HOME PAGE     

                                                                                                                                                                                              

 


Il Berretto a Sonagli

      


Commedia eccellente quella interpretata da Gianfranco Jannuzzo e la sua compagnia al Manzoni di Milano. Vista stasera, al suo secondo giorno di interpretazione la commedia ha riscosso un grande successo di pubblico. Un Pirandello andato in scena in con tutti bravi attori ed uno dei migliori Jannuzzo visto in questi ultimi anni. Una rappresentazione del Berretto a Sonagli da non perdere. Nelle foto chi scrive e il fratello Agostino ed i teatranti che ricevono gli applausi meritati.
Milano, 11 Ottobre 2019   Achille Guzzardella



RESORT LA FRANCESCA

Il Resort La Francesca in autunno si veste di colori meravigliosi: la vegetazione è rigogliosa, con splendide sfumature di giallo e rosso che contrastano le note azzurre del mare.
 
E allora perché non approfittare delle giornate ottobrine per staccare la spina, almeno per un fine settimana? Le opportunità che propone il litorale ligure di Levante, dove si trova il il Resort La Francesca sono numerose e, tra queste, ne segnaliamo in particolare tre: la festa della “Madonna del Rosario” dal 4 al 6 ottobre a Bonassola, “Sapori e Storie verticali” a Levanto (11-13 ottobre) e la raccolta delle olive presso il Resort dal 18 al 20 ottobre.
 
Per il primo weekend di ottobre, il piccolo borgo marinaro di Bonassola si veste a festa per una ricorrenza, quella appunto della Madonna del Rosario, nata per celebrare la famosa battaglia navale di Lepanto. Oggii turisti accorrono principalmente per celebrare la fine dell’estate con tre giorni di degustazioni di prodotti tipici, banco gastronomico e balli popolari mentre il sabato sera ci sarà una suggestiva posa di lumini in mare che si concluderà con uno spettacolo pirotecnico. La processione di domenica pomeriggio per le vie del paese chiuderà i festeggiamenti. Ecco quindi l’allettante offerta del Resort la Francesca: soggiorno di due notti in coppia, inclusa cena di sabato al ristorante Rosadimare € 180,00 (tariffa non rimborsabile). Per prenotazioni collegarsi a questo link.
 
Nel secondo weekend di ottobre (11-13) il timone passa a Levanto: nelle vie e piazze del centro storico tre giorni di eventi dal titolo Sapori & Storie verticali: mostre di pittura, laboratori, concerti, mercato delle eccellenze gastronomiche del territorio, street food, e reading. Anche per questo weekend, il soggiorno di due notti in coppia presso il Resort la Francesca, inclusa la cena di sabato al ristorante Rosadimare ha un costo di € 180,00 (tariffa non rimborsabile). Per prenotazioni collegarsi a questo link.
 
L’offerta è la stessa ma per un’iniziativa, dal 18 al 20 ottobre, alla sua terza edizione, che vede impegnati in prima persona gli ospiti del Resort. Si tratta della raccolta delle olive, un momento di sano contatto con la natura che sarà anche premiato! Infatti, ai più volenterosi che dedicheranno almeno due ore alla brucatura sarà offerto un sostanzioso aperitivo al tramonto e uno sconto del 10% sulla cena del sabato (allietata per  dalla vocalist Gabriella Mazza, che ha già arricchito le serate della Francesca in luglio e agosto). Chi volesse cogliere questa bellissima opportunità può prenotarsi cliccando questo link.

“La raccolta delle olive, spiega Marco De Poli, titolare del Resort, fa parte del piano di recupero ambientale implementato dopo l’incendio di vent’anni fa; io e mia moglie Giovanna abbiamo personalmente piantato duecento olivi, ricostruendo l’ambiente naturale originario (come nella mappa di Matteo Vinzoni del 1722) al posto dei pini bruciati”.
 
Situato sul mare, a tre chilometri da Bonassola e a quattro da Levanto (in provincia di La Spezia), in prossimità del Parco delle Cinque Terre, dal 1961 il Resort La Francesca offre appartamenti e villette da due a sei letti in un contesto di alto valore naturalistico e paesaggistico.
Per ulteriori informazioni, Ufficio stampa “La Francesca” c/o Studio Giorgio Vizioli & Associati Milano, Giorgio Vizioli (3355226110), giorgio.vizioli@studiovizioli.it, Rosella Trombetta (0248013658), rosella.trombetta@studiovizioli.it
Milano, 3 ottobre 2019 .           c.stampa

 

 

FONDAZIONE PRADA

“Il sarcofago del toporagno” alla fondazione Prada di Milano – qualche piccola critica.

   

Non voglio qui entrare nel merito della mostra, che è decisamente insolita ed interessante.

Desidero solo segnalare, da “non addetto ai lavori”, alcune pecche nella documentazione delle opere, impressioni non solo mie ma raccolte anche da diversi visitatori.

Normalmente in qualunque mostra ci si aspetta di vedere un cartellino per ogni opera esposta, che ne riporta il nome o il soggetto e l'autore; qui non ce n'è uno che sia uno, nemmeno le stanze sono numerate. Pare che gli autori abbiano espressamente voluto così.

Supplisce comunque un libretto fornito gratuitamente all'inizio dell'esposizione; ma facilmente si scopre la cosa quando si è già dentro e così si deve tornar fuori per procurarselo. Fin qui, poco male.

Prima scoperta: almeno nel nostro caso c'era disponibile una sola versione, in inglese. Forse quella italiana, se mai è esistita, era già esaurita, e ciò significa che prima o poi si può esaurire anche l'altra; in questo caso non c'è più niente per capire qualcosa fra i pezzi esposti, dato che non è una mostra monotematica in cui il visitatore si aspetta solo le opere d'un certo artista o di un certo genere. Sarebbe meglio chiedere ad ognuno di restituire il libretto all'uscita.

La lingua inglese è generalmente conosciuta, almeno ad un livello medio; ma ci sono soggetti così particolari che anche chi ne ha una conoscenza media fa fatica. Non tutti possono sapere, ad esempio, che l'ostrich in inglese non è l'ostrica ma lo struzzo.

Ma i guai col libretto cominciano presto: d'accordo che ci sono 537 opere esposte e ci sono limiti di carta, ma forse si sarebbe potuto usare caratteri un po' più grandi, magari eliminando provenienza e n° d'inventario di ogni pezzo, che non mi paiono dati così irrinunciabili. Decifrare quelle paroline minute non è facile, perché non lo si legge a casa con comodo, ma in ambienti che (soprattutto i primi) sono decisamente bui e dove c'è da far vari tentativi per cogliere un fascio di luce.

Per ogni parete espositiva c'è un disegno che riporta i pezzi in mostra con la loro posizione; ottima idea, ma presto ci si accorge che se si vuole seguire fedelmente il percorso bisogna tenere il segno in tre punti diversi del libretto: la pagina iniziale con la mappa, la pagina della parete col disegno delle posizioni e la pagina dove è descritta l'opera, dato che per questioni di spazio sono poche le descrizioni che riescono a stare vicino al disegno; le altre devono trovar posto su altre pagine, soprattutto perché ci sono pareti zeppe di soggetti, la cui descrizione richiede spazio, ed altre quasi vuote.

Se si procede a caso, fuori dall'ordine stabilito, e si cerca la descrizione di un determinato pezzo, bisogna ogni volta rintracciare la parete o la vetrina sulla mappa, trovarne il disegno descrittivo per rilevare il numero del soggetto e cercare infine la descrizione.

Non tutti, poi, hanno la pazienza e la capacità di orientarsi guardando una mappa.

Ma ci sono anche degli errori: sui disegni manca il 105 ed in compenso il 107 compare due volte (è solo un errore di stampa); sulla parete 10 tutta la fila dal 157 al 181 pare disordinata rispetto al reale. Questi almeno sono i casi che ho notato; non ce l'ho fatta a spuntarli tutti.

Qualche teca infine è collocata molto in basso e scomoda da vedere.

Peccato per lo stress da libretto, perché in realtà la mostra è originalissima, e la bizzarra varietà di soggetti e dei loro accostamenti costringe il visitatore a riflettere sulle infinite possibilità di collegamenti logici.

Fra i tanti pezzi esposti ho trovato molto inquietanti i due occhi d'un sarcofago egizio (n°322 e 323) che ti fissano da lontano, sapientemente lasciati da soli nella parete; sono poi divertenti le piantine (n°251 e 252) col tragitto delle corse di slitte nel cortile dell'Hofburg di Vienna.

Per la cronaca il pezzo che dà il nome alla mostra è il 391 ed occupa da solo la vetrina 25. 

            


Milano, 2 ottobre 2019     Giovanni Saccarello



Libro di Monica Guerritore

  

Alla libreria Rizzoli in Galleria a Milano nel pomeriggio di oggi26 Settembre 2019 e'stato presentato il libro di Monica Guerritore: "Quel che so di lei". Per l'occasione e'intervenuta la brava attrice che ha risposto alle domande del numerosissimo pubblico.Presenti alcuni giornalisti e personaggi del mondo dello spettacolo. Nella foto chi scrive con la Guerritore a fine presentazione.
Milano, 26 Settembre 2019   Achille Guzzardella

ORTICOLARIO 2019   “FANTASMAGORIA ”  (dal 4 al 6 ottobre a Villa Erba sul Lago di Como)

                        

Orticolario è l'evento culturale e artistico dedicato a chi vive la natura come stile di vita. Nell'ospitale casa Ethimo a Milano, come da tradizione,
come da tradizione, Moritz Mantero, fondatore e presidente di Orticolario, svela l'essenza dell'undicesima edizione.
Dal 4 al 6 ottobre a Villa Erba sul Lago di Como, un elegante viaggio nella bellezza e nell'incanto.

Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno.
Guy de Maupassant


Le piante arrivate fino a noi da Paesi lontani hanno trasformato giardini e paesaggi e permettono tuttora il miglioramento della vita umana attraverso la scienza, di cui la natura è guida. Inizia così il  iaggio: intorno al mondo, in giardino. E in prima fila tra i viaggiatori, gli uccelli, infaticabili globetrotter, che in autunno e in inverno prediligono  i giardini con bacche e piccoli frutti, vere delizie per i loro becchi. Generose, rotonde e carnose, sono perle colorate sui rami nudi o tra le foglie di siepi e cespugli, il segreto per un fantasmagorico giardino in tutte le stagioni.
L'essenza di Orticolario è nitida in ogni suo dettaglio: è un viaggio intorno alla natura, tra
giardinaggio, paesaggio, arte e design, tutti elementi che contribuiscono a solleticare una certa
sensibilità, a creare un'idea evoluta di giardino, che può essere fuori e dentro le mura di casa,
senza confini concettuali. Orticolario non è solo un garden show, né tantomeno una mostramercato, è soprattutto un evento culturale e
Informazioni dettagliate su Orticolario 2019 sul sito continuamente aggiornato:
http://orticolario.it/category/visitatore/

Milano, 16 settembre 2019



DEI SAPORI E DELLE OPPORTUNITÀ DI SVAGO DEL RESORT LA FRANCESCA
TANTE NUOVE OFFERTE PER OGNI ESIGENZA, PER GODERE DEI PROFUMI,

                          
Non solo mare (peraltro splendido) al Resort La Francesca. Come ogni anno, il grande parco a picco sul mare delle Cinque Terre offre ai suoi ospiti un caleidoscopio di profumi, sapori e opportunità di svago. Una serie di offerte vantaggiose e diversificate, per fare sì che ognuno trovi la propria formula per godere di una vacanza straordinaria e su misura.
 
La fama del ristorante Rosadimare, con la sua cucina locale rielaborata in modo innovativo ma rispettoso della tradizione dallo Chef Adriano, ha superato i confini del resort facendo del locale un punto di riferimento per i gastronauti della zona e non solo. Per l’estate 2019 sono stati istituiti due appuntamenti fissi: il lunedì, la pizza (anche take away), e il venerdì, la grigliata. 
 
Appuntamenti svago e cultura sono invece di scena al Baretto, da sempre il punto di ritrovo degli ospiti del Resort. Da metà luglio la cantante Gabriella Mazza allieterà le serate con la sua personalissima voce dalle molteplici sfumature, mentre martedì 16 inizierà il ciclo “Incontri d'Autore”, con la professoressa Cinzia Piglione che condurrà alla scoperta delle opere d'arte presenti alla Francesca. 
 
Queste le offerte proposte dal Resort La Francesca:
 
Fuori weekend
Per tutto luglio, dalla domenica al venerdì, cinque notti in coppia a partire da € 650,00 (in agosto € 770,00; con eventuale bambino fino a 10 anni € 70,00 in più). In omaggio la pizza del lunedì.
 
Luglio last minute
Chi prenoterà una delle offerte non rimborsabili previste nel mese di luglio avrà in omaggio un bonus da utilizzare al ristorante Rosadimare, pari al 5% sulla somma pagata.
 
Bimbi al mare
Dall'8 al 31 luglio (soggiorni di sette notti):
  •  casa A: un genitore + un bambino a partire da € 1.040,00 inclusa mezza pensione adulto (bambino omaggio)
  • casa B: 2 nonni + 1 bambino a partire da € 1.350,00 inclusa mezza pensione  adulti (bambino omaggio)
  • casa C: 2 mamme (o papà) + 2 bambini a partire da € 1.800,00 inclusa mezza pensione (bambini al 50%). 
Pizza con vista mare
Il mercoledì e il giovedì, ingresso al Resort La Francesca dalle 15 con possibilità di fare una nuotata in piscina, e di prendere l’aperitivo, con pizza e dolci dello Chef, sulla terrazza del Ristorante Rosadimare, dalla quale si godono tramonti memorabili e panorami mozzafiato: € 25,00 a persona (parcheggio incluso). 
Solo pizza (a lievitazione naturale) in terrazza + scelta di dolci della casa € 15,00.
 
Situato sul mare, a tre chilometri da Bonassola e a quattro da Levanto (in provincia di La Spezia), in prossimità del Parco delle Cinque Terre, dal 1961 il Resort La Francesca offre appartamenti e villette da due a sei letti in un contesto di alto valore naturalistico e paesaggistico.
http://www.lafrancescaresort.it
Milano, 10 settembre 2019

 

Libro di Luigi Datome

     

Presentato nel secondo pomeriggio di oggi 9 Luglio 2019 alla Rizzoli in Galleria a Milano il libro del campione di pallacanestro Luigi Datome, sardo di Olbia. Intervistato il campione ha risposto alle domande e raccontato, come scrive nel libro, vari periodi della su carriera sportiva e la miriade di proposte di ingaggio arrivate da molte squadre americane, anche da Detroit, sia come giocatore sia come allenatore, e poi ha parlato del suo periodo ad Istanbul e tanto altro. Un numeroso pubblico ha assistito al racconto molto preciso e interessante. Nelle foto chi scrive con Luigi Datome ed un momento della conferenza. E con il campione dei 100 metri Torto e il cantante Ghemon presenti alla conferenza e che hanno portato la loro testimonianze al campione della pallacanestro.

 

Milano, 9 Luglio 2019     Achille Guzzardella


Ischia 2019

                         

Anche quest'anno un soggiorno Ischitano e'consigliabile, lontano dalla calura milanese di questi giorni. Si Ischia e' veramente particolare, sia per il suo clima mite sia per le sue bellezze naturali. A Ischia ponte una capatina al Castello, vero paradiso e'sempre apprezzabile; alla sera a Ischia Porto una cenetta in uno dei locali tipici e poi in piazza degli Eroi da "Calise" un locale a piu'piani, con piu'di mille posti a sedere, immersi nel verde per bere qualcosa e ascoltare musica. Per non parlare della varie spiagge attrezzate o libere a Forio come, quella di San Francesco o di Cetara, o a Sant'Angelo con i vicini Maronti. E una visita a Lacco Ameno a Villa Arbusto a suo tempo abitazione di Angelo Rizzoli oggii Museo con vasellame prezioso e mostra fotografica degli ospiti provenienti da tutto il mondo negli anni '50 e '60; e poi la vicina spiaggia di Negombo, un oasi a semicerchio di pace per i surfisti. Insomma Ischia rimane sempre una meta valida anche per una pausa di una settimana lontani dal caos della grande citta' e raggiungibile con poche ore di Italo o di Freccia Rossa ed il traghetto o l'aliscafo dal molo Beverello. Nelle foto momenti Ischitani.

