CD, DVD e LIBRI  musicali        

CD, DVD e LIBRI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nuovi Cd per Sony Classical 

Segnaliamo nuovi cd musicali di recente usciti per Sony Classical.Il primo riguarda un tenore in ascesa nel panorama lirico internazionale quale Vittorio Grigolo per un Cd intitolato The Romantic Hero. Grigolo presenta ben 12 brani celebri da opere di Massenet, Gounod, Bizet, Meyerbeer, Offenbach, ecc. La qualità interpretativa non si discute e l'incisione, particolarmente dettagliata farà molto piacere a tutti gli appassionati della migliore lirica.

Passiamo ora ad una novità discografica per un'importante strumento di raro impiego discografico quale l'organo. Non che la produzione discografica per organo non ci sia, ma l'uso che viene effettuato da Cameron Carpenter in questo ottimo cd è di raro ascolto. Carpenter, noto artista statunitense, realizza infatti in questo elegante Cd, trascrizioni, arrangiamenti o parafrasi di brani molto noti o meno noti di compositori quali Bach, Bernstein, Rachmaninov, Piazzolla, Dupré, Scriabin e aggiunge anche sue composizioni quale Musica per un film immaginario, lavoro del 2013, o alcune sua parafrasi di canzoni di Bacharach, Cohen, Montgomery, per citarne alcune. Il Cd musicale è completato da un Dvd dove troviamo anche brani di Chopin come il celebre Walzer "Minute" o di Liszt con la nota "La campanella". Le qualità virtuosistiche ed espressive di questo interprete non si discutono e la scelta per un diverso modo di ascoltare musica per organo rappresenta certamente un punto di forza di questa intelligente produzione. Da acquistare entrambi. 

 

2 luglio 2014     Cesare Guzzardella

Le Stelle senza cielo per ZECCHINI EDITORE

Angiola Tremonti 
Le stelle senza cie
loo 
pp. VI+210 - formato cm. 15x21 - LIBRO+CD 
ISBN 978-88-6540-034-0 
€ 19,00

 

Le stelle senza cielo” è l'ultimo romanzo di Angiola Tremonti, "donna" che oltre a scrivere, esercita nella vita l'attività di artista: è infatti pittrice e scultrice. L'universo femminile nel difficile e ancora subordinato mondo maschile, viene indagato attraverso la storia di cinque donne: Monica, Annalisa, Michela, Milena e Anna. Cinque storie diverse che partendo da situazioni differenti, tutte non fortunate, non riescono ad arrivare ad una positiva soluzione conclusiva. Dubbio, illusione, umiltà, pregiudizio e disillusione definiscono i momenti di vita delle rispettive donne che nel loro vissuto vedono, giorno dopo giorno, allontanarsi ogni elemento di soddisfazione. È scritto molto bene il romanzo della Tremonti, con un linguaggio diretto e moderno che definisce subito ogni personaggio e ogni situazione in modo tale da fare entrare il lettore subito nella psicologia e nella vita delle protagoniste. Come la vicenda di Monica, con le sue riflessioni angosciate sull'amore, su una gravidanza inattesa e sull'aborto o quella di Milena sulla scoperta dell' omosessualità della propria madre che genera angoscia interiore ma anche nuovo amore. Toccanti le tematiche vissute dalle protagoniste. Angiola Tremonti è anche l'autrice dei testi delle canzoni di Andrea Ferrante inserite in un Cd di complemento al romanzo. La presenza della voce recitante di Daniele Monachella che recita le parole della Tremonti per le cinque protagoniste del libro è intervallata dalla bella voce di Adriana Zecchini, interprete di cinque canzoni tra cui Infinito futuro e Può non succedere mai. Brani toccanti, cantati molto bene che evocano anche il ricordo di questo riuscito romanzo. Si consiglia vivamente l'acquisto. 

3 giugno 2014        Cesare Guzzardella

Valide nuove pubblicazioni per Zecchini Editore

Stefania Franceschini

FRANCIS POULENC. Una biografia

pp. XVI+320 - f.to cm. 17x24 - illustrato

ISBN 978-88-6540-035-7

€ 23,00

Sono usciti nuovi libri musicali per l'importante casa editrice di Varese Zecchini Editore ( www.zecchini.com ). Il primo di questi è una biografia di Stefania Franceschini dedicata al compositore francese Francis Poulenc. È la prima biografia in italiano riferita al grande compositore parigino (1899-1963). Nelle circa trecento pagine del corposo volume la Franceschini rivela l'ampia cultura di un musicista legato profondamente alla musica di Monteverdi, di Verdi, di Puccini e di molti altri compositori italiani. Viene evidenziato il rapporto privilegiato con l'Italia attraverso la sua opera più importante, Les Dialogues des Carmélites, la cui prima ebbe luogo al Teatro alla Scala nel 1957 o il suo noto Concerto per due pianoforti eseguito per la Biennale musicale di Venezia del 1932. Il volume è suddiviso in dodici capitoli e comprende anche un'ampia sezione nella quale sono ordinate tutte le opere: la caratteristica e la genesi di ogni lavoro sono descritti con dovizia di particolari. Il libro termina con un'appendice sui concerti, i festival, i concorsi e i viaggi del celebre musicista. Ricordiamo le parole condivisibili della Franceschini sul musicista francese :"Il mio augurio è che il presente studio riaccenda in Italia l'interesse per questo importante autore che tanto amò il nostro paese e che vide proprio in Italia le prime rappresentazioni di alcune fra le sue opere più importanti". Per la chiarezza espositiva e la profondità della trattazione si consiglia vivamente l'acquisto del libro.

Bizzarrie musicali di Gianfranco Plenizio

Gianfranco Plenizio

BIZZARRIE MUSICALI. Incidenti e accidenti della musica

pp. IV+124 - formato cm. 15x21

ISBN 978-88-6540-036-4

€ 13,00

Incidenti ed accidenti della musica, questo è il sottotitolo di un recente volume di Gianfranco Plenizio denominato Bizzarrie musicali, uscito di recente per Zecchini Editore. Pianista, compositore e direttore d'orchestra, Plenizio ha voluto raccontare divertenti aneddoti attorno ai palcoscenici musicali, storie veramente accadute dall'Ottocento ai giorni nostri a volte condite dalla fantasia con varianti e abbellimenti. Il mondo dei cantanti d'opera, dei direttori d'orchestra o dei registi teatrali è spesso legato a fatti incresciosi, a situazioni precarie, a sostituzioni improvvise che hanno portato a momenti divertenti, a tensioni improvvise o a cambiamenti di programmi nelle infinite messinscene di spettacoli musicali. E' molto bravo Plenizio a raccontare i numerosi aneddoti che faranno sorridere ogni lettore che vorrà leggere questo divertente libro. Si consiglia vivamente l'acquisto.

23 maggio 2014 Cesare Guzzardella

Un importante premio discografico per il pianista Andrea Bacchetti

È un grande specialista del repertorio barocco il pianista genovese Andrea Bacchetti. Recentemente ha vinto un importante premio discografico all'International Classic Music Award 2014 quale interprete di musica barocca con un Cd dedicato a Domenico Scarlatti. Un disco importante dove vengono eseguite alcune Sonate del maestro napoletano tratte da manoscritti originali restaurati. Dieci sono le sonate inserite nel bellissimo cd RCA-Sony Music, al quale si aggiunge un bonus con quattro sonate di un grande contemporaneo di Scarlatti, anche se più giovane, quale Antonio Soler. Il modo di interpretare del pianista italiano, tra i massimi interpreti viventi del repertorio barocco, lo abbiamo conosciuto in questi anni frequentando le sale da concerto ed ascoltando oltre a Scarlatti grandi compositori come Bach, Galuppi o Benedetto Marcello, per citare i più frequentati. La sua tecnica precisa che definisce una timbrica chiara, espressiva e ricca di equilibrio nelle dinamiche, rimane sempre evidente. La scioltezza esecutiva che ben si addice al repertorio barocco, nato per clavicordo o clavicembalo e nobilitato poi con il moderno pianoforte, è ben rivelata nelle esecuzioni del Maestro Bacchetti che ricordiamo anche in altre pubblicazioni discografiche uscite sempre per la Sony Music come quelle dedicate alle sonate di Benedetto Marcello, autore meno frequentato dal concertismo internazionale, ma degno di grande attenzione. Anche in questa registrazione uscita per la serie "La tastiera italiana" Bacchetti dimostra di avere ogni qualità per evidenziare le modalità tipiche del barocco italiano. Il bellissimo fraseggio e i corretti accenti definiscono momenti musicali sempre di alto valore estetico. Da alcuni anni Bacchetti coadiuvato dal musicologo Mario Marcarini, ricerca nelle più importanti biblioteche italiane, da Venezia a Napoli o Firenze, materiale inedito dell'interminabile produzione italiana e la realizzazione di questi Cd è un'importante testimonianza di come il repertorio italiano sia fondamentale per comprendere le origini della musica strumentale e l'enorme influenza esercitata su tutti i compositori europei. Complimenti ad Andrea per i premi e la sua intelligente attività e.....ascoltiamo i suoi splendidi Cd Sony Music.

15 aprile 2014 Cesare Guzzardella

Un doppio Cd Sony per il pianista Igor Levit

E' appena uscito per la nota casa discografica Sony un doppio Cd dedicato al pianista russo-tedesco Igor Levit dedicato interamente a Ludwig van Beethoven. Trattasi delle ultime cinque Sonate pianistiche e precisamente delle opere 101-106-109-110 e 111. Autentici capolavori nella letteratura pianistica ottocentesca, le cinque sonate hanno in genere bisogno di interpreti maturi per non cadere in trappole esecutive che sminuirebbero la creazione del grande tedesco. Levit, con i suoi ventisei anni, e quindi molto giovane, riesce comunque a sorprenderci regalandoci ottime interpretazioni, coerenti e notevolmente equilibrate. Certo la maturità necessaria per una resa di altissimo livello nel caso di queste sonate la fisserei almeno non prima dei cinquant'anni. Ma i frangenti non brevi sostanziali di molti movimenti ci rivelano potenzialità elevate e l'ascolto complessivo è di notevole piacere. Le scelte interpretative spesso non corrispondono all'idea consolidata e storicizzata della musica di Beethoven, ma il rigore tecnico-stilistico e la cifra estetica scelta, sotto molti aspetti nuova, rendono l'acquisto del prodotto di sicuro interesse. Da acquistare.

31 ottobre 2013 Cesare Guzzardella

Un libro di Piero De Martini su Mozart a Praga

Autore : De Martini Piero

Titolo : Mozart a Praga 1787-1791

Prezzo :£ 19,00

Editore:Mondadori Bruno

Anno pubblicazione 2013

Numero pagine 158

ISBN 9788861598331

 

E' recente l'uscita di un volume di Piero De Martini su Mozart, precisamente sugli ultimi anni di vita del grande compositore salisburghese trascorsi spesso nella magica città di Praga. In questa città Amadeus rappresentò Le Nozze di Figaro e il Don Giovanni presso il Teatro Nazionale, ma molti sono i luoghi praghesi dove Mozart tenne concerti o venne eseguita la sua musica negli anni tra il 1787 e il 1791. Ricordiamo che l'autore di questo bel saggio è anche architetto e designer, anzi queste sono le sue attività preminenti insieme alle passioni per il pianoforte e la musicologia. E' tipico, per gli architetti amanti dello spazio, dei luoghi, delle migliori architetture trovare una relazione tra l'uomo e l'ambiente e in queste 150 pagine leggiamo la vita di Mozart e la ricchezza musicale dei suoi capolavori legati e non separabili dai luoghi da lui frequentati come ad esempio la Chiesa di San Nicola a Mala Strana. Moltissimi sono i riferimenti architettonici in questo volume. Praga è magica come è magica la vita di Mozart e come sono magiche, dal punto di vista musicale, le sue composizioni. Leggete questo libro, particolarmente ricco di dettagli musicali e storici, per amare ancora di più Mozart e la meravigliosa città di Praga. Una lettura altamente consigliabile.

30 ottobre 2013 Cesare Guzzardella

Recenti uscite per Il Sole 24 ore e Famiglia Cristiana per la raccolta "Classica divina. Capolavori della musica sacra"

Continua l' iniziativa de Il Sole 24 ore e di Famiglia Cristiana dedicata alla musica sacra con altre uscite settimanali di altri Cd della serie "Classica divina. Capolavori della musica sacra". Nel n.4 della raccolta troviamo la Musica Sacra Corale di Antonio Vivaldi con l'impeccabile formazione inglese "English Chamber Orchestra " diretta da Vittorio Negri mentre nel numero 5 ritorniamo al grande Mozart questa volta con la celebre Messa dell'Incoronazione per la direzione di Neville Marriner e della sua "The Academy Of St. Martin in The Fields" un'orchestra specializzata in musica barocca e del primo Settecento. Terminiamo con un capolavoro del nostro Verdi con una splendida Messa da Requiem e la "Symphonie Orchester Berlin" diretta dal leggendario Ferenc Fricsay. Ogni incisione è correlata da un libretto di spiegazione che guida l'ascoltatore ad una approfondita conoscenza delle composizioni. Per l'interesse culturale dell'operazione commerciale consigliamo vivamente l'acquisto dei cd-book . Prossime uscite con Schubert ed Haydn. Per informazioni: http://classica-divina.ilsole24ore.com/

15 marzo Cesare Guzzardella

Giovanni Sollima e il Cd "Caravaggio"

E' uscito recentemente per Egea Music un Cd di musiche del compositore-violoncellista Giovanni Sollima, un lavoro particolarmente interessante composto alcuni anni or sono dal creativo artista siciliano che dopo averlo messo da parte ha deciso ora di pubblicarlo. I dodici brani presenti nella registrazione sono ispirati dalle pitture del geniale pittore Caravaggio e sono stati commissionati dal Balletto Teatro di Torino per le coreografie di Matteo Levaggi. Lo stile di Sollima, in questi brani tonali dal sapore "antico", nasce da una ricerca compositiva nella quale la sovrapposizione delle linee melodiche, del cello e in alcuni casi del violino, trovano nella tradizione cinquecentesca o barocca, ma anche in certo minimalismo, la principale ispirazione. Sollima è bravissimo nel ricreare atmosfere passionali nelle quali le melodie spiccano per immediatezza espressiva. Alcuni brani solo percussivi e ritmici come "Party", sono funzonali al balletto e andrebbero più "visti" che "ascoltati". La forza di Sollima di creare immagini musicali è dovuta anche dal sapiente uso del violoncello, di cui è maestro in quanto conosciuto in tutte le sue infinite varietà timbriche. Il riferimento alla musica minimalista alla Reich è presente in brani come "Dipintore per malattia". Interventi di facile ma efficace melodia vocale ( voce di Marta Sollima) ci sono in "Voi sapete ch'io v'amo" dal fiammingo J.Arcadelt, ma altrove - brano "Lama"- troviamo suoni amplificati rock alla Hendrix, genio della chitarra amatissimo da Sollima. Effetti evocativi e arabeggianti ritroviamo in brani intensi come "Lamentatio", brano che conclude il Cd e mette in risalto le qualità virtuosistiche di Sollima. Un disco altamente consigliabile.

8 marzo 2013 Cesare Guzzardella

FEBBRAIO 2013

Nuove uscite per Il Sole 24 ore per la raccolta "Classica divina. Capolavori della musica sacra"

L'importante iniziativa de Il Sole 24 ore e di Famiglia Cristiana dedicata alla musica sacra continua in queste settimane con l'uscita di altri Cd della serie "Classica divina. Capolavori della musica sacra". Nel n.2 della raccolta troviamo un'ampia selezione dal Messiah di Handel con la direzione del grande Christopher Hogwood, uno dei massimi esperti di musica barocca e la nota compagine orchestrale The Academy of Ancient Music, mentre nel n.3 il direttore Georg Solti dirige i Berliner Philharmoniker nella Missa Solemnis di L.v. Beethoven. Le incisioni storiche datano rispettivamente 1981 e 1995 e sono da considerarsi tra le migliori in circolazione per qualità interpretativa. Ogni incisione è correlata da un libretto di spiegazione che guida l'ascoltatore ad una approfondita conoscenza delle composizioni. Prossime uscite saranno dedicate a Vivaldi e a Mozart. Per l'interesse culturale dell'operazione commerciale consigliamo vivamente l'acquisto dei cd-book . Per informazioni: http://classica-divina.ilsole24ore.com/

18 febbraio Cesare Guzzardella

Livre d'arabesques di Federico Gardella

E' recente l'uscita di un Cd Stradivarius dedicato al  compositore milanese Federico Gardella (1979). Sette sono i titoli presenti nella valida incisione discografica, tutti recenti, composti tra il 2007 e il 2012. Il Divertimento Ensemble diretto da Sandro Gorli interviene nell'esecuzione di Livre d'arabesques, la composizione del 2010 in cinque parti che da titolo al Cd, e in Nebbiae, lavoro per ensemble del 2009. I solisti dell'ensemble sono partecipi anche degli altri brani e precisamente Estroso/Innerlich per violino solo (2008/12), Im Freien zu spielen (2009) per clarinetto, violino, cello e pianoforte; Island (2007) per violoncello e pianoforte e Tre studi sulla notte/ Tre studi per riscoprire l'alba (2008) per pianoforte. Il primo lavoro, Livre d'arabesques per oboe ed ensemble, è organizzato attorno allo strumento del bravissimo Luca Avanzi che tiene le redini della composizione circondato dagli strumentisti dell'ensemble; questi, spesso con decisi stacchi ritmici, intervallano la libera sequenza solistica che presenta un disegno particolarmente vario e irregolare volto a descrivere situazioni individuali più riflessive o interlocutorie e più dinamiche. Il secondo lavoro Estroso/Innerlich  trova un'esplorazione timbrica del violino dell'ottimo Lorenzo Gorli partendo da elementi quasi percussivi e di pizzicato delle corde in alternanza a precisi sopracuti. In Im Freien zu spielen, due archi e il pianoforte circondano il suono basso del clarinetto di Maurizio Longoni generando poi un’atmosfera cupa e percussiva quasi intermittente e di ottima fattura compositiva. Islands per cello e pianoforte è in quattro parti ed è un brano più dinamico e vario, giocato sulle movimentate timbriche del pianoforte di  Maria Grazia Bellocchio e le inserzioni musicali del violoncello di Martina Rudic. Non mancano momenti di pacata riflessività. La Bellocchio è anche protagonista  dei sei brevi Studi dedicati alla notte e all'alba. Decisamente interessante la ricerca del giovane Federico Gardella che partendo da elementi strutturali semplici riesce a trovare costantemente una strada interessante di sviluppo armonicamente più complesso e nei lavori per pianoforte solista questo risulta particolarmente evidente. Ottima l'esecuzione chiara e precisa della bravissima Bellocchio. Il brano per ensemble Nebbiae dalla durata di oltre dieci minute conclude il valido Cd di Gardella. In esso la base di partenza sono sempre i solisti che in un intreccio di timbriche riescono a forgiare un insieme sonoro dal sapore spesso esotico e di calibrata meditazione spesso intervallato dal silenzio. Il suono sembra venire dal nulla per poi tornare in modo cadenzato nel silenzio, ed ogni volta in modo differente. Un ottimo lavoro. Si consiglia l’acqusto

9 febbraio 2013     Cesare Guzzardella 

Un Cd del compositore Marco Di Bari per Stradivarius

Segnaliamo un’altra interessante uscita per Stradivarius questa volta dedicata al compositore abruzzese Marco Di Bari, classe 1958. Nel disco troviamo tre brani composti tra il 1996 e il 2006, il primo sinfonico e di largo respiro e gli altri più brevi e cameristici. Il più recente “..di un mirabile gioco sonoro” per pianoforte e orchestra con soprano e live electronics, è una registrazione live effettuata a Torino  nel marzo del 2006 che vede la presenza dell’Orchestra Nazionale della Rai diretta da Pascal Rophé. Al pianoforte solista troviamo Jeffrey Swann e come voce di soprano Luisa Castellani. Il brano, particolarmente complesso, su testo di Luciano Berio, è qualcosa di più di un concerto per pianoforte ed orchestra e ci rivela un compositore particolarmente preparato che trova nei migliori artisti del primo e secondo Novecento, da Mahler a Messiaen, da Tippet e Lutoslavski o allo stesso Berio nella componente vocale, i principali riferimenti. La composizione parte da elementi ritmici e percussivi del pianoforte, spesso ottenuti percuotendo e smorzando la cordiera, e si sviluppa con coerenza e pregnanza espressiva per tutto il brano segnando momenti di intenso e voluminoso impatto sonoro con tutta l’orchestra. Valida la parte solistica nelle rilevanti cadenze. Con l’intervento della voce femminile dell’eccellente Luisa Castellani , intervento che ricorda la produzione di Berio, il lavoro assume connotati di grande impatto liberatorio sino ad arrivare al finale introdotto dalle corde pizzicate pianistiche e da una voce più lirica per una pacata e profonda riflessione definitiva in un contesto di valida modalità tonale. All is  lost dalla raccolta “Camera Obscura” è un brano che ha come protagonista la voce della Castellani e come interlocutori il pianoforte del bravissimo Bruno Canino e un valido quartetto di sassofoni che interviene inizialmente con discrezione per definire le semplici, inquietanti e suggestive sonorità vocali. Ottimo l’equilibrio delle parti complessivo. Anche Bird’s Fractal Voice per clarinetto, cello e pianoforte è un lavoro che trova nella ricerca delle sonorità strumentali la sua ragione primaria. Segnaliamo i validi solisti: Massimiliano Damerini al pianoforte, Eduard Brunner al clarinetto e Walter Grimmer al violoncello. Si consiglia l’acquisto.

9 febbraio 2013     Cesare Guzzardella

GENNAIO 2013

Il Requiem di Mozart diretto da Bernstein per la collana "Classica divina. Capolavori della musica sacra"

Da giovedì 24 gennaio 2013 Il Sole24 Ore esce in edicola con la collana musicale "Classica divina. Capolavori della musica sacra", voluta dal Quotidiano e da Famiglia Cristiana per ricordare i più grandi e celebrati capolavori della musica sacra, veicolo musicale alla ricerca dello spirito. Una nuova collezione in 20 cd-book, si rivolge agli appassionati della classica e ai ricercatori dell’Anima.La nuova opera musicale sarà in edicola ogni giovedì .Con la prima uscita il “Requiem” di W.A.Mozart, diretto da Leonard Bernstein. Prossima uscita con il Messiah di Handel. Per informazioni: http://classica-divina.ilsole24ore.com/

27 gennaio 2013 dalla redazione

OTTOBRE 

111 domande per conoscere Mozart

 

E' interessante e piacevole Piacere Mozart! Un recente libretto uscito per EDT che si propone di conoscere maggiormente il grande salisburghese attraverso 111 domande ed altrettante risposte. Il volume, edito in collaborazione con la Fondazione Mozarteum di Salisburgo è rivolto ad un ampio numero di lettori: giovani e meno giovani, lettori occasionali di cose musicali ed esperti. Tra il serio ed il gossip, questa pubblicazione si legge rapidamente e ci rivela ancora una volta le molteplici sfaccettature del grandissimo musicista attraverso domande semplici ma non banali o inutili che ci avvicinano e ci  rendono familiare Wolfgang. Un libro destinato a tutti che bisogna assolutamente leggere.  

