, la bella Cattedrale. Scendendo dal castello ci si trova a passeggiare nei suggestivi vicoli dell’Alfama, quartiere di chiara origine araba. Si possono ammirare i resti del Teatro Romano. Il terzo itinerario ha compreso anche dei tratti in automobile, per raggiungere la bella Basilica da Estrela e poi, a qualche chilometro dal centro, la cinquecentesca Torre di Belèm e il monastero dos Jeronimos, -entrambi Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco -, dove è sepolto Vasco da Gama. Magnifico il chiostro in stile manuelino. Nella zona le mete sono numerose: tra queste il Padrão dos Descobrimentos, monumento gigantesco dedicato ai grandi navigatori (in restauro) e il Museu Collecҫão Berardo, con una splendida collezione di arte contemporanea. Lisbona è una città ricchissima di storia, di angoli suggestivi e di iniziative culturali: chi la visita ha solo l’imbarazzo della scelta. Ed è davvero indimenticabile.

Milano, 20 ottobre 2016   Anna Busca

 

Giornata mondiale del bacio

Estate: la stagione delle partenze, di vacanze e di baci da batticuore...fatelo meglio con i suggerimenti di lastminute.com

Passionale, alla francese, rubato, romantico...una lista infinita per un gesto unico e universale che attraversa tutti i paesi del mondo! Proprio a lui, il Bacio, è dedicata ogni anno la giornata del 6 luglio, una data internazionale per celebrare il simbolo per eccellenza dell’amore in tutte le sue forme!

E l’estate è senza dubbio la stagione dell’amore: sole, mare e vacanza risvegliano gli animi e la voglia di scambiarsi romantici e infiniti baci da batticuore. Per celebrare la Giornata Mondiale del Bacio, lastminute.com vi suggerisce la Top 5 di dove, come e quando! Pronti, partenza...bacio!

Bacio hyppy: dove se non sotto la luna, complice di serate in libertà e piene di amore? Con la luna piena liberate il vostro istinto da lupacchiotti e concedetevi estive effusioni amorose.

 

Da consumarsi preferibilmente: Isola di Koh Pangan in Thailandia, sulla spiaggia di Haad Rin Nok, dove da quasi 20 anni durante ogni notte di luna piena, si svolge il Full Moon Party una super festa mondiale che richiama in alta stagione fino a 20.000 persone da ogni angolo del mondo!

L’offerta lastminute.com per Koh Pangan: Volo + 6 notti in hotel 3* a partire da 813 Euro

Bacio salato: non c’è niente di più dolce (o salato!) di un bacio scambiato avvolti dall’acqua azzurra del mare! Una combinazione perfetta quella tra acqua salata, sabbia e amore...alzi la mano chi non l’ha mai fatto in mare?

 

Da consumarsi preferibilmente: nelle splendide acque del Mar Mediterraneo, magari in quelle cristalline di Creta. Un tuffo dove l’acqua è davvero più blu, un’isola, quella di Chrissi tra le più belle e remote in assoluto...

L’offerta lastminute.com per Creta: Volo + 6 notti in hotel 3* a partire da 285 Euro

Bacio romantico: l’estate all’italiana fatta di spiaggia, chitarra, falò e… baci infiniti. Se volete conquistare il vostro nuovo amore e stupirlo con una serata romantica portatelo in riva al mare a godersi un cielo stellato e un romantico falò sulla spiaggia. Sarà vostro...almeno per quest’estate!

 

Da consumarsi preferibilmente: in una delle tante e meravigliose spiagge nascoste della Sardegna, ad esempio nei pressi di Villasimius a Cala Pira, un paradiso fatto di sabbia bianca dove le stelle sembrano più vicine!

L’offerta lastminute.com per Villasimius : 5 notti in hotel 3* a partire da 590 Euro

 

Bacio caliente: quelli più piccanti, magari un bacio rubato, che porta i battiti cardiaci alle stelle; baci misteriosi e sconosciuti che ti rubano il cuore per la durata di un’estate; baci che sorprendono come un sentiero che nasconde una vista meravigliosa!

Da consumarsi preferibilmente: a Minorca, precisamente a Cala Macarelleta, un gioiello nascosto che si apre inaspettatamente alla fine di una foresta di pini.

L’offerta lastminute.com per Minorca: volo + 6 notti in hotel 3* a partire da 548 Euro

Bacio alla francese: il più famoso di tutti, quello che fa girare la testa e che tutti abbiamo sognato! E se l’iconica foto di Robert Doisneau è impressa nella vostra mente, non resta che partire e diventare i nuovi protagonisti di un’immagine indelebile!

Da consumarsi preferibilmente: nella spettacolare cornice de L’Hotel de Ville a Parigi, ma anche sul Pont Des Arts, o alle fontane dei Giardini di Lussemburgo, o nel giardino del Museo Rodin...tutto a Parigi vi strapperà un bacio!

L’offerta lastminute.com per Parigi: volo + 4 notti in hotel 3* a partire da 204 Euro

Su lastminute.com, le migliori offerte per le destinazioni per l’estate!

Milano,5 luglio 2016

Calabria da scoprire: Trebisacce la meta ideale tra gli aranceti del BIONDO e un mare BANDIERA BLU

 

E’ estate, ma le arance maturano ancora dolcissime e succose nei giardini di Trebisacce. Gli alberi promettono nuovi frutti fino ad agosto inoltrato.

Gli aranceti di Trebisacce sono il simbolo di una Calabria autentica e generosa, ancora tutta da scoprire che meraviglia e che incanta: spiagge incontaminate e selvagge, oasi protette in collina e un centro storico rimasto praticamente intatto fa di Trebisacce, in provincia di Cosenza, sul mar JONIO, il luogo ideale per iniziare a degustare la Calabria. Qui sventola per il terzo anno consecutivo la BANDIERA BLU e tutto lascia pensare che lo sviluppo turistico crescerà in maniera esponenziale.

EDUCATIONAL PER GIORNALISTI. Il viaggio è stato sperimentato con successo da giornalisti esperti di turismo, che dopo la BIT DI MILANO, hanno espresso il desiderio di conoscere Trebisacce e sono stati ospitati dal Comune e dal resort OTIUM di Villapiana Scalo (www.otiumclub.com) per poter apprezzare e promuovere le bellezze della zona grazie ad un educational organizzato dalla rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge diretta da Carmen Mancarella (www.mediterraneantourism.it).

OTIUM RESORT, IL SOGGIORNO IDEALE. Si può dormire nel resort OTIUM a Villapiana Scalo, dotato di tutti i comfort, che nel cuore di una pineta, si affaccia su una sabbia profonda e sabbiosa dal mare limpido e cristallino. Basta volgere lo sguardo e si vede il profilo delle montagne del Parco del Pollino. Otium resort garantisce divertimento a 360 gradi grazie all’eccellente animazione di Nicolaus tour operator che ha cura dei bambini e diverte moltissimo anche gli adulti con spettacoli di grande livello che meriterebbero di calcare le scene del teatro (www.otiumclub.com).

Dice il sindaco di Trebisacce, Franco Mundo: “La nostra città ha sviluppato negli anni i servizi ed è a forte vocazione turistica. Ha tutte le carte in regola per essere amata e apprezzata sempre di più. Per questo abbiamo deciso di ospitare i giornalisti esperti di turismo, per fare in modo che Trebisacce sia sempre più conosciuta e apprezzata. Il nostro compito è di aprire il territorio agli investimenti degli imprenditori che come noi vogliano scommettere sul futuro turistico della zona”.

I GIARDINI E GLI AGRUMETI. Una volta si coltivava l’uva, oggi sulle immense distese ai piedi delle montagne, sulla pianura di Trebisacce, bagnata dal mare, fioriscono i giardini: qui si raccoglie fino ad estate inoltrata il biondo di Trebisacce, l’arancia che matura tardivamente come dicono gli abitanti del luogo. Dice Nicole Liskova, di origini cecoslovacche titolare con il marito del ristorante pizzeria IL Vecchio Mulino: “Non usiamo concimi chimici, ma lasciamo che l’arancia maturi sotto i raggi del sole. E’ un prodotto bio al 100% che purtroppo non ha mercato perché i consumatori continuano a preferire le arance della Spagna belle grosse, ma che sono trattate. Le nostre arance sono piccole e brutte, ma hanno un sapore unico. Le impieghiamo per offrire spremute d’arancia, ma anche per realizzare ricette gustose che serviamo agli ospiti della nostra pizzeria: come l’anatra all’arancia o primi piatti all’arancia, davvero molto apprezzati”.

 

SOLEFRUTTA leader nella produzione di MARMELLATE. E c’è chi partendo da un business plan preparato per sostenere un esame di Economia all’Università della Calabria, ha fondato una grande azienda che produce oggi 200mila vasetti di marmellate l’anno, in gran parte esportati, e fattura 500mila euro. E’ la storia di Massimo Pizzini, una storia di successo che ha portato la sua azienda con il marchio SOLEFRUTTA a conquistare i mercati tedeschi (i primi clienti), norvegesi, finlandesi e oggi anche italiani e pugliesi.

Sono partito proprio dal biondo di Trebisacce”, dice il giovane imprenditore. “Siamo un’impresa. Ma, nel produrre le marmellate, usiamo i metodi naturali che usano le casalinghe di Trebisacce: frutta e zucchero amalgamati a fuoco lento. Oggi abbiamo introdotto anche la linea di marmellate con zucchero di canna, le marmellate senza zucchero e bio. Abbiamo incontrato il favore dei mercati e adesso realizziamo marmellate con i frutti dop di tutta la Calabria: dal bergamotto alle ciliegie dop di Roseto Capo Spulico. E non può mancare la cannella, il peperoncino e la liquirizia!”


TREBISACCE E IL SITO ARCHEOLOGICO DEL BROGLIO. Ma Trebisacce ha origini antichissime. Ci si rende conto di questo salendo in collina fino al sito archeologico del Broglio, dove sono state ricostruite le capanne degli Enotri. Si tratta di un villaggio fiorito per mille anni tra il 1700 e il 710 avanti Cristo. Venne misteriosamente abbandonato con l’arrivo dei coloni Greci nella zona, che fondarono Sibari. Tra le scoperte più interessanti una piccola fornace dove un artigiano, forse venuto da lontano, fece conoscere agli abitanti del Broglio il ferro e diede una dimostrazione su come lavorarlo. In un grande magazzino sotterraneo sono stati rinvenuti poi cinque dolii, cinque grandi anfore che conservavano derrate alimentari tra cui l’olio d’oliva che gli Enotri già conoscevano all’epoca. Sono stati rinvenuti anche i resti di ben sei cervi che forse vennero impiegati per una cena. Importante il ruolo della donna, che non veniva considerata una sottomessa, ma aveva pari dignità dell’uomo. Ad illustrare tutta la bellezza e l’importanza del sito è stato il professore Tullio Masneri che con alcuni volontari fa visite guidate nella zona (www.sitoarcheologicodibroglio.it). Il sito era peraltro collegato anche a quello di Macchiabate del Timpone a Francavilla Marittima, che con il suo tempio dedicato a una divinità femminile e ad Atena poi, era considerato un centro religioso.

IL CENTRO STORICO DI TREBISACCE e LA PIAZZA DELL’AMORE. Il centro storico di Trebisacce si adagia dolcemente sulla collina ed è tutto un saliscendi di viuzze. Guidati dal professore Piero De VITA scopriamo il luogo più romantico: è la piazza del Cannone, chiamata così non per la presenza di un cannone, ma perché qui le acque sorgive, che numerose sgorgano in Calabria, dalle montangne, hanno una pressione tale da sembrare un cannone. Qui un tempo si ritrovavano le donne a prendere l’acqua da portare in casa e gli uomini che facevano abbeverare le bestie. Qui nascevano gli amori e oggi la piazzetta viene utilizzata per declamare poesie nel corso di un festival che viene celebrato il secondo week end di agosto.

Passeggiando per le vie ci si imbatte nel Museo dell’arte olearie e della civiltà contadina Ludovico Noia dei fratelli Noia dove si possono ammirare i grandi torchi in legno alla Calabrese, le macine, ma anche oggetti in uso nella vita quotidiana e del lavoro. Sorpresa: Halloween non è stata inventata dagli Americani. Prima che scomparisse del tutto la civiltà contadina, nella notte tra il primo e il 2 novembre i bambini si divertivano a girare per le case di Trebisacce con un teschio fabbricato in creta e la luce di una candela: chiedevano l’elemosina per i Morti!

A pochi passi dal Museo si trova la chiesa madre dal tetto ligneo. Restaurata di recente grazie al contributo dei fedeli e della Sovrintendenza conserva al suo interno un Cristo in legno del 1400 snodabile. Veniva utilizzato in varie occasioni sia per rappresentare Cristo Morto che per rappresentare Cristo Risorto. Il suo restauro è durato diversi anni. E secondo Sgarbi si tratta di un’opera di grande pregio.

AREA AMBIENTALE PROTETTA DEL BOSCO COMUNALE DI TREBISACCE TORRE DI ALDIDONA. Per proteggere l’ambiente e potenziare l’offerta naturalistica il Bosco di Trebisacce, nei pressi della Torre di Albidona è diventato un’area ambientale protetta e attrezzata entrando a far parte della RETE NATURA 2000 Sito di interesse comunitario grazie ai PSR Calabria 2007-2013. Sono stati definiti percorsi e attrezzature per la fruizione. Qui vivono piante della macchia mediterranea e animali a rischio estinzione. Per questo il bosco, che si estende in prossimità della FIUMARA AVENA, è visitabile solo su prenotazione contattando il Consorzio di Bonifica Integrale dei Bacini dello Jonio Cosentino (www.cbjoniocosentino.it, info@cbjoniocosentino.it tel. 0981. 55 05 01; 55 05 25).

Tra mare BANDIERA BLU, natura, siti archoelogici e centro storico Trebisacce ha più di un asso nella manica per diventare una meta di grande richiamo e sviluppare il turismo ecosostenibile.