Ischia, 28 Giugno 2019    Achille Guzzardella

 

Ischia

                    

Ischia isola di pace, di un verde eccezionale con piante e fiori di ogni tipo, una sorpresa anche per i piu' esperti. Non solo il famoso giardino "parco la Mortella" ma anche piante esotiche e molto particolari in ogni parte dell'isola da Ischia Porto a Forio a Lacco Ameno a Casamicciola e a Sant'Angelo ed alla spiaggia dei Maroni e poi la ricchezza del monte Epomeo con i suoi 800 m. d'altezza punto piu' alto dell'isola. Ed il mare con spiagge e rocce vulcaniche soprattutto a Forio. Una ricchezza mai tramontata per i Napoletani e per i tanti turisti italiani e di ogni parte del modo. Un'isola famosa molto per le cure termali per le sue acque medicamentose. Ischia merita sempre un soggiorno, dal suo splendore turistico dei famosi anni '50 e '60 quando Angelo Rizzoli contribui' con i suoi investimenti e con le sue conoscenze a renderla metà turistica unica ad oggi isola ospitale a prezzi tutto l'anno accessibili . Nelle foto chi scrive ed alcuni tipi di alberi come l' eucalipto e di vegetazione come il famoso ericliso (dal profumo di liquerizia) cresciuto sulle pareti di roccia vulcanica.

Ischia, 23 Giugno 2019        Achille Guzzardella

EVENTI - ZELIG E COLORADO  AL CA' BIANCA

 OVVERO QUANDO IL CABARET FA BENE E FA DEL BENE

Venerdì 21 giugno  al Ca' Bianca
(via  Lodovico il Moro 117)

 Serata all'insegna  del divertimento. Musica disco, animazione e cabaret per un nobile scopo: aiutare l'Associazione  "Il Volo degli Angeli". Non si sono fatti pregare e non hanno tardato a rispondere all'appello i comici delle trasmissioni televisive Zelig e Colorado. Capitanati da Andrea  Midena che condurrà la serata: tre ore d'intrattenimento con in programma anche Musica dance dal vivo e un apericena con ricco buffet dalle ore 20,30 alle 22,30.
 Una serata piena di risate quindi.  E che ridere faccia bene ormai è risaputo. Favorisce, infatti, la circolazione, l'ossigenazione del sangue, la produzione di endorfine, e ha un potere benefico sul sistema cardiovascolare. Ma le risate, di qualità come quelle che riescono a scatenare i comici di Zelig e Colorado, non solo fanno bene ma possono fare del bene. Parte dell'incasso della serata sarà devoluto all'Associazione "Il Volo degli Angeli", la cui missione   è dare un aiuto concreto alle persone disabili di Castelnuovo Bocca d'Adda e alle loro famiglie: assistenza-sostegno-reintegrazione sociale- riabilitazione. Al centro dell'attenzione  c'è prima di tutto la Persona e non la sua disabilità, ricordando sempre  che una persona non è mai la sua malattia. Le persone disabili non hanno bisogni speciali, ma bisogni normali. "Noi insieme vogliamo essere- spiegano dall'Associazione- i loro occhi per vedere, le loro orecchie per sentire, le loro gambe per correre, le loro labbra per baciare, la loro voce per gridare, le loro mani per accarezzare. Se noi sapremo rispondere ai bisogni di queste persone straordinarie- concludono-in qualche modo riusciremo a rendere la loro vita meno disabilitante.
Milano, 21 giugno 2019

UBI Banca emette il Social Bond “UBI Comunità per l’Arcidiocesi di Milano”:
i proventi saranno utilizzati per ridurre il tasso di mortalità adulta e infantile nel Distretto di Chirundu in Zambia

                   
Lo 0,50% del valore nominale delle obbligazioni permetterà al personale medico e paramedico del Mtendere Mission Hospital, fondato dai sacerdoti dell’Arcidiocesi di Milano, di migliorare la qualità del servizio di assistenza sanitaria e la trasmissione di nozioni sulla corretta igiene e nutrizione ai bambini. Lo SROI ex ante del progetto è pari a 3,73 euro.

UBI Banca annuncia l’emissione di un nuovo prestito obbligazionario solidale (Social Bond) “UBI Comunità per l’Arcidiocesi di Milano” per un ammontare complessivo di 20 milioni di euro, i cui proventi saranno devoluti, a titolo di liberalità, all’Arcidiocesi di Milano per il progetto intitolato “Mtendere Mission Hospital” in Zambia.  Fondato nel 1964 nella cittadina di Chirundu come un piccolo centro di salute rurale, il Mtendere Mission Hospital (MMH) è  un importante presidio sanitario per migliaia di persone, in un contesto di grande povertà. Di proprietà della Diocesi di Monze, il Mtendere Mission Hospital è gestito dalla Congregazione delle Suore di Maria Bambina ed è sostenuto dall’Arcidiocesi di Milano nell’ambito di una solidarietà tra chiese sorelle.

Attività e obiettivi del progetto

Il progetto ha come obiettivo il miglioramento della qualità del servizio di assistenza sanitaria nel Mtendere Mission Hospital garantendo la disponibilità di farmaci e reagenti per un corretto percorso diagnostico e terapeutico. Inoltre, contribuirà a ridurre il tasso di mortalità materno infantile nel Distretto di Chirundu, consentendo al personale medico e paramedico di migliorare la gestione delle gravidanze nell'Ospedale (con particolare attenzione all’ambito della chirurgia ostetrica e del servizio ecografico)  e di incrementare il supporto nella gestione dei pazienti nelle 7 Cliniche rurali e negli Health Post (piccoli dispensari di villaggio per interventi di prima assistenza e distribuzione di farmaci essenziali) che fanno riferimento allo stesso Mtendere Mission Hospital.

Beneficiari del progetto saranno i circa 64.000 abitanti del Distretto di Chirundu e non solo: l'ospedale ha infatti un bacino di utenza maggiore a causa della precaria situazione dei servizi sanitari nei distretti limitrofi e in Zimbawe.

 
Fino a 100.000 € di contributo mediante erogazione liberale
Il contributo complessivamente devoluto da UBI Banca all’Arcidiocesii di Milano, a titolo di liberalità, per sostenere il progetto “Mtendere Mission Hospital”, può arrivare fino a 100.000 euro in caso di sottoscrizione dell’intero ammontare nominale delle obbligazioni oggetto dell’offerta.

Le obbligazioni, emesse da UBI Banca, hanno un taglio minimo di sottoscrizione pari a 1.000 euro, durata 3 anni, cedola semestrale, tasso annuo lordo pari a 0,80% il primo anno (0,592% netto annuo), 1,00% il secondo anno (0,740% netto annuo) e 1,20% il terzo anno (0,888% netto annuo). Possono essere sottoscritte dal 24 aprile 2019 al 29 maggio 2019, salvo chiusura anticipata dell’offerta.

“Lo Zambia è un paese dell’Africa Sub-Sahariana con una superficie pari a due volte e mezza quella dell’Italia e una popolazione di circa 13 milioni di abitanti. Dal punto di vista sanitario – ha affermato Letizia Moratti, Presidente del Consiglio di Amministrazione di UBI Banca - ogni distretto dovrebbe avere un ospedale statale a cui riferiscono più cliniche, poste nei centri più popolosi, che a loro volta fanno da riferimento per gli Health Post, quando presenti, piccoli dispensari di villaggio gestiti da volontari formati per interventi di prima assistenza, distribuzione di farmaci essenziali e riferimento alle cliniche.  Tuttavia si è sviluppata un’efficace rete di strutture private o missionarie – ha sottolineato Letizia Moratti - per far fronte alle numerose malattie che affliggono  questa regione come la tubercolosi e l’HIV ancora molto diffusa. Ci sono casi di malnutrizione infantile, il 29,4% dei bambini è sottopeso e il 55% ha problemi di crescita. Il Mtendere Mission Hospital (MMH) è l’unico ospedale del distretto fondato nel 1964 nella cittadina di Chirundu – ha continuato la Presidente di Ubi Banca - una struttura sanitaria no-profit di primo livello che fornisce una gamma completa di servizi medici primari sia in regime di ricovero che ambulatoriali. Il Social Bond di UBI va nella direzione di fare del bene – ha voluto spiegare Letizia Moratti - di essere solidali con coscienza e concretezza per sostenere questa opera immensa portata avanti dalla Arcidiocesi di Milano. Questa iniziativa è una missione anche per UBI Banca e questo viaggio è solo un inizio per creare le migliori condizioni sanitarie in Zambia. Non è una raccolta fondi, ma un investimento – ha concluso la Presidente di Ubi Banca - che conviene a tutti anche a chi sottoscrive con una propria quota la partecipazione ad un progetto sostenibile nel tempo”.

“La Chiesa ambrosiana ha molto dato e molto ricevuto dalla collaborazione con la Chiesa di Monze, avviata da oltre 50 anni: abbiamo imparato ad essere “Chiesa dalle genti” oltre che essere Chiesa tra la gente e Chiesa per la gente. La solidarietà, infatti, non è l’elemosina che lascia le cose come sono, ma è una seminagione di futuro: la promozione delle risorse locali rende chi riceve capace di donare, infonde energie perché chi ha avviato un cammino sia in grado di andare oltre moltiplicando le risorse per sé e per l’ambiente in cui vive. Il desiderio di continuare il rapporto di fraterna solidarietà impone la ricerca di nuove modalità di aiuto e di nuovi strumenti che siano adatti ai tempi, trasparenti nelle procedure, promettenti per le prospettive future”, ha detto l’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini.
 

Lo SROI come strumento di misurazione del valore sociale

In riferimento al progetto, viene calcolato il valore del beneficio sociale per i destinatari e la collettività collegato al Social Bond, come già avvenuto in occasione del sostegno a iniziative legate a precedenti collocamenti. Il metodo scelto per tale quantificazione è il social return on investment – SROI. Lo SROI è il mezzo per quantificare, in termini economici, il valore sociale o ambientale generato da un progetto, un’iniziativa, un’organizzazione sociale. L’Arcidiocesi di Milano ha calcolato i benefici sociali, stimati in € 3,73 ex-ante per ogni euro investito.  Tali benefici sono rappresentati in via principale dalla riduzione del tasso di mortalità adulta e infantile e dal miglioramento della qualità del servizio di assistenza sanitaria nel Distretto di Chirundu, garantendo la disponibilità di farmaci e reagenti per un corretto percorso diagnostico e terapeutico.

Ulteriori ricadute riguarderanno le persone adulte ricoverate, con patologie infettive e non, presso il Mtendere Mission Hospital: beneficeranno infatti di una migliore assistenza grazie a maggiori competenze del personale in loco, riducendo così le morti dovute a malattie curabili. Inoltre, grazie all’accresciuta disponibilità di farmaci e mezzi chirurgici e anestesiologici, si otterrà una riduzione della percentuale di mortalità materna. Infine, grazie al miglioramento dell'assistenza ostetrica e alla trasmissione di nozioni su una corretta igiene e nutrizione infantile, sono attese ricadute in termini di riduzione della malnutrizione e della percentuale di morti infantili. Al termine del progetto verrà rendicontato e comunicato il risultato consolidato (ex-post).

I Social Bond UBI Comunità

I Social Bond sono prestiti obbligazionari finalizzati al sostegno di iniziative di elevato valore sociale, che offrono ai sottoscrittori un rendimento di mercato e prevedono che, con il funding rinveniente dal collocamento, la Banca eroghi somme di denaro a titolo di liberalità o di finanziamento a condizioni competitive a sostegno di progetti o investimenti ad elevato impatto sociale. Coinvolgono e premiano realtà significative del non profit nei territori di riferimento, caratterizzate da buona capacità di mobilitazione degli stakeholder e con progetti ad alto impatto sociale.

Da aprile 2012 ad aprile 2019 il Gruppo UBI Banca ha emesso 93 Social Bond UBI Comunità, per un controvalore complessivo che supera il miliardo di euro, che hanno reso possibile la devoluzione di contributi a titolo di liberalità per oltre 5 milioni di euro volti a sostenere iniziative di interesse sociale e sono stati sottoscritti da più di 37.000 clienti del Gruppo UBI. Inoltre sono stati attivati plafond per finanziamenti per oltre 21 milioni di euro destinati a consorzi, imprese e cooperative sociali.

 
UBI Banca UBI Banca è una delle principali banche commerciali in Italia, con una quota di mercato di circa il 7%, 1.648 sportelli in Italia e quasi 20.400 dipendenti. (www.ubibanca.com)

Le Obbligazioni possono essere sottoscritte dal 24 aprile 2019 al 29 maggio 2019 salvo la facoltà dell’Emittente di chiusura anticipata dell’offerta. Prima dell’adesione e per una più dettagliata informativa circa le caratteristiche, le condizioni, i costi ed i rischi che l’investimento comporta si invita a leggere il Prospetto di Base, inclusivo del Documento di Registrazione, nonché le Condizioni Definitive e la Nota di Sintesi, ed in particolare la sezione “Fattori di Rischio”, relative all’emissione.

Milano, Arcivescovado, 24 aprile 2019

Arte&Golf: MARTIN EDWARDS (Manchester United), premiato in Franciacorta

Grande ammirazione per le squadre italiane, una personale passione per la storia e la cultura del nostro Paese e l’esortazione a guardare sempre alle proprie radici per costruire con passione e determinazione uno spirito di squadra senza mollare mai: questi, in sintesi, i valori espressi da Sir Martin Edwards, ospite per la terza volta del circuito Arte&Golf, che ha incontrato pubblico e stampa in occasione della prima tappa al Franciacorta Golf Club.
Edwards, che ha portato con la sua attività manageriale il Manchester United ad essere il club calcistico più importante al mondo e di cui è tuttora il presidente onorario, ha raccontato la sua avventura imprenditoriale e personale nel recente libro RED GLORY, un’esperienza iniziata nella catena di supermercati di carne di famiglia e maturata, a contatto del padre, all’interno del team sportivo fin dall’età postadolescenziale. Un percorso fatto di scelte strategiche e incontri decisivi ma sempre filtrato dalla capacità di ascolto e di fiuto per le potenzialità umane.
“Per noi - dichiara Adriano Vicini, ideatore ed organizzatore di Arte&Golf -  è sempre un piacere ritrovare un amico conosciuto anni fa sui campi da golf e che ha capito e apprezzato la nostra esperienza trasversale”. 
“Nel circuito - continua Vicini - si vivono infatti momenti sportivi insieme ad interazioni culturali ed enogastronomiche territoriali, nel segno di una condivisione, tra ospiti, giocatori e partner,  molto simile a quella perseguita da Martin nella sua carriera e, ancor più, nella sua vita personale”.
Edwards ha sperimentato con piacere anche una breve visita guidata nella cantina Cà d’Or, tra le aziende di eccellenza del Franciacorta, ed ha premiato lui stesso i vincitori della prima tappa del circuito golfistico. Non poteva, in finale di giornata, non ricevere un premio per i suoi alti meriti artistici: uno score d’argento realizzato da Arte &Golf
Giunta alla sua nona edizione, la manifestazione continuerà con 18 competizioni italiane e 4 estere fino alla finale del 14 novembre al Fairmont Royal Palm di Marrakech, dove si sfideranno i vincitori di ogni gara per un finale in grande stile.

Milano, 1° aprile 2019

 

Bergamo - GAMeC:       Birgit Jürgenssen - Io sono

     

Io sono è la prima grande retrospettiva che un’istituzione museale italiana dedica a Birgit Jürgenssen (Vienna, 1949-2003), tra le più importanti e sofisticate interpreti dell’avanguardia femminista internazionale.
 
La GAMeC - Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo rende omaggio a questa straordinaria e ancora poco valorizzata artista ospitando un progetto espositivo, a cura di Natascha Burger e Nicole Fritz, nato in stretta collaborazione con Estate Birgit Jürgenssen, Kunsthalle Tübingen (Germania) e Louisiana Museum of Modern Art di Humlebæk (Danimarca).
 