18 ottobre      Cesare Guzzardella

SETTEMBRE

Due  Cd Stradivarius distribuiti da Milano Dischi

Brani pianistici di Alessandro Solbiati per Stradivari

Sono tutti particolarmente interessanti i brani pianistici composti da Alessandro Solbiati - classe 1956- tra il 1981 e il 2007 ed inseriti nell'ottimo Cd Stradivarius di recente uscita. Quattro i titoli presenti e due gli interpreti di eccellente levatura musicale sia in "a solo"  che in coppia: Emanuela Piemonti e Alfonso Alberti. Emerge nella musica di Solbiati una indubbia qualità di scrittura nel definire con incisività e chiarezza ogni dettaglio tecnico-esecutivo dei brani che rivela anche un intelligente modo di approcciarsi alle timbriche pianistiche. L'approfondita conoscenza dello strumento, il pianoforte,  si adatta di volta in volta alla creazione di lavori che partendo dalla migliore tradizione pianistica dei classici,  arriva agli autori del Novecento più importanti: da Bartok a Messiaen e Ligeti. Non mancano certi riferimenti, per le timbriche, al migliore jazz improvvisatorio degli anni '60-'70. La Sonata seconda è un lavoro di quasi 16 minuti del 2005 ricco di suggestive timbriche individuate in ogni registro,  con toni bassi di chiarissima fattura ed elementi percussivi, molto rilevanti, resi con tagliente e chiara incisività dalla bravissima Piemonti. Gli Interludi sono 16 brevi brani datati 2000-2006 - l'ultimo, Il più veloce possibile, dura però oltre cinque minuti - che vedono l'ottimo ed esperto Alfonso Alberti alternare differenti colori in contrastanti sonorità spesso dedicate a grandi come Mendelssohn o Ligeti. Fete è un brano del 2007 di oltre sette minuti eseguito con rigore da Emanuela Piemonti ed infine Like as the waves è un brano per pianoforte a quattro mani del 1981 anticipato da un breve Preludio di più recente fattura (2002) che dimostra le qualità compositive per il pianoforte di un musicista, Solbiati, noto soprattutto per la sua musica orchestrale e cameristica. Un Cd importante che consigliamo a tutti gli amanti della migliore musica contemporanea.

Continuiamo con un recente Cd Stradivarius riguardante un compositore che non ha certo bisogno di presentazioni: Ennio Morricone. Noto al grande pubblico per le sue colonne sonore, Ennio Morricone è un musicista a tutto tondo autore anche di moltissima musica cameristica e sinfonica spesso non legata alle immagini cinematografiche. Nel disco sono presenti nove brani, due dei quali trovano come compositore anche il figlio Andrea . I lavori presenti sono stati composti tra il 1989 e il 2001, e alcuni tra questi  come Lemma, Ipotesi, Traccia, Come un’onda e Metamorfosi di Violetta trovano al clarinetto ( o clar. basso)  solista l’ottimo Rocco Parisi. Il Quartetto Noferini e il pianista Gabriele Rota sono gli altri interpreti di altri lavori presenti nel cd. L’eccellente scrittura compositiva di Morricone che ricordiamo essere stato allievo del grande Goffredo Petrassi, è già un motivo valido per ascoltare attentamente i lavori che spesso presentano caratteristiche meditative e costruttive evidenti e che rimandano stilisticamente a molti tra i migliori compositori del Novecento. Interessante anche il brano Traccia di Andrea Morricone e i tre brani di Ennio per violoncello con solista l’eccellente Andrea Noferini. Un Cd che bisogna acquistare.

 

26 settembre      Cesare Guzzardella

LUGLIO

Nuovi prodotti musicali EuroArts di indiscutibile qualità

Il primo Blu-ray disc che andiamo a presentare riguarda il pianista tedesco Menahem Pressler, noto soprattutto per essere stato il fondatore del celebre Trio Beaux Arts nel lontano 1955. Da allora il Trio, ancora attivo anche se con una formazione diversa ma sempre con Pressler al pianoforte, ha tenuto memorabili concerti in tutto il mondo. Nel recital di Parigi del 23 marzo 2011, ora in supporto digitale ad alta definizione, Pressler ha interpretato Beethoven, Chopin, Debussy, e Schubert, dimostrando alla soglia dei novant'anni- è nato nel 1923- di possedere integre le suo eccellenti qualità pianistiche. Sia nella Sonata n.31 di Beethoven che in alcune Mazurche del polacco, che nella Sonata D 960, ultima di Schubert, e nelle Estampe debussyniane, Pressler mostra in toto la sua formazione classica definita da un sorprendente equilibrio delle dinamiche e da splendide capacità riflessive intorno al materiale sonoro. Eccellenti le interpretazioni di tutti i brani. Il pianista, conosciuto soprattutto tra gli addetti ai lavori, merita una conoscenza maggiore da parte di tutti gli amanti della migliore musica classica. Riprese audio e video ottime. Un Blu-ray, anche in Dvd, imperdibile.

Il secondo video che consigliamo è un Dvd EuroArts riguardante una figura storica del concertismo mondiale: Jascha Heifetz. Il film-documentario di Peter Rosen, denominato God's Fiddler- Jascha Heifetz, ci mostra il progressivo sviluppo del grande violinista lituano nato a Vilnius nel 1901, dagli esordi giovanili sino agli ultimi concerti. Considerato unanimemente tra i tre-quattro maggiori violinisti del secolo scorso, Heifetz era dotato di una tecnica trascendentale sorprendente e di capacità espressive di massimo livello su tutto il repertorio interpretato. La sua incredibile discografia dagli anni '20 sino al 1987, anno della morte a Los Angeles, è notoria e a questa si aggiunge il bellissimo documentario che Rosen ha realizzato e che ogni amante della musica violinistica deve possedere. Altamente consigliabile.

E’ uscito in Dvd per EuroArts l’opera da camera in due atti di Salvatore Sciarrino “Luci mie traditrici”. Composta nel 1998 per il Festival di Schwetzingen con il titolo Die todliche Blume (il fiore mortale), l’opera ha trovato una riuscita messinscena nel luglio 2010 in occasione del Festival d’arte contemporanea di Montepulciano, in Toscana. Il linguaggio espressivo-musicale del compositore palermitano giocato su un uso intensamente espressivo della parola attraverso stilemi rintracciabili anche nella musica antica, è particolarmente riconoscibile in questo lavoro che vede sulla scena quattro personaggi: Nina Tarandek, La Malaspina, Christian Miedl, Il Malaspina, Roland Schneider, l’ospite e Simon Bode, un servo. La valenza attoriale del lavoro, con l’ottima regia di Christian Pade,  ha visto sul palcoscenico dei bravissimi interpreti dotati di una timbrica precisa, sicura e di immediata resa scenica. L’efficace teatralità del lavoro sono già un valido motivo per possedere l’ottimo Dvd. Valida la resa musicale dell’Ensemble Algoritmo diretta da Marco Angius. Completa il Dvd un bonus con  retroscena della messinscena, interviste al compositore e ai protagonisti.

Il pianista ungherese Andras Schiff è molto conosciuto dal pubblico milanese per i suoi frequenti concerti classici. EuroArts ha prodotto due ottimi Dvd con il pianista intento nell’interpretare Schubert. Nel primo Dvd troviamo i Quattro Improvvisi D 899 e i Quattro Improvvisi D 935 unitamente ai Sei Momenti Musicali D780. Brani particolarmente noti del compositore viennese che nelle mani si Schiff risultano particolarmente delicati e raffinati. Nel secondo Dvd troviamo musica cameristica di Schubert con i due  Piano Trio D898 e D929 unitamente alla celebre Sonata “Arpeggione” D 821. In Questi ultimi brani Schiff è ottimamente supportato dal violoncellista di fama internazionale Miklos Perényi e, nei trio, dalla violinista Yuuko Shiokawa. Le interpretazioni, di spessore estetico, mettono in risalto la particolare modalità interpretativa di Schiff giocata sull’equilibri delle parti e la delicatezza viennese del tocco. Le registrazioni sono oramai storiche essendo datate tra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90 ma la qualità delle registrazioni audio-video sono ottime.  Consigliabili a tutti.

Torniamo ad un Blu-ray EuroArts di eccellente qualità che ci rivela un Barenboim d’annata alle prese con i più importanti concerti pianistici di Mozart, esattamente gli ultimi otto,  nella cornice berlinese di Villa Siemens. La registrazione live trova il grande pianista anche alla direzione dei Berliner Philharmoniker in un periodo compreso tra il 1986-89. Un interprete quindi giovane ma con una grinta e una capacità interpretativa e direttoriale uguale a quella dei nostri giorni. La registrazione audio-vidio è di eccellente qualità se si pensa anche al riversamento in digitale delle lontane pellicole di allora. La perfezione stilistica e la cifra interpretativa sia del pianista che dei memorabili Berliner pongono queste registrazioni ai vertici della produzione di musica classica. Assolutamente da non perdere.

 

Registrazione storica della pianista argentina Martha Argerich in questo Dvd EuroArts uscito per la serie idéale audience. Due i brani proposti tratti da esecuzioni avvenute nel 1977 con il celebre Concerto n.1 op.23 di Tchaikovsky e il meno noto ma altrettanto efficace Concerto n.3 op.26 di S.Prokofiev. Nel primo lavoro la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra è diretta da Sir Charles Groves mentre nel concerto del secondo russo la London Symphony Orchestra è diretta da André Previn. La grande Argerich mostra, come sempre, le sue assolute qualità di grande interprete con esecuzioni di elevata levatura tecnico-espressiva. Da acquistare.

Torniamo ad un grandissimo interprete quale Daniel Barenboim qui nella veste di pianista alle prese con le note Goldberg Variations BWV 988 di J.S.Bach. Registrato negli studi di Monaco nel 1992, questo Dvd EuroArts ci mostra un eccellente interprete che trova un tocco elegante e raffinato in ogni variazione bachiana. Il filmato ottimamente diretto da Christopher Nupen presenta anche un’esclusiva presentazione del lavoro dello stesso Barenboim. Ogni amante della musica del grande maestro di Eisenach dovrebbe possedere questa incisione.

Rimaniamo nello stesso anno, 1992, sempre Daniel Barenboim nelle vesti di direttore d’orchestra alle prese con il suo amatissimo Wagner. L’opera in questione è il Parsifal e nel triplo Dvd EuroArts, considerato di alto valore storico, vediamo la Staatskapelle Berlin diretta da Barenboim per la messa in scena di Harry Kupfer. Tra i valenti interpreti citiamo almeno Waltraud Meier in Kundry, Poul Elming in Parsifal, Falk Strukmann in Amfortas e John Tomlinson in Gurnemanz. Per tutti gli amanti della migliore musica lirica.

4 luglio 2012        Cesare  Guzzardella

 

GIUGNO 

Un'importante biografia di Thelonious Monk per Minimum fax

 

Titolo: Thelonious Monk. Storia di un genio americano

Autore: Robin D. G. Kelley - Traduttore: Bertoli M.

Editore: Minimum Fax Collana: Sotterranei

Data di Pubblicazione: Febbraio 2012

ISBN-13: 9788875213961

Pagine: 750 Prezzo: 22 euro

E' uscita quest'anno per le edizioni Minimum fax la traduzione italiana di Marco Bertoli della biografia sul pianista-compositore jazz statunitense Thelonious Monk. Il corposo volume è  opera di Robin D.G. Kelley uscita negli Stati Uniti nel 2009 ed è intitolata "Thelonious Monk-Storia di un genio americano". La singolare figura di questo artista americano, nato nel 1917 e scomparso nel 1982, viene finalmente rivalutata e maggiormente delineata nel libro di Kelley. Considerato tra i padri del Bebop, Monk attraverso la sua originale tecnica pianistica, non di certo classica, è forse l'esempio maggiore nella storia della musica di come il genio di un musicista possa essere supportato in toto dagli elementi principali dell'arte musicale quali la creatività e l'improvvisazione. Anche i maggiori musicisti classici dei secoli precedenti Monk, quali Bach o Chopin trovavano nell'elemento intuitivo ed improvvisatorio quello di maggior rilievo per arrivare alla definizione dei loro capolavori. L'originalità dei lavori di Monk costruiti nel complesso vissuto della sua vita rimarranno in eterno tra le cose migliore del jazz. Il suo scontroso modo di rapportarsi con il mondo ma anche con la consapevole visione positiva del significato "rivoluzionario" della musica in termini di libertà e unione dei popoli hanno certamente avuto un riscontro significativo nella storia della musica del secolo scorso. Un libro scritto molto bene, esaustivo ed altamente consigliabile.

30 giugno 2012    Cesare Guzzardella

Musiche incompiute: un volume di Alessandro Zignani per Zecchini Editore

Alessandro Zignani

MUSICHE INCOMPIUTE. Di che cosa è morta la musica classica?

pp. IV+156 - formato cm. 15x21

ISBN 978-88-6540-019-7

€ 19,0

Nel nutrito catalogo di Zecchini Editore troviamo un recente volume di Alessandro Zignani denominato Musiche incompiute- Di che cosa è morta la musica classica?. In esso l'autore si sofferma sulle più note opere incompiute dei più rilevanti compositori classici dedicando ad ogni lavoro un intero capitolo. Dalla Sinfonia Incompiuta di Schubert alla Turandot di Puccini, passando per l'Ottava di Sibelius, Lulu di Alban Berg, Moses und Aron di Arnold Schonberg, la Sinfonia Danubio di Janàcek e altre composizioni, l'autore riflette sui lavori, sui significati delle opere incompiute e sulle prospettiva futura del genere classico. Dice nella prefazione: "Questo libro racconta l'abbaglio geniale, e il pentimento tardivo, di alcuni compositori convinti di poter fare della propria musica lo specchio di un mondo nuovo....Pochissime di queste opere sono incompiute perchè l'autore, prosaicamente, è morto; per lo più, in lui è morta, prima, l'intenzione redentrice". Per l'originalità del testo e la scelta dei contenuti si consiglia la lettura del volume.

29 giugno    Cesare Guzzardella

Due validi Cd distribuiti da Milano Dischi 

La singolarità della figura del musicista statunitense John Cage è ben rappresentata da questo cd edito per l'etichetta Stradivarius. Marco Angius dirige l'Ensemble Prometeo in alcuni brani di Cage risalenti al  periodo 1939-1952, un periodo particolare per la musica avanguardistica del '900 che precede di dieci anni circa, e in un certo senso anticipa  la "rivoluzione musicale" della seconda metà del '900 con le esperienze di Boulez, Berio, Nono, Stockausen, ecc. I  cinque Imaginary Landscape e le sedici sezioni di Sixteen Dances compongono il disco. I primi cinque lavori, riordinati senza soluzione di continuità, prevedono pochi esecutori, percussionisti, registrazioni elettroacustiche e uso di radio. Le esecuzioni o meglio performance, sono state effettuata presso la “Casa del suono” di Parma nel 2009 ed erano inserita nelle giornate di studio dedicate a John Cage. Sixteen Dances prevedono invece una formazione cameristica di flauto, tromba, 4 percussioni, pianoforte, violino e violoncello e si esprimono con una più chiara costruzione musicale sia timbrica che armonica. Questi lavori, specie nelle più aleatorie Landscape vanno valutati storicamente secondo parametri più legati alla ricerca sonora  rispetto a quelli della valenza estetico-musicale che in genere non vede in Cage un musicista di riferimento.  Ottima la direzione e l'esecuzione dei lavori. 

E’ una formazione cameristica particolare l’Amstel Quartet, un quartetto di saxofoni che attraverso timbriche omogenee ma nello stesso tempo varie, riesce ad interpretare ottimamente classici della musica del passato o autori del Novecento e contemporanei. In questo cd uscito per Challenge Classics, Bach, Mozart, Brahms e Ravel sono intervallati da Barber o Rivier o dai contemporanei Lago, Nyman e Tun Dun. Un cd particolarmente interessante che ci mostra come la musica sia adattabile a strumentazioni differenti e inconsuete senza perdere di qualità. Bravi i quattro strumentisti dei quali ricordiamo almeno il nome: Remco Jak al sax  soprano, Olivier Sliepen all’alto, Bas Apswoude al tenore e Ties Mellema al baritono. Si consiglia l’acquisto. 

8 giugno     Cesare Guzzardella

MAGGIO

Un'opera di Galuppi per Dynamic 

E' uscita per la prima volta in DVD per Dynamic, distribuito da Jupiter Classics, l'opera in tre atti del veneziano Baldassarre Galuppi denominata L'inimico delle donne. Il libretto è di Giovanni Bertati. La messinscena è avvenuta il 3 febbraio 2011 presso l'Opera Royal de Wallonie di Liegi e le valide riprese live audio e video ci permettono di gustare con interesse il divertente spettacolo orchestrato da Rinaldo Alessandrini per la regia di Stefano Mazzonis di Pralafera, per le scene di Jean-Guy Lecat e i costumi di Frédéric Pineau.Nato sull'isola di Burano nella Repubblica di Venezia, Baldassare Galuppi (1706 - 1785) è un caso di un compositore molto popolare e di successo nella sua vita, ma la cui opera cadde presto nel dimenticatoio dopo la sua morte. Ha lasciato alle spalle oltre un centinaio di opere, alcune delle quali mai recuperate. L'inimico delle Donne è dunque una gradita opportunità di ascoltare una delle opere buffe più tarde  di Galuppi. Il cast vocale di ottima qualità vede Anna Maria Panzarellla nel ruolo di Agnesina, Pricilla Laplace in Kam-Si, Liesbeth Devos in Xunchia, Federica Carnevale nel ruolo di Zyda, Filippo Adami in Zon-Zon, Alberto Rinaldi in Geminiano, Juri Gorodetski in Ly-Lam e Daniele Zanfardino in Si-sin. L'ambientazione cinese con costumi d'epoca inseriti in una scenografia attenta ai dettagli  ben sottolinea  ogni personaggio sia nei momenti di recitato che nelle orecchiabili musiche del compositore veneziano. Galuppi vissuto per gran parte del Settecento ha il merito di avere anticipato modalità musicali che troveremo poi in Mozart e Rossini. Per la rarità del prodotto unico sul mercato in Dvd e per l'eleganza delle musiche di Galuppi unitamente alla valida messinscena consigliamo l'acquisto del prodotto Dynamic. 

22  maggio      Cesare Guzzardella

MARZO 2012

Un libro di Kathryn Kalinak per EDT 

MUSICA DA FILM 
Una breve introduzione 

di Kathryn Kalinak 

pagine: 192 
euro: 12,50 
EDT 2012 


E' recente l'uscita di un interessante libro di Kathryn Kalinak sulla Musica da film. Nelle pagine tradotte da E.M.Ferrando per EDT la Kalinak fa una breve ma valida cronistoria sulla musica da film dalle origini ad oggi soffermandosi sia sulla valenza artistico-tecnica delle composizioni cinematografiche che sulle tecniche di realizzazione della musica da film. Dai rumori e suoni di sottofondo  alle grandi melodie o armonie dei migliori musicisti come Prokof'ev, Korngold, Rota, Tan Dun o Morricone, per citarne alcuni, sino anche alle più banali compilation di brani popolari e commerciali, tutti i temi tracciano un valido panorama cinematografico-musicale segnando correttamente le tappe del cinema sia banale che d'autore. Una particolare trattazione mette in rilievo i grandi rapporti artistici tra registi e compositori quali Hitchcock ed Herrmann, Fellini e Rota e altri. Il volume presenta un testo scritto in modo chiaro e lineare ed è un valido strumento per chiunque volesse introdursi alle conoscenze della musica da film. Si consiglia l'acquisto. 

21 marzo         Cesare Guzzardella  

FEBBRAIO 2012

Due cd Stradivarius distribuiti da Milano Dischi

Nel primo Cd Stradivarius che presentiamo troviamo tre brani del compositore giapponese Toshio Hosokawa (1955), autore tra i più affermati internazionalmente. Metamorphosis (2000) è un lungo brano per clarinetto, orchestra d'archi e percussioni che ci rivela in modo chiaro il rigore stilistico di Hosokawa legato al modo razionale di comporre della scuola tedesca unitamente a quello della sua nazione di origine. Il modo di melodiare del clarinetto -nell'eccellente interpretazione dello svizzero Eduard Brunner -strumento centrale del brano, molto attento agli attacchi timbrici e allo svolgimento di note lunghe e profonde, si lega in modo sinergico alla rilevante parte orchestrale, soprattutto percussiva. I momenti centrali solistici ci rendono consapevoli del carattere particolarmente meditativo del lavoro. Il secondo brano per arpa ed orchestra è un concerto del 2001 denominato Re-turning - In memoria di Kunio Tsuji e vede solista l'ottima arpista Notburga Puskas. Anche in questo lavoro il carattere riflessivo e austero dominato da una profonda capacità costruttiva e di concentrazione sulle timbriche, ci rivela le caratteristiche stilistiche del compositore. Il solista, l'arpa, ha momenti nei quali in solitaria sviluppa alcuni temi definiti da semplici note che a volte vengono riverberate dalla sezione orchestrale. Il terzo brano del disco è del 1996 e s'intitola Ferne Landschaft III -Seascapes of Fukuyama per orchestra. Un lungo ed intermittente tappeto sonoro iniziale introduce l'interessante brano orchestrale che per timbriche rimanda sia alla musica orientale che a quella spettrale dove l'elemento suggestivo risulta dominante. Nel corso dell'esecuzione le sonorità diminuiscono d'intensità per svanire poi nel nulla. Ottima la direzione di Andrea Pestalozza sul podio della Deutsche Radio Philharmonie Saarbrücken Kaiserslautern. Un ottimo disco.

Il secondo Cd Stradivarius vede il pianista Aldo Orvieto interprete delle musiche di Claudio Ambrosini (1948). Tredici i brani presenti nel Cd scritti dal compositore veneziano tra il 1980 e la fine degli anni '90 e tutti significativi del suo modo di comporre. Ricordiamo almeno alcuni lavori tra cui il brano introduttivo Rondò di forza(1981) nel quale l'elemento effettistico costruito su tutti i registri della tastiera, con lunghe sequenze di note cromatiche di veloce andatura, crea un' atmosfera piena di luminosità. Ballo in ottava rima del 1991 presenta maggiori contrasti timbrici enunciati da note alternate in ottava .Ciaccona del 1998 è introdotto da poche note in scala ed è costruito con una progressiva distensione melodica che esprime un carattere più meditativo. L'elemento di variazione presente nel brano è forse la cosa più interssante del suggestivo lavoro che spesso sembra quasi un'accordatore di pianoforti al lavoro. L'Impromptu (1982) è quasi uno schizzo di note eseguite inizialmente con rapidità e tensione armonica. Ballo italiano (1981) per pianoforte preparato ha un sapore folcloristico ed una specie di scherzo musicale divertente mentre il Grande ballo futurista (1982) per pianoforte verticale che conclude il Cd è ancor più caratterizzato da una effettistica liberatoria tipica di molta musica aleatoria degli anni cinquanta-sessanta, free jazz compreso. Bravo l'interprete.