Dove dormire

Otium resort SIBARI

Villapiana SCALO – Villapiana (CS)  Tel 0981 55 98 81  www.otiumclub.com

Hotel Miramare

Viale Magna Grecia  www.miramarepalacehotel.com 87 075 Trebisacce tel 0981 57 474

Azienda agrituristica Masseria Torre di Albidona

Contrada Piano della Torre tel 0981 50 79 44  87 075 Trebisacce (CS)

 

SEMPRE PIÙ CUBA CON MSC CROCIERE NEI SOGNI DEI VIAGGIATORI

Un evento per celebrare la ricchezza di Cuba come destinazione turistica e culturale che dallo scorso dicembre accoglie ancora più visitatori, specialmente dal Belpaese. Un appuntamento che si inserisce all’interno di due intense giornate dedicate alle realtà economiche, turistiche e culturali di Cuba organizzate da Fondazione Casa America assieme all’Ambasciata di Cuba in Italia. L’appuntamento di sabato 28 maggio ha avuto luogo in una location speciale, l’ammiraglia MSC Preziosa ormeggiata nel porto di Genova. Numerosi gli ospiti coinvolti dalla Fondazione a bordo della nave, tra cui l’Ambasciatrice della Repubblica di Cuba in Italia Alba Beatriz Soto Pimentel che è intervenuta per raccontare le attrazioni culturali dell’isola caraibica, dove il sole splende per 330 giorni all’anno. La scelta della nave di MSC Crociere come location non è stata casuale, perché la compagnia è la prima ad aver inserito quest’isola caraibica tra le destinazioni crocieristiche fin dal dicembre 2015.

Dopo il primato mondiale su L’Avana raggiunto grazie a MSC Opera che dal 18 dicembre 2015 ha fatto base nella capitale cubana per l’intera stagione invernale, per continuare a rispondere a una domanda in costante crescita, il prossimo inverno MSC Crociere punta a raddoppiare l’offerta: MSC Armonia si unirà a MSC Opera duplicando il numero di itinerari in partenza dall’isola cubana nel Mar dei Caraibi. Grazie al Programma Rinascimento, le due navi sono state completamente rinnovate per essere preparate ad offrire l’esperienza distintiva di crociera MSC nei Caraibi. Non solo: una volta conclusa la stagione invernale, MSC Opera rimarrà a L’Avana anche per l’estate 2017 e per l’inverno successivo.

Lo sbarco di MSC Crociere a Cuba si è rivelato una nuova opportunità per scoprire questa destinazione nella sua veste più autentica e addentrarsi nella vita della sua gente e nella sua ricca cultura.

Siamo stati i primi a cogliere l’opportunità di proporre Cuba come destinazione crocieristica e il mercato ci ha premiato perché la risposta dei viaggiatori è stata formidabile” ha affermato Leonardo Massa, Country Manager MSC Crociere Italia. “Abbiamo quindi deciso di investire su questa destinazione con un’offerta ancora più ricca: a MSC Opera abbiamo affiancato per il prossimo inverno MSC Armonia con nuovi itinerari e stiamo implementando i Siamo sicuri che Cuba resterà nel cuore di tutti i nostri crocieristi che hanno colto e che coglieranno questa nuova opportunità di scoperta e arricchimento culturale”.

Cuba è un aggregatore naturale di bellezze paesaggistiche e panorami mozzafiato che trovano nelle spiagge incontaminate, nella natura lussureggiante e nelle grotte sotterranee ciò che l’hanno resa una delle mete più desiderate al mondo. Ma l’isola è anche la patria di 10 siti che sono stati riconosciuti dall’Unesco patrimonio dell’Umanità ed è soprattutto grazie al suo ricchissimo patrimonio culturale che si è guadagnata la fama mondiale capace di attirare turisti da ogni parte del mondo: la sua storia, i suoi sapori e le sue culture l’hanno resa una destinazione turistica unica nel suo genere.

L’isola unisce il richiamo della vivacità della vita notturna accompagnata dal celebre accostamento tra l’eccellente rum e i sigari cubani al fascino di una storia ricca di cultura e tradizioni. Salsa, rumba, mambo e chachacha rappresentano solo una piccola parte del grande patrimonio culturale del Paese, fatto anche di letteratura, pittura, architettura ed eventi culturali che si succedono uno dopo l’altro durante tutto l’anno, dalla Fiera del Libro, al Festival Internazionale del Balletto de L’Avana, al Festival del Teatri. “L’architettura cubana è la sua musica trasformata in pietra”, diceva lo scrittore cubano Alejo Carpentier, iniziatore di quel “realismo magico” che di Cuba interpreta pienamente l’essenza.

Gli itinerari di MSC Opera e MSC Armonia in partenza da L’Avana

MSC Opera si prepara quindi alla sua seconda stagione a L’Avana, da dove dallo scorso inverno offre crociere settimanali alla volta di Giamaica, Isole Cayman e Messico, con due giorni e mezzo e due notti nella capitale cubana. Anche MSC Armonia alternerà due itinerari culturalmente diversi, della durata di otto giorni e sette notti, che arricchiranno la scelta di destinazioni imperdibili offerte da MSC Crociere in America Centrale e nei Caraibi. Durante la sosta di due giorni e mezzo a L’Avana, gli ospiti di MSC Opera potranno esplorare la meravigliosa città vecchia, luogo dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, per scoprirne la storia, la cultura e l’architettura. Nessuna visita dell’Havana risulterebbe completa senza una passeggiata sul famoso lungomare Malecòn, dove poter godere del rinomato stile di vita rilassato dell’isola. L’isola di Cozumel, nella penisola dello Yucatan messicano, offre le spettacolo delle antiche rovine Maya a Tulum. I viaggiatori potranno fare snorkeling con le tartarughe di mare e fare il bagno nelle freschissime acque delle grotte, esplorare le antiche grotte maya o crogiolarsi nella bellezza naturale dell’isola, dopo la costa di Quintana Roo. Nella Baia di Montego, costa nord ovest della Giamaica, gli ospiti potranno fare rafting sul fiume Martha Brae, un tour nella vecchia piantagione della tenuta Good Hope o cercare di comprendere i misteri della grande casa Rose Hall - affascinante testimonianza dell’epoca coloniale ricca di storie e intrighi. A Georgetown, nelle Isole Cayman, gli ospiti potranno fare snorkeling nella città di Stingram, prendere un catamarano verso la barriera corallina o semplicemente rilassarsi sulla bianchissima spiaggia di Seven Mile, sulla costa ovest delle Grand Cayman, nota per le meravigliose acque e le spiagge coralline.

I croceristi di MSC Crociere provengono da oltre 150 paesi e la Compagnia ha per loro una vastissima offerta, pacchetti comprensivi di crociera più volo da e per i principali scali aeroportuali di tutto il mondo. Anche in Italia la Compagnia ha una vasta offerta verso la capitale cubana con voli settimanali diretti a L’Avana da Fiumicino e da Malpensa.

Milano, 30 maggio 2016

Austria Turismo: arrivare e rinascere nel Bosco Culturale itinerante

Nel mese di giugno 2016 Austria Turismo presenterà a Milano, Padova e Roma l’installazione “Bosco Culturale itinerante”, che unirà in modo innovativo natura e cultura, architettura e design, risvegliando nei visitatori la curiosità di trascorrere una vacanza in Austria.

      

L’idea del Bosco Culturale itinerante darà seguito alla storia di successo del Padiglione Austriaco "breathe austria" ad Expo Milano 2015. Con il Bosco Culturale itinerante, Austria Turismo presenta un prototipo unico al mondo denominato “airship”, progetto nato da uno scambio intenso di idee tra architetti, designer, tecnici ed esperti di cultura del padiglione ad Expo 2015. Il risultato è un’unità ibrida di vegetazione boschiva e design contemporaneo, che fa vivere la natura e la cultura con tutti i sensi percettivi.

airship” Bosco Culturale itinerante è l’espressione di una nuova tipologia mobile e temporanea, un prototipo di uno spazio di microclima e di respiro a disposizione delle città. Il visitatore lo sperimenta attraverso i sensi e contemporaneamente è stimolato a riflettere su aria e clima, come sfide del nostro tempo. L’allestimento tematizza, oltre ad aria e clima, il bosco, una delle risorse più importanti della nostra biosfera.

Dall’esterno i visitatori vengono incuriositi dalla copertura traslucida alta cinque metri e simile a una cupola dell’allestimento e possono entrare nel Bosco Culturale, passando da un ingresso regolato. All’interno il visitatore rimarrà sorpreso dalla fitta vegetazione boschiva austriaca, metaforicamente trovandosi in una camera boschiva delle meraviglie. La fresca aria di bosco, prodotta da piante austriache, regalerà al pubblico, nel mezzo della calura della città, refrigerio per tutti i sensi percettivi. Forma e costruzione dell’allestimento sono riprodotte secondo precise regole climatiche e, grazie alla tecnologia applicata alla natura, si crea un “lago d’aria fresca” per il refrigerio. La struttura, di forma circolare, rimane aperta in alto, per rendere percepibile la relazione con l’atmosfera. La sovrapposizione culturale è data da “lettere volanti”, che raffigurano la relazione con le regioni partner di Austria Turismo in questo progetto. Tre differenti ecotipi boschivi rappresentano i tipici paesaggi austriaci: ambiente alpino, media montagna, regione danubiana.

airship: Bosco Culturale è un’installazione, che unisce in modo innovativo natura e cultura, risvegliando la curiosità di trascorrere una vacanza in Austria” così descrive il progetto Michael Strasser, Region Manager di Austria Turismo in Italia. “All’interno del Bosco Culturale itinerante i visitatori possono sedersi su panche di legno, respirare l’aria fresca di bosco e trovare un po’ di calma, staccando dalla frenetica vita cittadina. La cultura dell’Austria, in virtù del 50% di superficie boschiva, è in stretta relazione con questo patrimonio ambientale. Il Bosco Culturale itinerante va oltre il semplice progetto di architettura; è in grado di raccontare storie, di creare legami fra natura e cultura e invita al dialogo”.

Aria e clima uniscono tutti gli esseri viventi del nostro pianeta. Secondo i numeri della WHO, ogni anno più di 5,5 milioni di persone perdono la vita a causa delle conseguenze dell’inquinamento atmosferico. Per questo motivo i temi centrali dell’installazione sono l’aria, vista come alimento, gli spazi freschi e i luoghi refrigeranti nelle città dove fermarsi, oltre al rapporto con la nostra atmosfera e il futuro delle nostre città sempre più calde.

Milano, 30 maggio 2016

HOTEL MILANO SCALA: LE NOVITÁ DALL’ORTO SUL TETTO

   

Ortaggi, piante aromatiche e fiori eduli: ecco il primo raccolto dell’anno proveniente dall’orto situato al sesto piano dell’Hotel Milano Scala. Un raccolto buono, sano ed ecosostenibile che va a integrarsi perfettamente nei piatti ispirati alla filosofia “Green&Glocal” della cucina dell’hotel situato nel cuore di Brera.

Quest’anno sono state privilegiate varietà antiche di ortaggi che, grazie ad una stagione leggermente in anticipo, sono già entrate in produzione. I primi ad essere stati raccolti sono stati i cetrioli e le zucchine, mentre in questi giorni si attende la maturazione dei pomodori Sun Black. Questi pomodori, frutto di una ricerca e di incroci tra specie selezionate dalle Università di Pisa, Reggio Emilia e Modena, hanno la particolarità di concentrare in maniera del tutto naturale le proprietà antiossidanti dei pomodori e di altri frutti a buccia scura, come i mirtilli e l’uva nera.

A fine giugno seguiranno poi i pomodori gialli “Corsa all’Oro”, che sono stati seminati grazie al recupero di un seme antico portato in Europa dagli spagnoli e così chiamato perché il frutto ricordava un pomo, una grossa pepita, di un giallo intenso da cui deriva per l’appunto il nome pomodoro (pomo-d’oro).

Sempre grazie al recupero di frutti e verdure antiche, stanno maturando anche le fragole a frutto bianco varietà “Cuneo” e le fragole a frutto nero “Giubilae”. Mentre nell’angolo dedicato ai fiori eduli sono stati riproposti viole, nasturzi e margherite che andranno a decorare e ad arricchire i piatti gustosi della cucina.

Angolo verde e fiore all’occhiello dell’hotel, l’orto con vista Duomo rafforza l’offerta dell’Hotel Milano Scala, da sempre ispirata ai valori dell’eco-sostenibilità, della genuinità e della cultura in tutte le sue sfaccettature.

Per ulteriori informazioni: www.hotelmilanoscala.it

Milano, 30 maggio 2016

A Berlino, Mediterranean Salento my love party

per presentare le bellezze delle Marine di Melendugno e delle migliori imprese turistiche

 

Mare, cultura e divertimento. Dopo il successo alla Bit di Milano 2016, il Salento con le Marine di Melendugno approda a Berlino per presentarsi come meta alternativa e sicura del Mediterraneo. L’occasione è l’importante fiera internazionale del turismo, la ITB, tra le più grandi al mondo, che si svolgerà tra il 9 e il 13 marzo prossimi nel quartiere fieristico della Capitale tedesca.

A fare da ambasciatrice del territorio sarà l’assessore al turismo del Comune di Melendugno Anna Elisa Prete che presiederà una conferenza stampa con giornalisti e tour operator internazionali, organizzata da Carmen Mancarella, direttore della rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge (www.mediterraneantourism.it) giovedì sera 10 marzo alle 20.30 nel ristorante Casa Italia della centralissima Friederichstrasse. Dopo la Conferenza stampa ci sarà un Party dal titolo Mediterranean Italy Salento my love Party con prodotti tipici e buon vino di negroamaro.

Ci sarà anche la musica tipica salentina. La musicista, bravissima cantante e pianista Carla Petrachi interpreterà alcuni brani della pizzica salentina accompagnandosi con un tamburello.