Raffinata interprete delle istanze del suo tempo, Birgit Jürgenssen ha attinto ai linguaggi del Surrealismo per trattare convenzioni sociali, sessualità, canoni di bellezza e rapporti tra i sessi con un linguaggio ironico e un umorismo sovversivo che ha spesso coinvolto l’immagine dell’artista stessa. Il corpo messo in scena non è mai ostentatamente esibito, quanto piuttosto celato e poi svelato attraverso l’uso di maschere, inserti, materiali naturali, quasi delle estensioni, o protesi, utili a scandagliare le profondità psicologiche ed emotive del femminile.
 
Articolata in sei sezioni, Io sono. offrirà uno spaccato esaustivo sulla produzione dell’artista austriaca attraverso oltre 150 lavori realizzati in quarant’anni di ricerca, tra disegni, collage, sculture, fotografie, rayogrammi, gouache e cianotipie.
 
Il percorso espositivo occuperà tutte le sale della Galleria, dai disegni dell’infanzia, firmati  “BICASSO”, ai lavori più maturi, di grande formato, passando attraverso i  giochi linguistici e letterari, che raccontano la contaminazione tra narrazione e rappresentazione, fino a focalizzarsi, nella parte centrale, sui due grandi temi che contraddistinguono la ricerca dell’artista: il genere e la natura.
 
L'opera di Birgit Jürgenssen assume un nuovo significato nel nostro presente: in un momento storico in cui assistiamo alla rimessa in discussione di principi e diritti fondamentali e a una progressiva banalizzazione delle questioni legate al femminile e, più in generale, all’identità di genere, il suo approccio non rigidamente ideologico ma più radicato nella sfera individuale e intima infonde nuova concretezza al potere emancipatorio dell'arte.

Milano, 7 marzo 2019

 

FederBio e Assobioplastiche siglano un’intesa per l’impiego di bioteli in agricoltura biologica

                    

L’accordo prevede l’avvio della sperimentazione delle bioplastiche biodegradabili e compostabili per la pacciamatura nelle coltivazioni biologiche.

FederBio, la Federazione nazionale che da 27 anni tutela e favorisce lo sviluppo dell’agricoltura biologica e biodinamica, e Assobioplastiche, l’associazione che riunisce produttori e trasformatori di materiali biodegradabili e compostabili, hanno firmato una partnership per la promozione della sperimentazione e dell’uso di pacciamature biodegradabili nelle coltivazioni biologiche.

Il protocollo pluriennale nasce con l’obiettivo di diffondere e consolidare l’utilizzo delle pacciamature biodegradabili che rappresentano  una risposta importante ai problemi di fine vita dei film plastici tradizionali. Inoltre, l’introduzione dei bioteli rappresenta una risposta significativa ad alcuni dei temi produttivi e ambientali coerenti con i principi e le pratiche dell’agricoltura biologica che richiede grande attenzione alle materie prime utilizzate per la produzione dei film pacciamanti, specialmente assenza di OGM e rinnovabilità.

L’utilizzo dei teli pacciamanti con biodegradabilità e rinnovabilità certificate costituisce una delle principali innovazioni tecniche utili per la conversione di ampie superfici e colture all’agricoltura biologica. In particolare, per poter perseguire questo obiettivo strategico i bioteli dovranno essere biodegradabili secondo lo standard europeo EN 17033, non contenere organismi geneticamente modificati nei formulati utilizzati per la produzione della pacciamatura ed essere costituiti da materie prime rinnovabili in misura pari o superiore al 50% (oltre il 60% dal 2021).

Con l’accordo siglato, FederBio contribuirà attivamente alla comprensione e diffusione delle caratteristiche tecniche e d’impiego delle pacciamature biodegradabili, mentre Assobioplastiche supporterà le richieste di informazioni e di attività di sperimentazione che potranno rendersi necessarie.

 

Il protocollo prevede inoltre il coinvolgimento di uno o più enti scientifici con i quali Assobioplastiche e FederBio definiranno un programma di prove in campo per la verifica delle rese, della produttività delle colture e degli effetti complessivi dell’utilizzo di questa pratica colturale in agricoltura biologica.

“La sfida della transizione al biologico dell’agricoltura di pianura e su grandi superfici richiede approcci innovativi e strumenti efficaci, pienamente coerenti con i principi dell’agricoltura biologica sanciti dalla normativa europea e con l’approccio della bioeconomia e dell’economia circolare, politiche strategiche per l’Unione europea. Con il protocollo d’intesa fra Assobioplastiche e FederBio si avvia un percorso di sperimentazione che dovrà portare a uno standard per l’impiego dei bioteli in agricoltura biologica che raggiunga progressivamente la totale rinnovabilità dei materiali, dando con questo un segnale a tutta l’agricoltura italiana ed europea per eliminare definitivamente la plastica non biodegradabile dall’agricoltura”, ha affermato Paolo Carnemolla, presidente FederBio.

“Il biologico rappresenta uno dei molti fiori all’occhiello dell’agricoltura italiana, un modello di produzione a basso impatto e anche uno stile di vita scelto da un numero sempre più crescente di persone. Raccogliere le richieste provenienti da questo comparto, rispettandone i principi fondamentali, è una sfida che il comparto delle bioplastiche ha inteso cogliere mettendo a disposizione degli imprenditori del biologico teli per la pacciamatura biodegradabili, rinnovabili e privi di OGM. I nostri bioteli, grazie alla biodegradabilità secondo lo standard EN 17033, all’assenza di OGM e alla rinnovabilità della materia prima,  rappresentano un’enorme opportunità per gli agricoltori perché oltre ad essere utilizzabili in diverse condizioni ambientali e su colture con cicli diversi, non devono essere recuperati e smaltiti al termine del ciclo colturale ma possono essere lasciati nel terreno dove vengono biodegradati ad opera di microrganismi, offrendo anche un enorme risparmio in  termini di tempo e risorse. Anche in questo caso, dunque, esattamente come con l’uso dei materiali biodegradabili nella raccolta differenziata dell’organico, l’Italia dimostra di essere all’avanguardia, agendo da apripista nell’uso innovativo dei materiali biodegradabili e compostabili: un modello per l’Europa intera”, ha dichiarato Marco Versari, presidente di Assobioplastiche.

FederBio (www.federbio.it) è una federazione nazionale nata nel 1992 per iniziativa di organizzazioni di tutta la filiera dell’agricoltura biologica e biodinamica, con l’obiettivo di tutelarne e favorirne lo sviluppo. FederBio socia di IFOAM e ACCREDIA, l’ente italiano per l’accreditamento degli Organismi di certificazione, è riconosciuta quale rappresentanza istituzionale di settore nell’ambito di tavoli nazionali e regionali.

Attraverso le organizzazioni associate, FederBio raggruppa la quasi totalità della rappresentanza del settore biologico, tra cui le principali realtà italiane nei settori della produzione, distribuzione, certificazione, normazione e tutela degli interessi degli operatori e dei tecnici bio.

La Federazione è strutturata in cinque sezioni tematiche e professionali: Produttori, Organismi di Certificazione, Trasformatori e Distributori, Operatori dei Servizi e Tecnici, Associazioni culturali. FederBio garantisce la rigorosità e la correttezza dei comportamenti degli associati in base al Codice Etico e verifica l’applicazione degli standard comuni. 

Assobioplastiche - Associazione Italiana delle Bioplastiche e dei Materiali Biodegradabili e Compostabili – è stata costituita nel 2011 e rappresenta le imprese operanti in Italia ed all’estero nella produzione di polimeri biodegradabili e di prodotti finiti e nella gestione del fine vita dei manufatti realizzati con bioplastiche.  Assobioplastiche ha sede a Roma ed è attualmente presieduta da Marco Versari. www.assobioplastiche.org

Milano, 5 marzo 2019 

 

Conservatorio : Jan Lisiecki

Stasera a Milano al Conservatorio si e'svolto il bellissimo concerto del giovane pianista Jan Lisiecki. Il bravissimo concertista ha suonato musiche di Chopin, Schumann,Ravel, Rachmaninov. Un grande plauso a tutte le esecuzioni ed in particolar modo a quella del Gaspare de la nuit di Maurice Ravel. Nella foto chi scrive con l'eccellente e grande promessa se pur conosciuta in varie parti del mondo Jan Lisiecki.

 

 

 

Milano, 21 Febbraio 2019   Achille Guzzardella


Il tennis e' Musica

    

Presentato oggi 4 Febbraio alla Rizzoli in Galleria a Milano il libro di Adriano Panatta:"il tennis e'musica". Lo stesso Panatta ha intrattenuto i numerosi intervenuti raccontando aneddoti e la storia di questi ultimi cinquant'anni di tennis. Panatta e'il campione più popolare della storia del tennis italiano assieme al grande Nicola Pietrangeli e all'eccellente Barazzuti. Nellaf oto chi scrive con Adriano Panatta .

Milano, 4 Febbraio 2019    Achille Guzzardella

MUSICA:  IL VOLO  -  10 anni di carriera

Il trio italiano che ha conquistato le platee internazionali vendendo milioni di dischi in tutto il mondo, IL VOLO, festeggia dieci anni di una lunga amicizia e di musica insieme! I tre ragazzi hanno cominciato la loro carriera giovanissimi, nel 2009, e la loro ascesa costante li ha portati a duettare con artisti del calibro di Barbra Streisand e Placido Domingo, a vincere il Festival di Sanremo a soli vent’anni, a riempire l’Arena di Verona e il Radio City Music Hall di New York, a raccogliere standing ovation nei tour in Europa, America e Giappone.

Un successo straordinario che merita grandi festeggiamenti! Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble partiranno dal palco dell’Ariston che li ha visti nascere. Sono, infatti, in gara al 69° Festival di Sanremo con il brano “Musica che resta”, scritto da Gianna Nannini, Emilio Munda, Piero Romitelli e Antonello Carozza. Al Festival di Sanremo Adriano Pennino dirigerà l’orchestra per Il Volo.

Musica che resta anticipa il nuovo atteso album “Musica(Sony Music) in uscita il 22 febbraio in tutto il mondo! Conterrà, oltre al brano sanremese, altri due inediti Fino a quando fa bene e Vicinissimoe le cover di Arrivederci Roma”, “A chi mi dice”, “People”, “La nave del olvido”, “Lontano dagli occhi”, “Be My Love”, “La voce del silenzio” e “Meravigliosa Creatura”. Saranno disponibili anche le versioni speciali del disco fisico Jewel Case e Digipack Hardcoverbook.

Da maggio 2019 a maggio 2020 sono previsti una serie di prestigiosi appuntamenti live che testimoniano l’autentico successo de Il Volo in tutto il mondo in questi dieci anni di carriera!

Si parte a maggio con un tour in Giappone dove già nel 2017 il trio aveva registrato il sold out a Tokyo e a Kawasaki.

A fine maggio Il Volo sarà in Italia per due esclusive date a Matera.

L’estate vedrà i tre artisti protagonisti nelle più belle location italiane, un tour imperdibile che culminerà con uno show all’Arena di Verona a settembre (prodotto e organizzato da Friends & Partners).

In autunno Il Volo sarà in tour in Europa e poi nel LATAM con decine di date nelle città più importanti dell’America Latina.

I festeggiamenti per i dieci anni di carriera del trio italiano più famoso al mondo, continueranno fino a maggio 2020, con un tour negli Stati Uniti, in Canada e ancora tante sorprese!

Intanto, sabato 26 gennaio il trio italiano si è esibito a Panama in occasione della XXXIV Giornata Mondiale della Gioventù, davanti a Papa Francesco e a oltre un milione di persone, durante la cerimonia della Veglia, nel Campo San Juan Pablo II. L’evento è stato trasmesso in mondovisione.

Un appuntamento arrivato dopo un’altra grande avventura artistica e umana che si è da poco conclusa: Il Volo ha vissuto per qualche giorno presso la base Unifil di Tiro, in Libano, per sostenere le truppe italiane in missione di pace.

 Milanon 29 gennaio 2019

 

I 70 anni dei Legnanesi al Teatro della Luna

     

 Bello lo spettacolo dei Legnanesi al teatro della Luna al Forum di Assago per i settanta anni della compagnia dialettale piu famosa della Lombardia e di respiro Nazionale. Primo spettacolo nella serata di oggi 28 Dicembre 2018 .

Milano, 28 dic 2018          Achille Guzzardella

Santo Spirito Milano

      

La Santa messa del 24 Dicembre 2018 delle ore 18, vigilia di Natale  nella chiesa del Santo Spirito a Milano in via Valvassori Peroni è stata celebrata da Monsignor Erminio De Scalzi, Abate Emerito di Sant' Ambrogio, con lui ha officiato il Parroco della chiesa Don Tarcisio. Molti i fedeli presenti, quasi cinquecento. La chiesa  così gremita non si vedeva da tempo.Il saluto di chi scrive a Don Erminio, ex Parroco della chiesa di Santa Maria Del Sufragio in XXII Marzo a Milano alla fine degli anni '80 e primi '90.Nelle foto alcuni momenti della celebrazione Eucaristica.



Milano, 25 Dicembre 2018       Achille Guzzardella  

 

 

Libro di Luciana Littizzetto

        

Nel secondo pomeriggio di oggi 5 Dicembre 2018 alla Rizzoli in galleria a Milano Luciana Littizzetto ha presentato il suo ultimo libro con la vicinanza e il sostegno della amica Alessia Marcuzzi.Un numerosissimi pubblico ha gremito la sala, un via vai di ammiratori e curiosi.  Nella foto chi scrive con la Littizzetto e la Marcuzzi.

Milano 5 Dic. 20Q8           Achille Guzzardella

 

Preghiera del mare

      

Presentato nel pomeriggio di oggi 5 Dicembre 2018 al Circolo Filologico di via Clerici a Milano il libro di Khaled Hosseini: Preghiera del mare. Tra i relatori il Vescovo di Milano sua eminenti Mario Delpini.Nella otobus un momento della presentazione.

Milano, 5 Dic. 2018     Achille Guzzardella

Chiesa del Preziosissimo Sangue -Liturgia per la dedicazione dell'Altare

                    


Nel secondo pomeriggio di oggi 27 Ottobre 2018 si è svolta a Milano nella chiesa del Preziosissimo Sangue di Corso 22 Marzo la Liturgia per la dedicazione dell'Altare e la  inaugurazione della nuova veste estetica dell'interno della chiesa.La cerimonia con la Santa messa è stata celebrata da Sua Eccellenza Monsignor Delpini Vescovo della Diocesi di Milano, la più grande del mondo, e concelebrata da ben 13 Sacerdoti. La cerimonia è durata ben due ore alla presenza di tantissimi fedeli. La chiesa costruita nei primi anni '60 con gli sforzi e l'entusiasmo del primo Parroco Don Giovanni Giarlanzani, aveva accanto la chiesa provvisoria ricavata da un vecchio garage nel 1958 e fu  eretta sulle fondazioni seicentesche della Vecchia Senavra, e fu consacrata dall'attuale San Paolo VI. Nelle foto chi scrive con Monsignor Delpini e un momento della Cerimonia.


Milano, 27 Ottobre 2018     Achille Guzzardella  

 

Cd di Patty Pravo

        

Presentato o26 Ottobre 2018 a Milano in via Pirelli 1 all' Osteria della Musica il nuovo album di Nicoletta Strambelli in arte Patty Pravo. Numerosi i presenti: fotografi, giornalisti e appassionati della ormai Storica cantante italiana. Nella foto chi scrive con la Patty nazionale.

Milano, 26 Ottobre 2018     Achille Guzzardella

Conferenza di Giulio Sapelli all'U.C.I.D.




Ieri sera 16 Ottobre 2018 all'U.C.I.D. di Milano si è svolta una conferenza dell'Economista Giulio Sapelli. Molti gli intervenuti per sentire il noto personaggio dell'economia Italiana che ha approvato la manovra del nuovo governo mettendo in luce però alcuni punti     non chiari e un pò arditi attribuibili alla corrente dei 5  stelle . Varie le domande degli amici dell'U.C.I.D.. Sapelli ha parlato anche della situazione internazionale, dell'Europa, ma anche di quella della Russia, dell'America e della Cina. Non entro nel merito degli argomenti trattati, mi limito    ad un plauso  dell'importante economista che ha raccontato anche qualche episodio della sua gioventù emozionandosi. Nella foto chi scrive con Giulio Sapelli a fine conferenza .