17 febbraio      Cesare Guzzardella

 

Un nuovo Cd di Joshua Bell per Sony Classical

E' da poco uscito un cd Sony Classical che vede in azione il noto violinista Joschua Bell ed il pianista Jeremy Denk entrambi statunitensi. In programme tre tra le più note sonate per violino e pianoforte: l'op.75 in re minore di Camille Saint-Saëns, la Sonata in la maggiore di Cesar Franck e quella di Maurice Ravel. I tre lavori rimangono tra i massimi traguardi del repertorio per questi due strumenti e l'abilità dei due interpreti in perfetta sinergia sia tecnicamente che espressivamente ci rivela tutta la bellezza dei tre brani. L'alta qualità audio offerta dalla registrazione ci permette di ascoltare ogni particolare delle singole composizioni. Un Cd ideale per chi voglia conoscere la miglior produzione per violino e pianoforte.

15 febbraio      Cesare Guzzardella

Un volume sul tenore Joseph Schmidt per Zecchini Editore 

Vincenzo Ramón Bisogni
JOSEPH SCHMIDT. The pocket Caruso. Un tenore in fuga

pp. VI+216 - f.to cm. 17x24
ISBN 978-88-6540-009-8
€ 20,00


E' recente l'uscita per Zecchini Editore nella collana Personaggi della musica di un volume dedicato al tenore austro-ungarico Joseph Schmidt. Deceduto a soli trentotto anni nel 1942 in un lagher svizzero nei pressi di Zurigo perché ebreo, Schmidt divenne comunque celebre in tutta Europa e in America grazie alle sue doti tenorili che lo portarono in numerosi palcoscenici lirici e nei set cinematografici. La sua popolarità si accrebbe infatti anche grazie ad una popolare carriera cinematografica. Il volume, ottimamente scritto da Vincenzo Ramón Bisogni, è intelligentemente suddiviso in tre parti - albori, mezzodí, crepuscolo- e racconta in modo attento e documentato la storia di questo sfortunato interprete di eccellente voce e bassa statura presente spesso negli anni '30 in programmi radiofonici. Completa il volume una cronologia biografica, un elenco dei ruoli sostenuti ed una poderosa discografia che permette oggi di conoscere e approfondire la splendida voce di questo importante tenore. Si consiglia vivamente l'acquisto. 

5 febbraio         Cesare Guzzardella 

GENNAIO  2012

Un interessante Cd di Alessandro Sbordoni per Stradivarius

E' da poco uscito per Stradivarius un Cd distribuito da Milano Dischi che riguarda il compositore Alessandro Sbordoni. Nato a Roma nel 1948, Sbordoni ha maturato la sua attività compositiva avendo come riferimento musicististi quali Evangelisti, Manzoni, Petrassi ed Henze ma rimanendo legato a stilemi tradizionali. L'incisione intitolata Sirius, dal nome del brano più importante, focalizza l'attenzione su uno strumento musicale quale il bayan, del quale anche Sbordoni è esperto conoscitore ed interprete. La musica presentata nel disco è di sicuro impatto musicale ed utilizza modalità compositive tradizionali nelle quali l'influsso di certo folclore popolare è spesso rilevante. La forza timbrica del bayan, una particolare fisarmonica, viene evidenziata dall'eccellente interprete Germano Scurti sin dal primo brano, Virgo (2003), eseguito insieme al bravissimo clarinettista (clar.basso) Guido Arbonelli e con un sapore,nelle battute iniziali, di stampo minimalista giocato sulla ripetizione delle note e delle strutture. A.D.C.E., del 2004 e per bayan solista, è un brano caratterizzato da transitorietà timbrica e senso d'attesa mentre Meine Freude (2008) sempre per solista, presenta timbriche più gravi e affermative ed ha uno sviluppo più articolato. Il quarto lavoro presentato è My J sempre del 2008. I quattro solisti presenti appartengono al Gruppo Progetto AleaNova e sono Eugenio Colombo al sassofono, Daniele Del Monaco al pianoforte, Gianfranco Tedeschi al contrabbasso e lo stesso Bordoni al bayan che introduce le prime note in una situazione che ricorda certo jazz del nord europa e con modi compositivi spesso molto improvvisati. Il brano successivo, con Scrurti solista al bayan, è del 2005 e s'intitola Altro Tempo. Sono quattro brevi movimenti dalla durata complessiva di circa 11 minuti che ritrovano una leggera, a volte dinamica e a volte statica tonalità. Sirius (2009), il brano più recente per bayan e orchestra, è una commissione dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Lavoro di maggior spessore compositivo e di largo respiro, è costruito sulle note iniziale del solista e trova timbriche legate ed una tradizione musicale più eterogenea sia occidente che orientale. Valido l'utilizzo delle sezioni orchestrali che rendono più varia la timbrica del bayan attraverso molteplici sonorità nelle quali l'effetto eco risulta essere particolarmente suggestivo. Un cd da acquistare.

 

Segnaliamo inoltre un Cd "storico" rimasterizzato dalla casa discografica Alto distribuito da Milano Dischi e riguardante il compositore Richard Strauss. La Cincinnati Symphony Orchestra diretta da due validi direttori quali Michael Gielen e Thomas Schippers esegue il noto Oboe Concerto, Till Eulenspiegels lustige Streiche e due valzer dal Rosenkavalier. Completa il cd un brano del polacco V.Lutoslawski: il Doppio Concerto per Oboe, Arpa e Orchestra da camera. Nel primo brano troviamo un oboista di spessore quale Heinz Holliger. Valide le interpretazione e le incisioni. Da acquistare.

 

 

16 gennaio        Cesare Guzzardella

 

Una piccola guida alla grande musica per Edizioni Sonda

Autore: Rodolfo Venditti

Titolo: Piccola guida alla grande musica vol. III

Berlioz, Brahms, Liszt, Paganini, Tartini

200 pagine, formato: cm 11,5 x 19,5

Anno: 1993, 2011

Collana: Piccola guida alla musica

Prezzo 16,00 €

E' uscita la seconda edizione della Piccola guida alla grande musica, scritta da Rodolfo Venditti per le Edizioni Sonda. Nel volume n.3 ristampato nel novembre del 2011, vengono delineate le figure di cinque importanti musicisti dell' Ottocento quali Tartini, Paganini, Berlioz, Liszt e Brahms. Venditti, nato ad Ivrea nel 1925 è stato magistrato per oltre quarant'anni e anche un grande appassionato di musica classica tanto da dedicarsi ad essa intensamente animando incontri musicali, presentando concerti e mediante la pubblicazione di alcuni titoli musicali tra i quali i dieci volumi che compongono questa valida guida. Scritta in modo chiaro ed accessibile a tutti, ha avuto il plauso di importanti scrittori e studiosi quali Bobbio, Principe e Pestelli, solo per citarne alcuni. Venditti inquadra con nitidezza i diversi musicisti trattati cogliendo con essenziale chiarezza gli aspetti inerenti la vita e la produzione musicale di ognuno. I volumi, di sicuro valore culturale, hanno rilevanza anche nella didattica musicale riservata ai più giovani e inesperti che si vogliono accostare alle conoscenze musicali. La prima edizione di questo lavoro data 1993 ed esce ora in un piccolo ma elegante formato di medio costo. Si consiglia vivamente l'acquisto.

5 gennaio       Cesare Guzzardella

 

DICEMBRE   2011

Recenti Dvd e Blu-ray per EuroArts

Il primo prodotto musicale che segnaliamo è un recente Blu-ray Disc registrato al Teatro Real di Madrid nel maggio del 2011. Il primo maggio di quest'anno la Berliner Philharmoniker diretta da Sir Simon Rattle teneva il concerto "Europa Koncert 2011 da Madrid" davanti un numeroso pubblico venuto per ascoltare la strepitosa compagine orchestrale ed il suo direttore stabile. Il programma prevedeva musiche di Emmanuel Chabrier con Espana, di Joaquìn Rodrigo con il Concierto de Aranjuez e di Sergey Rachmaninov con la Sinfonia n.2 op.27. Nel celebre concerto di Rodrigo troviamo il valido chitarrista Cañizares . La registrazione di altissima qualità audio e video, con ottime inquadrature da diverse angolazioni, è consigliabile a tutti gli amanti della migliore musica classica. Da acquistare.

 

 

Con il successivo Dvd EuroArts ricordiamo la registrazione dello splendido concerto pianistico tenuto da Daniel Barenboim al Teatro alla Scala di Milano il 28 maggio 2007. Quella memorabile serata scaligera ha visto un Barenboim in perfetta forma interpretare brani di Franz Liszt con una intensità espressiva di altissimo valore: da "Années de pèlerinage - Italia" tre Sonetti dal Petrarca, alla Fantasia quasi sonata dalla lettura di Dante, per poi passare a una delle "Légendes" e precisamente St. Francesco d'Assisi. Nella seconda parte del concerto le famose parafrasi su temi verdiani: dal Miserere del Trovatore all'Aida con Danza sacra e duetto finale per finire la con Parafrasi da concerto dal Rigoletto. Le sonorità espresse, soprattutto nei brani interamente lisztiani ci rivelano una cifra stilistica legata ad una lettura in cui i complessi e armonici piani sonori delle trascendentali composizioni si intersecano in modo esemplare, con effetti di colore e volumi tonanti molto “orchestrali”.E' veramente piacevole risentire e rivedere quella splendida serata che terminò con un incredibile successo di pubblico, anche perchè la registrazione è ottima sotto il profilo sia audio che video e vengono colte quelle sfumature espressive che al primo ascolto non sempre sono rilevabili. Un DVD che soprattutto che tutti gli appassionati di Liszt e delle interpretazioni di Barenboim devono assolutamente avere.

 

Continuiamo con un Dvd più recente prodotto da EuroArts per Idéale Audience. Siamo a Lisbona in Portogallo nel febbraio del 2010 e nel Grande Auditorium della Fondazione Calouste Gulbenkian troviamo la Chamber Orchestra of Europe e il direttore John Nelson alle prese con la Missa Solemnis di L.v.Beethoven. Le ottime voci soliste sono quelle del soprano Tamara Wilson, del contralto Elizabeth Deshong, del tenore Nikolai Schukoff e del basso Brindley Sherratt. Eccellente la parte corale del Gulbenkian Choir. Ottima la qualità audio e video. Da non perdere.

 

 

Andiamo indietro nel tempo con un Daniel Barenboim al pianoforte e un grande direttore quale Sergiu Celibidache alle prese con i due noti concerti per pianoforte e orchestra di J. Brahms l'Op.15 e l'Op.83. Siamo in Germania nel 1991 e la compagine orchestrale e la Munchner Philharmponiker. L'interpretazione di altissima qualità sia per quanto concerne la parte solistica che quella orchestrale è una di quelle di riferimento per i celebri concerti. Un Dvd che ogni amante delle grandi interpretazioni deve possedere.

 

Ancora un un Dvd musicale EuroArts riguardante un altro grande interprete di musica pianistica quale Claudio Arrau. Il pianista cileno non ha certo bisogno di presentazioni essendo oramai entrato nella storia dei grandi esecutori del '900. Nel Dvd EuroArts lo troviamo in uno storico concerto avvenuto nel maggio del1984 a Santiago del Cile presso l'enorme e affollatissima Cattedrale, storico perché Arrau tornava in quella regione del sud-america dopo moltissimi anni e l'attesa di quell'arrivo ha letteralmente stravolto la capitale. Il Dvd porta la firma di Peter Rosen e prevede l'esecuzioni di brani pianistici di Beethoven, Schubert, Chopin, Debussy e Liszt. Segnaliamo almeno la Sonata n. 7 op.10 n.3 del musicista di Bonn e la Ballata n.3 op.47 del polacco. La qualita audio non è tra le migliori ma l'importanza della registrazione è unica. Un Dvd EuroArts che ogni amante di musica pianistica deve possedere. Da non perdere.

 

Concludiamo con un Dvd EuroArts storico della serie Classic archive chr riguarda un grande direttore d'orchestra quale Leonard Bernstein. Siamo nel dicembre 1966 e Bernstein guida la London Symphony Orchestra nella Quinta Sinfonia di Dmitri Shostakovich. Il filmato è ottimamente diretto da Humphrey Burton e le riprese audio-video mostrano il direttore statunitense e l'orchestra inglese in un'interpretazione di impagabile espressività musicale. Si consiglia l'acquisto

 

27 dicembre      Cesare Guzzardella 

 

Due Dvd Opus Arte distribuiti da Jupiter classics

Segnaliamo due recenti Dvd musicali distribuiti da Jupiter Classics e prodotti da Opus Arte. Il primo riguarda l'opera in cinque atti di Giuseppe Verdi Les Vêpres Siciliennes nell'edizione originale in francese. Verdi debutto all'Opèra di Parigi, capitale europea della grande opera, con i Vespri il 13 giugno 1855 mentre la versione italiana ebbe luogo alla Scala nel febbraio dell'anno successivo con il mutato titolo di Giovanna di Guzman. Il Dvd presenta una valida registrazione avvenuta ad Amsterdam nel settembre del 2010 nella quale troviamo la Netherlands Philharmonic Orchestra ben diretta da Paolo Carignani. Ottime la regia di Christof Loy, le moderne scene di Johannes Leiacker e i costumi di Ursula Renzenbrink. Il cast vocale di avvincente qualità vede tra i protagonisti Barbara Haveman nella Duchessa Hélène, Burkhard Fritz in Henri, Alejandro Marco-Buhrmester in Guy de Montfort, Balint Szabo in Jean Procida, Jeremy White in Le Sire de Béthune, ecc. Valide sotto ogni profilo le riprese audio e video. E' presente anche la versione in Blu-ray. Si consiglia vivamente l'acquisto.

 

Il secondo Dvd Opus Arte che consigliamo è un balletto della celebre coreografia Peter and the Wolf-Pierino e il Lupo di Sergey Prokof'ev. IlRoyal Ballet Sinfonia diretto da Paul Marphy accompagna la coreografia di Matthew Hart in uno spettacolo di indubbia qualità dove intervengono anche gli Studenti del Royal Ballet diretto da Sergei Polunin. Le riprese da ogni angolazione e la qualità delle immagini pone questo Dvd all'attenzione di tutti gli appassionati del balletto e delle musiche del grande compositor russo. Si consiglia l'acquisto.

 

 

9 dicembre 2011        Cesare Guzzardella

 

Un libro su Ottorino Respighi per Zecchini Editore

  • Titolo: Ottorino Respighi. Un'idea di modernità del Novecento

  • Autore: Daniele Gambaro

  • Editore: Zecchini

  • Collana: Personaggi della musica

  • Data di Pubblicazione: 2011

  • ISBN: 886540017X

  • ISBN-13: 9788865400173

  • Pagine: 246

    Segnaliamo un ottimo volume di Daniele Gambaro, uscito di recente per Zecchini Editore, su uno dei musicisti più rappresentativi del primo Novecento italiano: Ottorino Respighi. Il musicista bolognese trova notorietà soprattutto per alcuni eccellenti lavori sinfonici quali Fontane di Roma, Pini di Roma e Feste romane ma il repertorio di Respighi è ben più ampio e bisognoso di maggior frequentazione. Il libro di Gambara, scritto in modo chiaro e documentato, sottotitolato "Un'idea di modernità del Novecento" è strutturato in sette capitoli. Nei primi quattro si da molto spazio al contesto storico italiano ed europeo nel quale è vissuto il musicista inquadrando in modo adeguato il linguaggio musicale di quei fondamentali periodi storici e la sua diversificata evoluzione. Nel quinto capitolo gli elementi biografici della vita di Respighi e una precisa tavola sinottica sulle sue composizioni inquadrano in modo esaudiente la figura del compositore. Fondamentale per la trattazione del volume la documentazione fornita da Elsa Respighi, pianista, musicista e moglie di Ottorino. Nel sesto capitolo si entra nella peculiarità stilistica del linguaggio di Respighi fornendo anche numerosi esempi con notazioni tratte dalle sue partiture. L'ultimo interessante capitolo pone l'attenzione sulla produzione pianistica di Respighi, un settore compositivo sconosciuto ai più. Un libro necessario per chi vuole conoscere o approfondire il Primo Novecento italiano e soprattutto la figura di Respighi. Si consiglia vivamente l'acquisto del volume.

    4 dicembre    Cesare Guzzardella

     

    NOVEMBRE   2011

    Le forme-sonata di Charles Rosen per EDT

    autore: Charles Rosen

    collana: I diapason

    isbn: 978-88-6040-668-2

    pagine: 472

    data uscita: ottobre 2011

    E’ uscito di recente per EDT una nuova edizione del noto libro di Charles Rosen “Le forme-sonata”. Rosen è un musicista e studioso tra i maggiori delle forme musicali. Nato nel 1927, ancora attivo come pianista, grande critico e divulgatore musicale è anche esperto di musica contemporanea. Nel 1980 scrisse il noto libro riguardante la forma sonata. La traduzione dall’inglese di Bianchini-Ferrando nella Collana Contrappunti di EDT trova in questa ottima nuova edizione italiana motivo per una nuova possibilità di leggere e studiare le origini e l’evoluzione di una forma musicale che ha dato fama ai maggiori musicisti di tutti i tempi come Haydn, Mozart, Beethoven, Chopin, Schumann, Liszt e Brahms. La chiarezza espositiva dei fondamentali contenuti e la poderosa quantità di esempi musicali rendono il volume essenziale per tutti quelli che vogliono accostarsi all’approfondimento della musica. Da non perdere. Ricordiamo un altro importante libro pubblicato da EDT di Rosen intitolato "Piano Notes. Il pianista e il suo mondo".

    21 novembre        Cesare Guzzardella

    Un Dvd lirico di Schoenberg distribuito da Jupiter Classics  

    Segnaliamo un ottimo Dvd lirico prodotto da Dynamic, casa genovese specializzata nei video lirici, riguardante l'opera teatrale in una atto di Arnold Schoenbrg "Von Heute auf Morgen". La registrazione live è avvenuta nel dicembre 2008 al Teatro La Fenice di Venezia e l'Orchestra del Teatro la Fenice era per l'occasione diretta da Eliahu Inbal. La messinscena, essenziale ma particolarmente efficace per la sua teatralità, è di Andreas Homoki. L'opera su libretto di Max Blonda è datata 1929 e ottenne  alle prime rappresentazioni un meritato successo. Poco eseguita in questi anni meriterebbe invece una maggior diffusione. La raffinata musica del maestro austriaco trova autenticità nel suo linguaggio anche se l'influenza di compositori a lui contemporanei quali Hindemih e Weill risultano evidenti. La capacità attoriale dei protagonisti, Georg Nigl, the Husband, e Brigitte Geller, the Wife, ci da una chiara idea della teatralità del lavoro schoenberghiano. Lo spaccato di vita borghese di quel periodo storico viene ben delineato anche dagli altri bravissimi interpreti quali Sonia Visentin, Mathias Schulz e il giovane Michelangelo D'Adamo. Ottimo anche il lavoro di F.P.Schlössmann per le  scene, e di G.Davey per i costumi. Altamente consigliabile.  

    12 novembre        Cesare Guzzardella

    Cd distribuiti da Milano Dischi  

    Il primo cd che segnaliamo è uscito per Stradivarius e riguarda il compositore  Alessandro Solbiati, musicista particolarmente affermato nel settore contemporaneo. Il Cd propone tre interessanti suoi lavori: la sua prima Sinfonia (1998-2005) , la Sinfonia seconda (2005) e un brano meno recente Die Sterne des Leidlands del 1991. I brani sono stati  eseguiti nell'ottobre del 2006 dall'Orchestra Nazionale della Rai diretta da Daniel Kawka. La prima sinfonia e nei classici quattro movimenti dalla durata complessiva di circa ventuno minuti e rivela uno stile compositivo maturo, ricco di dettagli nella chiara esposizione delle sezioni strumentali. L'introduzione su un tappeto di percussioni, volte a creare un'atmosfera particolarmente suggestiva, rivela subito le intenzioni di largo respiro del lavoro nel quale i levigati e delicati colori delle diverse sezioni timbriche, a cominciare dagli ottoni, si succedono per definire uno stato  evocativo, quindi marziale e infine ricco di spunti melodici dal sapore esotico. Nelle Danze del secondo movimento il recupero della musica antica ricorda certo Schnittke e Berio ma l'atmosfera da sogno nel quale siamo avvolti è  caratterizzante e personale. Una profonda melodia del violoncello introduce il terzo movimento per poi rimanere nel corso di esso sino agli estroversi fiati del movimento finale che introducono a loro volta  una turbolente interrelazione tra le suggestive timbriche. Pacata la breve conclusione. La più recente Sinfonia seconda mostra una maggior sintesi costruttiva. E' un brani in due parti, simmetrici nella durata di dodici minuti ciascuno. Le timbriche più marcate rispetto il lavoro precedente si alternano in una suggestiva successione ed interrelazione. Il sapore nordico della composizione ricorda certe composizioni di Tippet. Indubbia la maestria di Solbiati nella cura di ogni particolarità timbrica e costruttiva. Il secondo movimento parte da un discreto intervento delle percussioni che fa riemergere scure e inconsce atmosfere definite da suoni lunghi e sfumati. La coralità del finale e gli acuti suoni degli archi e degli ottavini  ci riportano ancora ad un lontano passato. Il terzo brano del disco, Die Sterne  des Leidlands, ha vent'anni, è per orchestra ed è suddiviso in tre parti. La composizione ci rivela un Solbiati particolarmente attento alla coloristica orchestrale nella definizione di elementi narrativi parcellizzati e quasi improvvisatori. Maggiore riflessività costruttiva nel secondo movimento e molto interessante il crescendo del movimento finale che tocca gli stati profondi dell'inconscio umano con una unità timbrica di qualità. Maggior estroversione nelle ultime battute. Ottima la direzione di Daniel Kavka e la qualità interpretativa dell'Orchestra Sinfonica della Rai. Si consiglia l'acquisto.  

    E' decisamente un ottimo pianista Sergei Edelmann, ucraino nato nel 1960 e conosciuto da pochi in Italia. Nel Cd della Triton, distribuito da Milano dischi, lo sentiamo eseguire Beethoven con tre tra le più celebri sonate pianistiche: la N.4 Op.7, la n.14 Op.27-2. "Al chiaro di luna" e la N.23 Op. 57 "Appassionata". Dotato di tecnica impeccabile,  avvince per espressività definita da una precisa e chiara sonorità unitamente a scorrevole e rispettosa unità formale. Il Cd registrato in alta qualità audio in Giappone nel 2009 è altamente consigliabile per il rilevante spessore artistico. Da non perdere.  

     

     

    Concludiamo con un incisione storica di un grande interprete russo quale il direttore d'orchestra Yevgeny  Mravinsky. Il cd in questione è della casa discografica Alto e vede il prestigioso direttore alla guida della Leningrad Philharmonic in una leggendaria interpretazione della Sinfonia n.8 in do min. Op.65 di Dmitri Shostakovich. La registrazione live del concerto è datata 1982 e la qualità interpretativa di altissimo spessore rende questo Cd imperdibile.