Nel Salento la vacanza è completa non solo per la bellezza del territorio, ma anche per la varietà delle offerte da parte degli imprenditori: si può dormire in strutture come Iberotel Apulia (www.iberotelapulia.com) che ha puntato sulla filosofia dell’antistress con trattamenti benessere in pacchetti all inclusive tra il 14 maggio e il 4 giugno 2016 e tra il 10 e il 30 maggio 2016.

Per chi ama un tuffo nella storia la scelta migliore è Masseria Chiccorizzo (www.masseriachiccorizzo.it), una tipica masseria del ‘500 con le camere disposte a corte, immersa negli uliveti e grande piscina.

Per chi cerca la soluzione degli appartamenti, il consiglio è di prenotare a Lido Le Canne di Gallipoli, che affitta appartamenti in pineta, praticamente sulla spiaggia e presenta a Berlino una serie di offerte consultabili sul sito: www.lidolecanne.it

 

Per degustare piatti tipici della Dieta Mediterranea e fare il bagno su una delle spiagge più belle del Salento, la scelta migliore è Lido La Sorgente di Torre dell’Orso (www.lidolasorgente.it) che unisce alla bellezza della spiaggia con servizi di alto livello l’ottima cucina di mare.

Per i palati più raffinati ecco il ristorante La Grotta del Conte dove si può degustare pesce fresco sulla scogliera a picco sul mare di Castro (www.grottadelconte.it).

Imperdibili poi i vini del Salento che saranno fatti degustare ai giornalisti internazionali: i vini di Cantina San Donaci (www.cantinasandonaci.eu), pluripremiata con il suo Anticaia a Berlino con il Wine Trophy e gli spumanti di negroamaro della giovane Tenuta Marano con le etichette Carlo V, dolce, brut, ed extra dry (www.tenutamarano.it)

Dice l’assessore al turismo del Comune di Melendugno, Anna Elisa Prete: “Siamo convinti che è arrivato il momento di presentare la bellezza delle nostre marine a livello internazionale. Il nostro territorio tra morbide e bianche spiagge, siti archeologici come Roca Vecchia e la Grotta della Poesia, definita dal National Geographic tra le dieci piscine naturali più belle al mondo, e uliveti millenari, ha tutte le carte in regola per attrarre sempre più turisti internazionali. Il centro Europa poi è un mercato molto interessante con particolare riferimento all’area di lingua tedesca, parlata da oltre 110 milioni di persone solo in Europa. In questa vasta area le vacanze sono scaglionate e l’incremento di turisti stranieri ci permetterebbe di destaglionalizzare”.

Per Berlino la giornalista Carmen Mancarella ha realizzato un’edizione speciale di Spiagge, formato pocket in tedesco e inglese (www.mediterraneantourism.it). In conferenza stampa saranno proiettati i video che illustrano la bellezza delle marine di Melendugno ai giornalisti e ai tour operator internazionali. https://www.youtube.com/watch?v=MBHKjWJCkqY   

MARINE DI MELENDUGNO, MORBIDE E BIANCHE SPIAGGE

Cinque marine con morbide e bianche spiagge si susseguono lungo la costa adriatica a 20 chilometri a sud da Lecce. Sono le marine di Melendugno: Torre Specchia, San Foca, Roca, Torre dell’Orso e Sant’Andrea. La spiaggia più bella e rinomata è Torre dell’Orso, ma negli ultimi anni si sta molto rivalutando la spiaggia di San Foca San Basilio-Mora Mora, mentre il National Geographic ha eletto la piscina naturale di Roca Vecchia tra le dieci più belle al mondo! Qui è stato trovato un antico santuario di età pre romana dove i naviganti della Terra d’Otranto pregavano le Divinità. Spettacolari i faraglioni di Sant’Andrea con archi naturali e insenature.

A San Foca è sorto il primo lido in Italia per disabili e malati di SLA IO posso, un camminamento attrezzato che permette di fare il bagno in autonomia. Una scelta di libertà.

Ingresso alla conferenza stampa: solo per giornalisti e su invito

Ingresso alla festa: 15,00 euro a persona

Che cosa: Mediterranean Salento my love party

Quando: 10 march 2016 h. 8.30 pm    Dove: Restaurant Casa Italia, Friederichstrasse 136 Berlin

Indirizzi utili: www.comune.melendugno.le.it

 

 

Forbes Travel Guide annuncia per la prima volta in Italia i premi Star Rating

Italia prima in Europa con 31 riconoscimenti, seguono Francia ferma a 28, Germania e Svizzera con rispettivamente 8 e 7 premi.

Forbes Travel Guide ha presentato ieri sera il suo 58° elenco di premiati Star Rating in tutto il mondo, di cui fanno parte 42 nuovi hotel Five-Star, 101 nuovi hotel Four-Star e 57 nuovi hotel nella categoria Recommended. La storica guida ha scelto per la prima volta l’Italia, Milano per l’esattezza, per la presentazione e l’assegnazione dei premi Star Rating. Ad annunciarli è stato Gerard J. Inzerillo, amministratore delegato di Forbes Travel Guide.

Tra le nuove mete valutate, in Europa è l’Italia ad ottenere il numero maggiore di riconoscimenti: 31 divisi tra otto nuovi 5 stelle, quindici 4 stelle, 7 recommended e una Spa a 4 stelle. A farla da padrone è Roma con 4 nuovi 5 stelle, seguita da Firenze, 3, chiude Milano con un unico 5 stelle. Seconda la Francia (28) che però conferma Parigi meta da sogno, con ben nove 5 stelle. Distanziate, invece, la Germania con 8 premi e la Svizzera con 7.

Un ingresso trionfale per l’Italia nella Forbes Travel Guide. Ritenuta a livello mondiale punto di riferimento assoluto per il turismo di lusso, infatti, la guida statunitense ha incluso solo da quest’anno nel suo star rating le destinazioni europee di Francia, Germania, Svizzera e Italia, quelle asiatiche di Hangzou e Taipei, e Bermuda nell’Atlantico.

Forbes Travel Guide, quindi, attualmente valuta proprietà in 29 paesi nelle Americhe, in Europa e nell'area Asia-Pacifico e prevede di raddoppiare questa cifra il prossimo anno con l'espansione nel Medio Oriente e in Africa. Gli hotel vincitori del premio Five-Star 2016 sono 154 in totale, quasi tutti presenze storiche di Forbes Travel Guide. La guida continua il suo esclusivo processo di selezione per assegnare alle proprietà più raffinate nei mercati valutati un riconoscimento, tra i più prestigiosi del settore, che premia il servizio gentile e intuitivo.

Oltre agli hotel vincitori del premio Five-Star, hanno ottenuto l'ambito riconoscimento Five-Star di Forbes Travel Guide due nuovi ristoranti e due nuove spa, portando il numero totale di strutture premiate con le cinque stelle nelle due categorie, rispettivamente, a 56 e 47.

"Siamo felici di annunciare i vincitori del riconoscimento Star Rating 2016, uno straordinario gruppo di hotel, ristoranti e spa", afferma Gerard J. Inzerillo, amministratore delegato di Forbes Travel Guide. "Queste proprietà definiscono uno standard inappuntabile di eccellenza nel settore dell'ospitalità in un momento in cui il proliferare di voci che affermano di fornire valutazioni imparziali online è in rapida crescita. Senza dubbio, le strutture valutate da Forbes Travel Guide non presentano alcuna ambiguità: basate su una serie di standard rigorosi, sviluppati e rifiniti nell'arco di sessant'anni, le nostre valutazioni sono ora accettate e apprezzate in tutto il mondo. Siamo orgogliosi di congratularci con i proprietari, i direttori e i loro team e con ogni persona legata alle prestigiose proprietà premiate oggi. Insieme, aiutiamo i consumatori esigenti a decidere al meglio per i loro viaggi di lusso nel mondo".

Forbes Travel Guide ha inoltre insignito un totale di 410 hotel Four-Star, 187 ristoranti Four-Star e 180 spa Four-Star, oltre a 159 hotel Recommended e 68 ristoranti Recommended nei mercati valutati, ossia Stati Uniti, Canada, Messico, Caraibi, Bermuda, Buenos Aires, Cascate di Iguazu, Rio de Janeiro, Sao Paulo, Costa Rica, Home Counties inglesi, Londra, Costa Azzura, Parigi, Berlino, Firenze, Milano, Roma, Ginevra, Bangkok, Beijing, Guangzhou, Hangzhou, Hong Kong, Macao, Shanghai, Singapore, Taipei e Tokyo.

bullet

L'Italia ottiene un ottimo risultato, con otto hotel insigniti del riconoscimento Five-Star nel primo anno in cui il paese entra tra le destinazioni valutate. Roma rimane una destinazione di lusso privilegiata, con quattro hotel Five-Star (Hotel de Russie, Hotel Eden, Hotel Hassler Roma, J.K. Place Roma). Firenze conquista tre premi Five-Star (Four Seasons Hotel Firenze, Hotel Savoy, Portrait Firenze) e Milano ne ottiene uno (Mandarin Oriental, Milano).

Per visualizzare l'elenco completo dei destinatari delle valutazioni Star Rating 2016 di Forbes Travel Guide, visita http://www.forbestravelguide.com/about/forbes-travel-guide.

Milano, 24 febbraio 2016

 

BIT 2016: PUGLIA, ecco le 6 TOP DESTINATION elette dai giornalisti

 

I giornalisti e gli opinion leader internazionali e nazionali esperti di moda e turismo eleggono Alberobello, Castellana Grotte, Oria, Melendugno, Castro e Nardò le 6 TOP DESTINATION DELLA PUGLIA da non perdere per le prossime vacanze primavera estate 2016 in un viaggio lento e senza tempo dalla Vale d’Itria al Salento dal titolo “Puglia, il sapore della vita”.

A promuovere la bellezza di questi luoghi alla BIT DI MILANO 2016 appena conclusa sono stati il sindaco di Castellana Grotte, Franco Tricase e il presidente di Castellana Grotte srl, Domi Ciliberti, i vicesindaci di Oria e Alberobello, Egidio Conte e Daniela Salamida con il presidente dell’Associazione Arteca, Carmelo Sumerano per il Museo vivente del trullo, gli assessori al turismo di Melendugno e Nardò, Anna Elisa Prete e Maurizio Leuzzi, il consigliere delegato al turismo di Castro Pasquale Rizzo con la presidente della Pro Loco Maria Coluccia. A fare gli onori di casa il vicepresidente dell’Associazione regionale pugliesi, Giuseppe Selvaggi.

Tre le esperienze da fare: una vacanza a Iberotel Apulia (www.iberotel-apulia.com) presentato dalla responsabile marketing, Mariangela Giannuzzi, che fa del benessere a tutto tondo la sua mission aziendale, un bicchiere di vino o di spumante di negroamaro della Tenuta Marano di Guagnano, di cui hanno parlato il responsabile commerciale, Nicola Pulpo e la presidente, Rosa Marano (www.tenutamarano.it) e le ceramiche di Maria Teresa Gigante della bottega d’arte l’Arca di Noè in via Acaya a Lecce. Partner Semar Viaggi tour operator (www.semar-viaggi.it).

Gli amministratori hanno presentato la bellezza dei loro territori nel corso di ben due conferenze stampa, organizzate e moderate dalla giornalista Carmen Mancarella, direttore della rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge (www.mediterraneantourism.it) che ha svolto in soli otto anni con l’aiuto di Comuni, Assessorato al turismo della Regione Puglia, Pugliapromozione, Gal e partner privati, ben 35 educational per giornalisti, ospitandone ben 700 (con una media di circa 20 a press tour).

Affollatissime le conferenza stampa. Al Circolo della Stampa nella sala Tobagi c’erano 200 giornalisti. Tutte esaurite le cartelle stampa. Alla Bit invece erano oltre 50, tutti esperti di moda e turismo.

A fare da testiomonial alla conferenza stampa in Bit è stato, a sorpresa, il cantautore Eugenio Finardi che ha raccontato ai giornalisti quanto sia innamorato della Puglia, dopo aver firmato da direttore artistico l’evento Natale nelle Grotte per conto di Castellana Grotte srl.

Ma entriamo subito nel vivo del viaggio ed andiamo nel Salento dei due mari.

FRIZZANTE COME IL MAR ADRIATICO; FERMO COME IL MAR JONIO.

Per conoscere la cultura e la coltura del vino di negroamaro che è frizzante come il Mare Adriatico sempre mosso dai venti e fermo come il mare Jonio andiamo a Guagnano dove c’è la Tenuta Marano, voluta dall’imprenditore Salvatore Marano che ha investino nel Salento e in particolar modo a Guagnano: zona di grandi cantine che esportano vino in tutto il mondo (ben sette su appena 6mila abitanti!) e che sorgono nel mare verde dei vigneti (www.tenutamarano.it). Tenuta Marano produce vini di grande pregio come il rosso Raritas, Salice salentino dop, il None, rosato igp, il primitivo Ameno, rosso igp e i tre spumanti di negroamaro Carlo V, extra brut, extra dry e dolce ed è in procinto di aprire il primo spumantificio del Salento. E se le bollicine sono frizzanti come il mar Adriatico sempre scosso dai venti, i vini rossi e rosato sono fermi come il Mar Jonio, quasi sempre placido con cinque gradi di temperatura in più.