Milano, 17 Ottobre 2018                                Achille Guzzardella

 

Paolo Conte in San Gottardo in Corte

          


Aperto stasera 1 Ottobre 2018  a Milano il tradizionale ciclo di incontri in San Gottardo in Corte. Il primo ospite intervistato da Monsignor Borgonovo e da Armando Torno è stato il cantautore e artista Paolo Conte. Una serata interessantissima dove è venuta fuori tutta l'ironia , e la grandezza del Conte Nazionale che ha saputo rispondere sempre molto prontamente alle domane particolari di Monsignore Borgonovo . La chiesa era gremita, tra gli ospiti anche Federico Confalonieri e tanti visi noti.  Nella foto i relatori della serata e chi scrive con Paolo Conte.
Milano, 1 Ottobre 2018               Achille Guzzardella     

 

Nuovo libro di Gino e Michele 

 


Presentato stasera 1 Ottobre 2018  alla Rizzoli a Milano in Galleria il nuovo libro di barzellette ecc. di Gino Vignali e Michele Mozzati e con loro Francesco Bozza. Una serata piacevole con qualche risata per tutti i presenti . Un folto pubblico ha applaudito alla ultima fatica dei due amici  autori satirici di successo . Nelle foto chi scrive con Gino e Michele e poi con Fabio Concato. Il libro è edito dalla Baldini e Castoldi.
Milano, 1 Ottobre 2018                  Achille Guzzardella

  

Libro : Per un nuovo Rinascimento

 
Alle Gallerie D'Italia a Milano in Piazza Della Scala si è parlato oggi 4 Luglio 2018 del libro  edito da La Nave di Teseo, scritto dal premio Nobel per la letteratura nel 2000 Gao Xingjian dal titolo :" Per un nuovo Rinascimento" . Gao è nato in Cina nel 1940, e vive a Parigi dal 1988. Artistica poliedrico, è scrittore, pittore,  regista teatrale e cinematografico oltre che critico letterario e drammaturgo. Nella foto chi scrive con Gao Xingjian.
Milano,  4 Luglio 2018       Achille Guzzardella

OCULISTI A CONGRESSO: 16° Congresso internazionale della SOI

 

Dopo una pioggia torrenziale, stamani si sono aperti con il sole, i lavori scientifici del 16° Congresso Internazionale della SOI che vedono impegnati gli oculisti italiani e stranieri in una 4 giorni ricca di eventi scientifici e corsi di aggiornamento. 

 

La partecipazione è come sempre nutrita e per questo non possiamo che essere soddisfatti- ha dichiarato Matteo Piovella, Presidente della SOI,  commentando le prime due giornate congressuali. Oltre ai numeri è la qualità della partecipazione che conta: si percepisce grande entusiasmo, un grande interesse e una grande volontà di partecipazione in tutti gli eventi che abbiamo previsto; questo, è un segno positivo.

 

La vitalità dimostrata dagli oculisti italiani nel corso di questi eventi SOI è quello che serve per uscire dall’attuale situazione di empasse dettata dalla scarsità di risorse destinate all’oftalmologia, un fenomeno che ci ha investiti negli ultimi anni, non solo per la difficile congiuntura economica ma anche – lo voglio sempre ribadire – per il disinteresse e la noncuranza della classe politica del nostro Paese- ha aggiunto Piovella.

 

Questo non ci deve condizionare più del dovuto: il ruolo di protagonisti che gli oftalmologi italiani hanno avuto in passato deve spronare a guardare avanti con realismo e determinazione, tenendo sempre alta l’attenzione sulle novità e sulle nuove possibilità di cura che la tecnologia e il progresso della farmacologia mettono a disposizione- conclude il Presidente SOI.

 

La Sanità pubblica italiana offre poche possibilità di utilizzare le migliori tecnologie per la chirurgia della cataratta- commenta Lucio Buratto a margine del Simposio SOI ”Indicazioni cliniche, selezione del paziente, organizzazione del centro chirurgico per impianto IOL a tecnologia avanzata nella chirurgia refrattiva della cataratta in ambito SSN” perché è carente nella parte diagnostica e nel fornire i materiali necessari tipo le lenti ad alta tecnologia, i laser a femtosecondi, ma anche nella strumentazione intraoperatoria che consente di ottimizzare il risultato refrattivo. Se vogliamo una qualità chirurgica migliore occorrono DRG più alti ed è necessario coinvolgere anche economicamente i medici che debbono eseguirla.

 

Infine, Fabrizio Camesasca, coordinatore assieme a Pasquale Troiano del Master di Aggiornamento SOI sulle “Conoscenze per svolgere ogla professione di oftalmologo”,  sottolinea come solo SOI in Italia riesca a riunire professionisti di alto livello clinico e grande capacità comunicativa che in una mattina forniscano un aggiornamento dalla cornea alla retina, dall’uveite alla neuroftalmologia, dal glaucoma alle IOL a tecnologia avanzata. I singoli argomenti possono esser approfonditi nel corso del Congresso SOI grazie a simposi e corsi specifici, ma i Master vogliono fornire aggiornamento incisivo, rapido e accurato, utile alle attività e ai problemi incontrati quotidianamente negli ambulatori, negli ospedali nelle sale operatorie.

Milano, 17 maggio 2018

 

TEATRO MANZONI:  "Quel pomeriggio di un giorno da star"

Al teatro Manzoni di Milano in programmazione fino al 20 Maggio la commedia:"Quel pomeriggio di un giorno da star" con Corrado Tedeschi, Brigitta Boccoli ecc.. Una commedia scadente con un testo povero. Il simpatico mattatore Corrado Tedeschi delude, molto meglio le sue recite in commedie di tempo fa. Discreto l'impegno di tutti gli attori, ma il testo e le scene non consentono di apprezzare e far emergere l'impegno dei singoli teatranti se si può parlare ancora di teatro.

 

 

 

 

Milano, 4 Maggio 2018                  Achille Guzzardella

 

Yannick Nézet-Séguin e Yuja Wang al Teatro alla Scala

a favore di Croce Rossa Italiana - Comitato di Milano

Il ricavato della serata sosterrà le attività sanitarie e sociali per le persone vulnerabili

L’atteso appuntamento annuale al Teatro alla Scala di Milano a favore della Croce Rossa di Milano è in programma per lunedì 23 aprile, alle ore 20.

Protagonista sul palcoscenico sarà il Maestro canadese Yannick Nézet-Séguin che dirigerà la Rotterdam Philharmonic Orchestra, nell’esecuzione di celebri note di Haydn, Rachmaninov e Čajkovskij, con la partecipazione al pianoforte di Yuja Wang.

Giunto alla 22esima edizione, il concerto benefico organizzato al Piermarini dal Comitato di Milano della Croce Rossa Italiana ha l’obiettivo di sostenere i progetti di carattere sanitario e sociale a supporto delle persone più fragili ed emarginate, che hanno difficoltà di accesso al Sistema Sanitario Nazionale. L’intero ricavato della serata andrà, nello specifico, a finanziare il potenziamento degli interventi medici dedicati alle persone senza dimora e l’ampliamento dell’ambulatorio CRI di via Pucci a Milano per incrementare tipologia e numero delle prestazioni offerte.

La Rotterdam Philharmonic Orchestra, che quest’anno festeggia i suoi 100 anni di attività, eseguirà la Sinfonia in fa minore “La Passione” Hob. I:49 di Haydn, il Concerto n.4 in sol minore op. 40 per pianoforte e orchestra di Rachmaninov, e la Sinfonia n.4 in fa minore op. 36 di Čajkovskij.

I biglietti sono disponibili con prenotazione presso le prevendite di geticket.it, ticketone.it e vivaticket.it oppure chiamando il numero 02-3883210 (lun-ven ore 10-13, 14-17). Il costo varia da 15 a 200 euro (prevendita esclusa). Per info: concertoscala@crimilano.it


 

Milano, 16 aprile 2018

 

 

FESTE E AMBIENTE - PARTY ROUND, E' QUI LA FESTA - QUANDO IL DIVERTIMENTO E' GREEN

 

 E' arrivata la primavera. Boom di feste in ville, giardini e terrazzi. Matrimonio, compleanno, nozze d'argento, meeting aziendale, cresima e comunione, indipendentemente dall'evento il segreto di una festa riuscita è che dev'essere fatta bene e fare bene all'ambiente. E' il diktat imprenscindibile di questi ultimi tempi. Lo sa bene Party Round, il primo multiservice completamente green per eventi che, all'avanguardia, propone un'ultima novità per il 2018 all'insegna dell'esotismo: il Fruit & Veggy Carving Show Live. Ovvero l'esibizione, d'importazione e di cultura thailandese, di un maestro intagliatore che realizza al momento delle vere e proprie sculture scolpendo frutta ed ortaggi di vario tipo. In aggiunta, sempre dal sapore esotico, anche il menu innovativo che ha nel Poke il punto di forza. Una specialità gastronomica delle Hawaii molto colorata ed invitante: cubetti di pesce fresco crudo abbinati a riso o insalata e frutta tipica dell'arcipelago vulcanico. Un piacere per gli occhi e per il palato. Così come il Sushi Burger, l'hip food del momento ideale per un buffet alla moda.

Tutto rigorosamente green. Perché, com'è emerso da un recente sondaggio, ben il 77% degli italiani è eco-attento. Una sensibilità alla salvaguardia dell'ambiente e della salute confermata anche dalla crescita pari al 26% dei negozi che vendono alimenti biologici e dal calo della grande distribuzione che riduce i punti vendita del 15 per cento. E che fosse giunto il momento di fare scelte ecosostenibil, anche quando si organizza un meeting aziendale o una festa privata, se n' è accorto Danilo Arlenghi con Party Round. Il primo multiservice che ha trovato nella scelta green la propria ragion d'essere e la propria chiave di stile, per eventi sia tradizionali sia non convenzionali. A partire dagli spettacoli e dalle animazioni agli addobbi floreali di vario tipo, comprese le piante ad alto fusto , dal noleggio impianti audio, video e luci alle scenografie ed agli allestimenti , dalle riprese video con postproduzione ai servizi fotografici. E più importante di tutto l'ormai celebre catering con cibi e bevande biologici. Nel pieno rispetto del protocollo green che prevede, inoltre, prodotti a chilometro zero, lavaggio stoviglie con prodotti biodegradabil , utilizzo dei mezzi di trasporto Euro 6, raccolta differenziata già in loco, a tutela dell'ambiente e del benessere delle persone. Tutto questo è reperibile con una sola telefonata, essendo Party Round proprietario di tutti i servizi offerti e proponendosi come unico referente. Il cliente risparmia tempo, denaro ed anche personale aziendale. Pensa , infatti, a tutto lo staff del multiservice green, che per essere completamente ecosostenibile indossa divise ed abiti prodotti con tessuti naturali eco. Con Party Round il successo della festa è assicurato dalla grande qualità. "Perché- sottolinea Danilo Arlenghi- l'amarezza di una scarsa qualità rimane per lungo tempo dopo che il piacere di un prezzo basso è stato dimenticato". E se lo dice lui bisogna credergli. Arlenghi noto ideatore di eventi, e soprattutto negli ultimi anni fornitore di servizi, nonchè presidente del Club del Marketing e grande esperto di antiquariato e vintage, è quasi da guinnes dei primati. Ha organizzato 13.500 eventi in quarant'anni di onorata carriera. Basti pensare, solo per fare qualche esempio, che ha al suo attivo 10 edizioni del Gran Gala di formula 1 , 16 edizioni del premio Donna Marketing e Donna Comunicazione, l'organizzazione per due anni consecutivi della festa di compleanno di Diego Armando Maradona, e quella all’Openhouse per i cinquant'anni di Pelè un altro mito del calcio.

Negli anni Ottanta ha organizzato i gala dei maggiori programmi televisivi, da Risatissima a Premiatissima, da Disco Ring a Drive in, da Quelli della notte a Striscia la notizia. Ed è rimasta memorabile la festa di compleanno di Prince nel giugno 1986 ospitata a Milano al Vogue, uno dei mitici locali di Danilo Arlenghi. Tra gli invitati artisti internazionali quali: George Harrison uno dei quattro Beatles, Phil Collins, Spandau Ballet, i Queen, i Duran Duran, Diana Ross, Kid Creole and Coconuts, Elton John accompagnato da Gianni Versace, Eric Clapton. Una festa veramente molto esclusiva ed a porte chiusissime. Ma non si sono rivolti a lui solo star dello spettacolo, ha fornito servizi catering anche campioni dello sport come Alessandro Altobelli, Niki Lauda, Michele Alboreto, Dino Meneghin, top stylist quali Gianni Versace, Enrico Coveri, capitani d’industria, e addirittura tre presidenti della Repubblica italiana: Oscar Luigi Scalfaro, Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano.

Oggi entusiasta più che mai, attento all'ambiente ed alle tendenze del mondo social, con Party Round è in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza nel segno di un divertimento raffinato ed ecosostenibile .

Milano, 15 aprile 2018

 

Progetto Bee proposto da MOLO17 per una miglior produttività

Il progetto Bee è la novità di MOLO17, studiato per rispondere alle esigenze di un'azienda manifatturiera di Cordenons (Pordenone). Intermek, già cliente di MOLO17, cercava delle soluzioni che potessero migliorare la produttività e permettessero un controllo di tutte le fasi lavorative e distributive e volevano poter controllare tutte le operazioni dal tablet, anche con possibilità di visualizzazione in Realtà Aumentata. Intermek aveva chiesto a MOLO17 di poter interconnettere i dati riguardanti la produzione e la gestione della fabbrica con i software gestionali già in uso, permettendo una operatività di alto livello. Questo accedendo a una interfaccia altamente intuitiva. Oltre alla perfetta integrazione con i sistemi operativi già in funzione, un altro aspetto richiesto riguardava la possibilità di comunicare ai propri clienti via web l’andamento degli ordini.

Eravamo agli inizi del 2016 quando MOLO17, interfacciandosi con Intermek, ha iniziato a studiare e sviluppare la soluzione, che potesse meglio rispondere alle esigenze espresse, permettendo di mappare i flussi produttivi e distributivi. Sono state necessarie diverse fasi operative, tenendo anche conto delle problematiche che possono venire da security e privacy. Un altro aspetto che è stato molto apprezzato da Intermek è la possibilità di accedere, grazie all’investimento tecnologico, all’iperammortamento al 250%, che consente di ammortizzare i costi negli anni per un importo pari al 250%.

nella foto:

"Sistema di Visualizzazione in Realtà Aumentata (AR) per applicazioni IoT MOLO17 e Bee"


Ora Daniele Angeli, Ceo della azienda di Zoppola (Pordenone) intende proporre il progetto Bee ad aziende di altri settori, interessate a tenere sempre sotto controllo via Internet costi e ricavi, come le differenti fasi di produzione e distribuzione. La parola d’ordine è sempre la stessa: tenere conto delle differenti esigenze per poter adattare il progetto Bee in modo che offra sempre le maggiori opportunità alle aziende che lo scelgono. Daniele Angeli con il suo team di MOLO17 per il progetto Bee pensa infatti a potenziali clienti anche oltre il settore manifatturiero. Prime tra queste le realtà nell'ambito delle aziende di mobili, che sono soprattutto forti in Brianza. Il passo successivo per MOLO17 è dunque l'apertura di una sede a Milano, che consentirà di allargarsi ad altre realtà produttive o di servizi, come strutture legate al mondo della finanza, dopo aver risposto alle esigenze di aziende manifatturiere forti soprattutto nella zona di Pordenone.

La fase successiva, Daniele Angeli non lo nasconde, potrebbe prevedere una apertura anche alle esigenze di realtà oltre i confini italiani. Magari attraverso la presenza a fiere straniere. Intanto MOLO17 sarà presente a Fieramilanocity al Technology Hub (Milano, 17-19 maggio 2018). Qui sarà anche possibile verificare l’approccio alla Realtà Aumentata studiato da MOLO17. Le aziende manifatturiere potranno valutare la possibilità di visualizzare informazioni aggiuntive secondo le proprie esigenze. Insieme, MOLO17 proporrà la Realtà Aumentata anche in ambito medicale, offrendo alle aziende ospedaliere la possibilità di integrare l’AR nell’abituale rapporto tra medici e pazienti.