     

    7 novembre            Cesare Guzzardella  

    OTTOBRE 2011

    Il Liszt di Lang Lang per Sony Classical  

    E' da poco uscito un nuovo Cd del pianista cinese Lang Lang per Sony Classical nel quale l'affermato interprete esegue brani di Liszt. Il programma scelto prevede brani tra i più popolari del grande compositore e virtuoso ungherese. La Campanella da Paganini, la Rapsodia ungherese n.6 e la numero 15 nella versione di Horowitz, la Consolazione n.3, l'Ave Maria di Schubert e Liebestraum n.3 sono solo alcuni dei lavori presenti nell'ottima incisione. E' bravissimo Lang Lang nel sottolineare con un leggero fraseggio, ricco di sfumature, e con dinamiche contrastate ma mai eccessive ogni dettaglio compositivo. Il suo modo riflessivo d'intendere la musica anche nel grande e non facile Liszt lo colloca tra i grandi protagonisti dell'interpretazione pianistica di questo secolo. Il Cd è completato da una ottima incisione del Piano concerto n.1 per la direzione di Valery Gergiev alla guida della Vienna Philharmonic. In un secondo Cd troviamo un breve documentario sul pianista intitolato A Day With My Piano Hero. Da non perdere  

    10 ottobre            Cesare Guzzardella

     Perché la musica classica? Un libro per EDT  

    collana: Risonanze

    isbn: 978-88-6040-753-5

    pagine: 272

    data pubblicazione: settembre 2011

    prezzo: € 14.00


    E' recente l'uscita di un libro di Lawrence Kramer intitolato Perché la musica classica?- Significati, valori, futuro. Il testo, di non difficile lettura, ha come scopo quello di avvicinare il lettore all'ascolto della musica classica, soprattutto quella strumentale, fornendo indicazioni precise sul significato di questa forma d'arte "colta" come fonte di interesse e piacere in un momento storico in cui le nuove generazioni sono da essa sempre più lontane. Analizzando autori e periodi storici, dal Settecento ai nostri giorni, Kramer - professore di inglese e di musica in una università di New York­- focalizza l'attenzione sulla melodia, trasversale ad ogni genere musicale, anche quella più "popolare", per arrivare ad analisi più complesse legate alla costruzione armonica anche del Novecento. Non mancano riferimenti agli usi e ai costumi della società, sottolineando spesso come la musica sia ancora una volta trasversale ai diversi modi di vita delle culture nazionali, anche molto lontane geograficamente. Un libro particolarmente interessante che consigliamo a tutti.  

    4 ottobre          Cesare Guzzardella

    SETTEMBRE 2011

    Recenti Cd distribuiti da  Milano dischi  

    Segnaliamo tre recenti Cd distribuiti da Milano dischi. Il primo è un Cd Stradivarius riguardante un compositore contemporaneo quale Raffaele Bellafronte. Il disco intitolato Arakathalama e realizzato nel 2010,  vede alternarsi formazioni cameristiche per l'esecuzione di otto brani composti da Bellafronte tra il 1996 e il 2006. Dopo un lungo periodo nel quale si è fatto un largo utilizzo di atonalità, dodecafonia, aleatorietà e improvvisazione, da alcuni anni stanno proliferando compositori che recuperano in toto la tonalità creando brani di valida e piacevole musicalità. Nella musica di Bellafronte la tonalità accompagnata da una sapiente e genuina capacità compositiva trova idee musicali che spaziano da certo jazz alla musica sudamericana, sino alla migliore tradizione tonale del '900 sia del nord-America che dell’Europea. Nei brani presenti nel cd troviamo timbriche differenziate: dai fiati di Nights in Broadway per quintetto di fiati dal sapore gershwiniano ma con ritmiche anche esotiche, a Midnight plays per clarinetto, cello e pianoforte, dove certe elementi atonali introduttivi non alterano l'impianto tonale particolarmente ritmico. Desaccòrd è una sonata pianistica in tre parti ottimamente eseguita da Giampaolo Nuti che rimanda al jazz di un Corea, con ritmiche stravinskijane o atmosfere armoniche debussyane. L'arpa, nella valida interpretazione di Maria Gamboz, è presente in due brani: Blue insieme al violino di Francesco D'Orazio e  Cristalli di sale con la chitarra di Marco Salcito. Il primo ha un sapore arcaico che rimanda a mondi lontani oa  certa musica celtica, mentre il secondo è più proiettato in terreni mediterranei. Validi entrambi. Passi per flauto, sax contralto e pianoforte presenta una freddezza nordica con modi costruttivi variegati e colori espressi anche in solitaria dai solisti per arrivare a repentini cambiamenti ritmici. Oasi alla mente per flauto, violino, cello e pianoforte, il brano più lungo della serie, presenta una certa articolazione espositiva e timbriche portate al misterioso con accenti quasi atonali in certi frangenti e ritmiche ossessive in altri. Terminimo con Arakathalama, il brano che da nome al Cd, per clarinetto, chitarra, bandoneon e contrabbasso. Elementi folclorici con ritmiche alla Piazzolla o Bacalov si alternano ad altri di coreana memoria. Ricordiamo tra gli interpreti degli ultimi brani anche Dante Milozzi al flauto, Federico Mondelci al sax, Corrado Giuffredi al clarinetto, Vito Paternoster al cello, Cesare Chiacchiaretta al bandoneon, Enrico Fagone al contrabbasso ed il pianista Adriano Paolini. Una musica ben costruita, variegata e di piacevole ascolto che consigliamo a tutti.

     

    Bohuslav Martinü è un importante compositore cecoslovacco vissuto nella prima metà del '900. Poco eseguito in Italia, ha composto rilevanti sinfonie, molti concerti e altrettanta musica cameristica. Il Trio Albratos di Stefano Parrino al flauto, Francesco Parrino al violini e Alessandro Marangone al pianoforte, propone in questo secondo Cd Stradivarius cinque brani cameristici di Martinu per una ottima interpretazione musicale. Il neoclassicismo del musicista ceco affiora nei brani del disco all'interno di tessuti armonici particolarmente validi per sapienza compositiva e ricchezza melodica. Segnaliamo almeno i brani Madrigal Sonata dal sapore arcaico ma particolarmente dolce; Promenades per flauto, violino e cembalo. Alla tastiera in questo caso troviamo l'ottimo Gianluca Capuano. Rilevanti  anche gli altri brani, tutti molto freschi e di sapiente fattura. Si consiglia l'acquisto.

    Terminiamo con un Cd Challenge Classics distribuito da Milano Dischi riguardante un compositore francese molto importante anche per le innovazioni fatte nel modo di orchestrare la musica: Hector Berlioz. La nota La damnation de Faust, circa due ore e trenta di musica registrati in due Cd, è interpretata da un grande direttore quale Bernard Haitink alla guida della Radio Filharmonich Orkest & Groot Omroepkoor. Tra i validi solisti citiamo almeno Thomas Quasthoff e Charlotte Margiono. Un lavoro particolarmente rilevante che consigliamo a tutti.  

     

    30   settembre        Cesare Guzzardella

    Blu-ray e Dvd per EuroArts

    Nuovi interessanti prodotti musicali sono usciti per EuroArts. Iniziamo con un Blu-ray, anche in Dvd, di un pianista noto nel mondo per le sue valide interpretazioni del  repertorio classico. L’ungherese Andràs Schiff è tra i pianisti più affezionati al pubblico milanese e italiano. Nella registrazione, di eccellente qualità audio e video,  lo vediamo alle prese con J.S.Bach, quello delle 6 Suite Francesi. In aggiunta troviamo anche l’Ouverture in stile francese in si minore e il celebre Concerto italiano. Impeccabile l’interpretazione di Schiff  impreziosita dal suo modo di intendere il ‘700 con dovizia di ornamenti eseguiti con estrema eleganza. Schiff ancora una volta dimostra di essere tra i maggiori esecutori della musica bachiana. Un disco che ogni amante del compositore tedesco deve assolutamente possedere.

    Nel secondo Blu-ray che promuoviamo troviamo invece un balletto del coreografo Uwe Scholz denominato The Great Mass.   Uscito per ricordare il coreografo scomparso nel novembre 2004 all’età di 45 anni,  il disco mostra il Leipzig ballet, la nota compagine diretta per alcuni anni da Scholz, con ballerini del calibro di Kiyoko Kimura, Oksana Kulchytska, Sibylle Naundorf,  Christoph Bohm e Giovanni di Palma. La Gewandhausorchester di Lipsia è diretta da Balàzs Kocsàr. Le musiche coreografate sono di Mozart, Kurtàg, Jahn e Part. Un Blu-ray particolarmente valido consigliato a tutti gli amanti del balletto e della migliore musica. Da acquistare. 

    Concludiamo con un cofanetto di Dvd EuroArts molto appetibile  che presenta la celebre trilogia mozartiana composta su libretto di Lorenzo Da Ponte: Le nozze di Figaro, il Don Giovanni  e  Così fan tutte. La compagine orchestrale è sempre la medesima con la splendida Wiener Philharmoniker.  I direttori di alto livello  sono risprettivamente  Nikolaus Harnoncourt, Bertrand de Billy e Adam Fischer.  L'opera mozartiana Così fan tutte è nella messinscena più recente  avvenuta al Festival di Salisburgo nel luglio e agosto 2009. Siamo abituati alla modernizzazione scenografica e dei costumi operata in questi anni nelle opere barocche e classiche, ma questa rappresentazione della divertente opera di Mozart è certamente valida per quanto concerne la regia di Claus Guth, la scenografia elegante di Christian Schmidt e i costumi moderni di Anna Sofie Tuma. Ottima anche l'interpretazione fornita dai Wiener Philharmoniker diretti da Adam Fischer. Il cast vocale di elevato livello è costituito da Miah Persson, Fiordiligi, Isabel Leonard, Dorabella, Florian Boesch, Guglielmo, Topi Lehtipuu, Ferrando, Patricia Petibon, Despina e Bo Skovhus in Don Alonso. Le riprese audio e video nei due Dvd sono di eccellente qualità. Il Don Giovanni è stato egistrato in occasione del Festival di Salisburgo nel 2008, la messinscena è stata ottimamente curata dal regista Claus Guth che ha trovato una ottima resa attoriale dall'avvincente cast vocale puntando sulla modernizzazione della vicenda con trovate particolarmente innovative. Le scene ed i costumi di Christian Schmidt sono in sinergia con la regia e l'impianto scenico in un contesto naturale è contrastante con i moderni costumi ma ben esplicativo. L’adattamento in chiave moderna trova anche un valido contributo dall’esecuzione musicale di Bertrand De Billy alla guida dei Wiener Philharmoniker. Ottimo il cast vocale con Christopher Maltman nel ruolo di un moderno Don Giovanni con voce pregnante, Annette Dasch una Donna Anna timbricamente robusta ed efficace, Matthew Polenzani, una voce morbida e melodica per Don Ottavio; bravi Dorothea Roschmann in Donna Elvira, Erwin Schrott in Leporello, Ekaterina Siurina in Zerlina, Alex Esposito in Masetto e Anatoli Kotscherga il Commendatore. Il prodotto in due Dvd presenta valide riprese audio e video dalle caratteristiche molto cinematografiche che rendono particolarmente godibile sullo schermo. Ed infine l'opera mozartiana Le nozze di Figaro sono nella messinscena avvenuta  nel luglio del 2006 in occasione del Festiva di Salisburgo.   La messinscena è ancora quella del regista Claus Guth e i costumi di Christian Schmidt. Eccellente il cast vocale con le avvincenti voci di Ildebrando D’Arcangelo in Figaro e Anna Netrebko  in Susanna. Un cofanetto che non bisogna perdere.  

    12   settembre            Cesare Guzzardella

    LUGLIO  2011

    Nuovi Dvd e Blu-ray per EuroArts

    Sono usciti recentemente nuovi prodotti musicali EuroArts. Iniziamo con alcuni Blu-ray, disponibili anche in Dvd, relativi a concerti sinfonici: Vladimir Jurowski, il noto direttore russo, è noto al pubblico milanese per le sue interpretazioni di autori soprattutto russi. Nel Blu-ray idéaleaudienze lo vediamo invece alla testa dell'Orchestra of the Age of Enlightenment in un programma interamente beethoveniano con l'Ouverture Coriolano op.62, la Sinfonia n.4 op. 60 e la Sinfonia n.7 op.92. La registrazione è stata effettuata in occasione del concerto tenuto a Parigi il 4 febbraio 2010 al Teatro dei Champs Elysées. Ottima l'interpretazione fornita con dettagli tecnico-coloristici di spessore e valida sotto ogni profilo la qualità audio-video del prodotto. Si consiglia l'acquisto.

     

     

    Passiamo ora ad un'interprete che non ha certo bisogno di presentazioni: la grande pianista argentina Martha Argerich è infatti la protagonista di questo bellissimo Blu-ray idéaleaudienze distribuito da EuroArts registrato in occasione degli ultimi due Vebier festival che si sono svolti nella ridente località svizzera. Il primo brano è del luglio 2009 e trattasi del Concerto n.2 per piano e orchestra di L.v.Beethoven, cui fa seguito come bis una nota Sonata scarlattiana interpretata magistralmente dalla Argerich. I brani successivi sono del luglio 2010: il Concerto per pianoforte op.35 di Shostakovich e la limpida Sinfonia in do di Bizet. Bravissimo anche il solista alla tromba David Guerrier. L'orchestra da Camera del Festival è in entrambi i casi diretta ottimamente da GáborTakács-Nagy. Interpretazioni di spessore artistico per interpreti di qualità. Da non perdere.

     

     

    Continuiamo con un altro Blu-ray questa volta inerente un altro pianista di spessore artistico quale Joaquín Achúcarro in un recital tenuto al Teatro Real di Madrid nell'ottobre 2010: in programma musiche musiche di Albeniz, De Falla, Debussy, Granados, Scriabin e Ravel. L'interprete, poco noto in Italia, è in realtà noto internazionalmente e di questi compositori è tra i migliori interpreti. Il Blu-ray è completato da una registrazione berlinese del settembre 2010 del brano Nights in the Gardens of Spain di Manuel de Falla in una ottima interpretazione dei Berliner Philharmoniker diretti dal direttore stabile Simon Rattle. Elevata la qualità audio e vidio dell'incisione. Altamente consigliabile.

     

    Concludiamo con un Dvd musicale EuroArts riguardante un altro grande interprete di musica pianistica quale Claudio Arrau. Il pianista cileno non ha certo bisogno di presentazioni essendo oramai entrato nella storia dei grandi esecutori del '900. Nel Dvd EuroArts lo troviamo in uno storico concerto avvenuto nel maggio del1984 a Santiago del Cile presso l'enorme e affollatissima Cattedrale, storico perché Arrau tornava in quella regione del sud-america dopo moltissimi anni e l'attesa di quell'arrivo ha letteralmente stravolto la capitale. La Sinfonica Orchestra dell'Università del Cile diretta da Victor Tevah ha interpretato con Arrau il celebre Concerto "Imperatore" di Beethoven. Il Dvd intitolato "The Emperor" porta la firma di Peter Rosen e oltre al concerto documenta in modo accurato la vita del celebre pianista che trova grandi interpretazioni in un repertorio particolarmente vasto con una vetta nella produzione beethoveniana. Un Dvd EuroArts che ogni amante di musica pianistica deve possedere. Da non perdere.

    9 luglio   Cesare Guzzardella

    Dvd distribuiti da Jupiter classics

    Il primo Dvd che proponiamo riguarda la messinscena avvenuta nell'aprile 2010 al Teatro Petruzzelli di Bari di La Cenerentola opera di Gioachino Rossini su libretto di Jacopo Ferretti. L'ottima registrazione è uscita per la casa di produzione musicale Dynamic. La regia è di Daniele Abbado, le moderne scene di Gianni Carluccio e i costumi di Giada Palloni. Questo dramma giocoso in due atti, tra i più freschi e geniali lavori di Rossini, ha trovato in questa rappresentazione ambientata negli anni ‘60-‘70 un ottimo cast vocale con voci adatte alle richieste rossiniane: Josè Maria Lo Monaco ha ben interpretato il ruolo di Angelina-Cenerentola con garbo e valida drammaturgia; Paolo Bordogna ha sostenuto con determinazione Don Magnifico attraverso brio ed ironia; fisicamente perfetto e con voce adeguata Maxim Mironov in Don Ramiro. Bravi anche Roberto De Candia, Nicola Ulivieri, Eleonora Cilli e Alessandra Volpe rispettivamente in Dandini, Alidoro, Clorilda e Tisbe. La direzione musicale dell'Orchestra e Coro della Fondazione Petruzzelli è stata ben sostenuta da Evelino Pidó. Coro preparato da Franco Sebastiani. L'ncisione in due Dvd di ottima qualità audio e video presenta sottotitoli in ben cinque lingue. Si consiglia vivamente l'acquisto.

     

    Il Dvd che ora proponiamo a tutti gli amanti di musica teatrale è un prodotto Opus Arte distribuito in Italia da Jupiter Classics. Si tratta di un lavoro lirico dell'inglese Benjamin Britten: Billy Budd. Britten, forse il massimo compositore inglese del '900 è autore fecondo in ogni settore musicale ma con una predilizione per la lirica. L'opera presente nel Dvd è in due atti e la troviamo nella versione rivista dal compositore del 1960. Questa registrazione video è molto recente: siamo nel giugno 2010 al Glyndebourne Opera House. La London Philharmonic Orchestra è diretta da Michael Grandage e il Coro di Glyndebourne è preparato da Jeremy Bines. La rappresentazione dell'ottimo Dvd ricalca, per quanto concerne le scene e i costumi, la versione televisiva ideata in passato dallo stesso Britten. Valido il cast vocale con John Mark Ainsley nel ruolo di Captain Vere e valida la regia di Mark Elder per un lavoro molto teatrale. Da non perdere.

     

     

    Veniva realizzato nel 2006 un film di Francesco Leprino, anche sceneggiatore, per la Concerto classics intitolato Un gioco ardito- Dodici variazioni tematiche su Domenico Scarlatti. Il video particolarmente interessante e dall'espressivo valore didattico, spiega la vita del grande musicista italiano attraverso interviste e musiche tratte dalle sue sonate cembalistiche. Molti sono i protagonisti e interpreti del filmato: da Cappelleti a Corghi, da Laganà a Sciarrino, da Pisatti a Maldonado, ecc. Voce recitante per l'occasione quella di Shel Shapiro. Il documentario è ottimamente costruito e ben montato filmicamente. Lo consigliamo a tutti quelli che vogliono avvicinarsi alla conoscenza del grande Domenico Scarlatti.

     

    7 luglio         Cesare Guzzardella

    Nuovi Cd distribuiti da Milano Dischi

    Segnaliamo nuovi cd distribuiti da Milano Dischi. Il primo per Stradivarius è il quinto della serie La voce contemporanea in Italia e vede il Duo Alterno protagonista di brani contemporanei di compositori italiani quali Ferrero, Battistelli, Vacchi, P.Cattaneo, Andrini e Piacentini. Il duo formato dal soprano Tiziana Scandaletti e dal pianista Riccardo Piacentini è completato in alcuni lavori anche dalla flautista Claudia Savoldi, da Virginia Arancio alla chitarra elettrica e nei brani di Riccardo Piacentini, nella veste di compositore, dall'Orchestra I Pomeriggi Musicali diretta dall'ottimo Roberto Gianola. I lavori presenti sono tutti recenti tranne il primo di Lorenzo Ferrero, Canzoni d'amore, datato 1985. Sette le canzoni del primo lavoro tratte da Pietro Metastasio nella revisione di Ravasini-Ferrero per una scrittura tonale di immediata comprensione che partendo da modalità compositive antiche trova una valida espressività nella voce della Scandaletti e nel puntuale accompagnamento di Piacentini. Il brano di Giorgio Battistelli Lettera di Angela (2008-2010) è tratta dalla recente opera Divorzio all'italiana del compositore. L'ottima riduzione scritta per il Duo Alterno mette in rilievo la valida scrittura compositiva che sottolinea la drammaticità della lettera nell'incisiva voce del soprano. Anche il brano Aria di Nadia del bolognese Fabio Vacchi è tratto da una recente opera del compositore. L'opera lirica Lo stesso mare su testi di Amos Oz è infatti andata in scena recentemente al Teatro Petruzzelli di Bari ottenendo grande successo di critica e di pubblico. L'aria estratta da Vacchi per il valido Duo possiede un'intensità drammaturgica che ben sottolinea la genuina teatralità e l'approfondita scrittura musicale del compositore. Un richiamo alla musica settecentesca italiana ritroviamo nei due brani successivi: Se.... (2009) per voce, flauto e pianoforte di Pieralberto Cattaneo ha come riferimento l'aria Se tu m'ami di G.B. Pergolesi mentre Marcello's Divertissement (2008) per soprano, chitarra elettrica e pianoforte trova come riferimento Quella fiamma che m'accende attribuita a Benedetto Marcello. Entrambi i brani sono dedicati al Duo Alterno ed è interessante nell'ultimo la tiimbrica e l'impronta rock della chitarra elettrica di Virginia Arancio. Gli ultimi due lavori presenti nel cd sono di Piacentini e sono la registrazione live del concerto tenuto a Milano nel novembre 2010 al Teatro dal Verme. Canson piemontéisa su testo anonimo è una originale e felice trascrizione orchestrale di Piacentini dell'originale melodia popolare piemontese. La triste atmosfera introduttiva e poi rinforzata da una scrittura orchestrale che ha molti spunti mahleriani e riferimenti anche alle trascrizioni di Berio. Anchi i successivi tre brani tratti da Quattro canzóne napulitane (2010) su romanze di Donizetti mostrano la valida capacità di orchestrazione di Piacentini che unisce alla sua abalità pianistica scelte timbriche pregnanti ed espressive. Sempre brava la Scandaletti. Un Cd vario e unitario per l'ottima scelta del materiale musicale presente che dimostra il felice momento artistico della nostra musica contemporanea. Da acquistare

     

     

    E' una musica molto libera e di non facile ascolto quella di Aureliano Cattaneo, compositore italiano nato nel 1974 che vive e lavora a Madrid. Nel recente Cd Stradivarius distribuito da Miilano Musica presenta tre composizioni per piccole formazioni cameristiche. In Trazos del 2007 i sei brani su testi di autori per lo più spagnoli e dalla durata comlessiva di quasi trenta minuti, sono costruiti intorno alla voce del soprano Petra Hoffmann, abile cantante che sostiene con efficacia la ricca timbrica della voce utilizzata in modo quasi strumentale e ben inserita nel contesto degli altri sette strumenti solisti, oltre alle percussioni. Trio del 2002 per violino, cello e fisarmonica è in tre parti e costruisce una musica fantasiosa nella quale i solisti sono ben trattati armonicamente, melodicamente e con efficacia ritmica. Momenti di grande contrasto si alternanano ad altri di più meditato orientamento. Concertino del 2001 è un brano in due parti per trombone solista e piccola ensemble. Le timbriche spesso cupe e austere del trombone del bravo Carlos Gil contrastano con l'ensemble ( flauto, oboe, pianoforte, viola e cello) in un gioco di atmosfere astratte e spesso spettrali nella quale il centro di gravità è di non facile evidenza. Bravissimo l'Ensemble Espai Sonor diretto da Voro García. Registrazione del giugno 2010. Si consiglia l'acquisto.