IBEROTEL E LA FILOSOFIA DELL’ANTISTRESS

E per dormire il meglio è a Iberotel Apulia a Ugento (www.iberotel-apulia.com) un ecoresort lambito da una spiaggia dai colori azzurro intenso a lido San Giovanni, marina di Ugento divenuta capitale mondiale dell’antistress perché è riferimento di altri 14 resort sparsi in tutto il mondo per l’aggiornamento nel campo del benessere. E’ a Iberotel Apulia che ha sede infatti l’Antistress Accademy. Tra il 14 maggio e il 4 giugno e tra il 10 e il 30 settembre arriveranno a Iberotel Apulia i maggiori esperti del benessere e dell’antistress, mentre tutti i trattamenti benessere e le attività sportive saranno all inclusive per chi deciderà di prenotare in quelle date.

www.iberotel-apulia.com  https://www.youtube.com/watch?v=JCl0rDq6aG8   https://www.youtube.com/watch?v=HSc0Em0zM2Y

ALBEROBELLO LA CULTURA DEI TRULLI

E IL PRIMO MUSEO VIVENTE DEL TRULLO

ALBEROBELLO – Il nostro viaggio parte da Alberobello, nella Valle d’Itria, patrimonio mondiale dell’Umanità Unesco. Alberobello è conosciuta universalmente per i suoi trulli: costruzioni architettoniche uniche al mondo e straordinario esempio di come le strutture apparentemente più semplici, si rivelano anche le più ingegnose. Le sue caratteristiche peculiari, unitamente al fatto che gli edifici sono tuttora abitati, rendono unico il sito, che rappresenta un vestigio eccezionale di tecniche costruttive antiche, in un paese riconosciuto come una delle più importanti regioni del mondo in relazione all’architettura di pregio e all’urbanistica. Ma la cultura di un luogo non si manifesta solo negli aspetti materiali ma anche negli aspetti immateriali, che si trasmettono di generazione in generazione attraverso la lingua, la musica, il teatro, i comportamenti, la gestualità, le pratiche i costumi e molte altre forme sociali e culturali. Alberobello risulta per questo, essere iscritta anche nella prestigiosa World Heritage List per gli aspetti immateriali della sua cultura locale. Alberobello è quindi testimonianza dell’eccezionalità di un passato sopravvissuto intatto, con le sue tradizioni culturali e architettoniche, nel mondo moderno.

Raccontare Alberobello attraverso un video "Alberobello Unesco World Heritage Site” e sognare di essere in questo paese da favola. Per restare aggiornati seguite tutti gli eventi sulla pagina Facebook Ufficiale del Comune: Comune di Alberobello Capitale dei Trulli

C’è grande voglia di fare sistema, costruire un'immagine comune e condivisa del nostro paese da presentare agli operatori e ai tour operator nazionali ed internazionali - ha dichiarato l'assessore al Turismo e vice Sindaco di Alberobello Daniela Salamida. Alla Bit proporremo Alberobello come destinazione turistica, come paese capace di accogliere il visitatore e coinvolgerlo in eventi, proposte e iniziative a sostegno di un turismo esperienziale. La Bit - conclude Daniela Salamida - sarà il luogo ideale per presentare il costituendo Polo Culturale Esperienziale, all’interno del quale, ben si colloca, il “Museo Vivente del Trullo” progetto proposto dalla associazione Arteca per raccontare una Alberobello incontaminata, da scoprire, in uno dei rioni più suggestivi: L’ Aia Piccola”.

MUSEO VIVENTE DEL TRULLO

Un passato che si vuole far rivivere attraverso il “Museo Vivente del Trullo” da realizzare nel Rione Aia Piccola. Il progetto della Associazione Alberobellese Arteca sarà presentato alla BIT 2016. Un museo vivente aperto al pubblico, un itinerario turistico culturale in cui la gente, gli alberobellesi ma soprattutto i visitatori, potranno ammirare gli abitanti di oggi vestiti come quelli di due secoli fa e immergersi nella vita e nelle attività del’epoca. Un percorso nella storia, in cui il pubblico ammira i trulli che per il “Museo Vivente” tornano ad essere botteghe e ambienti domestici, corredati da utensili e attrezzi originali. Il Rione Aia Piccola è il luogo perfetto per far rivivere l’antica atmosfera della vita quotidiana degli inizi dell’Ottocento. Guide e attori diventano gli artigiani, i contadini, le donne, i bambini, i venditori del tempo che con gesti e costumi tipici, introducono il visitatore nella storia e nel contesto ambientale di allora. Il percorso museale riproduce alcuni mestieri e scene di vita quotidiana tipici della tradizione, per ricreare un’atmosfera e una dimensione ormai lontane e dimenticate ma fortemente riflesse ancora oggi nel modo di vivere quotidiano dei pugliesi. 

www.artecalberobello.it https://www.youtube.com/channel/UCMlvpqcWLXr3QXHKh9Ok9TA

bullet

bullet

CASTELLANA GROTTE EMOZIONI SEMPRE NUOVE GRAZIE AI GRANDI EVENTI

A pochi chilometri da Alberobello, si trovano le Grotte di Castellana, situate alle porte della Valle d’Itria. Si aprono nelle Murge sud orientali a circa 1,5 km dal Comune di Castellana Grotte.

Le Grotte di Castellana custodiscono da più di 90 milioni di anni un luogo incantato dove la natura ha generato scenari di inimmaginabile bellezza. Opere uniche, modellate dalla forza dell’acqua e celate nel buio grembo della Terra. Stalattiti, stalagmiti, concrezioni dalle forme più insolite e dalle suggestive sfumature di colore, si alternano in una continua danza ritmata dallo stillicidio che, ancora oggi, continua a nutrire tanto splendore.

Da 77 anni, oltre 15 milioni di visitatori hanno potuto ammirare i tre chilometri di percorso sotterraneo che terminano con la meravigliosa Grotta Bianca, un’ampia caverna unica al mondo per il totale candore.

Le Grotte di Castellana sono aperte tutto l’anno e offrono visite accompagnate da guide professioniste anche in lingua inglese, tedesca e francese, oltre all’italiano. La visita completa ha un costo di 15€ e sono previste riduzioni per gruppi e convenzionati.

Le Grotte di Castellana sono state, inoltre, riconosciute le uniche grotte accessibili d’Italia grazie al progetto C. A. S. A., un’equipe di operatori specializzati, formati appositamente per far vivere a tutti i visitatori che presentano forme di disabilità le emozioni sensoriali dell’ambiente ipogeo, garantendo la massima sicurezza.

Unica anche la possibilità di esplorare le Grotte di Castellana vivendo le emozioni dei primi scopritori grazie a Speleonight, una visita sensoriale su prenotazione che si effettua al buio, equipaggiati di caschetto e luce frontale. Un’esperienza mozzafiato per ammirare le grotte guidati dall’esperienza di veri speleologi.

Le Grotte di Castellana offrono anche la possibilità di vivere emozioni uniche grazie ai grandi eventi che vengono organizzati ciclicamente all’interno dell’ampia Caverna della Grave; uno scenario di incomparabile bellezza che ha già fatto da sfondo a concerti musicali con artisti del calibro di Vinicio Capossela, Gino Paoli, Nada, Ron, Servillo, oltre ad eventi culturali di grande spessore, tra cui Stefano Benni e Luca Bianchini. Da alcuni anni, inoltre, le Grotte di Castellana ospitano Hell in the Cave, il più grande spettacolo sotterraneo al mondo arricchito da stupefacenti danze aeree e fantastiche scenografie. Ispirata alla Divina Commedia di Dante Alighieri, è sold out ad ogni replica. Ha riscosso inoltre grande successo l’evento Presepi in Grotta e la rassegna “Natale nelle Grotte” con la direzione artistica di Eugenio Finardi. Grandi artisti della musica e del teatro si sono esibiti in Grotta. Unica la rappresentazione di Medea, che recitata al buio, aiuta i visitatori a sentire le grotte come un organismo vivente, provando emozioni uniche.

Vivere le Grotte di Castellana significa immergersi in una esperienza capace di coinvolgere ogni senso, significa ritrovare profonde emozioni legate a memorie ancestrali, significa riscoprire l’essenza della bellezza, incontaminata e pura. E non solo.

Oggi, le Grotte di Castellana, sono un mondo da scoprire e riscoprire ogni giorno dell’anno.

https://www.youtube.com/watch?v=oFJQoNofDN8

Viste le Grotte, vale la pena fare un giro nel centro storico di Castellana, borgo medioevale dominato da una cattedrale romanica e che in pieno inverno, l’11 gennaio, si illumina con i fuochi delle Fanove: quasi cento falò vengono accesi contemporaneamente per ricordare il miracolo della Madonna della Vetrana, che salvò i cittadini di Castellana dalla peste.

ORIA FESTEGGIA I PRIMI 50 ANNI DEL TORNEO DEI RIONI.

Nel cuore della Puglia, Oria. La città che sorge su tre colli è dominata dal castello federiciano, racchiuso in un borgo medioevale dalla incomparabile bellezza. Unico è il quartiere ebraico da cui si accede attraverso la Porta degli Ebrei con le sue viuzze. Qui nacque un grande della Farmacologia, il medico Shabbataj Donnolo cui è dedicato uno dei due ospedali di Tel Aviv.

Ogni estate e quest’anno eccezionalmente anche il 15 maggio Oria ricorda l’arrivo di Federico II di Svevia, avvenuto realmente nel 1225. L’imperatore attese infatti a Oria la sua sposa che arrivava dall’Oriente, Jolanda di Brienne, che avrebbe poi sposato nel Duomo di Brindisi nel novembre dello stesso anno. Nell’attesa Federico II, che amava cacciare nella grande foresta oritana, bandì il torneo dei rioni con giochi e combattimenti: un evento che quasi 800 figuranti ricordano ancora oggi con lo spettacolare Torneo dei Rioni. Per festeggiare il 50enario della manifestazione l’appuntamento è tra il 14 e il 15 maggio, quando Oria si trasformerà in una città medioevale con cavalieri, dame e duelli nella Notte Bianca. Poi sarà celebrato il Torneo come ogni anno il primo week end di agosto. https://www.youtube.com/watch?v=4HjqM3UuKGA

MELENDUGNO.

Arriviamo ora sulla costa adriatica. Ad appena 20 chilometri da Lecce e venti da Otranto, affacciato sul mare si trova Melendugno. Morbide e bianche spiagge caratterizzano il suo territorio con le sue cinque marine Bandiera Blu e Cinque Vele di Legambiente: Torre Specchia Ruggeri, San Foca, Roca Vecchia, Torre dell’Orso e Torre Sant’Andrea. Tutte dominate da una torre di guardia, voluta dall’imperatore Carlo V su tutte le coste pugliesi per difendere il territorio dall’attacco dei turchi, le spiagge sono punteggiate da alte dune, ricoperte di gigli selvatici e protette dalle pinete.

La spiaggia più bella, anche se d’estate è affollatissima, è Torre dell’Orso, sempre placida e con acque trasparentissime: una baia di poco più di un chilometro le cui alte dune sono ricoperte da una pineta, come se fossero una chioma verde.

Racconta l’antica storia del Messapi, il popolo dei due mari che abitava il Salento, prima dell’arrivo dei Romani, il sito archeologico di Roca Vecchia, dove è stata rinvenuta nella grotta della Poesia piccola il Santuario del Dio Taotor messapico, Turor latino e Tahotor greco, cui i naviganti della Terra d’Otranto rivolgevano preghiere prima di attraversare il Canale d’Otranto.

Poco distante c’è la Grotta della Poesia Grande, che il National Geographic ha decretato essere tra le prime dieci piscine naturali più belle al mondo.

Un colpo d’occhio poi sono i faraglioni di Sant’Andrea, che con le loro mille forme dominano il mare limpido e cristallino: la Sfinge nel piccolo villaggio dei pescatori, l’Italia con la tipica forma di Stivale e lu Pepe un arco, sotto cui è bello passare a nuoto.

LA PRIMA SPIAGGIA ATTREZZATA PER I DISABILI. Inaugurato l’estate scorsa ecco il primo lido attrezzato per i disabili. A realizzarlo l’Associazione Io Posso sulla spiaggia principale di San Foca Le Fontanelle con il contributo di Comune di Melendugno e partner privati. Un progetto straordinario, primo in Italia, che con passerelle adeguate, dà la possibilità alle persone malate di Sla e diversamente abili di fare il bagno in libertà. https://www.youtube.com/watch?v=31v8rQOlJ

CASTRO, GROTTA ZINZULUSA, BORGO MEDIOEVALE E LA STRAORDINARIA SCOPERTA DELLA STATUA ATENA ILIACA

Castro è così bella che viene definita la Perla del Salento. Si affaccia su un mare limpido e cristallino e i servizi sono così avanzati e rispettosi dell’ambiente da aver ottenuto per ben cinque anni consecutivi l’importante riconoscimento del Fondo europeo per lo sviluppo e per l’ambiente BANDIERA BLU.

Se Castro Marina si caratterizza per il suo mare limpido e cristallino, Castro Alta è un borgo medioevale dall’incomparabile bellezza arroccato su un’altura-balconata da cui si domina il mare.

IL RITROVAMENTO DELLA STATUA MINERVA

E’ qui sull’acropoli che quest’estate è avvenuto un importante ritrovamento: la Statua della Dea Athena Iliaca del IV secolo avanti Cristo di cui era stato trovata nel 2008 una piccola statuina in bronzo.

Lì si trovava il suo tempio dove avvenivano gli scambi commerciali nel mondo antico.

Secondo il professore Francesco D’Andria che ha guidato la campagna di scavi, Castro era infatti un importante EMPORIO, dove tutti i commercianti del Mediterraneo si ritrovavano riconoscendosi sotto una civiltà e una fede comune.

AUMENTANO I TURISTI

Il ritrovamento della statua ha fatto aumentare il numero di viaggiatori a Castro. Sono infatti aumentate sia le visite della Grotta Zinzulusa che rappresenta il fiore all’occhiello della marina, che le visite nel centro storico dove è possibile fare sosta nel museo archeologico all’interno del castello aragonese che sarà inaugurato in primavera.

IL BIGLIETTO UNICO

L’amministrazione comunale ha ideato il biglietto unico. Che permetterà di visitare la Grotta Zinzulusa e il centro storico guidati da guide esperte del luogo.