MOLO17 è la startup impegnata nel mondo digitale. Realtà Aumentata, IoT (Internet delle cose), Bee sono i progetti a cui sta lavorando. A dargli vita è Daniele Angeli, Ceo della azienda di Zoppola (Pordenone), con un giovane team - età media 25 anni - animato dalla passione per la tecnologia vissuta come strumento per migliorare l'attività produttiva delle piccole e medie aziende italiane. Già i nomi scelti per i brand sono indicativi: MOLO17 prende il nome dal numero considerato benaugurante da Daniele Angeli, accostato al termine «molo», perché il team vuole considerarsi come un gruppo di marinai che guidano nel mare del Web. Il nome del progetto Bee nasce dal concetto di piccoli insetti come le api, che lavorano insieme per un fine comune.

Nella foto:   Sistema di Visualizzazione in Realtà Aumentata (AR) per applicazioni IoT MOLO17 e Bee"          per maggiori info: www.moli17.com

Milano, 12 aprile 2018

 

Concerto di Maxim Vengerov

 

A Milano per le serate musicali al Dal Verme stasera 10 Aprile 2018 c'e'stato il bellissimo concerto del violinista Maxim Vengerov, accompagnato dalla bravissima pianista Polina Osetinskaya. Sono state eseguiti brani di Johan Brahms, Maurice Ravel e Nicolo' Paganini. Applausi a non finire, ai quali hanno fatto seguito tre bis  uno con musica di Fritz Kreisler. I due musicisti hanno entusiasmato il pubblico milanese.Vengerov ha mostrato tutta la sua bravura confermandosi uno dei migliori violinisti al mondo. Nelle foto chi scrive con Vengerov e con la Osetinskaya dopo il concerto e con Il fratello Cesare e l'amico Piero e i due musicisti al momento degli applausi.

 

Milano, 10 Aprile 2018 Achille    Guzzardella


ESXENCE

 

        

 Alla decima edizione la fiera dei profumi a Milano in zona Repubblica Porta Nuova. Ultime ore di visita, chiuderà domani  domenica 8 Aprile 2018. Un successone di pubblico e addetti ai lavori. Nelle foto chi scrive e Marialuisa e tre collaboratori all'iniziativa.

Milano, 7 Aprile 2018        Achille Guzzardella

 

Museo dell'Alfaromeo ad Arese

 

  

Vale la pena una visita al museo storico dell'Alfaromeo di Arese,disposto su ben sei piani il museo offre una panoramica esaustiva con i più bei modelli e prototipi delle piu'belle auto della grande casa automobilistica. Non dico di piu, 'andate a visitarlo. Nelle foto chi scrive con alcune auto.

 

Milano, 7 Aprile 2018  Achille Guzzardella

 

Non mi hai più detto ti amo

Bella e simpatica la commedia vista stasera 6 Aprile 2018 e visibile fino al 22 al Manzoni di Milano :"Non mi hai più detto ti amo" con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia. Uno spettacolo sulla famiglia moderna a lieto fine interpretato bene da tutti gli attori. La commedia ha divertito tutto il numerosissimi pubblico, applausi a non finire. Nella foto chi scrive con Giampiero Ingrassia a fine spettacolo.

 

Milano, 6 Aprile 2018    Achille Guzzardella

 

Perù Home - Design Week presenta Pancho Basurco, “scultore e pittore” di tessuti

 

      

 

Alla Design Week 2018 l’Ufficio Commerciale del Perù presenta Perù Home per far conoscere l’incredibile offerta dei filati peruviani attraverso la creazione artistica di oggetti d’arredo per la casa. Perù Home è il titolo dell’esposizione dedicata al Perù interpretata da Pancho Basurco, l’artista peruviano “scultore e pittore di tessuti” capace di dosare, in modo equilibrato, antico e moderno nel design contemporaneo, utilizzando la vasta gamma dei filati tradizionali in alpaca.

Si tratta di un appuntamento nel cuore di Milano, durante il Salone del Mobile dal 17 al 22 aprile nella Galleria GILDA all'interno del circuito 5VIE.

Nel corso degli ultimi 20 anni Pancho Basurco si è impegnato in un’approfondita ricerca delle radici della cultura peruviana, per trasmettere attraverso la sua arte, l'armonia tra la bellezza della vita e il quotidiano e l'equilibrio tra l'antico e il contemporaneo.

Attraverso le fibre di alpaca, vigogna, molti altri tessuti e materiali ricercati dall'artista in diverse regioni del Perù - spiega Amora Carbajal Schumacher, Direttrice dell’Ufficio Commerciale del Perù in Italia – presentiamo "PERÙ HOME", una vera celebrazione della diversità del Perù attraverso il design”.

                                 

Perù Home è un viaggio in Perù. Il visitatore potrà scoprire una storia affascinante, che svela tutti i segreti delle fibre di alpaca e cotone, delle comunità che lavorano queste fibre pregiate e i loro colori naturali derivati dalla terra, si potranno apprezzare la diversità di prodotti che offre questo Paese e i suoi meravigliosi paesaggi. In questa edizione "PERÙ HOME" sarà l'interpretazione del Perù dal punto di vista di Pancho Basurco.

                            

Nel mio lavoro – commenta Pancho Basurco – cerco di rappresentare il Perù più vero perché siamo una Terra che respira e che è viva. I miei fili e le mie tessiture rappresentano così un modo per dimostrare che siamo tutti parte di un tutto, tutti parte di una comunità”.                 Perù Home - 17 – 22 aprile 2018    Galleria Gilda - Via San Maurilio 14 - Milano

Milano, 5 aprile 2018

Festa Dell'Angelo

 
Oggi 2 Aprile 2018 si è svolta a Milano la tradizionale festa dell'Angelo. Nelle vie collocate tra Piazza della Repubblica e via della Moscova e soprattutto nella piazza della Basilica di Sant'Angelo si è svolta la vendita di fiori e piante. Una miriade anche di bancherelle con prodotti per la casa e per uno spuntino veloce ed anche prodotti di ogni tipo nel bel chiostro  della Basilica. Per tuta la giornata c'è stato l'avvicendarsi dei milanesi e degli abitudinari frequentatori della zona. La festa ha avuto il suo culmine con la Messa celebrata da sua Eccellenza  Mario Delpini alla sua prima celebrazione in Sant' Angelo come da lui ricordato durante la sua omelia. La messa è stata concelebrata dai Monaci che l'Arcivescovo di Milano e della Diocesi più grande del mondo, ha ringraziato particolarmente, non facendosi mancare alla fine della celebrazione delle battute di spirito molto argute, che hanno fatto scaturire dai presenti un applauso e hanno reso il novello Arcivescovo molto simpatico. Nella foto L'arcivescovo Mario Delpini a fine celebrazione con chi scrive.

Milano, 2 Aprile 2018     Achille Guzzardella 

Milano - "Visita e incontri in Piazza Gae Aulenti"

Una passeggiata piacevole nel complesso moderno a Milano che ha il suo culmine in Piazza Gae Aulenti, noto Architetto Italiana che per altro ho conosciuto, vale sempre la pena fare, soprattutto se la giornata come quella di oggi2 Aprile 2018 è stata più che clemente nel tempo. Camminata e visita fatta in compagnia di moglie, fratello e cognata. Momenti di chiacchiere e apprezzamenti e di incontri come quello di chi scrive con il collega e amico Pietro Coletta, artista e docente in pensione dalla folta barba e presenza.
Nelle foto chi scrive è con il fratello Cesare e poi con l'amico Coletta.

Milano, 2 Aprile 2018                    Achille Guzzardella 

Libro:  "La Corsara"

         
Presentato oggi 29 Marzo 2018  alla casa del Manzoni a Milano  il libro scritto da Sandra Petrignani :" La Corsara - ritratto di Natalia Ginzburg".  Un folto pubblico ha gremito le sale della casa, in prima fila Bazzoli presidente di Banca Intesa e poi vari amici come la Maria Mulas  ed il marito  ecc. IL libro edito dalla Neri Pozza è stato illustrato dall'autrice, che è stata intervallata dalle letture di alcuni brani della Ginzburg eseguite dalla bravissima giovane attrice Cristiana Capotondi.  Una bella serata . Nelle foto chi scrive con la Capotondi e l'attrice mentre legge.

Milano, 29 Marzo 2018          Achille Guzzardellal

AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DELLA CAMPAGNA CUORIAMOCI:
PICCOLI GESTI PER LA SALUTE DEL CUORE

Una ricerca GfK Eurisko conferma che la corretta alimentazione è più pensata che praticata realmente dagli italiani. In particolare, gli alimenti “amici del cuore” trovano poco spazio in cucina:
il 42% della popolazione non mangia le dosi consigliate di frutta, il 59% quelle di verdura e l’82% dimentica di inserire della propria dieta il pesce, ricco di Omega 3.

Al via la seconda edizione della campagna “Cuoriamoci, piccoli gesti per la salute del cuore”, promossa da Fondazione Italiana per il Cuore in collaborazione con la Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione e con il supporto non condizionato di Parmalat, per sensibilizzare gli italiani sull’importanza di prendersi cura del benessere del proprio cuore grazie a piccoli e semplici gesti: l’alimentazione, l’attività fisica e l’eliminazione di “vizi quotidiani”.
Nel nostro Paese, l’alimentazione non è vissuta solo come una sfera di interesse, di coinvolgimento e come catalizzatore di passioni, ma è ritenuta il principale canale d’accesso verso la salute, la forma fisica e il benessere. Non è, infatti, un caso che, da un confronto internazionale, al nostro Paese si attesti il primato di “food passionate”, ovvero l’auto-percezione della popolazione riguardo alle elevate capacità culinarie e lo spiccato interesse verso la cucina.
Nonostante questa forte attenzione all’alimentazione da parte degli italiani, accompagnata anche da alcuni comportamenti virtuosi come la riduzione del consumo di carne rossa (35% della popolazione italiana), la preferenza di prodotti biologici (43%) e il consumo di alimenti funzionali e arricchiti (27%), gli abitanti del “Bel Paese” sembrano però spesso dimenticarsi, nella pratica e nel quotidiano, le buone regole della Dieta Mediterranea. Questo è ciò che emerge dalla recente ricerca di Gfk (Sinottica TSSP 2017) sulle abitudini degli italiani a tavola.
Dall’analisi risulta che gli italiani non mangiano dosi adeguate di frutta (42%) e di verdura (59%), alimenti “amici del cuore”, poveri di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Un italiano su duenon mangia neppure una volta a settimana il pesce, il cui effetto protettivo è dovuto al tipo di grassi contenuti (Omega-3) che contribuiscono alla normale funzionalità cardiaca. Sorte analoga per il latte: ben il 65% della popolazione non lo beve quotidianamente, percentuale che sale al 73% nelle fasce più giovani (17-34 anni). Meno del 10% consuma, invece, frutta secca settimanalmente. Il 37% degli italiani dichiara, inoltre, di aggiungere ai propri cibi molto sale, che può causare problemi di salute fra cui l’ipertensione arteriosa, il 45% non riesce a moderare l’assunzione di alimenti ricchi di grassi nocivi per la salute e il 30% non riesce proprio a ridurre l’assunzione di dolci.
Anche lo stile di vita risulta poco virtuoso: il 20% dichiara infatti di fumare regolarmente mentre l’81% non pratica nessuna attività fisica regolare, portando così la percentuale di persone in sovrappeso di almeno 5 kg al 32%.
Da questa fotografia riparte “Cuoriamoci, piccoli gesti per la salute del cuore”, la Campagna nata nel 2017 che ha visto, nel suo primo anno di attività, una straordinaria partecipazione del pubblico; sono stati infatti ben 35 mila i test sulla salute del proprio cuore raccolti attraverso il sito www.cuoriamoci.it. E, per il 2018, l’obiettivo sarà quello di raggiungere un numero ancora più vasto di persone, per aiutarle a prevenire le malattie cardiovascolari.

“Pochi hanno la consapevolezza di questo dato evidente: nel nostro Paese i decessi a causa delle principali patologie cardiovascolari riguardano, ogni anno, 98.000 uomini e ben 127.000 donne (ISS 2014) - ricorda Emanuela Folco, Presidente della Fondazione Italiana per il Cuore - Un dato allarmante se pensiamo che la maggior parte di queste malattie sono prevenibili con un corretto stile di vita e un’alimentazione più equilibrata. Basterebbe, quindi, introdurre nella vita quotidiana di tutti noi piccoli e semplici gesti che possono fare però una differenza enorme in termini di benessere e prevenzione cardiovascolare. Questo l’obiettivo che ci siamo posti con la Campagna Cuoriamoci, che, lanciata con successo lo scorso anno, vogliamo tornare a proporre in questa nuova edizione, augurandoci di continuare a promuovere un autentico circolo virtuoso nelle abitudini degli italiani, affinché imparino a preservare un bene prezioso come il benessere del proprio cuore”.
"Oggi, nonostante la molteplicità di informazioni a riguardo, si fa ancora poco per intraprendere sane abitudini salva cuore, e più in generale a tutela della propria salute: migliorare la qualità dell’alimentazione, ridurre le porzioni di grassi a favore di verdura e frutta, non perdere occasione per praticare attività fisica – aggiunge Andrea Ghiselli, Presidente della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione e Dirigente di Ricerca del CREA, Alimenti e Nutrizione. – Per questo, la Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione, da sempre impegnata in iniziative di educazione alimentare, aderisce e appoggia la Campagna Cuoriamoci, che stimola la popolazione a quei piccoli cambiamenti nello stile di vita, in grado di portare grandi vantaggi per la salute”.
Al fine di guidare le persone verso una prevenzione semplice e alla portata di tutti, la Campagna Cuoriamoci promuove anche quest’anno piccoli gesti “salva cuore” da ripetere ogni giorno. Oltre all’astensione totale dal fumo, usare ogni occasione per fare movimento: basta una camminata quotidiana di buon passo di almeno 30 minuti per un totale di 150 minuti settimanali, preferire le scale all’ascensore, scendere a una fermata prima di metro/autobus, parcheggiare l’auto lontano dal posto di lavoro, usare la bici. Altro fattore importante è un’alimentazione più equilibrata, con meno cibi grassi o ricchi di zuccheri semplici e con molto sale, preferendo invece cereali integrali, legumi, frutta, verdura e alimenti ricchi di grassi Omega3 EPA e DHA, che contribuiscono alla normale funzionalità cardiaca. Ne sono ricchi alimenti come noci e frutta secca con guscio, pesce azzurro, semi di lino e alcuni olii vegetali.
Le iniziative della Campagna partono a Marzo e proseguiranno fino al 29 settembre 2018, quando, come ogni anno verrà celebrata la Giornata Mondiale per il Cuore, promossa dalla World Heart Federation e coordinata in Italia dalla Fondazione Italiana per il Cuore, con iniziative educative, testimonianze di esperti, eventi sul territorio e collaborazioni istituzionali.
Oltre alle attività a livello nazionale e locale, i messaggi della campagna saranno diffusi via TV, radio e web (tra cui il sito dedicato www.cuoriamoci.it), con lo scopo di promuovere l’informazione scientifica sul tema e incoraggiare le persone a fare propri i gesti quotidiani per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, a tutela del proprio cuore. Anche quest’anno ci sarà la possibilità di valutare la propria attitudine ad uno stile di vita sano, effettuando il test online che, attraverso 10 domande su stili di vita, alimentazione e attività fisica, darà riscontri sul grado di consapevolezza rispetto alla salute del proprio cuore. Qui saranno disponibili anche consigli utili e pratici per mettere in atto corrette e salutari abitudini.
La campagna Cuoriamoci, piccoli gesti per la salute del cuore” è resa possibile grazie al supporto non condizionato di Parmalat, che rinnova il proprio impegno nella promozione di corrette abitudini attraverso iniziative concrete sul territorio: tra queste, Cibus a Parma e la Partita del Cuore con la Nazionale Cantanti, che si giocherà allo Stadio Galileo Ferraris di Genova il prossimo 30 maggio. Le attività di promozione della Campagna Cuoriamoci continuano anche nei principali supermercati, dove sarà possibile ricevere materiali informativi e consigli utili e adatti a tutti sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Milano, 26 marzo 2018

 

FONDAZIONE GUATIERO MARCHESI

La Fondazione Gualtiero Marchesi è nata nel 2010, in occasione dell’ottantesimo compleanno del cuoco che ha rivoluzionato la cucina italiana, per trasmetterne il patrimonio e per promuoverne l’insegnamento.
Ogni anno, il 19 marzo, la Fondazione intende celebrare il mestiere del cuoco nel segno del “maestro dei cuochi”.
Come programmato da Marchesi stesso, lunedì 19 marzo 2018, sarà proiettato in anteprima il film documentario "Gualtiero Marchesi The Great Italian", cui seguirà una cena a inviti dove i piatti storici del Maestro saranno i primi attori.