     

     

    Concludiamo con un Cd Regis distribuito da Milano Dischi dedicato ad un interprete che non ha bisogno di presentazioni: parliamo del grande pianista russo Sviatoslav Richter e di alcune tra le più rilevanti interpretazioni musicali di compositori russi quali Mussorgsky e Prokof'ev. Le registrazioni avvenute in studio nel 1960 e nel 1957 presentano brani tra quelli migliori interpretati da Richter: Pictures at an Exhibition di Mussorgsky, la celebre Sonata n. 7 op.83 e il Concerto n.1 op.10 di Prokof'ev. Il livello magistrale interpretativo del grande Sviatoslav pone l'incisione, di ottima qualità sonora, tra quelle che un amante di grande musica pianistica deve assolutamente possedere. Da non perdere.

     

    2 luglio                 Cesare Guzzardella

     

    GIUGNO  2011

    Il jazz distribuito da EGEA incontra la lirica con il duo Rea-Boltro

    Segnaliamo un Cd musicale particolarmente valido, distribuito da EGEA Music che riguarda due musicisti ispirati dalla musica operistica ma di provenienza jazz quali il pianista Danilo Rea ed il trombettista Flavio Boltro. Entrambi affermati in Italia e internazionalmente nel jazz hanno di recente registrato per ACT Music un Cd denominato Opera: 12 brani che in chiave jazzistica rielaborano note arie liriche di compositori quali Monteverdi, Rossini, Bellini, Giordani, Vivaldi, Cilea e Puccini. L'intento è quello di sottolineare le celebri melodie ma anche di improvvisare in modo illuminato e con nitidezza melodica e strutturale intorno alle arie. Il risultato ottenuto, di genuino impatto timbrico, ci rivela la valida strumentalità di artisti che provenendo da studi classici di Conservatorio hanno trovato nell'ambito jazzistico specifiche attitudini timbriche tipiche della creatività del jazz. Queste, quando inserite con intelligenza, come nel caso dei nostri brani, sono la dimostrazione che anche il jazz rimane una eccellente modalità per fare musica di qualità. Tra i brani scelti, tutti validi, ricordiamo almeno Lasciatemi morire di Monteverdi, i brani pucciniani E lucevan le stelle e O mio babbino caro, Caro mio ben di Giordani, le Sinfonie dal Guglielmo Tell - una intelligente versione molto free - e dal Barbiere di Siviglia di Rossini e un efficace rielaborazione classica di Piango, gemo, sospiro e peno di Antonio Vivaldi. Due validi interpreti e creativi le cui interpretazioni consigliamo vivamente agli amanti di musica lirica e di jazz ma anche a tutti quelli che vogliono ascoltre musica di qualità. Bravissimi! Da non perdere.

    30 giugno                Cesare Guzzardella

    Dvd prodotti da EuroArts

    Consigliamo a tutti gli amanti di musica pianistica due Dvd EuroArts della serie Classic archive riguardanti due grandi interpreti del repertorio classico: Claudio Arrau e Friedich Gulda. Entrambi sono concerti live tenuti in occasione del prestigioso Beethoven Festival che si tiene a Bonn, città natale del maestro tedesco, da parecchi decenni. Il doppio Dvd dedicato al cileno Arrau vede impegnato il pianista in due memorabili concerti tenuti nel 1970 e nel 1977 nei quali eseguiva otto tra le più note sonate di Beethoven: l'op. 53, l'op.2 n.3 e l'op. 111, nel concerto del '77 e l'op.27 n.1, l'op.109, 57, 27 n.2 e l'op. 81a nel concerto del 1970. Ricordiamo che Arrau è stato protagonista del pianismo del '900 con un repertorio particolarmente vasto e con un interesse per la musica del Maestro di Bonn arrivato soprattutto negli ultimi decenni delle sua vita. La qualità elevata delle sue interpretazioni beethoveniane meritano l'ascolto di ogni appassionato di pianoforte. Anche il secondo Dvd EuroArts, quello che vede F. Gulda a Bonn nel 1970 in occasione del medesimo Festival è di grande rilevanza musicale. Il viennese Gulda noto anche come ottimo jazzista ed improvvisatore, viene considerato dalla migliore critica musicale anche un eccellente interprete del repertorio classico e soprattutto di Beethoven - ricordiamo l'integrale delle sonate- e in questo splendido Dvd lo vediamo alle prese con due imperdibili lavori beethoveniani: l'Eroica Variations op. 35 e l''op. 106 Hammerklavier. La registrazione live è introdotta da una bellissima Suite inglese di J.S.Bach, la Bwv 808 eseguita con minuzioso estro e con impeccabile espressività. Due Dvd da non perdere.

     

     

    Un altro Dvd altamente consigliabile è ancora uscito recentemente per EuroArts ma é la registrazione di concerti avvenuti da circa vent'anni. Tre grandi pianista in anni diversi si confrontano nelle più note Variations, questo anche il titolo del Dvd: Daniel Barenboim nelle Diabelli Variazioni op.120 di Beethoven, Yefim Bronfman nelle Hændel Variazioni op.24 di J.Brahms ed infine Andràs Schiff nelle note Goldberg BWV 988 di J.S.Bach. I brani registrati in germania in anni compresi tra il 1987 e il 1991 sono interpretazioni di alto livello e meritano una attento ascolto per coglierne le raffinatezze espressive e compositive. Un Dvd da non perdere.

     

     

    Passiamo ora ad un concerto recente per un pianista giovane e non ancora conosciuto in Italia. Il francese Adam Laloum ha tenuto nel luglio del 2010 un concerto in occasione del Festival svizzero di Verbier, ridente località oramai nota grazie anche alla musica. Il programma eterogeneo alternava Schumann e Debussy a Schubert e Brahms con noti brani dei quattro compositori. Ottimo il tocco pianistico nel definire le Davidsbüdlertänze op.6 di Schumann, alcuni preludi di Debussy, la Sonata D 894 di Schubert e un Intermezzo, l'op.117n.2, di Brahms. Grande successo di pubblico e valida interpretazione complessiva quella di Laloum. Si consiglia l'acquisto.

     

     

    29 giugno           Cesare Guzzardella

     

     

    Due Dvd distribuiti da Jupiter Classics

    Giovanni Bottesini passo alla storia come grande virtuoso contrabbassista, ma fu ottimo direttore d'orchestra e fecondo compositore non solo di opere per il suo strumento ma anche per diverse formazioni cameristiche. Scrisse otto opere liriche: fra queste la più nota è Ero e Leandro su libretto di Arrigo Boito. Nell'ottimo Dvd prodotto da Dynamic troviamo quest'opera in tre atti in prima registrazione video nella messinscena avvenuta nel settembre 2009 al Teatro San Domenico di Crema, città natale del musicista. L'orchestra Filarmonica del Piemonte è ben diretta da Aldo Salvagno mentre il Coro Claudio Monteverdi è stato preparato da Bruno Gini. La moderna e avvincente messinscena trova validità nella regia di Laura Borello e Gregorio Zurla, nella scenografia ancora di Zurla e anche nella scelta costumistica di Stefania Barreca. Valido il cast vocale con Veronique Mercier nel ruolo di Ero, Gian Luca Pasolini in Leandro e Roberto Scandiuzzi in Ariofarne. La fortunata registrazione di questo Dvd da finalmente risalto al grande virtuoso-musicista spesso dimenticato riproponendolo nella veste di operista. Ottime le riprese audio-video. Si consiglia l'acquisto.

     

     

    Continuiamo con un altro Dvd lirico distribuito da Jupiter Classics. Trattasi di una registrazione live prodotta da Opus Arte de La Traviata di Giuseppe Verdi. La messinscena è avvenuta nel giugno 2009 al Royal Opera House Covent Garden di Londra con un cast vocale di primo livello rappresentato da Renée Fleming in Violetta Valéry, Joseph Calleja in Alfredo Germont e Thomas Hampson in Giorgio Germont. La celebre opera in tre atti composta da Verdi su libretto di Francesco Maria Piave nel 1853 vede oggi una moderna e raffinata messinscena del regista Richard Eyre, dello scenografo Bob Crowley e del costumista Jean Kalman. Le scelte registiche e musicali ben calibrate per le ottime riprese audio-video, ci mostrano un valido lavoro complessivo adatto anche ai più esigenti appassionati di lirica e del massimo rappresentante italiano. Si consiglia l'acquisto.

     

    27  giugno       Cesare  Guzzardella

     

    Due Cd distribuiti da Milano Dischi

    Segnaliamo due Cd Stradivarius distribuiti da Milano Dischi. Il primo riguarda il compositore siciliano Salvatore Sciarrino e la sua opera in due atti Luci mie traditrici (1998). L'incisione è stata effettuata nel luglio 2010 presso il Teatro Poliziano di Montepulciano ma la prima rappresentazione dell'opera avvenne in Germania nel 1998. Il libretto di Sciarrino trae spunto da Il tradimento per l'onore di G.A. Cicognini (1664) con un'Elegia di Claude Le Jeune (1608). La vicenda richiama il noto assassinio di gelosia avvenuto nel 1590 ad opera di Gesualdo da Venosa, i protagonisti infatti sono una coppia di amanti: La Malaspina nella voce de mezzosoprano Nina Tarandek e Il Malaspina interpretato dal tenore Christian Miedl. Altri interpreti sono il controtenore Roland Schneider, l'Ospite, e il tenore Simon Bode, Servo della casa. Otto le scene nei due atti del lavoro dove all'interno del tessuto musicale un ruolo determinante è dato della timbrica vocale nelle sue infinite declinazioni. L'Ensemble Algoritmo, un gruppo cameristico di oltre venti elementi, è ottimamente diretto da Marco Angius e anche nella componente strumentale si nota una ampia ricerca sulla timbrica degli strumenti che vengono trattati secondo una vasta possibiltà sonora ed effettistica in simbiosi con la componente vocale. Le voci, quasi sempre in coppia, delineano in modo netto lo svolgimento contenutistico del lavoro mentre le parti autonome strumentali hanno evidenti richiami alla musica antica rinascimentale. Una partitura molto originale e di grande espressività di un autore molto vario ed interessante quale Salvatore Sciarrino. Consigliamo vivamente l'acquisto.

     

     

    Il secondo Cd riguarda un compositore particolarmente eseguito nei teatri europe. Recentemente è approdato alla Scala con la sua ultima opera Quartett: stamo parlando del milanese Luca Francesconi. Nel Cd troviamo una sua opera: Ballata, in due atti su libretto di Umberto Fiori. Il lavoro prende spunto da Rime of the Ancient Mariner di S.T. Coleridge. La messinscena in co-produzione col Teatro d'Opera di Lipsia è quella dell'ottobre 2002 avvenuta a Bruxelles al teatro La Monnaie. Nel cast vocale troviamo Marco Beasley, Anders Larsson, Ildiko Komlosi, Eberhard Francesco Lorenz, Woo-Kyung Kim, ecc. Valida l'interpretazione dell' Orchestre Symphonique et Chœurs de La Monnaie diretti da Kazushi Ono. Si consiglia l'acquisto.

     

    3   giugno         Cesare Guzzardella

    MAGGIO

    Ancora nuovi prodotti EuroArts

    E' da poco uscita una nuova edizione del bellissimo Dvd EuroArts che ha come protagonista il pianista-direttore Daniel Barenboim. La registrazione non è recente, del 2000, ma l'interesse per quello che essa rappresenta è molto alto. Trattasi del memorabile concerto pianistico tenuto da Barenboim a Buenos Aires, sua città natale, al teatro Colon nel agosto 2000. L'ottimo impaginato e il numero interminabile di bis, ben dodici, testimoniano il successo di quella importante serata. Dopo il Mozart perfetto della Sonata K 330, Barenboim si è cimentato nella celebre "Appassionata" di Beethoven per poi passare al repertorio spagnolo con le due serie di Iberia di Albeniz. Tra i bis, molti i brani di F.Chopin, autore molto caro all'artista. Un concerto di ben 140 minuti per una grande festa in musica. Ma non è finita: nel Dvd anche un bellissimo documentario che mostra Barenboim in diversi luoghi e situazioni musicali. Una registrazione che non può mancare in una videoteca musicale.

     

     

    Il secondo Dvd EuroArts riguarda un musicista statunitense considerato tra i padri del minimalismo in musica, precisamente Steve Reich. Il bel filmato di Eric Darmon e Franck Mallet ha un titolo, Phase to Face e partendo da alcune delle migliori composizioni dell'artista, ci mostra un lunga ed interessante intervista nella quale Reich con il suo famoso cappellino ci illustra i brani e ci spiega le caratteristiche della sua musica. Le influenze di generi musicali diversi, dal barocco di Bach allo Stravinskj più neoclassico, dal jazz di Coltrane e Davis, alla musica percussionistica etnica si ritrovano nella musica di Reich, ripetitiva ma nello stesso tempo di grande varietà. Il musicista che per le sue particolari intuizioni ha influenzato una lunga schiera di artisti più giovani. Questo Dvd, ben registrato e ottimamente montato, lo consigliamo a tutti gli a manti delle avanguardie musicali del Novecento di cui Reich è stato protagonista. Da non perdere

     

    Il terzo prodotto EuroArts che segnaliamo lo consigliamo anche nella versione Blu-ray Disc e trattasi di un concerto dei Berliner Philharmoniker tenuto da Lorin Maazel nell'ottobre del 2000 a Berlino. In programma una sintesi sinfonica fatta dallo stesso Maazel del celebre Ring di Richard Wagner. La tetralogia del grande tedesco viene come riassunta in questo lavoro denominato The Ring Without Words. Molto ricche e dettagliate le riprese audio-video nella direzione di Yutaro Mimuro. Nel prodotto troviamo anche un bonus con una breve ma efficace intervista al Maestro Maazel. Consigliamo vivamente l'acquisto.

     

     

    Passiamo ora ad un Dvd EuroArts di altro genere musicale. Parliamo di Tango argentino con un bellissimo film di Gabriel Szollosy intitolato A different way riguardante il noto interprete di bandoneon Rodolfo Mederos. Registrato a Buenos Aires nel maggio 2007, il Dvd è costruito attorno alla figura del grande strumentista che ci racconta la sua storia di musicista nato a Buenos Aires e legato alla sua città come al suo particolare strumento del quale spiega anche le caratteristiche. Il filmato, montato benissimo, alterna le parole di Mederos a brani per trio, quartetto o piccola orchestra dello stesso Mederos, di Laurenz, Troilo, naturalmente Piazzolla, Bardi, Pugliese, Villoldo e altri. La maestria di Mederos nell'esprimere l'autenticità del tango e la naturalezza delle sue interpretazioni rendono questo Cd di grande rilevanza artistica. Il Dvd è completato da un altro documentario di Szollosy intitolato Domingueando. Da acquistare.

     

     

    Concludiamo con un Dvd EuroArts riguardante l'opera Serse di Hændel. La messinscena è quella del giugno 2000 al Semperoper di Dresda. La compagina de Les talen lyriques è diretta da Christophe Rousset mentre la regia è di Michael Hampe e le scene e i costumi di Carlo Tommasi. Valido il risultato complessivo dei tre atti con un cast vocale di tutto rispetto: Paula Rasmussen nel ruolo di Serse, Ann Hallenberg in Arsamene, Patricia Bardon in Amastre, Isabel Bayrakdarian in Romilda,Sandrine Piau in Atalanta, Marcello Lippi in Ariodate ed infine Matteo Peirone in Elviro. L'ottima qualità audio e video contribuisce alla valida resa del prodotto musicale che consigliamo a tutti gli amanti della migliore musica.

     

    30 maggio        Cesare Guzzardella

    Un nuovo libro EDT su Leonard Bernstein

    Barry Seldes
    Leonard Bernstein- Vita politica di un musicista americano

    edizione EDT    Collana Contrappunti
    pagine : 264   Anno: 2011

    prezzo: 22 euro

    E' appena uscita un nuova biografia su Leonard Bernstein ad opera di Barry Seldes. Sottotitolato Vita politica di un musicista americano, questo interessante volume edito in Italia da EDT ha un taglio diverso dal consueto. Mostra il grande direttore e compositore statunitense nel contesto politico e sociale in cui è vissuto mettendo in risalto il suo impegno socio-politico nel compiere la sua complessa e diversificata attività musicale. La popolarità raggiunta in vita da Bernstein, con le sue continue presenze sul palcoscenico, in televisione o attraverso i suoi saggi, impongono di conoscere il pensiero del musicista anche per quanto concerne l'aspetto politico e d'impegno sociale. Barry Seldes, docente di Scienze politiche negli Stati Uniti ed autore di numerosi saggi, nei sette capitoli più l'epilogo che compongono il volume, inquadra con lucidità, chiarezza espositiva e in modo documentato la vita di Lenny da quando alla metà degli anni '30 entrò ad Harvard per conseguire la laurea nel '39, sino alla rapidissima ascesa musicale negli anni '40 ed alla folgorante carriera di pianista, direttore, divulgatore e compositore, conclusasi con la sua morte nel 1990. La forza di Bernstein nel proporre con determinazione un'identità culturale americana è stata premiata dai suoi numerosi successi in campo compositivo attraverso il suo personale linguaggio. Ma il modo con cui ha ottenuto i risultati artistici nei diversi settori, sono dovuti alla sua sorprendente coscienza umana, sociale e di appartenenza politica. Il valido libro di Seldes, che consigliamo a tutti, contribuisce in modo netto ad una maggiore comprensione del genio Bernstein. Da acquistare.

    26  maggio                  Cesare Guzzardella

     

    Due Dvd operistici distribuiti da Jupiter Classics

    E' recente l'uscita di un Dvd operistico per Bongiavanni distribuito da Jupiter Classics del dramma buffo in due atti di Gioachino Rossini su libretto di Felice Romani "Il turco in Italia". Per la prima volta è stata ripresa in modo moderno la versione della messinscena avvenuta a Napoli nel 1820 e la registrazione live è avvenuta presso il Teatro Olimpico di Vicenza nel giugno 2009 con la direzione musicale di Giovanni Battista Rigon e la regia di Francesco Micheli. Nella versione napoletana i recitativi della versione scaligera del 1816 vennero sostituiti dai dialoghi parlati con una maggiore possibiltà di improvvisazione per i protagonisti e un maggiore penetrazione realistica della intricata vicenda. La messinscena del Teatro Olimpico è stata curata per le scene, molto semplici e i costumi d'epoca e moderni, da alcune allieve dell'Accademia di Brera quali M.P. Di Francesco, M.Angeli, G.Mio, V.Caterini e R.Panavija e la resa complessiva dell'allestimento si è bene inserita nella splendida scenografia neoclassica del teatro palladiano. Il successo riportato nella messinscena vicentina lo si deve oltre che alla ottima direzione musicale e registica anche al valido cast vocale impiegato con Lorenzo Regazzo nel ruolo di Selim, Silvia Dalla Benetta in Fiorilla, Filippo Morace in Don Geronio, Daniele Zanfardino in Don Narciso, Giulio Mastrototaro in Prosdocimo, Concetta D'Alessandro in Zaida e gli altri. Insomma un ottimo spettacolo teatrale e musicale che consigliamo a tutti nella registrazione video.

     

    Il secondo Dvd che consigliamo non solo agli appassionati di lirica è uscito da poco per Opus Arte e mette in rilievo una delle opere rappresentate al Festival di Bayreuth nel 2010. La messinscena in questione riguarda l'opera wagneriana Die Walküre per la direzione musicale di Christian Thielemann. Diciamo subito che il lavoro è stato diretto in modo eccellente da Thielemann ed il cast vocale, di valido livello, ha trovato il suo punto di forza nella voce di Albert Dohmen, un avvincente Wotan, ma anche gli altri interpreti sono piaciuti al pubblico che al termine della rappresentazione ha tributato fragorosi applausi. Johan Botha ha sostenuto il ruolo di Siegmund, Edith Haller Sieglindel, Linda Watson in Brunilde, Mihoko Fujimura in Fricka e Kwangchul Youn in Hunding. Valide la regia, le scene e i costumi. Nel video sono presenti sottotitoli in tedesco, inglese, francese e spagnolo. Riprese audio e video di alta qualità. Registrazione anche in Blu-ray video. Si consiglia vivamente l'acquisto.

    20 maggio      Cesare Guzzardella

    Interessanti nuovi prodotti EuroArts

    Segnaliamo nuovi Dvd musicali prodotti da EuroArts. Il primo Dvd EuroArts vede il prestigioso direttore d'orchestra lettone Mariss Jansons alle prese con la celebre Berliner Philharmoniker. Siamo a Tokio, alla Suntory Hall nel novembre del 2000. In una sala colma di pubblico venivano eseguiti brani di autori diversi: da C.M.von Weber a Shostakovich, da Bach a Dvorák. La presenza di una givanissima interprete, la violinista statunitense Hilary Hahn,ha reso quel concerto ancora più importante. La Hahn è infatti una delle migliori violiniste presenti attualmenti sulla scena mondiale con connotati virtuosistici ed espressivi di alto livello. Tra i brani più rilevanti eseguiti segnaliamo il Concerto per violino n.1 il la min. Op.99 di D. Shostakovich con la Hahn protagonista e la Sinfonia n.8 in sol magg. Op.88 di A.Dvorak interpretata dai Berliner e dal direttore in modo mirabile. Ottime le riprese audio e video nel supporto. Un Dvd che ogni amante di musica classica deve pessedere nella propria audio-vdeoteca.

     

    Continuiamo con due Dvd che mostrano altri concerti tenuti dalla Berliner Philharmoniker, questa volta in Turchia, ad Istanbul, nel maggio del 2001 sempre per la direzione del lettone Mariss Jansons. In programma la celebre Sinfonia Fantastica di E. Berlioz e la Sinfonia n.94 "La Sorpresa" di J.Haydn. L'interesse dei Dvd va oltre le ottime interpretazioni musicali in quanto le registrazioni prevedono anche dei documentari realizzati da Martin Feil con l'ausilio di ottimi operatori video che illustrano in modo chiaro e accessibile ad un pubblico vasto, le composizioni proposte. L'intento didattico-culturale dell'operazione che vede tra i protagonisti del documentario i musicisti-musicologi Wulf Konold e Robert Levin risulta valido sotto ogni profilo e quindi raccomandiamo i due Dvd EuroArst a tutti gli amanti della migliore musica in cerca di approfondimenti.

     

    Terminiamo con altri due Dvd EuroArts questa volta che hanno come protagonista il celebre direttore d'orchestra Claudio Abbado: il primo è la registrazione del concerto tenuto dal Maestro in occasione del Lucerner Festival nell'estate del 2003. Abbado ha diretto questa volta la Lucerner Festival Orchestra nella grandiosa Sinfonia n.2 "Resurrezione" di Gustav Mahler. Quella che è considerata una delle massime realizzazioni corali del grande musicista viennese ha avuto come protagonisti canori il soprano Eteri Gvazava ed il contralto Anna Larsson. Valida sotto ogni profilo il livello interpretativo e la qualità audio-video. Nel secondo Dvd Abbado dirige i gloriosi Berliner Philharmoniker nella più nota Sinfonia n.9 "Corale" di L.v.Beethoven. La registrazione è avvenuta a Berlino nel 2000 e anche qui il Dvd è completato da un documentario di circa trenta minuti scritto da Martin Feil e diretto da Angelika Stiheler che illustra la genesi dell'ultima sinfonia del grande tedesco. Per l'importanza complessiva dei due prodotti ne consigliamo vivamente l'acquisto.