BIT 2016 :    DESTINAZIONE MARCHE

  

A poco più di 3 ore di treno da Milano, le Marche si candidano a essere una meta da scoprire lontana dal caos delle grandi città, che grazie al primato della longevità dovuto a regole di sana alimentazione e a km.0 da parte dei residenti, assume anno dopo anno il ruolo di destinazione che coniuga la qualità della vita e della vacanza con l'arricchimento personale grazie allo straordinario patrimonio culturale diffuso e alle esperienze autentiche che è possibile vivere.

Attraverso una forte sinergia tra Regione, operatori incoming e sistema imprese-accoglienza-eventi del territorio, la Regione Marche, sulla scia di una stagione turistica che ha visto aumentare i flussi turistici soprattutto stranieri, sviluppa per il 2016 una promozione mirata del brand e di #destinazionemarche : le Marche, la regione più longeva d’Europa grazie all’elevata qualità della vita, all’ottimo livello del sistema agroalimentare connesso al sistema storico e culturale millenario, solido e affascinante (basti pensare ai 400 musei, 72 teatri storici, alle centinaia tra abbazie, monumenti, piazze nelle città storiche della regione).

   

Grazie al sostegno costante allo sviluppo rurale, alla qualità agroalimentare certificata e alla sostenibilità dell’ambiente, le Marche sono in seconda posizione nella classifica della Green Economy 2014, stilata da Fondazione Impresa-Studi sulla piccola impresa; conservano un alto numero di borghi Bandiera Arancione (19), dei Borghi più belli d’Italia (22) e di Bandiera Blu (17); continuano a preservare le aree verdi occupate da 2 parchi nazionali e 4 parchi regionali certificati con l’ ambita Carta Europea del Turismo Sostenibile.

L’immagine delle Marche che si propone per il 2016 è quindi quella di un modello di sviluppo integrato, di una modernità dal volto umano, in cui il benessere non si misura solo in termini di Prodotto interno lordo, ma tiene conto di una serie di indicatori che mettono al centro la persona, la sua salute, la dignità di individuo.

Una regione cosmopolita, che ha radici antiche, pronta ad offrire al mercato globale proposte turistiche attraverso i cluster tematici individuati: il mare, Marche in blu; la cultura, The Genius of Marche; la natura Parchi e natura attiva; il benessere del cuore e della mente, Spiritualità e meditazione; l’eccellenza del gusto e della creatività, Made in Marche. Gusto a km. 0 e shopping di qualità e la ruralità, la vita rurale, Dolci colline e antichi borghi.

Nel segno dei sei cluster turistici gli operatori incoming propongono pacchetti e offerte in chiave esperienziale finalizzati a far conoscere la regione in occasione di EXPO; sono consultabili in tempo reale sul sito www.turismo.marche.it con possibilità di booking on line. Un servizio gratuito messo a disposizione della Regione Marche per offrire al turista pacchetti vacanza articolati nei vari cluster tematici. I pacchetti sono consultabili anche tramite le app e sono pubblicizzati attraverso azioni mirati anche tramite il Sistema di Social Network di Marche. Ad oggi sono più di 150 i pacchetti turistici disponibili nel sito www.turismo.marche.it proposti dagli operatori incoming Marche regolarmente iscritti alla banca dati regionale.

Poiché il marketing turistico si sta evolvendo verso una sempre maggiore diversificazione dell’offerta per motivazione e target obiettivo, per rispondere a questa esigenza la Regione Marche favorisce l’aggregazione di operatori del ricettivo capaci di offrire servizi e attenzioni al cliente trasversali ai cluster tematici con l’obiettivo di sviluppare strategia di marketing legate alle esperienze territoriali e ai target di riferimento. Ecco quindi sette network di prodotto per posizionare sul mercato specifici prodotti turistici aggregati secondo un’ottica di targettizzazione strategica:

bullet

Family: destinate alle famiglie con servizi a loro dedicati

bullet

Cultura: vivere e scoprire la cultura diffusa

bullet

Trekking: per chi cerca pace e spazi incontaminati

bullet

Bike: uno dei modi più piacevoli per percorrere il territorio marchigiano

bullet

Benessere: per concentrarsi sulla propria qualità della vita, sul proprio benessere, rigenerando il corpo e lo spirito

bullet

Business: ambienti raffinati dove il turista “business” potrà rilassarsi dopo una giornata di intenso lavoro

bullet

Meeting: strutture alberghiere, dimore storiche, castelli e teatri storici attrezzati per l’attività convegnistica

Attualmente hanno attivato la procedura di adesione oltre 100 strutture visibili nel sito istituzionale www.turismo.marche.it .

Nelle foto momenti della serata di presentazione delle Marche, svoltasi presso la Fondazione Enrico Mattei.

Milano, 13 febbraio 2016           

Supersano, nati per il Carnevale Sfila tutto il paese

 

Duemila abitanti sfilano, gli altri duemila sono comunque coinvolti perché hanno preparato abiti e carri o movimentano i personaggi di cartapesta e fanno i dj. Sfila tutto il paese a Supersano, 4000 abitanti, nel cuore del Salento. La Festa è stata inaugurata ufficialmente il 31 gennaio scorso e proseguirà ancora domenica 7 febbraio, per concludersì il Martedì Grasso, 9 febbraio.

Proprio perché il Carnevale è molto sentito, vi capiterà di incontrare intere famiglie con i neonati e i fratelli più grandicelli in maschera. Molto curati gli abiti e divertenti i temi. Quest’anno ad aprire la sfilata sono Le Girandoline di Casa Gioiosa, il gruppo dei piccoli con mamme e papà. Segue il gruppo dei giovani con l’invito a non smettere mai di sognare.

Molto divertente e dal forte messaggio (in tempi di terrorismo) il Gruppo Tutti insieme appassionatamente per la pace (Lorenzo Contini): si incontrano i religiosi di tutto il mondo, dai musulmani ai buddisti per dichiarare la convivenza pacifica. E c’è anche il Papa, circondato dalle Guardie svizzere e dagli ebrei con i greco-ortodossi.

Tanta gioia sul volto dei bambini dell’Associazione I Colori del Vento onlus, la cui carrozzella è stata trasformata, in modo molto divertente e funzionale, in astronavi che aprono il gruppo degli Extraterrestri a cui partecipano tutti: Saluti dalla spazio, le fragole maturano anche qua.

               

Il Paese dei balocchi con il gruppo Italia apri gli occhi… siam mica il paese dei balocchi (Di Seclì-Tarsilla) invita a sognare ma anche a riflettere su come vengono trattati gli italiani, che si lamentano, si lamentano…. Ma poi lasciano correre tutto. E in omaggio a Pinocchio ecco la festa con le farfalle, i grandi lecca-lecca e tanti abiti molto curati. Apre il gruppo naturalmente il grillo parlante.

Fuoco, Aria, Terra e Fuoco sono i quattro elementi della vita a cui si sono ispirati gli abiti del Gruppo Telemaco Melcore, molto curati con intere famiglie coinvolte.

Del resto le maschere sono espressione dell’alta sartoria italiana che ancora oggi sopravvive qui a Supersano, in tempi di made in China. Infatti tutte le sarte del paese lavorano fino a notte fonda per preparare a mano e con grande cura dei dettagli gli abiti.

Non a caso Supersano con la vicina Ruffano vanta una lunga tradizione sartoriale: è infatti la città dove si confezionano artigianalmente gli abiti da sposa. Annamaria Cacciatore di Supersano è la firma più affermata.

Ed ecco poi, chiudere la sfilata i ragazzi dei Minions, i personaggi cattivelli che hanno avuto così tanto successo con un bellissimo carro in cartapesta.

Abbiamo il Carnevale nel dna”, spiega l’assessore al turismo Sandro Negro. “I ragazzi lavorano sin da agosto per preparare i carri in cartapesta tanta è la voglia di fare bene e divertirsi”.

Arrivati in piazza alla periferia del paese i gruppi mettono in scena il loro messaggio, recitano, danzano e animano tutta la piazza coinvolgendo il pubblico.

 

   

Consigliamo di arrivare a Supersano sin dal mattino o anche la sera prima, per farsi un week end. In attesa del Carnevale infatti si può fare una sosta golosa nelle tante trattorie e masserie del paese, che, incorniciato da una bellissima pineta, è conosciuto per il suo bosco, che sorge sulla Serra salentina a 106 metri sul livello del mare (l’unica altura della pianura Salento) dove si può visitare la Cripta di Coeli Manna, la Madonna dagli occhi a Mandorla, simbolo della civiltà bizantina. Al bosco e ai suoi abitanti è dedicato un museo all’interno del Comune (www.museodelbosco.it).

Da non perdere il buon olio extravergine di oliva prodotto in zona e il pane con tutti i prodotti da forno dei panifici artigianali, molto ricercati.

Supersano è un paese divertente e da mangiare.

Per info:   www.museodelbosco.it  www.comune.supersano.gov.it  www.mediterraneantourism.it 

Cavallino,  febbraio 2016   Carmen Mancarella

Iberotel Apulia capitale mondiale Dell’antistress

 

Iberotel Apulia capitale mondiale dell’antistress. Tra il 14 maggio e il 4 giugno e tra il 10 e il 30 settembre 2016 tutti i suoi ospiti potranno usufruire di trattamenti benessere gratuiti e all inclusive.

L’obiettivo? Benessere fisico e serenità mentale per ricaricarsi prima di affrontare il cambio di stagione. Niente di meglio che una pausa dedicata interamente a se stessi in un contesto naturale unico. Il resort infatti sorge nel cuore del Parco regionale litorale di Ugento e, costruito in pietra leccese dura, il carparo (da distinguersi dalle pietra morbida del barocco), interpreta l’anima del Salento: tutte le camere che vanno dalla standard alla suite si affacciano sulla tipica corte salentina dove una volta si faceva vita di vicinato e sono immerse nel silenzio di una pineta lussureggiante, che fa da chioma al mare limpido e cristallino.

Iberotel Apulia (www.iberotelapulia.com) è anche un ecoresort: prodotti a chilometro zero, riutilizzo delle acque, riduzione di immissioni di anidride carbonica nell’aria, raccolta differenziata e azzeramento dell’uso della plastica. Fattori che gli hanno fatto meritare il titolo di Campione ambientale Tui (Tui Umwelt Champion) e Gold TraveLife Award.

Basterà già una passeggiata sulla spiaggia per rigenerarsi: al tramonto con il sole che si tuffa nel mare oppure di buon’ ora, all’alba, tra le gocce di rugiada e la natura che si risveglia. Straordinario poi il parco piscine con acqua riscaldata, idromassaggi e gli scivoli per il divertimento di tutti, grandi e piccini.

Ma per i palati più esigenti, mentre i bambini e gli adolescenti si divertono al mini-club o all’anfiteatro, ecco ogni giorno a scelta corsi di yoga, pilates, meditazione, fitness e lifting gym®, la ginnastica facciale che viene considerata alternativa al bisturi. E in una terra che viene definita il luogo di incontro tra Oriente e Occidente non potevano mancare le discipline orientali: il qi gong, che, ispirandosi alla medicina cinese e alle arti marziali, punta al potenziamento dell’energia interna con pratiche di meditazione, concentrazione mentale e controllo della respirazione. Lezioni anche di Tai Chi, la la boxe cinese, che viene praticata in Occidente come medicina preventiva.

 

Ma ci si può divertire anche con il nordic walking, la camminata con i bastoni simili a quelli da sci, lezioni di golf con la ginnastica a corpo libero e con attrezzi (la easy line) e infine con smovey, una tecnica di profondo rilassamento e divertimento che utilizza musica e gli anelli vibranti per armonizzare gli emisferi cerebrali.

Nella Spa, inoltre, si potrà godere dei trattamenti benessere, su richiesta (non inclusi), mirati a soddisfare ogni singola esigenza.

A tavola piatti bilologici e vegetariani, centrifugati e spremute di frutta fresca per tutta la giornata.

Il 22 maggio i massimi esperti mondiali del benessere, guidati dall’antistress coach Simon Elliot, si daranno convegno per confrontarsi e sperimentare le nuove tecniche del relax per migliorare sempre di più l’offerta ai propri clienti.

              

Iberotel infatti è sede permanente dell’Antistress Academy, cui fanno riferimento altri altri 14 resort tutti cinque stelle che, al mondo, hanno scelto la filosofia dell’antistress: dall’Indonesia alla Grecia, da Cuba alle isole Fiji, dalla Polinesia francese all’Indonesia passando per Ucraina, Riviera francese, Austria, Cuba, Marocco, Cina, Malesia e Messico (www.antistressresorts.com). Tutti i 14 resort hanno come riferimento l’Antistress Academy dell’Iberotel Apulia per aggiornarsi e offrire sempre il meglio ai propri ospiti.

Tra il 14 maggio e il 4 giugno 2016 e tra il 10 e il 30 settembre 2016: promozioni speciali all inclusive

Iberotel Apulia Antistress Resort **** Via vicinale Fontanelle Casella Postale 106 73059 Marina di Ugento (LE)

tel +39 0833 93 10 02 fax. +39 0832 93 36 46 www.iberotelapulia.com info@iberotelapulia.com https://www.youtube.com/watch?v=HSc0Em0zM2Y

Cavallino, 22 gennaio 2016   Carmen Mancarella


A Milano le aziende agroalimentari e artigianali dell’area del GAL Colline Ioniche

 

       

 

IL GAL Colline Ioniche, in collaborazione con L’associazione La Tavola Italiana ha presentato un proprio spazio presso il mercato di Natale del Darsena Christmas Village dal 4 dicembre

L’incontro dal titolo: “La promozione presso i mercati di Natale di Milano delle aziende agroalimentari e artigianali dell’area del GAL Colline Ioniche” è stata l’occasione per presentare al capoluogo lombardo, alle Istituzioni, alla stampa, agli imprenditori e al pubblico il GAL e i prodotti artigianali e agroalimentari delle aziende del territorio delle Colline Ioniche.