Gualtiero Marchesi The Great Italian, regia di Maurizio Gigola, è prodotto da Food and Media International in collaborazione con la Fondazione Gualtiero Marchesi ed è stato realizzato grazie al sostegno di Ferrari Trento, illycaffé, Parmigiano Reggiano, San Pellegrino.
Per ricostruire il personaggio, il mondo e il pensiero di Gualtiero Marchesi il film, nelle sale italiane il 20 e il 21 marzo, si affida alla sua
viva voce (il film è stato concluso meno di sei mesi fa), così come alle testimonianze dei cuochi che il Maestro ha incrociato sulla sua strada: i grandi cuochi francesi, Pierre e Michel Troisgros, Alain Ducasse, Marc Haeberlin e Yannick Alleno, ma anche i cuochi italiani della nuova generazione, suoi allievi o da lui influenzati: Andrea Berton, Massimo Bottura, Simone Cantafio, Daniel Canzian, Carlo Cracco, Enrico Crippa, Alfio Ghezzi, Ernst Knam, Pietro Leeman, Paolo Lopriore, Davide Oldani, senza dimenticare personaggi storici della ristorazione italiana, da Giorgio Pinchiorri ad Arrigo Cipriani, da Antonio Santini a Carlo Petrini, a Eugenio Medagliani.

Il film è anche un viaggio evocativo tra le città care al Maestro, da Milano a Venezia, da Trieste a Firenze, tra le materie prime della sua cucina e, ovviamente, tra i piatti che ne hanno decretato la grandezza, come il celebre riso, oro e zafferano o il dripping di pesce, solo per citare i più famosi, raccontati e mostrati nella loro esecuzione, proprio come se si trattasse della creazione di veri e propri capolavori di arte contemporanea.
A sottolineare il ruolo centrale della musica nella vita di Marchesi, una colonna sonora originale composta dal grande violoncellista Giovanni Sollima.
Il film ha una durata di 80 minuti ed è distribuito da Twelve Entertainment.

LA CENA

Spettacolo nello spettacolo, la cena che segue la proiezione ha come Event partner le cucine Angelo Po e Global sponsor Ferrari Trento e illycaffé, mentre Canon è il Digital Imaging partner.
Sarà imbandita una vera rappresentazione del percorso marchesiano attraverso una carrellata di piatti storici: gli Spaghetti freddi al caviale, erba cipollina, l’insalata di capesante, zenzero e pepe rosa, il Riso, oro e zafferano, il Filetto di vitello alla Rossini secondo Gualtiero Marchesi e la Sacher Marchesi.
Un vero e proprio catalogo delle meraviglie per riunire intorno alla grande tavola della cucina italiana gli amici di sempre, gli allievi del Maestro, i sostenitori della Fondazione.


NEL MONDO


Nell’anno del Cibo Italiano che il Ministro Maurizio Martina ha
voluto dedicare a Gualtiero Marchesi “che ha incarnato davvero i valori di un patrimonio unico facendoli conoscere a livello internazionale”, la serata evento sarà replicata in tutto il mondo da settembre, partendo dalle capitali europee per poi trasferirsi negli Stati Uniti e concludersi in Oriente.

 

Milano, Ristorante Marchesin0, Piazza della Scala, , 16 marzo 2018

Mariti e Mogli al Manzoni

 A Milano la commedia :"Mariti e mogli"di Woody Allen. Simpatica, un pò lenta ma ben interpretata,con un bel finale più movimentato e ballato. Si può ' vedere ma la lunghezza di un unico atto di due ore può stancare. Bravi gli attori e la Guerritore.

 

 

 

Milano, 2 Marzo 2018       Achille Guzzardella

 

MERCANTEINFIERA PRIMAVERA: LACRIME & BACI, ARTE & JEANS

Nel palinsesto degli appuntamenti  una  nuova sezione sull’illustrazione indipendente, una collaterale su Anton Giulio Majano, re degli sceneggiati televisivi  e una su “Blu Genova” o, come lo chiamiamo dal 1873, il blue jeans. 

 

Dici “jeans” e ti viene in mente Levis Strauss. Raramente viene in mente Genova, città dalla quale, invece, la storia del jeans ebbe inizio. Dici “La Freccia Nera, David Copperfield, Jane Eyre”, ma pochi ricordano il suo autore, Anton Giulio Majano, genio dell’etere quando ancora la TV era un medium tutto da esplorare. Poi c’è l’antiquariato, il modernariato, l’illustrazione, il collezionismo vintage tra moda e rari oggetti iconici del design. Un viaggio un po’ nel tempo e un po’ nell’armadio dove non è raro trovare il lusso e il suo contrario.

Sono proprio queste le suggestioni di Mercanteinfiera, l’appuntamento di Fiere di Parma, meta di collezionisti e appassionati da tutto il mondo che prenderà il via sabato 3 marzo

Oltre 40 mila mq di superficie espositiva dove è possibile scoprire trumeau settecenteschi, raffinate porcellane, preziosi e orologeria d’epoca (da Vacheron-Constantin a Audemars-Piguet)  accanto a un Brancusi, a una lampada di Frank Lloyd Wright o Gae Aulenti, oppure accanto ad un strano telefono affogato in bachelite. Arte, divagazioni artistiche e azzardi d’ironia proposti da 1000 espositori italiani ed esteri che catturano buyer (ne sono attesi 5000 da Usa, UK, Turchia, Francia, Germania, Austria, Spagna, Russia Danimarca, Belgio, Svizzera, Cina e Giappone) e un pubblico sempre più alla  ricerca di oggetti capaci di raccontare. 

Un format di successo anche grazie alle sue mostre collaterali che ripercorrono come sempre un pezzo del "costume" del nostro Paese.  La prima “ E i teleromanzi stanno a guardare” è dedicata al “sovrano del feuilleton televisivo”, Anton Giulio Majano proposto nella sua veste inedita di regista cinematografico. 

Fedele al progetto della RAI che negli anni ’60 ambiva ad elevare culturalmente la  popolazione ancora schiacciata dall’analfabetismo, Majano inventò una sorta di esperanto televisivo traducendo in una stessa lingua, e con spirito nostrano, la poetica dei grandi della letteratura straniera. Dickens, Dumas Balzac i narratori ottocenteschi da cui trasse maggiore  ispirazione per i suoi teleromanzi. Con baci appassionati, eroine, lacrime e melodramma riuscì a tenere incollati alla TV 20 milioni di italiani di tutte le età.

La sua passione furono gli sceneggiati televisivi: sostanziosi, pantagruelici, lunghi, avventurosi (fu ufficiale di cavalleria in Libia), ma la sua carriera iniziò come regista frequentando i set cinematografici di Roma. 
Diresse molti  film passando dalla commedia all’horror tra questi Terrore sulla città, La Domenica della buona gente, Una donna prega, dove lavorò con giovanissimi esordienti; Sophia Loren, Virna Lisi Nino Manfredi, Marcello Mastroianni, Walther Chiari e Alberto Lupo, solo per citarne alcuni. 
I manifesti dei film, in mostra a Fiere di Parma, arrivano  dalla collezione privata del curatore Mario Gerosa studioso di cinema e televisione. 

Al jeans, il tessuto blu più famoso al mondo, è dedicata invece la seconda collaterale Blu di Genova. Il Jeans è una storia italiana”. La mostra è curata da Serena Bertolucci, direttrice di Palazzo Reale di Genova e da Paolo Aquilini direttore del Museo della Seta di Como e racconta - attraverso filati, tessuti e attrezzi d’epoca - i segreti della tintura del tessuto genovese che ha fatto nel mondo la storia dell’abbigliamento moderno.

Un segreto legato all’indaco o meglio all’estratto della indigofera tinctoria che arrivava in Europa sotto forma di panetti compressi detti coquaigne ( da cui il nome ‘Paese della cuccagna’ per identificare la fiorente economia derivante) lavorati a Genova per dare colore al fustagno.  
E se Genova fu capitale di questa tradizione tessile, fu nel Nuovo Mondo, nel 1873 che un tedesco, Levis Strauss, brevettò il primo paio di pantaloni da lavoro con doppie cuciture, rivetti di metallo e rigorosamente in fustagno tinto di blu: il “Blu di Genova” appunto o Blu Jeans come li  chiamiamo sin da allora.

“Non è un azzardato - afferma Ilaria Dazzi, Brand Manager di Mercanteinfiera - paragonare Mercanteinfiera alla figura mitologica della Chimera, per questa sua identità composita. Da un lato un legame con epoche e stili diversi, dall'altro una finestra su nuove contaminazioni che passano anche dal recupero dalla storia del costume”.

“Nel panorama nazionale ed internazionale – aggiunge – questo evento ha consolidato, il proprio ruolo. Con circa 5 mila buyer presenti  ad ogni edizione contribuiamo ad avvicinare il mondo intero all'Italia ed a Parma, a quello che siamo ed a ciò che vogliamo rappresentare”. 

Fedele a questa sua identità poliedrica, Mercanteinfiera propone per la prima volta l’“Illustratore”, un’esposizione curata da Alessandro Canu e Jamais Vu dedicata alla realtà creativa dell’illustrazione indipendente. In mostra le opere dei giovani James Kalinda Jonny, Cobalto e Isabella Bersellini. Mercanteinfiera chiude domenica 11 marzo. 
Torna anche nell’edizione Primavera il servizio gratuito L’Esperto Risponde, una guida che da sempre accompagna gli acquisti e le curiosità dei visitatori. Durante le giornate della manifestazione il servizio offre consulenza gratuita nei vari settori dell’antiquariato principalmente in tema di autenticità, corretta attribuzione di provenienza ed epoca, tecnica esecutiva e valore medio di mercato. 

Milano, 22 febbraio 2018

MUSICA:   RED CANZIAN  - " TESTIMONI del TEMPO"

Il 16 febbraio, esce il nuovo album di inediti di RED CANZIAN, “TESTIMONE DEL TEMPO(BMG / distribuzione Warner Music Italy), contenente anche “OGNUNO HA IL SUO RACCONTO”, brano presentato in gara al 68° Festival di Sanremo e che conferma ancora una volta la collaborazione artistica con Miki Porru.

   

Il video del brano, diretto da Sandro Cisolla e Alessandro Carlozzo, è online al seguente link: https://youtu.be/DvCqTKogxzk.

«Ci ho messo circa un anno per scrivere e registrare questo album… ma è probabilmente occorsa tutta una vita per “ricomporlo” dentro di me – così RED CANZIAN presenta il suo nuovo album di inediti – In ogni brano c’è infatti una qualche traccia della musica che ho amato e che mi ha fatto decidere, ancora ragazzo, che questa sarebbe stata la mia vita. Tracce di rock e di blues, delicate ballate acustiche e suoni ormai lontani, come quello del sitar, dei violoncelli o del mellotron, per arrivare poi al romanticismo del rock progressivo, che mi ha fatto crescere con i Capsicum Red e che ho ritrovato in “Parsifal”, il mio primo album con i Pooh. In “Testimone del tempo” c’è tutto questo e molto di più, grazie all’ispirazione dei grandi autori che hanno dato “parola” alla mia musica».

L’album “TESTIMONE DEL TEMPO” contiene 13 brani che riassumono il viaggio della carriera di Red Canzian, con chiari riferimenti ai suoi inizi all’insegna del rock, e vanta testi firmati da Renato Zero, Ivano Fossati, Enrico Ruggeri, Ermal Meta, Fabio Ilacqua, Vincenzo Incenzo, Gabriele Cannarozzo e Miki Porru.

Questa la tracklist di “TESTIMONE DEL TEMPO: “Ognuno ha il suo racconto”, “Cosa abbiamo fatto mai”, “La notte è un’alba”, “Reviens moi”, “Meravigliami ancora”, “Da sempre”, “L’impossibile”, “Quello che sai di me”, “Per cercare di capir le donne”, “Presto, tardi, forse, mai”, “Eterni per un attimo” feat. Aldo Tagliapietra, “Tutto si illumina”, “Cantico”.

Per i primi 100 fan presenti ad ogni instore, inoltre, verrà regalata una speciale mini-clessidra brandizzata.

E per chi non potrà incontrare Red Canzian di persona, sarà disponibile in esclusiva su Amazon la copia dell’album autografata. È possibile acquistare la propria copia al seguente link: http://amzn.to/2DQxj1a

È disponibile nei negozi tradizionali il primo 45 giri della carriera solista di Red Canzian, contenente una speciale ed esclusiva versione con orchestra, disponibile solo su vinile, del brano sanremese “Ognuno ha il suo racconto” e, sul lato B, Presto, tardi, forse, mai. Un’edizione limitata e numerata a 1000 copie contenente un originale vinile di colore azzurro, un assoluto must per tutti i fan!  

Il 4 maggio da PADOVA partirà il tour nei teatri di “Testimone del tempo, uno spettacolo che racconterà il percorso musicale e la carriera di Red, dai suoi inizi fino ai giorni nostri, arricchito dalle immagini di personaggi e avvenimenti che hanno segnato la storia.  

Insieme a lui sul palco ci saranno: Chiara Canzian (vocalist, armonica e percussioni), Phil Mer (batteria, percussioni, piano e direzione musicale), Daniel Bestonzo (pianoforte, tastiere, fisarmonica), Alberto Milani (chitarre elettriche) e Ivan Geronazzo (chitarra elettrica, chitarra acustica e mandola).

«Sarò, in musica, parole e immagini, il testimone del tempo che ho vissuto – così RED CANZIAN presenta il tour – e in oltre due ore di concerto, attraverserò tutta la musica che ha accompagnato la mia vita, e non solo la mia. Un viaggio che inizia negli anni ’50 con il rock ‘n roll, per passare poi al beat, al prog, alla grande canzone d’autore, ai Pooh, alle mie canzoni».

È possibile acquistare i biglietti in prevendita online su TicketOne.it. Per informazioni: www.fepgroup.it

Milano, 18 febbraio 2018

CONCERTO al CONSERVATORIO :   UGHI - CANINO

     

Un duo eccellente Ieri sera 4 Febbraio 2018 al Conservatorio di Milano si sono esibiti in maniera eccellente Antonio Canino al pianoforte e Uto Ughi con il suo violino. Un repertorio classico e'stato eseguito dai due veterani della musica al Conservatorio. Applausi a non finire nel salone stracolmo e poi qualche bis romantico hanno allietato tutti i presenti. Bene Canino,bene Ughi.Nelle foto i due musicisti durante e dopo il bel concerto.

Milano, 5 Febbraio 2018      Achille Guzzardella

La maestra e la camorrista

Libro al Corriere Della Sera Nel pomeriggio di oggi 1 Febbraio 2018 e'stato presentato in sala Buzzati del Corrieredella Sera Il libro di Federico Fubini :"La maestra e la camorrista"ne hanno parlato con l'autore Gherardo Colombo, Maurizio Ferrara,Luciano Fontana e Piergaetano Marchetti. Nella foto un momento della presentazione.

 

 

Milano, 1 Febbraio 2018     Achille Guzzardella

MUSICA: DECIBEL - NUYO DISCO e NUOVO TOUR

 

    

Presentato, presso la SonyMusic a Milano, il nuova album dei decibel: "L'ANTICRISTO". In programma del gruppo, che si esiberà al Festival di San Remo, un nuovo tour al via il 13 aprile.

Atteso ritorno al Festival di Sanremo per i DECIBEL che saranno in gara, nella sezione Campioni, con “LETTERA DAL DUCA”, brano che sarà contenuto nel loro nuovo album d’inediti “L’ANTICRISTO(Sony Music Italy), già disponibile in pre-order e in uscita il 16 febbraio.

A dirigere l'orchestra del Festival di Sanremo per i DECIBEL sarà il Maestro Roberto  Rossi. 