    12 maggio              Cesare Guzzardella

    Il Gnu Quartet in Something Gnu distribuito da EGEA Music

    Il Gnu Quartet è una formazione cameristica di validi musicisti formata da Francesca Rapetti, flauto, Roberto Izzo, violino, Raffaele Rebaudengo, viola e Stefano Cabrera al violoncello. Da alcuni anni formano un quartetto strumentale serio e preparato che arrangia con modalità classiche e jazz brani del repertorio più "leggero" come quello inserito nel valido Cd che presentiamo. Musiche di M.Jackson, De Andrè, Sting, Lennon-McCartney, Battisti e altri autori, vengono rivisitati dai quattro solisti con interpretazioni di qualità che dimostrano come la musica di più largo consumo, a volte di ottima ispirazione, possa assumere un aspetto più "colto" se trattata da ottimi strumentisti, preparati e con studi classici, come quelli del nostro quartetto. Tra i brani presenti nel Cd segnaliamo almeno per qualità di arrangiamento ed ottima resa timbrica i noti Message in a Bottle di Sting, il delicato Norwegian Wood di Lennon-McCartney, lo swingato Una giornata uggiosa di Mogol-Battisti, ma anche i due graziosi e ritmici brani firmati dal cellista Stefano Cabrera intitolati Carta o contanti? e Mr. T. Un gruppo intelligente che merita una maggiore notorietà, il cui cd "trasversale" ai generi raccomandiamo agli amanti della musica leggera, rock, jazz e anche classica. Ricordiamo che prossimamente il Gnu Quartet terrà una serie di incontri in molte parti d'Italia e il 19 maggio all'Angelo Mai di Roma  presenterà con un grande concerto Something Gnu.

    11 maggio      Cesare Guzzardella

    Tre cd distribuiti da Milano Dischi

    Matteo Franceschini è un compositore trentenne che ha studiato al Conservatorio milanese con Alessandro Solbiati. E' recente l'uscita di un valido Cd Stradivarius distribuito da Milano dischi e denominato Il risultato dei singoli contenente quattro suoi lavori composti tra il 2007 e il 2009: Sequel per viola e ensemble, Legenda per violino e ensemble, A long time Ago per violoncello e ensemble e Sine qua non per pianoforte e ensemble. Il gruppo cameristico è diretto da Sandro Gorli e i solisti sono rispettivamente Maria Ronchini, Lorenzo Gorli, Relja Lukic e Maria Grazia Bellocchio. Le capacità compositive decise e raffinate di Franceschini sono delineate sin dal primo brano del cd: Sequel infatti presenta asprezze timbriche che ben sottolineano la cupa atmosfera discorsiva. Ottime le sinergie solistiche di tutto il gruppo cameristico anche se la viola, ben sostenuta da Maria Ronchini, ha chiaramente un ruolo privilegiato. Legenda, ancora del 2007, presenta atmosfere spettrali sin dalle prime note e fa notare l'importanza dell'attacco timbrico di ogni strumento nel produrre le sonorità complessive. E' un lungo brano che sembra avere un inizio e non una fine e lascia l'ascoltatore in un perenne stato di attesa angosciante sino all'intervento più melodico del violino solista di Lorenzo Gorli. Gli influssi di certe sonorità orientali spesso sono riscontrabili. Il più recente A long time non si discosta molto dai precedenti anche se le timbriche dei solisti, e non solo del bravissimo violoncello Relja Lukic, sono maggiormente evidenziate. Le caratteristiche filmiche, da film giallo, sono anche qui presenti. Il brano conclusivo, Sine qua non, è in tre movimenti e prevede il pianoforte della brava Bellocchio come solista. Le atmosfere iniziali, giocate anche sul riverbero delle sonorità, anticipano un lavoro ben strutturato che si integra in modo originale con i brani precedenti. Si consiglia vivamente l'acquisto.

     

     

    Anche il secondo Cd è prodotto da Stradivarius e riguarda il noto compositore inglese Jonathan Harvey. Otto le composizioni cameristiche presenti nell'incisione, scritte tra il 1974 e il 2004. I solisti del gruppo cameristico Dynamis Ensemble, diretti da Javier Torres Maldonado presentano anche brani in duo, in trio, con o senza elettronica. Ricordiamo che Harvey, seguendo la strada di uno dei suoi riferimenti musicali quali K.Stockhausen, si è da sempre interessato alla musica elettronica soprattutto come elemento sinergico di alcuni suoi lavori. Nel Cd troviamo soprattutto brani per piccole formazioni, due lavori per solo pianoforte, Vers del 2000 e Haiku(1997), brano della durata di pochi secondi. Tra i brani rimanenti segnaliamo almeno Run Before Lightining(2004) per flauto e piano e Quantumplation (1973-74) per flauto, clarinetto, violino, piano e tam-tam, brano intriso di scrittura seriale e di elevate simmetrie che utilizza la tecnica del calcolo combinatorio. Harvey oltre che compositore è un noto saggista e studioso. Un cd altamente consigliabile.

     

    Concludiamo con un ultimo Cd distribuito da Milano dischi uscito per la casa produttrice Alto. Trattasi di incisioni non recenti di brani di Igor Stravinskji e precisamente Le Sacre du Printemps e Petrushka nella versione del '47. Il Cd è una masterizzazione di una registrazione avvenuta nel 1989 nella quale il noto direttore Rafael Frühbech de Burgos è sul podio della London Symphony Orchestra. L'incisione particolarmente valida tecnicamente ci fa ascoltare un ottimo Stravinskji. Consigliamo l'acquisto del Cd a medio prezzo.

    9 maggio       Cesare Guzzardella

    La musica di Cristian Carrara distribuita da EGEA Music

    E' distribuito da EGEA Music il recente Cd di Cristian Carrara, compositore friulano trentaquatrenne. A Piano Diary è una raccolta di 19 brani per pianoforte che nel Cd in questione sono interpretati dall'ottimo pianista Michelangelo Carbonara. E' musica tonale, particolarmente ispirata e strutturalmente semplice dal carattere evocativo, emotivo, che spesso richiama fortemente il mondo delle immagini. Musicista preparato, Carrara ha all'attivo anche numerose composizioni strumentali eseguite in Italia e all'estero come una recente Romanza per violino ed orchestra eseguita a Gerusalemme. Mostra in questi quadri musicali, che richiamano autori classici da Satie ai romantici o certo minimalismo o i piú noti Einaudi o Allevi, di avere idee valide e un linguaggio accessibili a tutti, lontano da certi stereotipi canzonettistici che spesso banalizzano la composizione tonale. Il taglio cantautorale d'impronta francese nel modo di melodiare è presente in molti lavori ma il valido modo di armonizzare le ispirate linee melodiche rende molto piacevole l'ascolto di questi  brani in genere della durata di una canzone. Tra i più ispirati, tutti piacevoli, segnaliamo almeno Oltre la cornice, Ninna nanna, Aquileia, Le porte ragali, Corale per un bimbo. Si consiglia l'acquisto a tutti.

    La chitarra di Maurizio Colonna per Egea Music

    Maurizio Colonna oltre ad essere un noto chitarrista classico, tra i più validi del circuito internazionale, è anche un buon compositore. Il Cd NCM distribuito da EGEA Music è intitolato The Secrets of the Soul e ci rivela 13 brani composti da Colonna e da lui interpretati con la chitarra. Alcuni sono anche "orchestrati" in modo semplice con l'  intervento di altri solisti quali Luciana Bigazzi alle tastiere, Mauro Durante alle percussioni e Moreno Papi al didjeridoo e armonica. Sostanzialmente la chitarra, anche in sovraincisione, è al centro dei brani e ci propone atmosfere evocative a volte virtuosistiche di gusto mediterraneo e spesso folcloristiche o sentimentali. Il legame con la canzone d'autore di facile ascolto è non poche volte presente. Per passare cinquanta minuti di piacevole ascolto consigliamo l'acquisto del Cd.

              2 maggio         Cesare Guzzardella  

    APRILE 2011

    Un ottimo Gino Paoli jazz distribuito da EGEA MUSIC

    E' recentissima l'uscita di un gustosissimo cd per Auditorium Recording Studio registrato nel dicembre 2010 all'Auditorium Parco della Musica di Roma intitolato Un incontro in jazz. Gino Paoli incontra l'ottimo quartetto jazz formato da Danilo Rea, pianoforte, Flavio Boltro alla tromba, Rosario Bonaccorsi, contrabbasso e Roberto Gatto alla batteria. La propensione del cantautore ligure al mondo del jazz non è cosa nuova in quanto il modo di fare musica dello storico artista è sempre stato vicino agli stilemi jazzistici nel modo di melodiare e anche nella ritmica discorsiva, allargata e colta, in parte legata alla musica nata oltre oceano. L'incontro col raffinato quartetto jazz ha portato alla realizzazione di 11 brani: 4 sono classici internazionali composti, per quanto riguarda la musica musica, da Chaplin, Jobim, Portillo de la Luz, Chauliac-Trenet; 4 brani portano la firma musicale dei jazzisti del gruppo, uno è di Paoli, uno di Penzo e uno di Vessicchio. I testi dei brani italiani sono tutti di Gino Paoli. L'incontro è pienamente riuscito e l'ottima incisione live ci rivela varietà musicali con brani jazz d'impronta classica ben risolti dal lineare e trasparente pianista Rea, dai riusciti interventi del trombettista Flavio Boltro e dai discreti interventi degli altri musicisti. Ma è l'inimitabile timbro vocale di Paoli che risolve in modo determinante gli undici brani. Tra questi segnaliamo almeno il melodico Canzone d'istruzioni di Rea-Paoli, E m'innamorerai di Paola Penzo-Paoli, Canzone di una mano di Paoli nel suo classico stile musicale, e l'ottimo arrangiamento, ben cadenzato da Rea, del noto Ti lascio una canzone di Vessicchio-Paoli, brano questo che conclude il Cd. Un disco bello e anche particolarmente rilassante che consigliamo a tutti.

    26 aprile Cesare Guzzardella

     

    Due recenti prodotti musicali per Sony Classical

    Non ha bisogno di presentazioni il primo interprete di cui parliamo per l'enorme popolarità raggiunta in tutto il mondo. Stiamo parlando del pianista cinese Lang Lang e della sua recente incisione "Live in Vienna" per la Sony - formato Cd, Dvd e Blu-ray  -, concerto tenuto a fine febbraio 2010 a Vienna nella gloriosa Musikvereinssaal. Per l'occasione Lang Lang aveva impaginato un programma particolarmente vario che iniziava con Beethoven e le due note Sonate, la n.3 op.2 e l'ancor più celebre n.23 op.57 "Appassionata". A queste seguiva il primo volume di Iberia di Albèniz, la Sonata n.7 op.83 di Prokof'ev e per finire tre brani di Chopin con lo Studio n.1 op.25, la Polacca op.53 "Eroica" e il Grande Valzer brillante n.2 op.34 n.1. E' certamente un fuoriclasse Lang Lang, interprete che sta diffondendo la musica classica in ogni parte del mondo attraverso il suo talento naturale fatto di virtuosismo, perfezione tecnica e sovente di elevato spessore interpretativo . Nel Dvd troviamo un livello di ripresa audio-video di eccellente qualità con un'infinita varietà di inquadrature che mostrano il particolare stile mimico-interpretativo del cinese. Completa il video un interessante trailer sul concerto dell'artista.

     

     

    Il secondo talento musicale che la Sony Classical ha scoperto è registrato in questo bellissimo Cd. Non è ancora noto in Italia ma ha credenziali artistiche per diventare anche da noi celebre: trattasi del violinista coreano Ray Chen entrato alla ribalta internazionale attraverso due importanti concorsi internazionali, il Queen Elisabeth Competition del 2009 e il Yehudi Menuhin Competition del 2008. Nel Cd Sony è accompagnato al pianoforte dall'ottimo pianista Noreen Polera per eseguire brani di Tartini, Bach, Wieniawsky e Franck. La celebre Sonata Il trillo del diavolo di Tartini introduce il Cd seguita da un monumento violinistico di J.S.Bach quale la celebre Ciaccona dalla Partita in re minore. Meno note ma rilevanti i brani di Wieniawsky con l'Op.17 e l'Op.15. A conclusione troviamo un brano considerato cavallo di battaglia da tutti i più grandi violinisti, la Sonata per violino di C.Franck, capolavoro della letteratura violinistica del Secondo Ottocento. Trasparente ed espressivo lo Stradivari utilizzato da Chen. La sicurezza tecnica unita ad una qualità interpretativa di altissimo livello pongono l'attenzione su questo disco.E' un  prodotto Sony che consigliamo a tutti gli amanti della migliore musica.

    17 aprile         Cesare Guzzardella

     

    La musica pianistica di Ivan Fedele distribuita da EGEA 

    Segnaliamo una registrazione di recente uscita per la casa discografica Limen riguardante la produzione pianistica di Ivan Fedele, compositore tra i più apprezzati ed eseguiti in Italia e in Europa. Nato a Lecce ma residente a Milano sin dai tempi dei suoi studi in Conservatorio, Fedele ha iniziato la sua carriera di musicista come pianista, avendo studiato con Bruno Canino. Il prodotto Limen distribuito da Egea, è formato da un Cd e da un Dvd contenenti i medesimi brani ed eseguiti per l'occasione dall'ottimo pianista Ciro Longobardi. Sei i brani o la serie di brani presenti nella registrazione, tutti composti tra il 1983 e il 2008.  Gli Etudes Australes (2002-03) e gli Etudes Boreales(1990) sono due serie di cinque brani per titolo  composti ad una distanza di tredici anni che ci rivelano lo stile e la cifra compositiva di Fedele giocata molto sulla timbrica del pianoforte e sulle infinite possibilità di aggregazione melodico-armonica. Il richiamo a situazioni descrittive derivano anche dalla evidente luminosità presente nei brevi ma efficaci brani dove risonanze timbriche e semplici aggregazioni di note scorrono in una molteplicità di situazioni e determinano con essenzialità ed apparente estemporaneità i lavori. Anche i due cicli di Cadenze, le 1-3 (1993) e la serie  4-9 (2004-2005) sono stati composti ad una distanza temporale di oltre dieci anni e ci rivelano un compositore molto estemporaneo, soprattutto nella prima serie, e molto legato alla tradizione compositiva del secondo Novecento. La prima serie di Cadenze è giocata molto sulle risonanze timbriche e sull'effettistica quasi  orchestrale del pianoforte mentre la seconda serie ha una maggiore costruttività. Completano la registrazione due brani: la Toccata del 1983, inserito nel Cd come ultimo brano, ma primo brano pianistico composto da Fedele e il recente Nachtmusich del 2008, estratto pianistico dalla composizione per pianoforte ed elettronica dei Due notturni in musica (2007). La Toccata, brano dal carattere improvvisatorio, è definita da nebulose di note e di armonie alla  ricerca di un centro di gravitazione quasi irraggiungibile.  Natchmusich è giocato su timbriche risonanti che dai suoni bassi iniziali  si spostano gradualmente nella parti più alte della tastiera attraverso cromatismi e intensi contrasti. I brani pianistici ben si inquadrano nell'ampio contesto di produzione orchestrale e cameristica dell'artista. Nel Dvd troviamo anche una breve intervista al compositore. Si consiglia l'acquisto.   

    15 aprile          Cesare Guzzardella

     

    Grandi del jazz distribuiti da EGEA 

    Segnaliamo due Cd Jazz distribuiti da EGEA di grande rilevanza storica. Il primo, prodotto da American Jazz Classics, riguarda incisioni della fine anni '40 di due grandi del Jazz quali Charlie Parker e Miles Davis. Nelle sei sessioni registrate  di Blue Bird, tra il 1945 e il 1948, compaiono nella banda di Parker oltre a Davis anche jazzisti del calibro di Roach, Gillespie, Pawell e Lewis, artisti che diventeranno leader di altrettante formidabili bande jazz. Nel secondo Cd prodotto da Gambit Records ci spostiamo negli anni '70 e precisamente a Palermo nel 1976 per ascoltare un altro grande trombettista quale Chat Baker. Il Cd intitolato I Can't get started dal nome di un noto brano, è una registrazione live per la prima volta pubblicata, nel quale il leader è accompagnato dal vibrafonista Enzo Randisi, dal bassista Giovanni Tommaso e dal batterista Gianni Cavallaro. Tra i brani oltre ai classici del repertorio del trombettista anche  Blue n' Boogie. Un Cd dove l'improvvisazione è ricca di trovate timbriche e un'incisione degna di essere inserita nelle discoteche di tutti gli appassionati di jazz.   

    9 aprile           Cesare Guzzardella  

    Tre Cd  per Sony Classical 

    Segnaliamo tre Cd musicali prodotti dalla Sony: il primo ha come protagonista il tenore italiano Vittorio Grigolo alle prese con brani di Verdi, Donizetti e Puccini. Registrato nel gennaio-febbraio 2010 il Cd vede all’opera l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio di Parma con la direzione di Pier Giorgio Morandi – maestro del coro Martino Faggiani- .  Vittorio Grigolo da alcuni anni è entrato nei circuiti internazionali operistici per la sua splendida e delicata voce tenorile particolarmente adatta ad alcuni ruoli ma con grandi potenzialità per un repertorio più vasto. I brani proposti, quindici,  sono tratti da Luisa Miller, Rigoletto, Bohème, Tosca, Trovatore, Manon Lescaut, per citare alcune opere, e ci rivelano in modo evidente  le qualità timbriche e vocali di Grigolo. Ottima la qualità audio e la realizzazione grafica del supporto digitale. Altamente consigliabile.

     

     

    Passiamo adesso ad un altro Cd Sony riguardante un personaggio da alcuni anni entrato alla ribalta del pianismo mondiale. Stiamo parlando del pianista-virtuoso cinese Lang Lang. Nel prezioso disco  troviamo 11 nuovi brani registrati nel luglio del 2010 a New York City che ci mostrano classici particolarmente noti di otto compositori: tra questi uno Studio ed un Valzer di Chopin, trascrizioni dall'Aria sulla quarta corda o dal noto Corale 147 di J.S.Bach, il celebre The Entertainer di Scott Joplin, il movimento Precipitato dalla Sonata n.7 di S. Prokof'ev ecc. Lang Lang ci dona interpretazioni originali e personali dove a volte dilata particolarmente i tempi, come nel noto Studio chopiniano e in altri frangenti procede con rapidità inconsueta. Certamente la sua tecnica è straordinaria ma la sua cifra interpretativa crea a volte discussioni tra i pro e i contro Lang Lang. La notorietà che ha raggiunto questo artista e la diffusione che hanno avuto le sue interpretazioni lo rendono degno di grande rispetto e di motivata attenzione. Raccomandiamo per la Sony anche la registrazione live in Cd, Blu-Ray-Dvd di Live in Vienna. Da acquistare.

     

     

    Concludiamo con un triplo Cd Sony classical riguardante un personaggio da non pochi anni entrato nella storia dell'interpretazione lirica: trattasi del tenore argentino Placido Domingo. Ancora attivo come cantante in questi ultimi anni si è dedicato anche alla direzione orchestrale ma quello che ci interessa di più a noi è il canto e nei tre bellissimi Cd Sony troviamo Domingo interpretare Verdi e Puccini- nel primo disco- poi una serie di note arie nel Cd Bravissimo Domingo! tratte da Cavalleria Rusticana, Pagliacci, Carmen, Lohengrin ecc. Infine nel terzo Cd, The songs, troviamo un Domingo legato  alla canzone più leggera con brani della tradizione napoletana, brani dei Beatles, canti di Natale o il celebre Maria da West Side Story di Leonard Bernstein. Insomma una panoramica completa per chi volesse approfondire la conoscenza di uno tra i massimi tenori del mondo. Ottimo anche come regalo. 

    4 aprile      Cesare Guzzardella 

     

    MARZO

    Un Dvd distribuito da Jupiter Classics

    Segnaliamo un ottimo Dvd prodotto da Dynamic che riguarda l'opera lirica verdiana Falstaff. Registrato live al Palais Opéra de Paris di Liegi nel novembre 2009 l'opera composta da Verdi su libretto di Arrigo Boito si avvale della direzione musicale di Paolo Arrivabeni e della regia, scene e costumi di Stefano Poda. Ottimo il cast vocale con l'inossidabile Ferruccio Furlanetto nel ruolo di Falstaff, Luca Salsi in Ford, Virginia Tola in Alice Ford, Sabina Puértolas in Nannetta, Cinzia De Mola in Mrs. Quickly, Liliana Mattei in Mrs. Meg Page, Tiberio Timus in Fenton. Il Falstaff, tratto dalle Allegre comari di Windsor di W. Shakespeare, è l'ultima opera di Verdi. Composta nel 1891-92 è stata rappresentata alla Scala nel febbraio del 1893, quando Verdi aveva quasi ottanta anni. L'ottima registrazione audio-video della casa di produzione ligure Dynamic mette ben in risalto l'ottimo lavoro del direttore e dell'Opéra Royal de Wallonie, della regia e del cast vocale. Di significativo risalto le scelte registiche, scenografiche, dei costumi e delle rilevanti luci: una valida mediazione tra la tradizione classica e una modernità che ben si addice alla valorizzazione del capolavoro verdiano.  Si consiglia l'acquisto. 

    17   marzo       Cesare Guzzardella  

    Prodotti distribuiti da Ducale Music

                           

    Il primo Cd che recensiamo è una realizzazione ECM che propone l'interpretazione di un pianista tra i più validi delle scene musicali internazionali: Alexander Loquinch. La registrazione avvenuta a Lugano nel 2008 vede due brani: la celeberrima Kreisleriana di Robert Schumann e un brano del 1999 del contemporaneo Heinz Holliger denominato Partita. Particolarmente accurate le sonorità espresse nella Kreisleriana, lontana da eccessivi contrasti ed eseguita con timbriche dolci e discrete. Lo svizzero  Hollinger(1939) è considerato tra i migliori oboisti viventi  ma è anche un valido direttore d'orchestra e noto compositore. La sua Partita, ottimamente eseguita da Loquinch, consta di sei movimenti. Il Preludium introduttivo ci pone con forza nei registri gravi del brano, la Fuga successiva crea inizialmente una maggiore distensione emotiva e introduce la conseguente Barcarola che con timbriche pacate fa da ponte al primo Intermezzo, movimento ricco di effetti ottenuti toccando l'arpa di corde. La Piccola Csárdás ostinata è breve e molto incisiva mentre il secondo Intermezzo è ricco d'atmosfere soffuse e porta al lungo movimento finale: quasi quattordici minuti per la Ciaccona monoritmica. L'ultimo brano ha un lento sviluppo che partendo dai registri più gravi ci porta con maggiore incisività nelle zone mediane della tastiera per poi terminare ancora in una situazione di pacata riflessione sonora. Un lavoro particolarmente interessante.  