 2015 al 6 gennaio 2016 in cui sono in degustazione e vendita i prodotti delle aziende del territorio. L’incontro vuole essere uno strumento per approfondire le particolarità uniche e artigianali dei prodotti dei comuni di Carosino, Crispiano, Faggiano, Grottaglie, Monteiasi, Montemesola, Monteparano, Pulsano, Roccaforzata, San Giorgio Jonico, Statte ed estendere anche per tutto l’anno la presenza e la richiesta dei prodotti delle aziende rappresentate presso le aree Milanese e Lombarda.

Il Gruppo di Azione Locale Colline Joniche S.c.a.r.l ha sede a Grottaglie ed è una Società Consortile a Responsabilità Limitata, con un capitale sociale misto. E’ costituito da soci privati e pubblici che sono i Comuni di: Carosino, Crispiano, Faggiano, Grottaglie, Monteiasi, Montemesola, Monteparano, Pulsano, Roccaforzata, San Giorgio Jonico, Statte. Undici Comuni del tarantino, una popolazione di quasi 111.000 abitanti che rappresentano la forza dell’unione fra pubblico e privato per ottenere concreti obiettivi di sviluppo economico e sociale.

L’Associazione La Tavola Italiana promuove progetti artistici, culturali, imprenditoriali e multimediali capaci di dare vita a un viaggio esperienziale attraverso i sapori, i colori, le tradizioni culturali e artistiche di cui è ricca l’Italia. Prodotti d’eccellenza delle svariate tradizioni regionali che hanno trovato ampia descrizione nel documentario Ricchezza. La Tavola Italiana di Claudio Viola di cui l’Associazione è stata promotrice e produttrice.

Nella successiva conferenza sugli obiettivi e strumenti del Progetto di collaborazione tra il GAL Colline Ioniche e l’Associazione La Tavola Italiana si è parlato delle opportunità della promozione a Milano, in Lombardia e in tutta Italia dei prodotti locali, anche al fine di tracciare un ritratto delle Colline Ioniche, tra il cibo intellettuale, l’agricoltura, l’architettura del gusto e la tradizione dell’ospitalità. Presente anche uno spazio per mostrare il video promozionale del GAL Colline Ioniche e alcuni frammenti del documentario che descrivono le produzioni agroalimentari tipiche dell’area del GAL.

Milano, 20 dicembre 2015

Lech – un paese alpino che trova una strategia per un turismo di qualità.

       

Lech è un comune austriaco nella regione di Vorarlberg a un’altitudine compresa tra gli 1.450 e i 2.450 metri s.l.m., circondato delle montagne maestose e 350 chilometri di piste per sci di fondo, sci alpino e free ride. Ma non è solo un Eldorado degli sport invernali. Lech, dichiarato come paese con la più alta densità di ristoranti premiati è membro di “Best of the Alps”, l’esclusivo gruppo delle dodici più belle ed eleganti località alpine. Di quest’atmosfera mondana si godano gli amanti dello sport alpino e anche quelli che preferiscono le passeggiate nella neve e il wellness. E per acquistare qualche souvenir c’è anche un piccolo ma raffinato Mercatino di Natale a dicembre.

Lech non punta solo allo sport – da anni ci sono convegni dell’importanza Europea ed eventi culturali, come il “European Media Summit” con i corrispondenti di giornali all’estero sempre in Dicembre, il “Philosophicum Lech” con discorsi di filosofia – nel prossimo anno il convegno discute “Su Dio e sul mondo – discorsi filosofici in tempi difficili”. In più c’è un famoso raduno di auto d’epoca, e concerti - dalla musica alpina tradizionale a quella di jazz e di musica classica.

Lech non è il solito paese turistico delle Alpi ma ha cercato di sviluppare un profilo speciale – Oberlech per esempio è un paese senza macchine, l’architettura di legno sia tradizionale sia moderna (di zero energia) e l’offerta culinaria nei ristoranti si basa d i prodotti alpini. Non ci sono le strutture gigantesche, ma gli hotel offrono tutti servizi di qualità.

Per chi cerca l’armonia con la natura, una vacanza in estate offre il famoso “Anello Verde”, un circuito escursionistico lungo 125 chilometri lungo il fiume Lech, uno degli ultimi paesaggi fluviali incontaminati d’Europa. In più, Lech ha le Alpi più popolate da stambecchi e marmotte in una zona che è patrimonio dell’UNESCO. È un’esperienza indimenticabile osservare gli stambecchi su una montagna di 3047 metri! E per gli amanti dello sport agonistico ci sono una Mezza Maratona in Quota di Lech e il Triathlon Transvorarlberg.

Per ulteriori informazioni: http://www.lechzuers.com/vacanze-sci-in-austria?_ga=1.142273018.932939552.1449149494 ;

 http://www.lechzuers.com/estate-in-montagna-a-lech

Hall in Tirol (Innsbruck), 11 dicembre 2015      Eva Lichtenberger
 
Premio Fiandre 2015
   

Birra, un buffet con specialità dalle Fiandre, video a tema
gastronomico e pittura al cioccolato sono stati gli ingredienti
del Premio Fiandre 2015. 

VISITFLANDERS ha assegnato i premi ai collaboratori delle varie 
categorie. Nel comunicato tutti i premiati.
Si è tenuto giovedì 3 dicembre presso La Posteria di Milano il Premio Fiandre
2015, serata di fine anno organizzata da VISITFLANDERS – Ente del Turismo delle 
Fiandre per assegnare i riconoscimenti agli operatori professionali, media
online e offline e key influencer che si sono contraddistinti per come hanno 
raccontato e promosso la destinazione Fiandre.

Nel corso della serata, a tema Gastronomia e Birra, sono stati proiettati 10 
video girati in occasione di un blogger trip dal titolo #TasteFiandreEsperienza di Birra Belga, 
oltre a due video dedicati all’arte del cioccolato e 
delle patatine fritte, eccellenze gastronomiche delle Fiandre, realizzati in 
occasione di Expo Milano 2015.

Gli ospiti si sono inoltre dilettati nel corso della serata dipingendo con il
cioccolato, attività che strizza l’occhio al grande maître chocolatier Dominque 
Persoone. Ottime birre e specialità gastronomiche direttamente dalle Fiandre,
come i famosi gamberetti grigi, hanno condito la serata.
I premiati categoria per categoria:
In ambito Trade, il Premio Miglior Programmazione è andato al Tour Operator The 
One, per aver dato spazio e rilevanza a tutte le città d’arte, proponendo i 
pernottamenti sia nella capitale che a Bruges e a Gent e per aver esaltato la 
maestria nell’arte della birra e i birrifici.

Per la categoria Miglior Performance si è aggiudicato il premio Albatravel che 
nel 2015 ha registrato il maggior incremento di passeggeri italiani a Bruxelles 
e nelle Fiandre, tenendo anche conto del valore assoluto
VISITFLANDERS - Ente del Turismo delle Fiandre
Piazza S.M. Beltrade 2, I-20123 Milano – tel. 02 9738 1697 (ufficio stampa)
www.turismofiandre.it 

Vincitore del premio come Miglior Social Post è l’Instagramer Matteo Acitelli, 
che con la foto "Gent's Atmosphere” ha saputo cogliere in modo originale sia la 
destinazione sia il tema del viaggio, la luce, ottenendo un alto valore di 
engagement con gli altri utenti del canale.
Sempre in ambito online, per la categoria Miglior Blogpost si è aggiudicato il 
premio Luca Golinelli che sul blog Miprendoemiportovia.it, scritto a 4 mani con 
Elisa Paterilini, ha raccontato con passione e completezza di informazioni le 
Fiandre come una meta perfetta per gli amanti della birra nel post “Viaggio 
nelle Fiandre alla scoperta della migliore birra artigianale”.

Va a Massimo Dall’Argine il premio per il Miglior Servizio Fotografico dedicato 
alle Fiandre, per aver raccontato attraverso le sue splendide immagini i luoghi 
e persone legate al mondo birraio nelle Fiandre, a corredo dell’articolo di 
Carlo Bocchialini “Fiandre. Ci facciamo una birra?” pubblicato su Dove.
Infine, il premio per Miglior Articolo 2015 è stato attribuito a Gabriele 
Miccichè per “Anversa riscopre Rubens” pubblicato su Bell’Europa: un 
appassionante servizio dedicato alla città di Anversa e a uno degli orgogli 
della città, il pittore Rubens, in occasione della mostra dedicata ai Ritratti 
Privati del pittore.

Non poteva che essere a tema birra e cioccolato anche il premio consegnato ai 
vincitori: un’edizione magnum di birra fiamminga, accompagnata da un tipico 
bicchiere della birra Kwak insieme al famoso “Chocolate Shooter”, che ha reso 
celebre il maître chocolatier Dominque Persoone.
Milano,4 dicembre 2015
 


La biodiversità del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano in mostra a Milano

Si conclude #ilviaggiodiexpo del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano
nel Fuori Expo di Milano con l’ultima iniziativa che si terrà venerdì 23 ottobre presso il Mondadori Multicenter
di via Marghera, a partire dalle ore 18.00, tutta incentrata sulla eccezionale e singolare biodiversità dell’Area
protetta.
Organizzato in collaborazione con il Gal Akiris e il Gal La cittadella del sapere, due enti territoriali che
gravitano nell’area del Parco, il format dell’evento prevede un dibattito dal titolo “Biodiversità e Ruralità
nell’Appennino Lucano” che sarà seguito da una degustazione delle eccellenze gastronomiche di questa parte
di Basilicata ancora poco conosciuta.
Siederanno al tavolo dei relatori: il presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Domenico Totaro,
il presidente di Federparchi nazionale Giampiero Sammuri, il presidente del Gal Akiris e del Gal La cittadella
del sapere, rispettivamente Prospero Cassino e Franco Muscolino. L’importanza della biodiver sità presente

nel Parco, in alcuni casi rara, verrà approfondita dai tecnici che interverranno alla tavola rotonda: Antonio
Romano ricercatore dell’Istituto di Biologia Agroambientale e Forestale del Consiglio Nazionale delle Ricerche
(CNR), Susanna D’Antoni e Massimiliano Bianco del Dipartimento Difesa della Natura dell’Istituto Superiore
per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) ed infine, Elena Menegoni dell’Agenzia nazionale per le
nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA).
Moderato da Massimiliano Ossini, noto conduttore di trasmissioni RAI dedicate alla natura, il dibattito sarà
l’occasione per riflettere sull’eterogenea biodiversità del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, in
particolar modo di quella animale che vede la presenza del Lupo, della Cicogna nera, dell’Ululone dal ventre
giallo e della Salamandrina dagli occhiali. Uno degli attrattori di un Parco giovane. Non meno importante la
biodiversità vegetale. La convergenza di correnti floristiche, mediterranee e centro-europee, dovute al
periodo delle glaciazioni, ha determinato un complesso mosaico di vegetazione che, unito alla ricchezza di
specie endemiche, ha fatto di questa zona un'area di elevato valore scientifico.
Il ricercatore Antonio Romano interverrà al dibattito sulle tematiche relative agli ambienti acquatici artificiali
nell’ambiente rurale del Parco, da lui definito “un hot spot di biodiversità di anfibi”. “La conservazione degli
habitat acquatici di ridotte dimensioni è fondamentale per preservare la biodiversità del Mediterraneo, tanto
negli ambienti acquatici stessi quanto nelle aree terrestri limitrofe”, afferma Romano.
Una riflessione strutturata riguarderà anche la biodiversità forestale dei paesaggi lucani con un’attenzione
particolare ai cambiamenti climatici che si sono susseguiti, ma anche alle trasformazioni paesaggistiche
dovute agli insediamenti agricoli. “Nelle aree montane, a causa dell’aspra morfologia spesso anche a bassa
quota, la copertura forestale si è mantenuta ancora compatta, come nella val d’Agri. Inoltre, l’abbandono
dell'attività agricola e l’attuale bassa densità demografica locale ha portato nei territori montani e
submontani all’instaurarsi di stadi seriali di ricolonizzazione forestale che coinvolgono gli estesi
rimboschimenti effettuati a partire dagli anni ’20”, ritiene Pietro Massimiliano Bianco del Dipartimento Difesa
della Natura dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Sostiene, infatti, che la
scarsa presenza umana in questi territori in molti casi faciliti la diversificazione e la ricchezza della
biodiversità.
E sul rapporto tra la biodiversità e l’agricoltura ha compiuto studi e ricerche specifiche Susanna D’Antoni del
Dipartimento Difesa della Natura dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA)
nonché Consigliere del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, soffermandosi in particolare sull’agricoltura
sostenibile nelle aree protette e nei siti Natura 2000. “Lo sviluppo e il sostegno dell'agricoltura e della
zootecnia compatibile con la gestione e la conservazione della biodiversità nei siti Natura 2000 e nelle aree
protette costituisce una priorità e una sfida di carattere ambientale e sociale”, asserisce la D’Antoni.
A rafforzare l’importanza della conservazione della biodiversità per il territorio di un’Area protetta è il
presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, Domenico Totaro. “Motivi di natura ecologica,
economica, sociale e culturale, oltre che ragioni etiche, ci spingono a preservare la diversità biologica”,
sostiene Totaro. “La biodiversità può dare un grande contributo all’aumento del benessere umano. E’
necessario pertanto creare una “cultura della biodiversità” attraverso un’adeguata attività di
sensibilizzazione, informazione ed educazione. I Parchi sono in prima linea”, afferma il presidente del Parco.

Milano, 16 ottobre 2015

DUE ISOLE    

Scegliere un’isola del Mediterraneo dove trascorrere un periodo delle vacanze estive può non essere facile, data la varietà e la bellezza di moltissime tra quelle maggiori e minori del Mare Nostrum; se poi vogliamo sceglierne due, né troppo vicine né troppo lontane, la ricerca rischia di portarci verso mete inflazionate o troppo affollate. Noi abbiamo trascorso un paio di settimane a luglio dedicando cinque giorni all’isola di Hvar (Croazia) e altrettanti all’isola di Corfù (Grecia). Entrambe hanno soddisfatto le nostre aspettative: mare cristallino, spiagge stupende, molti luoghi d’interesse. Se poi aggiungiamo che sono mete facilmente raggiungibili dall’Italia, non particolarmente care e non affollate, almeno nel periodo che abbiamo scelto noi, Hvar e Corfù diventano un’accoppiata ideale.