Nella serata dei duetti di venerdì 9 febbraio, i DECIBEL ospiteranno sul palco del Teatro Ariston MIDGE URE, celebre frontman degli Ultravox.

Nella copertina de “L’ANTICRISTO” Silvio Capeccia, Fulvio Muzio ed Enrico Ruggeri appaiono come tre manager in un futuro apocalittico: hanno gli occhi da rettile e l'aria di chi sta manovrando occultamente i destini dell'umanità. 

“L’ANTICRISTO” sarà disponibile in versione CD e doppio LP.   

Dopo la fortunata esperienza del 2017, con l'album Noblesse Oblige e il lungo tour i Decibel continuano a fare sul serio. Chi ha già ascoltato le nuove canzoni giura che “L'ANTICRISTO” è un lavoro destinato a segnare il cammino del rock italiano, ammesso che Enrico e soci siano in qualche modo etichettabili in un genere preciso...

Milano, 29 gennaio 2018       Agostino Guzzardella

 

MUSICA:  GIANNA NANNINI - DISCO d'ORO  con  "AMORE GIGANTE"

AMORE GIGANTE, il diciottesimo album di inediti di Gianna Nannini è certificato DISCO D’ORO. L’album, uscito per Sony Music, contiene i singoli “Fenomenale”, che al debutto è balzato subito al primo posto della classifica Earone e “Cinema” altro successo che l’ha riportata alla sua dimensione di unica cantautrice rock italiana famosa in tutta Europa.

Dopo le date uniche di dicembre, proseguono le prevendite per FENOMENALE – IL TOUR che, dopo la tranche tedesca che partirà il 10 marzo dall’Alte Oper di Francoforte, la vedrà protagonista su tutti i palchi italiani dal 29 marzo.
Milano, 29 gennaio 2018

 

MUSICA:  LAURA PAUSINI  -  "NON è DETTO"

  

Sono bastate poche ore a NON è DETTO, il nuovo attesissimo singolo di LAURA PAUSINI, per conquistare il primo posto della classifica iTunes dei singoli più venduti in Italia e la top 10 di molti paesi in Europa e America Latina.

Il brano anticipa FATTI SENTIRE, il prossimo album di inediti in vendita dal 16 marzo.

Ma Laura Pausini sarà ancora grande protagonista del 2018. La cantante italiana più amata nel mondo tornerà live in Italia il 21 e 22 luglio 2018 con due anteprime evento al CIRCO MASSIMO, che precedono la partenza di un grande tour mondiale a partire dall’estate.

Dopo essere stata la prima donna a calcare il palco dello Stadio San Siro nel 2007, Laura sarà la prima donna ad esibirsi al Circo Massimo in ben due serate storiche per la musica italiana. A seguire, partirà poi per un grande tour mondiale in tutta Europa negli Stati Uniti e in America Latina.

I biglietti per le due anteprime evento al Circo Massimo, organizzate e prodotte da F&P Group, sono disponibili in prevendita su Ticketone e in tutti i punti vendita autorizzati.

I fan che acquisteranno il biglietto per assistere ai Concerti di Laura Pausini al Circo Massimo potranno usufruire di una serie di promozioni e vantaggi esclusivi, inclusi nel prezzo del biglietto. Per info www.fepgroup.it

Milano, 29 gennaio 2018

CONFAGRICOLTURA, LE SFIDE FUTURE PER UN’AGRICOLTURA ITALIANA COMPETITIVA: INNOVAZIONE, LAVORO, TERRITORIO, BENESSERE E QUALITÀ

A Milano l’evento promosso da Confagricoltura, assieme a rappresentanti delle istituzioni, ricercatori e docenti universitari, per discutere sulle prospettive di sviluppo del comparto agricolo in Italia.

In un contesto in cui l’innovazione rappresenta un elemento fondamentale per competere nei mercati globali, l’agricoltura si trova oggi ad affrontare importanti sfide per garantire un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e sociale del comparto ed una produzione agroalimentare di qualità, simbolo dell’eccellenza italiana; l’uso razionale degli agrofarmaci si rivela componente fondamentale dell’agricoltura sostenibile. Lo si è sottolineato nel corso del convegno promosso da Confagricoltura presso l’Hotel Principe di Savoia a Milano, su ‘Innovazione, lavoro, territorio, benessere e qualità’.

Durante la giornata di lavori, il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti ha discusso di quali sono le principali sfide ed esigenze del comparto agricolo in Italia, assieme: al sen. Roberto Formigoni, presidente della IX Commissione Agricoltura del senato; alla sen. e prof.ssa Elena Cattaneo, dell’Università degli Studi di Milano, direttrice del Laboratorio di Biologia delle cellule staminali e Farmacologia delle malattie neurodegenerative del Dipartimento di Bioscienze; al prof. Angelo Moretto del Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche, Università degli Studi di Milano e direttore del Centro Internazionale per gli Antiparassitari e la Prevenzione sanitaria.

Bisogna accelerare in tempi rapidi sul recupero di redditività del comparto che passa attraverso un aumento della produttività ed un contenimento dei costi. Secondo le stime del Centro Studi di Confagricoltura, al boom dell’export agroalimentare (che nel periodo gennaio-novembre dell’anno scorso ha raggiunto quota 37,6 miliardi di euro) si è avuto la contestuale crescita delle importazioni (che già nei primi undici mesi dell’anno scorso hanno superato i 41 miliardi di euro). L’Italia sta diventando sempre di più un Paese che importa prodotti agricoli e materie prime che poi trasforma. E questo deve far riflettere sulla competitività della nostra agricoltura e sulla tenuta del made in Italy.

Il presidente di Confagricoltura ha ribadito come gli agricoltori, nella loro attività, ci mettano impegno e passione, con il supporto della scienza che li aiuta nell’avere risposte; ha quindi proposto di creare una rete di ‘amici degli agricoltori italiani’ che, ognuno con le proprie competenze, aiutino, facendo squadra per creare sviluppo reale.

Deve aumentare la produttività ma anche la sostenibilità - ha detto il presidente di Confagricoltura -. La sfida è produrre di più ma con un minor impatto sull’ambiente; un obiettivo che si raggiunge accelerando sull’innovazione, sulle tecniche produttive che favoriscono l’uso mirato dei principi attivi. Solo un’agricoltura competitiva, che guarda lontano e che produce reddito, a cui si offrono più opportunità che vincoli, sarà in grado di assicurare un idoneo presidio del territorio e dell’ambiente”.

Ha proseguito Giansanti: “I driver dell’innovazione sono: agricoltura di precisione; genetica; adattamento dell’agricoltura ai cambiamenti climatici; controllo delle infestanti e delle malattie delle piante; salute, benessere, nutraceutica; tecnologie dell’informazione, big data, digitalizzazione”.

In questo quadro l’utilizzo razionale della chimica in agricoltura rappresenta un elemento indispensabile per vincere le sfide della competizione globale e per soddisfare non solo la domanda di cibo di una popolazione in crescita, ma anche per garantire modelli di sviluppo sostenibili. Gli agrofarmaci costituiscono, ormai da molti decenni, un ausilio importante per l’agricoltura e le nuove tecniche produttive, le innovazioni tecnologiche a livello industriale ed agricolo, la ricerca di nuovi principi attivi, il loro uso mirato, hanno prodotto rilevanti risultati anche in termini di quantitativi utilizzati e oggi sul piano dei residui l’Italia dimostra di essere sempre un paese all’avanguardia, anche in ambito europeo. Le innovazioni e la ricerca hanno infatti consentito di ottenere risultati concreti, con riduzione complessiva nell’utilizzo degli agrofarmaci pari circa il 15%.

Le aziende agricole per continuare a competere nel contesto globale, devono dunque investire in innovazione e poter fare affidamento sulla certezza del quadro normativo per quanto riguarda le fasi di valutazione, autorizzazione e registrazione dei prodotti.

Nel corso della giornata sono state infine evidenziati il processo di autorizzazione degli agrofarmaci ed il ruolo degli enti Europei ed italiani preposti; le procedure di autorizzazione delle molecole utilizzate in agricoltura prevedono che qualsiasi sostanza, per poter essere impiegata, debba essere sottoposta alla rigida valutazione da parte di istituzioni scientifiche deputate a questo specifico compito dalle autorità sia nazionali sia europee, a garanzia della salute dei cittadini e dell’ambiente, e secondo metodologie e criteri scientificamente validati e definiti per legge.

Milano, 23 gennaio 2018

Toccata e fuga Al San Babila di Milano

  

 Bella la commedia "Toccata e Fuga" con Gigi Sammarchi,Marco Vaccari, Vera Castagna,Cinzia Spano', Gloria Anselmi. Allegra , simpatica,spensierata, una commedia applaudita dal numeroso pubblico.Nella foto chi scrive con Gigi Sammarchi.

Milano, 16 Gennaio 2018     Achille Guzzardella

Scomparso Gualtiero Marchesi

Oggi 26 Dicembre 2017 si e'spento Gualtiero Marchesi il principe degli chef. Gualtiero lo conobbi molti anni fa al suo ristorante di via Bonvesin della Riva di Milano. Un uomo simpatico e conosciuto in tutto il mondo per le sue pietanze. Grande amico allora di uno dei maggiori esperti di cucina: Vincenzo Buonassisi, che immortalai in bronzo in uno dei miei ritratti degli anni ottanta. Gualtiero invece non si e' voluto mai far ritrarre, peccato mi sarebbe piaciuto conoscerlo meglio. Uno quando posa per me si confida, racconta anche le cose più segrete. Dal dialogo nasce il ritratto più interessante. Comunque ho visto il Maestro della cucina Italiana molte volte, anche quando lo incontrai nel suo bistrot all'ultimo piano della Rinascere nell'occasione di quando con 24 americani esperti e commercianti di vino fui festeggiato per il ritratto in cotto fatto a Robert Balzer maggior produttore e fondatore del museo del vino ecc. nel Sant Ana in California. Marchesi lascia una grande eredità culinaria con ricette ed esempi sopratutto di Nouvelle Cuisine e un numero di allievi divenuti conosciutissimi in varie parti del mondo. Nella foto il Maestro Gualtiero con il direttore di Corrierebit.com Agostino Guzzardella.
Milano, 26 Dicembre 2017 Achille Guzzardella

AIGNER IN BELLA ITALIA: OPENING STORE A MILANO

Da tempo in calendario durante Milano Moda Donna il brand di accessori di lusso in pelle con sede a Monaco di Baviera sbarca nel cuore di Milano con il suo primo monomarca italiano. Situato affianco al G.H. Park Hyatt nella celebre Galleria Vittorio Emanuele, lo store di 75 mq ti invita a scoprire il mondo di AIGNER. In partnership con un socio italiano, le proposte spaziano dagli accessori in pelle come borse, portafogli, cinture e scarpe a occhiali e gioielli.

La collezione Primavera /Estate 2018 di AIGNER ruota attorno all‘amore. IL focus è sull‘amore per il brand, il prodotto e la filosofia di AIGNER. L‘ambientazione per lo shooting dal gusto streetstyle è quella delle vie di Milano, con testimonial internazionali, il tutto tradotto in un concept lifestyle.

AIGNER, un’altra parola per la pelle.

Fin dalla sua fondazione ad opera di Etienne Aigner nel 1965, il brand è celebre per l’alta qualità tedesca dei prodotti per un perfetto luxury lifestyle. Con la sua offerta tra borse, abiti e accessori, il brand è presente con successo in 32 paesi worldwide. Alta qualità, artigianalità, il logo a ferro di cavallo e un design innovativo sono i punti di forza della Maison.

Dicembre 2017 AMont*

LIBRI:   “IL CUORE OLTRE IL CONFINE, SUL FILO ROSSO DELLA VITA”

Passione e curiosità per la vita, ma soprattutto amore per la professione medica e per la famiglia.
Sono questi gli ingredienti chiave del primo libro del cardiochirurgo torinese Marco Diena, Direttore
del Dipartimento Cardiovascolare della Clinica San Gaudenzio di Novara  e Presidente della Cardioteam Foundation Onlus, he si racconta in un’intensa autobiografia dal titolo
Il cuore oltre il confine, sul filo rosso della vita”.
L’autore rievoca con stile agile e coinvolgente le diverse fasi della sua vita, condividendo col lettore i momenti che lo
hanno portato a maturare la vocazione per la cardiochirurgia, dalla passione per la montagna e per la
navigazione,
fino al rigore morale ereditato dal padre.
E poi ci sono gli eventi più difficili: dal processo in seguito a un complesso
intervento di cuore per salvare un paziente in fin di vita – poi finito in un’assoluzione con formula piena – fino alla
dolorosa, ma inevitabile, separazione dalla moglie. A fare da cornice a numerosi capitoli del libro, fra poesia e arte, la
saggezza antica dei tarocchi.

Cardioteam Foundation e lo spirito di squadra. “Arrivai alla banchina emozionatissimo, circondato da quelle barche
meravigliose, delle vere e proprie Ferrari del mare”,
commenta estasiato l’autore. E ancora: “I mari del sud sono
considerati gli 8.000 metri dei marinai, sono l’Himalaya de le onde alte come colline e i frangenti che spazzano la coperta”sottolinea Diena.

Milano, 15 dicembre 2017

Libro di Solenghi

A
lla Mondadori di Piazza Duomo a Milano è stato presentato dallo Stesso autore il 5 Dicembre 2017 il libro "Bevi qualcosa Pedro!" di Tullio Solenghi. Solenghi ha intrattenuto il numeroso pubblico intervenuto raccontando vari episodi della sua vita artistica, in particolar modo al periodo del "Trio" con la Marchesini e Lopez. Una serata ricca di spunti anche per le domande del pubblico che non sono mancate.Nella foto il sottoscritto con Tulio Solenghi alla fine dell'incontro.


Milano, 5 Dicembre 2017             Achille Guzzardella

             


Natale Capodanno 2017-18  RICCIONE ICE CARPET -
2 dicembre – 7 gennaio

     Presentati ieri sera a Milano tutti gli appuntamenti di DEEJAY ON ICE

Tutto è riversato in una dimensione scenografica in cui anche i vecchi pini marittimi che costeggiano il viale sembrano elementi di una quinta prospettica, essi stessi addobbi di un grande negozio in cui si eseguono ritratti, si passeggia, sfrecciano i tandem e i risciò fra i tavoli in cui si beve un caffè in ghiaccio o si gusta un gelato. L’effetto è straordinario.          Pier Vittorio Tondelli

Le parole di Pier Vittorio Tondelli, come spesso accade nonostante gli anni trascorsi, si rivelano ancora una volta le più giuste per raccontare Riccione, in particolare quello che avverrà nelle prossime festività natalizie.

Concerti, performance, cinema, teatro, animazioni di grande suggestione visiva, incontri speciali: questi gli ingredienti che animeranno Riccione Ice Carpet per oltre un mese di eventi unici.

L’inaugurazione della pista di ghiaccio, sabato 2 dicembre, darà inizio ad un programma di appuntamenti ricchissimo e di grande qualità, un cartellone poliedrico e originale, coerente con il format ideato per questa edizione dal designer Aldo Drudi che si rifà alla simbologia di riferimento della nostra identità, ripropone le caratteristiche tipiche dell’immaginario legato alla Perla Verde.

Drudi, che vive e opera a Riccione, è un narratore privilegiato della Riviera, racconta da anni grazie alla sua matita e al suo genio il mito della terra dei piloti, per l’ultimo Gran Premio di Misano ha trasformato il circuito intitolato a Marco Simoncelli in un capolavoro di linee e colori. In occasione delle feste natalizie le curve e i tracciati dove far correre la sua creatività saranno i viali di Riccione, la pista di ghiaccio e il tappeto bianco che ricoprirà il centro città, ad interpretare la sua anima glamour. “I vecchi pini marittimi” citati da Tondelli verranno abbracciati da un bosco di piante e alberi, la “quinta prospettica” sarà un cielo di nastri illuminati.

Radio DEEJAY firma i grandi eventi del palco in Piazzale Ceccarini e dopo il format di DEEJAY On Stage, diventato ormai un punto di riferimento dell’estate italiana, consolida la partnership con la città con il progetto di una “winter edition” costruito ad hoc per l’occasione, che andrà a interpretare la colonna sonora delle feste e non solo.