     

    Continuiamo con un recente Cd Harmonia mundi particolarmente valido. Trattasi della nota Arte della fuga BMW 1080 di J.S.Bach nella trascrizione per gruppo cameristico. L'incisione dell'ottobre 2009 vede in azione l'Akademie für Alte Musik di Berlino. Ricordiamo che il capolavoro bachiano, summa della sua arte compositiva non prevede uno strumento specifico d'interpretazione, ma la straordinaria scrittura contrappuntistica può essere adattata alle più disparate formazioni strumentali. La scelta operata dai violinisti Stephan Mai e Bernhard Forck i due Konzertmeister dell'Akademie è sicuramente tra le più valide e l'esecuzione è particolarmenete espressiva. Nel corso degli oltre 74 minuti musicali s'intervallano i Canoni e i Contrappunti in formazioni molto variegate: dal solo clavicembalo a gruppi di due, tre, quattro strumento, all'orchestra completa di archi e fiati. Un cd da che per la qualità stilistico-espressiva deve essere presente in ogni discoteca. Bella  anche la  veste grafica.  

     

    Il terzo Cd che segnaliamo esce dalla tradizione più colta e invade il settore della musica popolare, ma di qualità. L'etichetta Le Chant du monde, per harmonia mundi ha da poco realizzato un lavoro dal titolo Sétimo fado con la cantante portoghese Joana Amendoeira, erede di Amalia Rodrigues e interprete tra i più rappresentativi della tradizione lusitana. Grandi le sue capacità d’interpretare i brani presentati nel cd . 17 i brani proposti sono  tutti nella tradizione portoghese. Tra questi segnaliamo almeno:  O teu olhar è Portugal,  Fado Rosa Maria, Fado para a minha mãe, Quando por fim amanhece, ecc. Ottimo il sestetto strumentale di accompagnamento. Un Cd di qualità che consigliamo a tutti.    

     

    Continuiamo con un Cd musicalmente più impegnativo  con brani del Secondo Novecento. La casa discografica svizzera Hat now ART è specializzata in musica contemporanea e in questo disco propone un raffronto tra due grandi personaggi, padri dell'avanguardia musicale: John Cage e Pierre Boulez. Il Cd alterna brani dei due artisti nelle interpretazione di due validi pianisti, Pi-Hsien-Chen e Ian Pace.  Del primo ascoltiamo Musica per pianoforte e del grande compositore e direttore francese Structures, libro primo e secondo. Le composizioni coprono il periodo 1952-1961 e rientrano tra i primi lavori che segnano una svolta nel modo di intendere la musica. Le esperienze di ricerca di Cage, che Boulez  considera  un non-musicista, e l'organizzazione più strutturata e musicale del francese  si intersecano nel raggiungimento di risultati spesso simili. Un disco interessante che soddisferà soprattutto l'ascoltatore amante del repertorio contemporaneo.  

     

    Concludiamo con un Dvd prodotto da ARTHAUS MUSIK  riguardante il Don Pasquale di Gaetano Donizetti in una importante messinscena avvenuta nel 1994 al Teatro alla Scala per la direzione di Riccardo Muti. La registrazione live vedeva la regia di Stefano Vizioli, le scenografie di Susanna Rossi Jost e i costumi di Roberta Guidi Di Bagno. Di qualità il cast vocale con Ferruccio Furlanetto nel ruolo di Don Pasquale, Lucio Gallo nel Dottor Malatesta, Gregory Kunde in Ernesto, Nuccia Focile in Norina e Claudio Combi il Notaro. Tradizionale ma valida la messinscena con una direzione e interpretazione dell’Orchestra e del coro scaligero di alto livello. Un Dvd da non perdere. 

    14 marzo        Cesare  Guzzardella

     

    FEBBRAIO

    Recenti Cd distribuiti da Milano Dischi 

    Presentiamo tre nuovi Cd distribuiti da Milano Dischi. Il primo uscito per Stradivarius riguarda una incisione del duo per flauto e pianoforte formato rispettivamente da Claudia Giottoli e da Raffaele D'Aniello e intitolata Dedicatoria-musica per flauto nella Spagna del 20mo secolo. Vengono eseguiti 11 brani di altrettanti autori spagnoli, alcuni più noti quali Torroba, Rodrigo, Montsalvatge, altri meno conosciuti in Italia ma comunque di rilevanza estetica. Il Cd inizia con una riuscita composizione di Salvador Brontos: allievo di Montsalvatge nel 1979 componeva la Sonata op.21, brano in due tempi di valido rigore formale e stilistico. Tra i brani migliori, ma sono tutti validi, ricordiamo almeno Dedicatoria di Torroba, autore fecondo nel repertorio chitarristico, un brano elegante e legato al folclore spagnolo. Chanson   gitane è un brano di immediata presa per chiarezza espressiva folclorica di Manuel Infante, musicista che ha attraversato la prima metà del Novecento. I Tre movimenti per Sarah sono un brano del 1973 di Montserrat Torras. Scrittura formalmente ineccepibile segue la tradizione tonale con ritmiche riferibili anche al jazz. Nel bellissimo e breve brano di Joaquín Rodrigo, Aria antigua, il richiamo alla musica antica è evidente. Il linguaggio più moderno di Montsalvatge (1912-2002) lo rileviamo nell'articolato Serenata a Lydia di Cadaqués, brano di trasparente esprissività commissionato dal celebre flautista J.P.Rampal. Il richiamo al tempo lontano di Aria antiqua di Rodrigo lo ritroviamo nel valido brano di Oscar Esplá Cantos de Antaño. Scorrevolezza e virtuosismo flautistico nella Sonatina Jovenivola di Amando Blanquer. Splendida conclusione con Dolçainers di Manuel Palau. Un elegio agli eccellenti interpreti Giottoli-D'Aniello che hanno mostrato grande sintonia e ricchezze timbrico-espressive.Esecuzione di alto livello. Si consiglia l'acquisto.   

    Il secondo Cd sempre per Stradivarius ci porta nella sperimentalità di John Cage. Considerato da molti un non-musicista (anche dallo stesso Boulez) e da altri un valente ricercatore, lo statunitense Cage ha un vasto catalogo di opere tra cui anche questi Freeman Etudes, libri 1 e 2 che ritroviamo nel Cd eseguiti dall'ottimo violinista Marco Fusi. Composti a New York tra il 1977 e il 1980 sono 16 brani di non facile ascolto e di difficile esecuzione per la complessa ricerca timbrica che richiede salti continui tra i sopracuti e i suoni più gravi del violino. Difficile comprendere al primo ascolto la struttura che regole i brani ma è facilmente riconoscibile l'abilità del violinista che nella nostra incisione riesce ad intonare con nitore timbrico ogni nota ed ogni effetto sonoro. Consigliamo il Cd a tutti gli amanti di Cage, della musica di ricerca e delle sonorità violinistiche. Bravo l'interprete.   

    Terminiamo con un Cd Regis di incisioni storiche degli anni '50: la Czech Philharmonic Orchestra è diretta da Vaclav Talich in brani di A.Dvorák. Il primo è il Concerto n.2 op. 104 per violoncello e orch. Solista il grande Mstislav Rostropovich. Il secondo brano è il Concerto per pianoforte e orch. Op.33. Solista Frantiseck Maxian. Incisione di medio livello acustico ma di alta qualità interpretativa. Da acquistare   

    27   febbraio   Cesare Guzzardella 

     

    La pianista Katia Labeque e la B FOR BANG rivisitano i Beatles

     

    E' celebre nel mondo classico la pianista francese Katia Labeque, e ancor più in duo insieme alla sorella Marielle. Sono valenti interpreti del repertorio pianistico classico e contemporaneo e Katia è anche amante di tutti i generi musicali, anche quelli considerati più “leggeri” come il rock o certo jazz. La sua passione per il rock la ritroviamo in questo interessante Cd distribuito da EGEA, uscito di recente per KML Recordings, la casa discografica fondata alcuni anni or sono dalle due sorelle. KML oltre a presentare il tradizionale repertorio  classico è aperta ad ogni genere musicale. Il cd in questione del gruppo B FOR BANG intitolato “Rewires The Beatles”, trova centrale  il pianoforte di Katia Labeque e quindi gli strumenti tipicamente rock di altri cinque musicisti: David Chalmin alla chitarra elettrica, Nicola Tescari alle tastiere elettroniche, Massimo Pupillo al basso, Marque Gilmore alla batteria e Fabio Recchia alle percussioni e l'elettronica. A questi si aggiungono le voci soliste di  Meg e Nadeah. Dodici i brani presenti per circa cinquanta minuti di musica. I noti titoli dello storico quartetto di Liverpool sono stati rivisitati anche stravolgendo il materiale originario o estrapolando delle sequenze melodico-ritmiche per produrre brani spesso differenti dagli originali ma di valido impatto sonoro. Ottimo il sound ottenuto che ritrova elementi tipici del rock fine anni '60 e '70 assistito da un buon livello di sperimentazione sonora: oltre a certa vocalità dei Fab Four o dei gruppi a loro contemporanei come in Something di G.Harrison, sono evidenti influssi riferibili a certo rock più colto, quello di Zappa, King Krimson, Pink Floid, per citarne alcuni. Quello che maggiormente colpisce durante  l’ascolto del Cd, con ottimi  arrangiamenti soprattutto di Chalmin e Recchia, è il sound:  ci si immerge in una atmosfera, a volte anche psichedelica, che ritrova il miglior rock di quarant’anni or sono. Più che riascoltare i Beatles, ascoltiamo un periodo storico che, grazie all'apporto di splendidi interpreti quale Katia Labeque e di bravi strumentisti, ci fa capire la validità di tutti i generi musicali in presenza di qualità e il Cd in questione di qualità ne ha molte. Ricordiamo alcuni titoli presenti come Dear Prudence, Get Back e la rivisitazione, molto blues, di Why Don't we do it in the road. Finale pianistico con When I'm sixti-four. Si consiglia vivamente l'acquisto.  

    10  febbraio  2011         Cesare Guzzardella

     

    GENNAIO  

    Nuovi prodotti Blu-ray e Dvd per EuroArts   

     Il primo prodotto EuroArts che consigliamo, soprattutto in  Blu-ray,  è una stupefacente integrale dei Concerti per pianoforte e orchestra di L.v.Beethoven nei quali troviamo al pianoforte e contemporaneamente alla direzione Daniel Barenboim. L'orchestra è la Staatskapelle di Berlino. La registrazione è avvenuta tra il 21 ed il 23 maggio 2007 in occasione del Klavier-Festival Ruhr nel Jahrhunderthalle di Bochum. Barenboim è forse l'unico grande pianista che dirige questa antichissima compagine orchestrale, la Staatskapelle Berlin, con qualità direttoriali pari a quelle pianistiche. La splendida registrazione di Michael Beyer, unica per completezza in questo frangente, ci mostra immagini dettagliate del pianista circondato dagli orchestrali in una sala particolarmente grande e stracolma di gente. Il suo Beethoven è di grande spessore e notevoli sono tutte le parti cadenzate per pianoforte solo. Il cofanetto è completato da un valido libretto in tre lingue. Da non perdere!

       

    Ancora un Blu-ray, questa volta recentissimo per EuroArts. Siamo nel aprile-maggio del 2010 al Sheldonian Theatre di Oxford per un concerto dei Berliner Philharmoniker diretti da Daniel Barenboim, il celebre direttore da alcuni anni Maestro Scaligero a Milano. In programma musiche di Wagner, Elgar e Brahms. Del tedesco ascoltiamo il noto Preludio dall'atto terzo di Dei Meistersinger von Nürberg e poi per onorare il Paese ospitale un lavoro importante ma no molto eseguito di Edward Elgar: il Concerto per cello e orchestra in mi min. Op.85. Al violoncello solista troviamo un'ottima interprete quale Alisa Weilerstein che trova spessore espressivo nel non facile concerto elgariano. Conclude il concerto la nota Sinfonia n.1 in do min. Op.68 di Johannes Brahms. Interpretazione di grande qualità estetica per Barenboim e i Berliner. Riprese audio e video ottime nel prestigioso supporto Blu-ray. La registrazione naturalmente si trova sul mercato anche in Dvd. Si consiglia naturalmente l'acquisto del prodotto.

     

    Presentiamo adesso ancora due Blu-ray per EuroArts questa volta con Claudio Abbado e la sua Lucerner Festival Orchestra. Il musicista in questione  è naturalmente Gustav Mahler e nel primo disco troviamo la registrazione avvenuta nell'agosto del 2009 in occasione del noto Festival della Sinfonia n.4 e dei Rückert-lieder. Voce solista in entrambe le composizione il mezzo-soprano Magdalene Kożená. Di altissimo livello l'interpretazione fornita per la direzione di uno dei massimi interpreti viventi di Mahler. Il secondo Blu-ray riguarda sempre il Lucerne Festival dell'estate 2006 con Abbado che dirige la Sesta Sinfonia mahleriana. Anche in questo caso memorabile l'interpretazione fornita. Ricordiamo che questa orchestra deriva dalla Mahler Chamber Orchestra  ideata da Abbado qualche anno or sono e formata da musicisti-solisti di grandi qualità. Solo tre esempi: la celebre solista  Natalie Gutman al primo violoncello, la clarinettista Sabine Meyer e l’italiano Alessio Allegrini al corno.Riprese di altissima qualità audio-video. Naturalmente le incisioni sono presenti per EuroArts anche nel supporto Dvd. Si consiglia vivamente l'acquisto dei due prodotti.    

     

    Continuiamo con un DVD EuroArts riguardante un grande direttore d'orchestra quale Claudio Abbado. Il filmato di Paul Smaczny è intitolato Hearing the Silence e racconta con immagini, interviste e riprese di concerti la figura del grande direttore milanese. Vincitore di numerosi premi come documentario d'autore, il Dvd è realizzato molto bene con ottimi montaggi. Nel film vediamo Abbado alle prese con i Berliner, i Wiener, l' Orchestra giovanile Gustav Mahler e quella di Lucerna. Tra gli intervistati anche Daniel Harding, Albrecht Mayer, Wolfram Christ e altri. Per la validità del prodotto consigliamo il suo acquisto.

     

     

    Il prossimo Dvd EuroArts che consigliamo riguarda un grande direttore d'orchestra quale Kurt Sanderling e la Berliner Philharmoniker. Nell'interessante Dvd musicale troviamo anche un valido pianista quale Yefin Bronfman alle prese con il Concerto per pianoforte ed orchestra n.2 op.22 di Camille Saint-Saëns. Bellissima la Sonata k11 di Scarlatti offerta come bis. Tra gli altri brani presenti nella registrazione live avvenuta a Berlino anche la Sinfonia n.4 in fa min. di Tchaikovsky. Ottima la registrazione video. 

     

     

    Andiamo adesso a Lipsia, e in questo valido Dvd EuroArts troviamo la famosa Gewandhausorchester con la direzione del suo direttore stabile Riccardo Chailly. Il concerto avvenuto nel novembre 2008 prevedeva l'esecuzione della Petite Messe Solennelle di Gioachino Rossini e la scelta è stata fatta per onorare i 140 anni dalla morte del grande pesarese. Valido il cast vocale con Alexandrina Pendatchanska, soprano, Manuela Custer, contralto, Stefano Secco, tenore e Mirco Palazzi, basso. Splendido il coro preparato da Gregor Meyer. Per la qualità artistica espressa si consiglia l'acquisto.  

     

    29  gennaio     Cesare  Guzzardella

     

    Nuovi Cd distribuiti da Ducale Music 

    Il primo Cd uscito di recente per harmonia mundi, la nota casa discografica francese, ha un titolo, Ombra cara e vede il noto controtenore Bejun Mehta alle prese con arie tratte dalle opere di G.F. Händel. Affermato e richiesto in tutto il modo, Bejun Mehta ci propone 13 brani tratti da alcune opere del grande Maestro quali Agrippina, Orlando, Tolomeo re d'Egitto, Rodrigo, per citarne alcune. Le interpretazoni si avvalgono del supporto della Freiburger Barokorcheste diretta da Rene' Jacobs, eccellente specialista di musica antica. Ottime tutte le arie presentate e in alcune di esse troviamo in duo anche la splendida voce del soprano Rosemary Joshua. Completa il prodotto anche un Dvd con un interessante breve filmato che mostra la sessione di registrazione ed un intervista ai due interpreti. Si consiglia l'acquisto.

     

    Il secondo Cd che consigliamo è uscito per la casa discografica statunitense Cedille Records e vede un duo pianistico formato da Ursula Oppens e Jerome Lowenthal. In programma due brani di due grandi compositori francesi: Olivier Messiaen e Claude Debussy. Del primo viene eseguita Vision de L'Amen, composizione del 1943 in sette parti particolarmente meditata. Del più celebre francese troviamo invece En blanc et noir, brano in tre movimenti del 1915. Valida sotto ogni profilo l'interprretazione per un interprete, la Oppens, specializzata nel repertorio del Novecento. La qualità della registrazione in formato 24 bit è particolarmente nitida. Un prodotto che consigliamo a tutti.

       

    Continuiamo con una altro Cd ancora per harmonia mundi e questa volta con un repertorio americano per clarinetto e pianoforte. Quattro i compositori, Novacek, D'Rivera, Bernstein e Gershwin e due gli interpreti: il clarinettista Jon Manasse e il pianista Jon Nakamatsu. Valide le interpretazioni e la scelta dei brani dal sapore jazzistico. Di Bernstein viene eseguita la sua Sonata per clarinetto e pianoforte, mentre di Gershwin i Tre preludi e una trascrizione di I Got Rhythm. Recentissimi i brani di Novacek(1964), Four Rags for Two Jons(2006) e di Paquito D'Rivera(1948) con The Cape Cod Files(2009). Il Cd prodotto in USA per la casa francese è inciso ottimamente e anche per la varietà del repertorio scelto lo consigliamo a tutti.  

     

    Il quarto Cd distribuito da Ducale Music è un prodotto ECM, casa di produzione tedesca specializzata nella musica Jazz ma da alcuni anni aperta alla produzione contemporanea e classica. Kuára, questo il titolo del cd, vede il trio jazz norvegese formato da Per Jørgensen alla tromba, Samuli Mikkonen al pianoforte e Markku Ounaskari alla batteria, alle prese con 14 brani registrati nel maggio 2009 ad Oslo. Alcuni di essi sono presi dalla tradizione antica o dal folclore locale, altri sono composizioni di Mikkonen e Ounaskari e sono musicalmente nella migliore tradizione del jazz nordico europeo. Ottimi strumentisti, i tre musicisti si rivelano qualitativamente validi. Un Cd non solo per gli appassionati di jazz ma per tutti.  

     

    Terminiamo con un Cd uscito per la Naxos che riguarda il compositore americano John Corigliano. Nato nel 1938, Corigliano è un fecondo autore di musica sinfonica e cameristica che ha attinto dalla cultura europea e dai primi grandi autori statunitensi come Ives o Varèse (francese naturalizzato statunitense) gli stilemi dei suoi modi compositivi. Nel Cd troviamo due ampie composizioni: la sua Sinfonia n.3 per grande orchestra di fiati denominata Circus Maximus composta nel 2004 e Gazebo Dances, un brano in quattro parti del 1972. Particolarmente ricca la timbrica dei lavori e grandi le abilità compositive e di orchestrazione. Il bravo compositore  ci dimostra come sia evoluta musicalmente la scuola statunitense. L'Orchestra a fiati dell'università del Texas è diretta ottimamente da Jerry Junkin.  Un Cd che si consiglia a tutti gli appassionati di musica sinfonica che vogliono uscire dai confini europei. Ottima la registrazione audio per un prodotto a basso prezzo ma decisamente valido. Da acquistare.

     

    17 gennaio          Cesare Guzzardella

     

    DICEMBRE

    Un fine anno in  Blu-ray per EuroArts 

    Segnaliamo prodotti musicali EuroArts disponibili anche nel sempre più diffuso formato Blu-ray . Il primo riguarda l'opera mozartiana Così fan tutte nella messinscena avvenuta al Festival di Salisburgo nel luglio e agosto 2009. Siamo abituati alla modernizzazione scenografica e dei costumi operata in questi anni nelle opere barocche e classiche, ma questa rappresentazione della divertente opera di Mozart è certamente valida per quanto concerne la regia di Claus Guth, la scenografia elegante di Christian Schmidt e i costumi moderni di Anna Sofie Tuma. Ottima anche l'interpretazione fornita dai Wiener Philharmoniker diretti da  Adam Fischer. Il cast vocale di elevato livello è costituito da Miah Persson, Fiordiligi, Isabel Leonard, Dorabella, Florian Boesch, Guglielmo, Topi Lehtipuu, Ferrando, Patricia Petibon, Despina e Bo Skovhus in Don Alonso. Le riprese audio e video nei  sono di eccellente qualità. Si consiglia l'acquisto del prodotto.

     

     

     

    Il secondo prodotto EuroArts in Blu ray  per idéale audience nella collana dedicata ai protagonisti del mondo musicale è un bellissimo filmato di Bruno Monsaingeon - vincitore di importanti premi a Biarritz e a Montréal - dedicato al giovane ma affermato pianista polacco Piotr Anderszewski. Interprete spesso presente nei palcoscenici milanesi  Anderszewski è  dotato di una musicalità sorprendente e ha iniziato la sua carriera vincendo all'età di vent'anni il prestigioso Concorso Internazionale di Leeds. Il filmato intitolato Voyageur intranquille, particolarmente originale, ci mostra il pianista in viaggio all'interno di un intero scompartimento di un treno con il suo pianoforte mentre prepara i concerti che dovrà sostenere nella tournée. E' inverno e il pianista dovrà attraversare la Polonia, l'ungheria, la Germania, l'inghilterra, la Francia per arrivare sino a Lisbona, tenendo concerti nelle principali città. Nel filmato ascoltiamo splendide musiche di Bach, Mozart, Beethoven, Chopin, Schumann e Brahms e incontriamo anche grandi direttori come Gustavo Dudamel. Da non perdere.

     

    Passiamo adesso ad un altro Blu-ray Euroarts. Nel 1924 Leoš Janaček metteva in musica la fiaba The Cunning Little Vixen (La Piccola volpe astuta) una opera destinata anche a un pubblico più giovane che mette in scena una fiaba in cui la foresta e gli animali sono l'emblema di una moralità invece persa negli uomini, fautori sovente di grandi crudeltà.  È uscita ora in Dvd un'ottima edizione della rappresentazione avvenuta a Parigi nell'ottobre-novembre 2008  all'Opéra National de Paris con l'Orchestra del teatro diretta da Dennis Russell Davies per la regia di André Engel. L'avvincente messinscena poggia anche sulle colorate ed incisive scene di Nicky Rieti e sui costumi di Elizabeth Neumuller. La splendida musica di Janacek, profondamente poetica ma anche tagliente e incisiva, trova sostegno dall'ottimo cast vocale presente in scena che trova le voci di Elena Tsallagova, The Vixen, Jukka Rasilainen, The Forester, Michèle Lagrange, His Wife/The Wwl, Hannah Esther Minutillo, The fox, e tutti gli altri. Altrettanto valida la parte corale preparata da Alessandro Di Stefano. Ottime la direzione e la regia e la registrazione audio e video. Un Blu-ray che non bisogna perdere.  www.euroarts.com.