Il nostro viaggio ha richiesto solo l’utilizzo della nostra auto e qualche prenotazione tramite Booking.com. Partenza da Milano, con due tappe: la prima a Trieste (sempre splendida!), la seconda a Sibenik (da non perdere il panorama dall’alto della fortezza di San Michele). Da qui ci siamo spostati verso il sud della Croazia per imbarcarci al piccolo porto di Drvenik, dopo Makarska. Anche da Spalato partono traghetti per Hvar, ma abbiamo preferito allungare il tragitto automobilistico – la strada è molto panoramica - e ridurre quello via nave (in questo modo anche la spesa del biglietto ovviamente diminuisce). Si giunge dunque a Sucuraj, nell’estremità dell’isola: l’unico problema è che bisogna percorrere ancora parecchia strada, una settantina di km, per giungere alla nostra meta, Stari Grad, che invece avremmo raggiunto direttamente col traghetto da Spalato. Ma non importa: si percorre così quasi tutta l’isola in lunghezza, ammirandone già la vegetazione e i panorami. L’isola è famosa per le coltivazioni di lavanda, e ovunque crescono pini, cipressi, fichi, ulivi. Nei giardini fioriscono gigantesche bougainville. Stari Grad ha un grazioso porticciolo, lontano dal porto di sbarco dei traghetti; il suo nome significa “città vecchia”, ed è proprio il borgo più antico dell’isola. Abbiamo affittato per cinque notti un bell’appartamento con terrazza, l’ideale per goderci in piena autonomia le giornate sull’isola. Attraversando una bella pineta si possono raggiungere spiaggette di sassi, altrimenti con l’auto è facile spostarsi alla ricerca di calette dall’acqua smeraldina. Abbiamo trovato posti bellissimi per nuotare nella zona di Vrboska, delizioso paesino, e vicino a Jelsa; dall’altra parte dell’isola sono imperdibili le spiagge di Dubovica e di Zarace. A volte occorre scendere a piedi per sentieri piuttosto ripidi, oppure percorrere erte strade sterrate fino a un parcheggio in prossimità della spiaggia. In alcuni casi, se si pensa di trascorrere diverse ore, è meglio portarsi una borsa frigo con bevande e panini perché non sempre si trovano piccole taverne sul mare (in questo caso, meglio approfittarne, il pesce è sempre squisito!)o posti di ristoro. Abbiamo anche preso una barca dal porticciolo di Hvar e siamo andati a Palmizana, località delle isole Pakleni: ci avevano detto che la spiaggia era molto bella, in realtà siamo rimasti delusi. Ombrelloni, sdraio in tripla fila, musica a tutto volume…Non è questo il mare che preferiamo! Comunque le Pakleni sono isolette verdeggianti, con una lussureggiante vegetazione quasi tropicale, e vale senz’altro la pena intraprendere la traversata (di pochi minuti) per una visita.

La cittadina di Hvar ha una magnifica piazza, con edifici veneziani e belle scalinate; di sera, illuminata da lampioni, si affolla di turisti che siedono nei numerosi ristorantini –tutti hanno tavoli nelle viuzze acciottolate - o passeggiano curiosando nei negozietti. L’atmosfera è vivace e piacevole. Anche Stari Grad, pur essendo più tranquilla e meno “turistica” di Hvar, è molto gradevole. Si possono visitare la chiesa di Santo Stefano, la chiesa di San Rocco, il Monastero Domenicano con l’annesso piccolo museo dove si conserva una “Deposizione di Cristo” di Tintoretto, per passare poi al Tvrdalj di Petar Hektorovic, poeta rinascimentale, che fece costruire questo edificio come una sorta di monumento a se stesso e alla sua opera letteraria. Vi si trovano una grande vasca, piena di pesci, circondata da portici, un bellissimo giardino (una specie di locus amoenus), numerose iscrizioni in latino e italiano. Da visitare anche Palazzo Biankini, un museo con un’interessante collezione archeologica, alcuni dipinti di due pittori di Stari Grad, Juraj Plancic (1899-1930) e Bartol Petric (1899-1974), mobili d’epoca. Per la cena, l’imbarazzo della scelta. All’Ermitaz, con una bella terrazza sul mare, vengono serviti ottimi piatti della cucina croata (il pesce è freschissimo,squisiti anche i dolci).

Lasciamo a malincuore l’isola sbarcando nuovamente a Drvenik; il nostro viaggio prosegue verso sud. Eccoci in Montenegro, a Budva, consigliabile a chi ama un’atmosfera balneare molto movimentata (il lungomare è affollatissimo, pieno di locali, mercatini, perfino un luna park; bella la città vecchia); poi in Albania, a Vlore (Valona), e poi, dopo una strada mozzafiato (sempre di salire al passo dello Stelvio, ma si è a picco sul mare turchese), a Saranda. Qui ci siamo fermati tre giorni, in un bell’albergo (Hotel Bahamas) in una zona tranquilla, con spiaggia privata. Il rapporto qualità/prezzo è davvero eccellente; inoltre il mare è cristallino e le nuotate sono sempre bellissime. Si mangia molto bene nel ristorante dell’albergo; perfino il pizzaiolo prepara pizze che non sfigurerebbero a Napoli! Da Saranda (tappa quindi consigliatissima) si possono inoltre fare alcune escursioni interessanti: a Butrinto, straordinario sito archeologico – con resti greci, romani, bizantini - in mezzo alla vegetazione, e all’Occhio Blu, una sorta di risorgiva dai colori cangianti, dal blu zaffiro al verde smeraldo, che alimenta un fiume. Nelle acque gelide c’è sempre qualche persona animata da notevole coraggio che si tuffa dall’alto!

Da Saranda abbiamo quindi preso un piccolo traghetto (c’era posto solo per quattro auto) che ci ha portato alla nostra seconda isola, Corfù, in circa tre ore di traversata, tra gabbiani e delfini. L’alloggio prenotato con Booking si è rivelato molto comodo sia come sistemazione (una piccola villetta a schiera, a due piani, in un grande giardino molto curato) che come posizione, davvero strategica: Demis Apartments, Sidari, a nord dell’isola. La parte settentrionale di Corfù è infatti quella di maggior interesse turistico. Il villaggio di Sidari è molto grazioso, pieno di localini e negozi; le spiagge, di sabbia, attrezzate con sdraio e ombrelloni, sono piuttosto lunghe e non troppo affollate. Un’attrazione locale è il Canal d’Amour, una sorta di strozzatura dalle alte pareti rocciose dove è possibile nuotare, magari in coppia, visto che la leggenda vuole che due innamorati che l’attraversano a nuoto restino uniti per sempre… Da Sidari è comunque facile raggiungere in auto le spiagge più belle della montuosa Corfù, su strade che salgono e scendono tra uliveti e pinete. A noi è piaciuta molto la notissima Palaiokastritsa (bello anche il monastero da visitare, in cima a una collina), dove è davvero splendido nuotare nelle acque cristalline, raggiungendo anche una grotta, meta di escursioni in barca; ma anche Aghios Georgios, Drasti (solo rocce da cui tuffarsi), Longa (sotto immense falesie, davanti a un mare limpido e poco profondo…sembra di essere su un altro pianeta), Almyros, Acharavi, Agios Stefanos, Roda… C’è solo l’imbarazzo della scelta, ogni spiaggia, che sia di ciottoli o di sabbia, ha le sue caratteristiche; il panorama dell’isola non è mai monotono. Una visita imperdibile è quella alla città vecchia di Corfù (Kerkyra). Si cammina a lungo nelle stradine acciottolate, ammirando palazzi in stile veneziano e i segni del dominio inglese. Corfù è l’unica isola delle Ionie a non aver mai avuto l’invasione dei Turchi – fu colonia romana fino al IV sec. d.C., poi divenne bizantina, conobbe goti, normanni, angioini, fu conquistata nel XIV secolo dai veneziani che la tennero fino alla fine del ‘700; occupata dai francesi passò agli inglesi e infine fu annessa alla Grecia. Chi dovesse quindi cercare tracce ottomane nell’architettura della città resterebbe deluso. Il Palazzo di san Michele e san Giorgio fu eretto dal governo britannico nella prima metà dell’Ottocento; divenne poi residenza della famiglia reale greca e oggi ospita un bel museo di arte asiatica, con una raffinata collezione di statue e porcellane dell’Estremo Oriente. A pochi passi il Liston: qui sembra di essere a Parigi, in Rue de Rivoli. Sotto il porticato, numerosi eleganti caffè con i tavolini all’esterno. Davanti, l’Esplanade, con un grande prato ( il campo da cricket).Una bella chiesa è Agios Spyridon, nel cuore della città vecchia, tra piccole taverne e negozi di artigianato e souvenir. Per godersi il panorama dell’isola si può tentare di raggiungere la cima del Monte Pantokrator, la vetta più alta (quasi 1000 m). La segnaletica non è molto precisa, ma basta continuare a salire lungo la strada…Magnifico il tramonto! E Corfù resta per sempre nel cuore.

Milano, 13 ottobre 2015

DALLA PROVINCIA DI COSENZA, UN’OFFERTA TURISTICA ED ENOGASTRONOMICA COMPLETA: CULTURA, NATURA,TRADIZIONI

I GAL (Gruppi d’Azione Locale) Alto Jonio Federico II, Savuto, Sila Greca, Valle del Crati hanno presentato le loro eccellenze alla stampa e agli operatori del settore, a Milano

La Calabria è terra d’eccellenze, spesso ancora poco conosciute. Per questo motivo, è ancora più piacevole per il visitatore scoprirle. In particolare, la provincia di Cosenza, ossia la parte settentrionale della Regione, presenta un’offerta turistica veramente completa: possibilità di vacanze al mare e in montagna, bellezze naturali, vestigia antiche, oasi di spiritualità, possibilità di praticare sport e fare escursioni, per finire con proposte enogastronomiche molto attraenti per qualità e creatività.

Un vero e proprio caleidoscopio di opportunità e di stimoli che è stato presentato a Milano, da parte di quattro GAL (Gruppi d’Azione Locale) della provincia di Cosenza: GAL Alto Jonio Federico II, GAL Savuto, GAL Sila Greca, GAL Valle del Crati. Quattro territori contigui, differenti e complementari, accomunati dal rispetto per la tradizione e dalla grande ospitalità.Per il GAL Alto Jonio Federico II, il direttore Franco Durso ha illustrato le peculiarità della zona, situata ai confini settentrionali della Calabria ionica che, dal mare, s’inerpica sino al Parco Nazionale del Pollino, passando per panorami collinari mozzafiato e antichi borghi medievali. Durso si è soffermato anche sui prodotti tipici della zona: il limone (vera eccellenza calabrese), i salumi (ottenuti dal suino nero di Calabria), l’origano, il peperoncino dolce e piccante e le Bacche di Goji, recentemente introdotte, che ben si adattano al microclima locale.

 

Peril GAL Savuto, la presidente Lucia Nicoletti ha posto in rilievo le tre filiere produttive dell’area collinare e montana: il vino Savuto DOC, le patate e le castagne; per quanto riguarda l’offerta turistica, strutturata in pacchetti, sono stati illustrati gli itinerari storico-naturalistici della valle del Savuto (i ponti romani, le cascate di Cannavina) e culturali (Santi e Briganti).

 

 

Per il GAL Sila Greca, il presidente Ranieri Filippelli ha presentato due perle della produzione agroalimentare: la rinomata liquirizia di Rossano e la cultivar Dolce di Rossano. In ambito culturale, è stato dato ampio spazio al Codex Purpureus Rossanensis, prezioso evangelario del VI secolo e sono stati mostrati i lavori dei maestri d’ascia di Cariati, ai quali si deve la produzione d’imbarcazioni pescherecce. Senza dimenticare la valle del Triondo, la più grande fiumara d’Europa e l’elefante di Campana.

Per il GAL Valle del Crati, l’amministratore delegato Valeria Fagiani e il presidente Stefano Leone hanno presentato il territorio delle valli del Crati e dell’Esaro, con le sue risorse storiche e naturalistiche e con tre filiere agroalimentari di eccellenza, tutelate da normativa europea: i fichi (DOP Fichi di Cosenza) con la varietà più diffusa, la Dottato; l’olio (DOP Bruzio) con le cultivar locali Roggianella, Roggianese Tondina, Carolea e Cassanese che gli conferiscono altissima qualità; il vino (DOP Terre di Cosenza) con il vitigno autoctono più utilizzato, il Magliocco, che apporta al prodotto qualità e grande personalità.

Milano, 12 ottobre 2015

Week d’autunno in Calabria Nell’Alto Jonio Cosentino emozioni e paesaggi da vivere


 

Emozioni, paesaggi mozzafiato, buona tavola. Dopo un’estate da tutto esaurito, in autunno si ritorna in Calabria, nell’Alto Jonio Cosentino per gustare un territorio ancora tutto da scoprire. E vivere esperienze indimenticabili: un giro in barca a vela all’ombra del castello di Roseto Capo Spulico, una battuta di pesca al tonno da regalare agli amici sott’olio, un viaggio avventura a Plataci a mille metri di altezza e poi, appena mezz’ora dopo, una passeggiata sulla spiaggia esotica di Villapiana. E nelle colline del Parco del Pollino potrete raccogliere le castagne per sentire il profumo dell’autunno.

Vi trapasseranno l’anima i murales di Montegiordano realizzati dal pittore La Teana e le poesie di Luigi Pace. Sono presepi, tra montagna e collina, i centri storici di Albidona, Canna, Nocara, Oriolo, Roseto Capo Spulico e Rocca Imperiale dove il regista Pupi Avati ha ambientato una fiction che vedremo su Rai uno il prossimo gennaio.