     

    L’ulteriore Blu-ray che segue è un'importante registrazione di un concerto tenutosi a Vienna nel gennaio 2008 nella splendida cornice della Sala del Musikverein per commemorare il grande direttore d'orchestra  Herbert von Karajan. L'Orchestra Filarmonica di Berlino era diretta da Seiji Ozawa e al violino solista, l'eccellente Anne-Sophie Mutter ha interpretato il Concerto per Violino e Orchestra Op.61 di L.v.Beethoven. Dopo il bis  violinistico con la Sarabanda dalla Partita n.2 di J.S.Bach, il Dvd procede con un'entusiasmante interpretazione della Sinfonia n.6 "Patetica" di P. Caikovsky nella quale Ozawa si mostra ottimo erede, essendo stato suo assistente, della tradizione direttoriale di Karajan. Completa il Dvd un'intervista ad entrambi i protagonisti, la Mutter e Ozawa. Un Blu-ray che anche per le ottime qualità di registrazione ogni appassionato di musica non deve perdere. www.euroarts.com

     

       

    Un altro Blu-ray EuroArts con  il  grandissimo direttore d'orchestra Claudio Abbado. Registrato al Concert Hall di Lucerna nell'agosto del 2009 per l'omonimo Festival ideato dal celebre direttore italiano, il Blu-ray chiaramente anche in DVD prevede prima la nota Sinfonia n.1 in re magg. “Titano” di G. Malher e quindi il Concerto n.3 in do min Op.26 di S. Prokof'ev. In quest'ultimo brano troviamo alla tastiera la giovane rivelazione Yuja Wang, recentemente ascoltata in uno splendido concerto milanese, che sotto l'eccellente direzione di Abbado fornisce un'interpretazione impeccabile. Un incisione da non perdere.

     

     

     

    Un  Blu-ray  EuroArts ci porta ancora a Lucerna nell'estate 2003 dove troviamo il grandissimo direttore  Claudio Abbado che alla testa dell'Orchestra del Festival di Lucerna dirige Mahler nella splendida Sinfonia n.2 "Resurrezione" . Questa  compagine orchestrale è formata da eccellenti strumentisti molti dei quali attivi come solisti. Solo per citarne alcuni citiamo la violoncellista Natalia Gutman, la clarinettista Sabine Meyer, l'oboista Albrecth Mayer, ecc.  La qualità interpretativa che viene evidenziata nello splendido Dvd è eccellente e il Mahler di Abbado rimane uno delle migliori espressioni artistiche del panorama mondiale. Tra le voci soliste troviamo Eteri Gvazava e Anna Larsson. Da non perdere.

     

     

     

    Ancora con un Blu-ray EuroArts questa volta con una celebre pianista francese, Hélène Grimaud, in un concerto tenuto il 24 gennaio 2009 alla Cité de la musique di Parigi. La Chamber Orchestra of Europe diretta dal giovane ma affermato direttore Vladimir Jurowski ha proposto prima brani orchestrali di Richard Strauss quali Metamorphosen e Le Bourgeois Gentilhomme e poi il Concerto in sol di Ravel. Ottima l’interpretazione espressa dalla celebre pianista. Ottimo anche l'audio e il video del prodotto EuroArts. Si consiglia l'acquisto.

     

     

     

    Continuiamo con un altro Blu-ray EuroArts. Siamo a Berlino, il 31 dicembre 2007, e il direttore Sir Simon Rattle dirige la Berliner Philharmonie in un programma che prevede muische di tre russi: Borodin, Mussorgsky e Shostakovich. Tra i brani troviamo la rara Sinfonia n.2 di Borodin, i celebri Quadri di un esposizione nella splendida trascrizione orchestrale di Ravel  e di  Shostakovich alcune Danze da The Golden Age. L'interpretazione di alto livello dei Berliner rende questo Blu-ray altamente consigliabile. Ottime anche le riprese audio e video.

     

    27   dicembre      Cesare  Guzzardella  

     

    Un importante volume su Hector Berlioz 


    Olga VISENTINI
    Berlioz e il suo tempo

    edizione 2010 Lucca, LIM (Musica Ragionata, 19)
    pagine XVI + 1385 pp., 2 tomi
    formato 17 x 24 • brossura

    2 tomi  prezzo: 80 euro

    Sono 1385 le pagine complessive nei due tomi di Olga Visentini, autrice di un'avvincente biografia sul grande musicista romantico Hector Berlioz. La vita, le opere, le idee del grande compositore francese sono ben raccontate dalla studiosa con chiarezza e profondità espressiva in Berlioz e il suo tempo. I volumi hanno una notevole quantità di esempi musicali che si possono ascoltare entrando nel sito internet dedicato. Dalla lettura emerge tutta la complessità del grande autore romantico noto anche per le sue straordinarie abilità di orchestratore. Si rivela un mondo,  quello dell'Ottocento romantico europeo,  nel quale la cultura musicale e i contatti tra i numerosi protagonisti della vita musicale e letteraria erano in continuo fermento. Il volume risulta quindi un ottimo spaccato sella società romantica. Si consiglia vivamente l'acquisto. 

    16 dicembre         Cesare Guzzardella  

    NOVEMBRE

    Tre prodotti distribuiti da EGEA

     

    Sono usciti interessanti prodotti musicali distribuiti da Egea Records la nota casa di Saluzzo (CN) specializzata in musica jazz e non solo. Iniziamo con un valido Blu ray (anche in DVD) uscito per Inakustik riguardante il celebre chitarrista jazz  John Scofield. Da quasi quarant'anni è al centro dell'attenzione degli appassionati di jazz, prima per le sue collaborazioni -M. Davis, C.Mingus, ecc. - e adesso per le sue ancor più brillanti qualità solistiche che lo hanno portato al successo con proprie formazioni. Il filmato, molto recente, proviene da un concerto parigino dell'aprile 2010 e ci mostra il quartetto del protagonista accompagnato da M. Eckroth al pianoforte, B. Street al basso e  B. Stewart alla batteria. Il programma prevedeva 12 brani, alcuni classici del jazz, altri di Scofield, in una interpretazione raffinata e personale che solo pochissimi grandi della chitarra jazz sanno dare. Le immagini di alta qualità con ottime riprese da diverse angolazioni e l'audio di ottima definizione rendono questo Blu Ray ancora più appetibile ad un pubblico amante del miglior jazz "classico". Tra i brani ricordiamo almeno Ten Taken, Woody'N You, Steepplechase. Si consiglia vivamente l'acquisto.

       

    Continuiamo con un doppio Cd per Domino Records sul grande trombettista jazz Miles Davis. Non ha certo bisogno di critica il celebre Davis, ma l'uscita del doppio Cd nella completa registrazione live del concerto tenuto da Miles con il suo quintetto al Blu Coronet Club di  New York nel giugno del 1969 merita la massima attenzione. Insieme a Davis la storica formazione vedeva i celebri Wayne Shorter ai sax, Chick Corea al piano elettrico, Dave Holland ai bassi e Jach De Johnette alla batteria. Tutti artisti che avevano poco prima partecipato alle storiche incisioni di  album come In a Silent Way o Bitches Brew. Questa registrazione rimane un documento fondamentale per chi ama la musica free e improvvisatoria di Miles Davis. Da acquistare  

     

    Terminiamo con un altro Blu Ray (anche in DVD) prodotto da Inakustik di due noti chitarristi rock-blues-jazz in concerto a Parigi nel luglio del 2001. Larry Carlton e Steve Lukather si sono incontrati con  una band per eseguire sette brani molto blues. Valida l'integrazione tra i due artisti, il primo, Carlton, dallo stile più jazz e tra i migliori chitarristi jazz,e il secondo, Lukather, lider della nota formazione rock dei Toto, che mostra modalità stilistiche più rock. Sette i lunghi brani in scaletta, alcuni particolarmente noti. Completa il Blu Ray una doppia intervista ai due interpreti. Valide le riprese audio-video. Un prodotto destinato ad una utenza allargata a diversi generi. 

    23 novembre              Cesare Guzzardella

    Recenti DVD lirici per EuroArts   

    Segnaliamo nuovi DVD musicali prodotti da EuroArts. Il primo riguarda l'opera mozartiana Così fan tutte nella messinscena avvenuta al Festival di Salisburgo nel luglio e agosto 2009. Siamo abituati alla modernizzazione scenografica e dei costumi operata in questi anni nelle opere barocche e classiche, ma questa rappresentazione della divertente opera di Mozart è certamente valida per quanto concerne la regia di Claus Guth, la scenografia elegante di Christian Schmidt e i costumi moderni di Anna Sofie Tuma. Ottima anche l'interpretazione fornita dai Wiener Philharmoniker diretti da  Adam Fischer. Il cast vocale di elevato livello è costituito da Miah Persson, Fiordiligi, Isabel Leonard, Dorabella, Florian Boesch, Guglielmo, Topi Lehtipuu, Ferrando, Patricia Petibon, Despina e Bo Skovhus in Don Alonso. Le riprese audio e video nei due Dvd sono di eccellente qualità. Si consiglia l'acquisto del prodotto.  

     

    Il secondo Dvd Euroarts è ancora con una delle più note opere mozartiane: il Don Giovanni. Registrato in occasione del Festival di Salisburgo nel 2008, la messinscena è stata ottimamente curata dal regista Claus Guth che ha trovato una ottima resa attoriale dall'avvincente  cast vocale puntando sulla modernizzazione della vicenda con trovate particolarmente innovative. Le scene ed i costumi di Christian Schmidt sono in sinergia con la regia e l'impianto scenico in  un contesto naturale è contrastante con i moderni costumi ma ben esplicativo. L’adattamento in chiave moderna trova anche un valido contributo dall’esecuzione musicale di Bertrand De Billy alla guida dei Wiener Philharmoniker. Ottimo il cast vocale con Christopher Maltman nel ruolo di un moderno Don Giovanni con voce pregnante, Annette Dasch una  Donna Anna timbricamente robusta ed efficace, Matthew Polenzani, una voce morbida e melodica per Don Ottavio; bravi Dorothea Roschmann in Donna Elvira, Erwin Schrott in Leporello, Ekaterina Siurina in Zerlina, Alex Esposito in Masetto e Anatoli Kotscherga il Commendatore. Il prodotto in due Dvd presenta valide riprese audio e video dalle caratteristiche  molto cinematografiche che rendono particolarmente godibile sullo schermo. Da acquistare.

     

    Il terzo Dvd EuroArts riguarda un recente recital tenuto dal soprano Renée Fleming nel giugno 2010 a Berlino. Per l'occasione il bravissimo direttore Ion Marin ha diretto la Berliner Philharmoniker nello scenario del Waldbühne Berlin di fronte ad alcune migliaia di spettatori. Il nutrito programma prevedeva arie d'opera, alcune particolarmente note tratte dalla Bohème e dalla Turandot di Puccini e dalla Bohème di Leoncavallo, altre di di raro ascolto di autori  come Dvorák, Elgar, R.Strauss, Mussorgsky o Tchaikovsky. L'interprete celebre e di ottima  caratura vocale ha ottenuto grande successo unitamente alla celebre orchestra sinfonica. Ottime le riprese audio e video per un Dvd che ogni amante di lirica deve possedere.

       

     

    L'ultimo Dvd EuroArts è sempre di ottimo livello e riguarda la messinscena dell'opera di Arnold Schoenberg Moses Und Aron. La registrazione live è avvenuta al Jahrhunderthalle Bochum in occasione della Ruhrtriennale nel 2009. Il moderno adattamento  operato dal regista Willy Decker, dallo scenografo Wolfgang Gussmann, anche costumista insieme a Susana Mendoza, ben si addice al lavoro tagliente e ricco di significati di Schoenberg. Valida la resa musicale della Bochumer Symphoniker e del direttore Michael Boder. Nel valido cast vocale troviamo Dale Duesing nel ruolo di Moses e Andreas Conrad in Aron. Si consiglia vivamente l’acquisto.

     

    18  novembre         Cesare  Guzzardella

     

    Tre Cd distribuiti da Milano Dischi 

    Il primo Cd intitolato Scream ci rivela recenti brani del compositore lombardo Massimo Botter. Comasco, quarantacinque anni, Botter proviene dal Conservatorio milanese dove ha studiato e si è diplomato con Alessandro Solbiati.  Il Cd, uscito per Stradivarius, presenta quattro brani: Sentiero in un deserto di lava (2006), Seven Blades (2008), And at the end...the scream (2007) e Zéula (1996) brano per orchestra composto negli anni del dipłoma in composizione. Quello che emerge subito ascoltando Botter è la sua ottima capacità di orchestrazione e di inserimento nel tutto degli strumenti solisti. Il primo brano, per clarinetto basso e orchestra, - ottimo il solista Salvador Salvador -  è una sorta di concerto sinfonico nel quale il clarinetto basso dirige e sviluppa le sezioni orchestrali in un insieme di efficaci contrasti sonori dalle caratteristiche spesso spettrali. Il secondo brano, Seven Blades,  più cameristico e diviso in numerose sezioni, è per sette strumenti - flauto, clarinetto basso, violino, viola, violoncello-  ma è reso più movimentato e graffiante dalla presenza del pianoforte e dalle percussioni. Momenti di distesa azione timbrica si alternano ad altri di marcata forza costruttiva. Il terzo brano presenta una formazione allargata, 14 strumenti che ruotano attorno all' oboe solista - ottimo il solista Juan Carlos Bàguena-  e che complessivamente alternano situazioni cameristiche ad altre sinfoniche. Anche in questa composizione la carica spettrale del gruppo orchestrale, ben definita nei dettagli solistici dalle timbriche più gravi, ha un ruolo importante ed è complementare  alle ardite sequenze di suoni acuti e taglienti dell'oboe solista. L' ultimo brano del Cd è un lavoro di Blotter trentenne, Zèula per orchestra. Di ampio respiro, quasi quindici minuti,  rivela oltre alle qualità orchestrali  citate in precedenza, l'inizio di un valido percorso compositivo, ora di ancor più efficace resa musicale.  Ricordiamo l'importante compagine orchestrale che interpreta i brani, l'Orquesta de la Comunidad de Madrid, e l'eccellente direzione di José Ramón Encinar. Insieme agli ottimi solisti citati - al violoncello John Stokes-  hanno contribuito alla realizzazione dell'ottimo Cd registrato a Madrid nel 2009-2010.

     

    Il secondo Cd distribuito da Milano dischi è ancora della Stradivarius e  contiene brani di Karlheinz Stockhausen interpretati dal clarinettista Michele Marelli. Harlekin, per clarinetto, è un brano composto dal maestro tedesco nel 1975 e l'interprete Marelli ebbe modo di prepararlo con il compositore prima della sua scomparsa avvenuta nel 2007. Suddiviso in sette sezioni, ognuna con un titolo preciso, da Il messaggiero dei sogni a L'esaltato spirito rotante, il lungo brano, una suite  di oltre quaranta minuti è stato pensato per un interprete in costume in grado di definire il particolari timbro del clarinetto muovendosi, danzando o mimando situazioni. Destinato anche ai bambini per la sua teatralità e per la sua valenza didattica, è un lavoro che dimostra le straordinarie conoscenze timbriche strumentali di Stockhausen. Eccellente l'esecuzione di Marelli, tra i maggiori interpreti clarinettisti nella musica contemporanea. Si consiglia l'acquisto.  

     

    Terminiamo con un Cd uscito per la casa discografica Alto riguardante un'incisione importante del direttore russo Gennadi Rozhdestvensky, figura di spicco nell'interpretazione dei compositori russi. Nell'ottimo Cd troviamo la più nota delle sinfonie di Piotyr Tchaikovsky, l'op.74 "Patetica" in una incisione del 1989. La Large Symphony  Orchestra della confederazione russa è splendidamente diretta dal grande direttore che penetra con rigore stilistico nell'anima del grande Tchaikovsky. Completa il disco la  Nutcraker Suite questa volta per la direzione di Pavel Kogan. Disco a medio prezzo da non perdere.

     

    15 novembre          Cesare Guzzardella   

     

    Un libro sul teatro mozartiano per Bollati Boringhieri 

    Manfred Hermann Schmid

    Le opere teatrali di Mozart

    Bollati Boringhieri

    Collana Nuova Cultura -Anno 2010
    Prezzo € 17,00

    E' recente l'uscita per Bollati Boringhieri di un libro particolarmente interessante di Manfred Hermann Schmid sul teatro mozartiano. Il testo, scritto in modo chiaro e scorrevole, si propone di penetrare nel mondo teatrale del grande salisburghese ripercorrendo le tappe delle circa venticinque opere da lui create: dalle giovanili La finta semplice o Bastien und Bastienne  del Mozart dodicenne al Flauto magico o la Clemenza di Tito terminati nell'ultimo anno di vita del compositore. Il volume è anche uno spaccato del mondo operistico in senso generale che mette in luce l'evolversi dei diversi generi rappresentativi, da quello comico a quello drammatico o al Singspiel.  In relazione ai modi espressivi dei diversi linguaggi utilizzati - ricordiamo che la lingua italiana era quella più utilizzata in Europa nel Seicento e nel Settecento- vennero alla luce i capolavori mozartiani, ancora oggi tra i più rappresentati al mondo e ben descritti dall'autore. Completa il volume un'ampia bibliografia. Da non perdere.  

    12 novembre      C. G. 

    Quattro prodotti distribuiti da Ducale music 

    Quando pensiamo a Giorgio Gaslini spesso ci viene alla mente l'ottimo pianista e compositore jazz che tanto si è prodigato per diffondere questo genere musicale in Italia. Non tutti sanno però che il milanese Gaslini è un musicista completo e che ancora oggi si dedica ad ogni genere musicale, anche a quello colto contemporaneo avendo conosciuto e frequentato i migliori musicisti della sua generazione ed essendo stimato musicista "totale". Nel valido Cd uscito recentemente per La bottega Discantica troviamo un ampio esempio di brani più vicini all'ambito contemporaneo che al jazz. Brani per pianoforte, per due pianoforti e uno con aggiunta di percussioni vengono eseguiti da  validi pianisti quali Alfonso Alberti, Paola Biondi, Debora Brunialti, Gaslini stesso e dal valente percussionista Maurizio Ben Omar. I tre numeri di Piano Sonata Décollage per pianoforte, si alternano a Ritual per due pianoforti, a Peintres au Café-Sonnant per due pianoforti e percussioni e ad un Interludio improvvisato da Giorgio Gaslini. Alto il livello espressivo-musicale dei recenti lavori gasliniani che ci rivelano una cultura musicale di elevato grado ed una fantasia compositiva influenzata dai migliori autori del Novecento. E' per me una rivelazione questo cd per l'alta qualità artistica e per l'originale cifra stilistica. Gaslini é un musicista ancora trascurato dagli accademici e dalle società di concerto, e andrebbe invece ripetutamente inserito nei programmi di sala. Ricordiamo che il Cd è presentato da Giacomo Manzoni, uno dei massimi compositori della generazione di Gaslini. Un disco altamente consigliabile.

     

    Il secondo Cd che consigliamo è una recente uscita per CSO-RESOUND: trattasi della Messa da Requiem di G.Verdi con la Chicago Symphony Orchestra diretta da Riccardo Muti. Registrato nel gennaio 2009 l'incisione si avvale della presenza di un ottimo cast vocale con il soprano Barbara Frittoli, il mezzosoprano Oga Borodina, il tenore Mario Zeffiri e il basso Ildar Abdrazakov. Muti di recente direttore artistico dell'orchestra statunitense, restituisce una splendida interpretazione del noto Requiem verdiano, lavoro grandioso di un musicista soprattutto lirico che ci mostra in questo frangente tutte le sue qualità sinfoniche. Nel libretto d'accompagnamento è presente una lunga ed interessante intervista al Maestro Muti. Un Cd altamente consigliabile.

     

    Il terzo Cd distribuito da Ducale music è un prodotto ECM, la nota casa discografica tedesca specializzata in musica jazz che da alcuni anni produce anche nel terreno più classico. In questo bellissimo Cd partiamo  da lontano con musica vocale soprattutto antica interpretata da un quartetto vocale tra i più rappresentativi dei nostri tempi, The Hilliard Ensemble. Quello che stupisce in positivo è l'aggiunta al gruppo di un eccellente solista quale il sassofonista Jan Garbarek. Noto nel jazz, Garbarek spesso produce musica contemporanea. E' lui l'autore di due dei tredici brani presenti nel disco e precisamente di Allting finns e di We are the stars. Tra gli altri titoli alcuni brani sono anonimi, altri di Komitas, Pérotin, uno di Seferis(1900-1970) e uno  del vivente Arvo Pärt. Splendide e profonde atmosfere per un Cd altamente consigliabile.

          

    Concludiamo con il quarto prodotto distribuito da Ducale music. E' recente il Dvd uscito per ArthausMusik sull'opera Rienzi di R.Wagner. La messinscena è avvenuta quest'anno alla Deutsche Oper di Berlino. L'opera in cinque atti su libretto dello stesso Wagner viene in questa rappresentazione suddivisa in due parti. La valida regia di Philipp Stölzl trova sinergie con le scene dello stesso regista e di Ulrike Siegrist. Lavoro molto unitario anche per i costumi di Kathi Maurer e Ursula Kudrna. L'orchestra del teatro berlinese  è ottimamente diretta da Sebastian Lang-Lessing. Valido il cast vocale con Torsten Kerl nel ruolo di Rienzi, Camilla Nylund in Irene, Kete Aldrich in Adriano, Ante Jerkunica in Steffano Colonna e K. Szumanski in Paolo  Orsini. Il prodotto in due dvd offre una qualità audio e video di alto livello. Il disco è completato da 26 minuti di Making of. Sono presenti sottotitoli in italiano. Si consiglia l'acquisto. 

    8 novembre      Cesare Guzzardella

     

    Come si ascolta il jazz per le edizioni Minimum fax 

    Titolo: Come si ascolta il Jazz

    Editore: Minimum Fax

    Autore: Ben Ratliff

    pp.242

    Costo di copertina 16 €

    Ben Ratliff, statunitense e critico musicale del New York Times, ha scritto un nuovo libro sul jazz  ora uscito per le edizioni Minimum fax. Costruito attorno alle  interviste da lui effettuate  a noti artisti jazz come W.Shorter, O.Coleman, S.Rollins, P. Metheny, B. Marsalis e altri ancora, il volume si propone di spiegare come si ascolta il jazz. La cosa interessante è che questa domanda sia stata rivolta a noti musicisti che praticano da decenni  il linguaggio jazzistico e che  ben conoscono quello che producono. Ogni artista intervistato si sofferma su alcuni brani e durante l'ascolto di questi racconta il significato musicale che caratterizza i lavori. Non mancano particolari curiosi e commenti inediti attorno alla vita dei musicisti scaturiti dalle interessanti conversazioni. Il linguaggio chiaro ed esplicito nella traduzione di Marco Bertoli, rende la lettura  piacevole e appassionante. Si consiglia l'acquisto.

     4 novembre   Cesare Guzzardella  

  •