La mia terra è straordinaria”, dice il direttore del Gal Federico II, Franco Durso. “E’ rimasta autentica, incontaminata. Dai paesi di collina lo sguardo si perde tra le valli del Metapontino e la piana di Sibari per arrivare fino al mare. Noi del Gal vogliamo far conoscere questo territorio a un pubblico sempre più vasto, le sue tradizioni autentiche, il forte senso di ospitalità dei suoi abitanti”.

Il Gal Alto Jonio Federico II ha dato il via agli educational per giornalisti e tour operator che, ospitati a metà settembre (secondo educational), hanno potuto conoscere l’Alto Jonio Cosentino in prima persona vivendo emozioni ed esperienze uniche. L’educational è stato organizzato da Carmen Mancarella, direttore della rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge (www.mediterraneantourism.it). Ed è stato sostenuto grazie ad una cordata tra il Gal e imprese dell’eccellenza turistica.

Si può dormire in hotel di lusso come il quattro stelle Miramare Palace hotel, affacciato sul mare di Trebisacce. “Tutte le nostre camere sono molto ampie”, dice il direttore Ugo Vulnera, che ha anche progettato l’albergo. “Fa parte della nostra offerta l’uso della piscina, sul terrazzo, i servizi spiaggia che è praticamente di fronte all’hotel e la palestra. Siamo uno dei più grandi centri di Kinesis della Calabria”. L’hotel ha anche la Spa e organizza per i suoi ospiti escursioni alle Gole del Raganello e alla scoperta del territorio circostante.

Interessante è anche la proposta del B&B vista mare La Testuggine a Roseto Capo Spulico. Spiega la titolare Francesca Mafia: “Siamo nati come ville da affittare per tutta la stagione. Ma quando abbiamo visto che i soggiorni diventavano sempre più brevi ci siamo adattati alle esigenze dei nostri clienti e abbiamo trasformato la struttura in affittacamere”.

Una proposta tutta da vivere è il B&B la piazzetta nel centro storico di Roseto Capo Spulico. “Abbiamo acquistato alcune casette del centro storico, proprio sulla piazzetta”, spiega Rocco Nigro. “Le abbiamo trasformate in ampie camere dotate di tutti i comfort: dall’aria condizionata ai servizi in camera fino ai materassi comodissimi in lattice”.

E’ una location esclusiva il Relais Roseto Capo Spulico, che aperto solo d’estate, è adagiato sulla collina di Roseto Capo Spulico, da cui si gode di una vista mozzafiato tra il mare e il cielo con servizio di animazione e un grande parco piscine. Camere a terrazza sul mare, tra gli ulivi e gli alberi di albicocche, nell’agriturismo Torre di Albidona, aperto tutto l’anno, uno dei primi agriturismo italiani fondato dall’avvocato Rinaldo Chidichimo, dove è di scena la buona tavola.

   

ROCCA IMPERIALE, CIACK SI GIRA. In gennaio vedremo su Rai 1 un film interamente girato dal regista Pupi Avati proprio a Rocca Imperiale, un romantico paesino dell’Alto Jonio Cosentino, famoso per i limoni igp e per il suo castello voluto da Federico II. “Il film”, spiega Ernesto Truncellito, location manager dei fratelli Pupi Avati, “è ambientato nei limoneti di Rocca Imperiale dove arriva un immigrato che si innamora della figlia del proprietario… E’ una storia d’amore e d’accoglienza che rompe gli schemi e fa luce sul vero significato della fede. In realtà il regista cercava degli aranceti per ambientare la sua storia. Io, essendo della zona, l’ho portato a Rocca Imperiale tra i limoneti, che per fortuna gli sono piaciuti molto”.

Tutto il film è stato girato tra Rocca Imperiale e alcuni paesi limitrofi. “Per noi si è avverato un sogno”, dice l’assessore al turismo Antonio Favoino. “Siamo sicuri che il film sarà uno straordinario veicolo di promozione territoriale non solo per Rocca ma per tutto l’Alto Jonio Cosentino. E’ un successo di tutti”.

CANNA. A pochi chilometri da Rocca Imperiale si trova Canna, famosa per i suoi mulini ad acqua molti dei quali sono stati restaurati e per i suoi palazzi gentilizi, frutto della ricca proprietà terriera. Spiega la consigliera con delega alla cultura, Maria Truncellito. “Il mio sogno è di restare qui nella mia terra e vivere della bellezza della mia terra inventandomi un lavoro”.

Canna è un imperdibile tappa per gli appassionati di archeologia industriale, ma anche di buona tavola. Consigliamo infatti una sosta golosa nelle trattorie dove le cucine calabra e lucana si abbracciano in un tripudio di sapori.

    

NOCARA. A Nocara, il piano superiore del Comune racconta i momenti più importanti della storia del paese: un piccolo museo della civiltà contadina con gli attrezzi ancora intatti, i ritratti dei suoi abitanti di oltre mezzo secolo fa a cura di un’americana che si innamorò dei loro volti e delle loro espressioni e li impresse su tela, le sculture moderne donate al Comune dagli artisti argentini dove tantissimi Nocaresi sono emigrati e vivono tutt’ora. A farvi una piccola guida delle emozioni sarà il sindaco di Nocara Francesco Trebisacce che ci ha accompagnati poi a vedere il fiore all’occhiello di Nocara: il Convento degli Antropici, aperto oggi all’ospitalità e alla ristorazione. E’una location esclusiva, un luogo dell’anima tra gli alti castagni e i lecci, esemplari unici. E’ un luogo dell’anima da respirare e vivere.

MONTEGIORDANO. Vi emozionerete a leggere le storie impresse sulle pareti di Montegiordano con i suoi murales. Qui il pittore Francesco Lateana ha riprodotto alcune lettere che gli emigranti scrivevano alle loro mogli e ai parenti dagli Stati Uniti, dove erano emigrati… Vi sono il viale degli innamorati, la scaletta dell’amore, la piazzetta dei colti … il ritratto di Domenico Modugno e in piazzetta Luigi Pace vi trapasseranno l’anima i versi del poeta Luigi Pace, che nato a Montegiordano, morì ad appena 53 anni stroncato da un male incurabile. Ma morto lui, non è scomparsa la sua poesia, sempre così viva e tagliente. Ad incoraggiare il pittore La Teana è stato l’assessore Franco De Santis cui è dedicato un murales.

Spiegano gli assessori, Anna Pina Acciardi e Damiano Liguori: “Noi sosteniamo la realizzazione dei murales, perché oltre che ad essere il racconto della nostra storia, abbiamo registrato un incremento del flusso turistico dalla nostra marina al centro storico”.

PLATACI. A mille metri di altezza, tra i boschi di montagna ancora intatti, si erge Plataci. I suoi abitanti parlano ancora la lingua degli antenati: l’arbresh anche a scuola. Infatti è uno dei paesi della Calabria che ha conservato intatti gli usi e i costumi dei primi coloni che arrivarono sul finire del ‘400 sull’onda dei successi militari del grande condottiero Giorgio Castriota Scanderberg, l’eroe nazionale, l’unico che riuscì a porre un argine all’avanzata turca in Occidente. Gli arbresh oltre che a parlare tra di loro la lingua antica, molto simile all’albanese moderno, vestono in alcune occasioni importanti, gli abiti tipici e assistono alla messa in rito greco ortodosso con i papas. Gli altari delle chiese madri sono decorati infatti con le tipiche icone in oro bizantine.

Plataci è famosa anche per gli itinerari gramsciani, un importante convegno internazionale sulla figura di Antonio Gramsci”, spiega il sindaco Francesco Tursi “perché il bisnonno Nicola e il nonno Gennaro erano di qui. Inoltre abbiamo integrato l’offerta turistica con un viaggio avventura che si può fare a Plataciland: vari percorsi con diversi livelli di difficoltà nel nostro bosco a mille metri di altezza”. Appuntamento in agosto anche con il Festival dei piccoli cantori Arbereshe e lo Jonio International Film Festival.

     

IL MATRIMONIO DI CASTROREGIO. Uno degli eventi più importanti per la cultura arbresh è il matrimonio. Noi siamo stati accolti il 13 settembre scorso a quello di Rosalba e Maurizio che lo hanno celebrato nella magnifica chiesetta di montagna di Castroregio circondata dalla Foresta. Il rito è un inno alla gioia e alla fierezza della cultura arbresh. Sin dall’arrivo dello sposo dinanzi alla casa della sposa è tutto un danzare al ritmo di zampogne e tamburelli. Il portabandiera, che nel nostro caso era il fratello della sposa, teneva alto il vessillo della civiltà arbresh accompagnato dalle donne vestite nei tipici e pregiati abiti, tutto un ricamo di fili d’oro e pizzi: sulle gonne le stelle dorate, simbolo della Madonna di Costantinopoli, che protesse durante la traversata in mare i primi coloni albanesi. La messa è stata celebrata in rito greco ortodosso. Toccante il momento in cui il papa incrocia le coroncine fiorite sulla testa degli sposi e quando i due bevono il Vino nello stesso bicchiere, che viene poi rotto per buon augurio.

LE SPIAGGE DI VILLAPIANA. Da mille metri di altezza si arriva poi in meno di mezz’ora sulla splendida spiaggia di Villapiana, un’immenso litorale sabbioso che si caratterizza nelle sue tre diverse tipologie, come spiega l’assessore al turismo Stefania Celeste: “La nostra lunghissima spiaggia è selvaggia e con i ciotoli a Nord: è adatta quindi agli sportivi e agli amanti della natura. E’ sabbiosa e ha i fondali molto bassi al centro, ideale per le famiglie con bambini. E’ infine sabbiosa e dal mare profondo a Sud, quando ormai confina con Sibari. La nostra Villapiana non ha nulla da invidiare per qualità dei servizi resi e bellezza della natura ad altre località turistiche”.

Il nostro obiettivo”, spiega il sindaco, Paolo Montalti, “è di far conoscere sempre di più la bellezza della nostra spiaggia, arricchita anche da un affascinante centro storico”.

ROSETO CAPO SPULICO E IL TURISMO D’ESPERIENZA. Mentre l’Enit ci aggiorna che al turismo di destinazione i viaggiatori preferiscono il turismo di motivazione, ecco Roseto Capo Spulico con le sue proposte più innovative. L’idea è di prolungare la stagione estiva con la pesca al tonno che, per tutto settembre, arriva fin quasi sotto costa come ci racconta Vincenzo Farina, titolare del Lido Tamarix: “A metà settembre e per due settimane, abbiamo dato ai nostri clienti la possibilità di partecipare alle battute di pesca al tonno e alla sua conservazione sotto’olio”. Oltre che ad essere lambito da un profumatissimo e pulitissimo mare, il lido è un’imperdibile sosta golosa grazie agli arrosti di pesce fresco e ai primi piatti con le ciliegie deco di Roseto Capo Spulico.

A Roseto si può tornare tutto l’anno per iscriversi ai corsi di vela a cura del neonato Circolo Velico che offre corsi per grandi e piccini. Ma il paese vi prenderà per la gola per i suoi sei prodotti deco (denominazione di origine comunale) custodi della tradizione e della bontà della zona: le ciliegie, l’olio extravergine di oliva e i salumi, la soppressata, la salsiccia, il filettuccio e la pitta liscia, un pane a forma di ruota che veniva utilizzato dalle donne solo per provare la temperatura del forno. Non veniva quindi farcito, ma nella sua semplicità ha una bontà straordinaria. Impedibile sosta golosa e rigenerante è l’agriturismo della famiglia La Volpe tra fichi d’india e ulivi secolari.

Roseto punta sulla valorizzazione della sua identità”, dice il sindaco Rosanna Mazzia. “Abbiamo avuto una stagione da tutto esaurito e noi amministratori abbiamo puntato sull’incremento del turismo attraverso l’organizzazione di eventi, Anche e soprattutto in bassa stagione”.

 

ORIOLO. E’ un presepe che incornicia la collina Oriolo, un borgo mediovale, dominato dal castello e dall’antico teatro naturale dove si sono svolte grandi stagioni teatrali. I suoi abitanti vengono detti coppoloni perché sono famosi per la loro ospitalità. “Si calavano la coppola sugli occhi e ospitavano tutti i viandanti nelle loro case senza guardare se fossero ricchi o poveri, buoni o cattivi. Un tipo di ospitalità che ai giorni nostri diventa anche un po’ pericolosa, ma che fa parte del nostro dna”, dice l’assessore Nicola Pugliese.

ALBIDONA - Punta sugli sport estremi il Comune di Albidona. Dice il sindaco Salvatore Aurelio: “Entro dicembre sarà realizzato un impianto per il volo dell’angelo e piste per percorsi in bici avventura”. Da vedere la maestosa statua lignea dell’Arcangelo Michele nella chiesa madre e il crocefisso dallo sguardo intenso. Nelle case le donne friggono le crespelle, frittelle a forma di ruota. Se vi vedranno passare, usciranno per le stradine ad offrirvene un po’.

Milano, 11 ottobre 2015        Carmen  Mancarella

Nel Parco Nazionale dell'Appennino Lucano il principe dei corsi d'acqua si chiama Agri. E' un fiume imponente, erede dell'antico Kyris. A volerlo costeggiare bisognerebbe percorrere 136 chilometri, partendo da Marsico Nuovo, in località Piano del Lago, per poi sbucare nel mar Jonio. Il suo tragitto, dopo un tratto iniziale tra montagne che si stringono sull'acqua, entra nella valle cui da il nome per immettersi nel Pertusillo. Oggi la grande diga che sbarra il corso del fiume Agri, compresa tra Grumento Nova, Montemurro e Spinoso, è un'importante area di sosta e riproduzione per aironi, svassi, garzette, nibbi reali e cicogne nere. Le sue rive, caratterizzate da cerrete, conifere e acqua placida invitano a rilassarsi in un ambiente in cui il silenzio è interrotto dal solo verso degli uccelli.