Dal 9 dicembre e fino al 6 gennaio DEEJAY On Stage si trasforma in DEEJAY On Ice – Natale a Riccione con Radio DEEJAY: incontri, musica, djset, animazione e il coinvolgimento del dream team della radio, per un palinsesto di appuntamenti unico che ci farà rivivere le emozioni e il divertimento della grande festa d’agosto.

Ogni sabato pomeriggio, a partire dalle 17.00, per tutto il periodo delle festività natalizie, il palco in Piazzale Ceccarini ospiterà uno spettacolo diverso a cui si aggiungeranno due special event, la DEEJAY Night del 31 dicembre e i festeggiamenti per l’inizio del nuovo anno il 1° gennaio, un lungo e articolato palinsesto di eventi che sarà il cuore pulsante del villaggio natalizio di Riccione. 

Il calendario degli eventi ideato da Radio DEEJAY è pensato per un pubblico giovane e giovanissimo, connesso, costantemente alla ricerca di novità e attento ai contenuti originali.

Si parte sabato 9 dicembre con Linus e i Mates, gli youtubers - anche se loro non amano questa definizione - più seguiti d’Italia, il gruppo formato da Anima, St3pny, SurrealPower e Vegas che insieme, in tre, quattro anni hanno raggiunto un pubblico di più di sei milioni e mezzo di giovani che ridono dei loro sketch. Nella vita reale Stefano, Sasha, Salvatore e Giuseppe, sono quattro amici tra i venti e i trent’anni che hanno deciso di vivere questa avventura, uniti dalla passione per i videogiochi (che è diventata un lavoro) offrendo un intrattenimento a base di gag, momenti di vita e appunto videogame.

Sabato 16 dicembre è la volta di WAD, una delle figure più influenti nel settore “urban” italiano (conduce la trasmissione Made In Italy su Hip Hop Tv su Sky) e speaker di Radio DEEJAY, il dj Fabio Blowlow, il nuovo fenomeno della nuova scena rap, videoclip con 35 milioni di views, un disco di platino con il singolo Ulisse (21 milioni di visualizzazioni), un album prodotto dalla Sugar di Caterina Caselli, e Leonardo Decarli, un altro super youtuber con più di 5 milioni di visualizzazioni sul suo canale, oggiAggiungi un appuntamento per oggi  impegnato anche nel game show dal titolo Maria Express - il primo reality creato dal web per il web -  e spazia dai canali social alla radio, dalla tv alla musica e alla scrittura.

WAD Fabio B torneranno sul palco anche il 23 dicembre insieme a Gordon, all’anagrafe Yuri Sterrone, un’altra star del web, ha ideato la serie Le ragazze quando e ha un pubblico quasi totalmente femminile che intrattiene ironizzando sulle donne e con le donne raccontate in ogni situazione.

La sera di Capodanno scende in pista il dream team della radio con Rudy ZerbiLa PinaValentina RicciChicco Giuliani a festeggiare l’arrivo del nuovo anno insieme a Ghemon, uno dei più talentuosi e apprezzati artisti hip hop italiani, una carriera iniziata nel 2007 con La rivincita dei buoni e sbocciata nel 2014 con il fortunato ORCHIdee, un album che ha cambiato il modo di intendere il rap e la musica black in Italia: è da poco uscito il suo quinto disco, Mezzanotte. Oltre al rapper saranno sul palco di Piazzale Ceccarini SHADE, diventato famoso al grande pubblico prima dell’estate con il singolo Bene ma non benissimo (25 milioni di visualizzazioni) e di cui è appena uscito un nuovo brano, Irraggiungibile, e Jo M, il vincitore dell’edizione 2017 di DEEJAY On Stage.

Il giorno dopo, il 1° gennaio, tornano in scena Rudy ZerbiLa PinaValentina RicciChicco Giuliani, e insieme a loro il 2018 comincia con il giovanissimo youtuber Marco Leonardi, i Nameless, finalisti a DEEJAY On Stage 2017 e gli idoli delle folle Benji e Fede - Benjamin Mascolo e Federico Rossi – i due ragazzi che nel giro di pochi anni sono riusciti a dar vita ad un nucleo numerosissimo e solidissimo di fan che non li mollano un attimo, dai live ai social network. Dopo vendite record, il tutto esaurito ai concerti e persino un libro, tornano a Riccione reduci dal successo del singolo Tutto per una ragione (oltre 24 milioni di visualizzazioni) con il featuring di Annalisa, anche lei tra gli special guest del primo giorno dell’anno. 

Si chiude il 6 gennaio con Giulia Penna, la giovane cantante e youtuber romana e i Leave The Memories, anche loro tra i finalisti di DEEJAY On Stage della scorsa estate. Per maggiori info: www.riccione.it      www.deejay.it

Milano 1 dicembre 2017

Fonicap lancia la sfida. Collaborare tutti insieme

per combattere e vincere il tumore al polmone

          

Riparte da Verona la lotta al tumore al polmone, definito un big killer per il suo alto tasso di mortalità. I presidenti e i delegati delle società scientifiche hanno espresso il loro consenso per la firma di un protocollo d’intesa che veda insieme i professionisti nella creazione delle LUNG UNIT in tutti gli ospedali d’Italia. Si sono seduti allo stesso tavolo Antonio Santo, presidente Fonicap e promotore dell’iniziativa, Francesco Schittulli, presidente della Lega italiana lotta ai tumori, Giuseppe Cicciù, segretario Regione Veneto, Tribunale del Malato, Roberta Polverosi, presidente della Società italiana Radiologia, Guglielmo Monaco, past president e Roberto Crisci, presidente della Società italiana di Chirurgia Toracica, Stefano Magrini, presidente dell’ Associazione italiana radioterapia oncologica, Orazio Schillaci,
presidente dell’ Associazione italiana di Medicina Nucleare e Imaging
molecolare.
   Ha condotto la giornalista Rai Antonia Varini.

Il Veneto registra 3.500 nuovi casi di pazienti che vengono curati nelle strutture ospedaliere”, dice l’assessore regionale alla Santità, Luca Coletto e presidente di Agenas. “E’ un polo d’attrazione perché d’eccellenza. Infatti il 20 per cento dei pazienti arrivano da altre regioni d’Italia. Ma vanno favorite le iniziative poste in essere dal professore Antonio Santo, presidente Fonicap nella volontà di unire le forze per creare regione per regione poli d’eccellenza multidiscliplinari”.

Il 60 per cento dei pazienti”, dice il professore Antonio Santo, “purtroppo non ha ancora accesso alle cure di ultima generazione e ai farmaci salvavita. I dati parlano chiaro. In Italia ogni anno 41mila persone si ammalano di tumore al polmone e 33mila muoiono. Solo il 14 per cento degli uomini e il 18 per cento delle donne ha la speranza di sopravvivere ai cinque anni successivi. Bisogna correggere il tiro, creando le lung unit prendendo l’esempio dalle breast unit che hanno determinato il successo della lotta al tumore alla mammella, guarito ormai nell’85 per cento dei casi”.

Quando ho creato la prima breast unit, nel 1985 con il professore Veronesi”, dice il presidente Francesco Schittulli, “ho incontrato tantissime resistenze. Ma sono andato ugualmente avanti. Ora, le breast unit sono una realtà regione per regione. La mia intenzione era che i pazienti avessero lo stesso riferimento nella cura della malattia e potessero contare su personale altamente specializzato. Per questo è molto importante la proposta del professore Antonio Santo che appoggiamo pienamente. Ogni giorno mille italiani ricevono la notizia di essere ammalati di tumore. Ma 3milioni e 700mila sono passati per questa esperienza e sono guariti”.

Un approccio olistico che coinvolga non solo i medici specializzati in oncologia, ma anche i nutrizionisti, gli psicoterapeuti e gli specialisti della riabilitazioni è quanto si auspica Giuseppe Cicciù che approva il protocollo d’intesa con la proposta di allargarlo anche alle altre discipline. “Sapere di essere ammalati di tumore”, dice, “cambia la visione della vita”.

Non fare un’adesione totale al protocollo d’intesa”, dice il professore Roberto Crisci, presidente della Società italiana di Chirurgia Toracica, “sarebbe come rinnegare la nostra storia. Il merito va al professore Antonio Santo di aver aperto la Fonicap alla collaborazione di tutti i professionisti”. Aggiunge Guglielmo Monaco, past president della Società italiana di Chirurgia Toracica: “Per legge le regioni hanno l’obbligo di garantire lo stesso livello qualitativo di eccellenza. Centri di riferimento poli specialistico e Gruppi onocologici multidisciplinari sono stati già istituiti dal legislatore che vanno solo attuati nelle diverse aziende sanitarie dove si devono adeguare ai protocolli diagnostico terapeutici stabiliti dalle Regioni, individuando le migliori possibilità e disponibilità”.

Scendere in campo con il meglio delle esperienze significa combattere e avere maggiori speranze di vittoria”, conclude Roberta Polverosi, presidente della Società italiana di Radiologia Medica. Intanto anche Rai Uno Mattina ha dato il suo pieno sostegno all’iniziativa come ha sottolineato la giornalista Antonia Varini. “Chi più chi meno”, dice la giornalista, “siamo tutti stati coinvolti anche a livello personale dalla malattia: amici, parenti, persone a noi care, ne sono state colpite. Per questo ciascuno deve dare il proprio contributo per migliorare le cure e aumentare i casi di guarigione”.

Infine Fonicap sostiene e finanzia la ricerca tra i giovani. Premiati con borse di studio i ricercatori scelti dal Comitato medico scientifico Fonicap per l’innovazione e l’alto contributo delle loro ricerche: Carlo Genova del Policlinico San Martino di Genova, Paola Bordi dell’Azieda ospedaliera di Parma, e Roberto Ferrara dell’Ospedale francese Goustave Roussy vicino Parigi.

Verona, 1 dicembre 2017


GALLERIE d'ITALIA:  L’ULTIMO CARAVAGGIO. EREDI E NUOVI MAESTRI.

 

Gallerie d’Italia – Piazza Scala

Sede museale di Intesa Sanpaolo a Milano

Date: 30 novembre 2017 - 8 aprile 2018

Mostra a cura di Alessandro Morandotti

Coordinamento generale di Gianfranco Brunelli

Progetto di allestimento di Valter Palmieri

 

Dal 30 novembre 2017 all’8 aprile 2018 le Gallerie d’Italia - Piazza Scala, sede museale di Intesa Sanpaolo a Milano, presentano la mostra L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri. Napoli, Genova e Milano a confronto (1610-1640), a cura di Alessandro Morandotti con il coordinamento generale di Gianfranco Brunelli.

La mostra costituisce un eccezionale approfondimento delle vicende artistiche sviluppatesi nelle città di Napoli, Genova e Milano a seguito della scomparsa del Merisi, in un periodo storico-artistico diviso tra la rivoluzione devota al naturale di Caravaggio e la nuova età colorata e festosa del Barocco. Il Martirio di sant’Orsola (1610) di Caravaggio, ultimo capolavoro del maestro che morirà poche settimane dopo, sarà quindi il punto di partenza per un confronto con gli artisti del tempo, divisi tra chi ne raccolse l’eredità e chi invece intraprese nuove strade.

Con i patrocini del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e del Comune di Milano nonché la partnership dei Musei di Strada Nuova di Genova e la collaborazione con l’Università degli Studi di Torino, l’esposizione L’Ultimo Caravaggio illustra in sette sezioni un Seicento in cui gli sviluppi artistici sono esemplificati anche attraverso le collezioni dei due fratelli Doria, Marcantonio e Giovan Carlo, banchieri e mecenati di grande munificenza.

Le scelte di gusto dei due genovesi rispecchiano le aree di interesse economico in cui rispettivamente si mossero. Da un lato Napoli, ricca di caravaggismo ed echi classicheggianti, piazza preferita di Marcantonio, con opere, fra gli altri, di Battistello Caracciolo e José de Ribera, dall’altro Milano e Genova, dove Giovan Carlo si volgerà verso le pitture “avanguardistiche” per l’epoca, comprando opere di Giulio Cesare Procaccini, Pieter Paul Rubens, Bernardo Strozzi, Simon Vouet e molti altri maestri coevi italiani ed europei.

«Con L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri percorriamo un viaggio attraverso la pittura del primo Seicento a Napoli, Genova e Milano, tra fascinazione e resistenza al nuovo e rivoluzionario linguaggio del pittore lombardo. In questo percorso, fatto di contrapposizioni, di contaminazioni e di rispecchiamenti con altri grandi protagonisti di quel periodo, viene affrontato il tema della sfortuna e della fortuna di un artista, partendo dal suo ultimo dipinto, il Martirio di sant’Orsola», afferma Giovanni Bazoli, Presidente Emerito di Intesa Sanpaolo. «Questo capolavoro di Caravaggio, che fa parte delle raccolte della nostra banca, è messo a confronto con diversi e splendidi dipinti di Procaccini, Strozzi, Rubens, Van Dyck ed altri maestri dell’epoca, provenienti da musei nazionali e internazionali. La mostra conferma l’impegno di Intesa Sanpaolo per la promozione della straordinaria storia culturale e artistica del nostro Paese

Tra le oltre cinquanta opere – molte delle quali esposte per la prima volta a Milano – spicca la monumentale Ultima cena (40 metri quadrati) di Procaccini, presentata dopo un lungo e articolato lavoro di restauro realizzato al Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale (To).

Dal 30 novembre 2017 all’8 aprile 2018, i visitatori della mostra di Palazzo Reale, presentando il proprio biglietto alle Gallerie d’Italia, avranno diritto alla tariffa speciale per l’ingresso alla mostra L’ultimo

Milano, 29 novembre 2017

 

Tornatore alla Feltrinelli

         

Nel secondo pomeriggio oggi28 Novembre 2017 a Milano alla libreria Feltrinelli in Duomo è stato presentato
il libro: "Diario inconsapevole" di Giuseppe Tornatore. Ha presentarlo lo stesso regista Italiano, uno dei massimi esponenti della regia cinematografica  di questi ultimi vent'anni. Tornatore ha raccontato nei suoi scritti, dei rapporti avuti con  tanti personaggi conosciuti nel mondo de cinema. Un discreto numero di appassionati ha assistito e presenziato ai racconti  del Siciliano divenuto famoso con "Nuovo cinema Paradiso" musicato da Ennio Morricone che conobbi parecchi anni fa e mi fu presentato da Franco Cerri. Oggi ho avuto il piacere di conoscere  e parlare con Giuseppe Tornatore nella foto con il sottoscritto.

Milano, 28 Novembre 2017                              Achille Guzzardella

Palazzina Liberty:    Incontro con CESARE CREMONINI

Il programma della Milano Music Week, un’intera settimana dedicata alla musica pop in programma fino al 26 novembre, si arricchisce con una grande novità che va a completare il programma degli incontri con gli artisti.

Si tratta di Cesare Cremonini: il cantautore bolognese sarà protagonista di uno degli appuntamenti di MMW INCONTRA previsto per venerdì 24 novembre alle ore 18.30 presso la Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame. Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili, con priorità per i possessori del braccialetto della Milano Music Week (ulteriori informazioni su www.milanocard.it/ita/musicweek).

Cesare Cremonini torna dopo due anni di lavoro con il suo nuovo disco “Possibili scenari” (nei negozi dal 24 novembre per Universal Music Italia) anticipato dal singolo “Poetica”, e con il nuovo tour “Stadi 2018” (prodotto e organizzato da Live Nation Italia).

In 18 anni di carriera Cesare Cremonini si è contraddistinto per le sue scelte artistiche mai banali che lo hanno consacrato come uno degli artisti più apprezzati della musica pop italiana.

“Siamo felici che Cesare Cremonini abbia scelto Milano Music Week per parlare del suo album Possibili Scenari proprio nel giorno in cui esce, e di ospitare l’incontro nella splendida Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame. Cesare è uno degli artisti più sensibili e talentuosi del panorama italiano ed è un onore averlo con noi” ha commentato il curatore Luca De Gennaro.

Nella bellissima location della Palazzina Liberty, gioiello architettonico dell’art nouveau, Cesare Cremonini sarà protagonista di un incontro con il pubblico moderato da Luca De Gennaro, curatore della Milano Music Week, per raccontare la sua carriera, il suo nuovo album e la nuova esperienza dei concerti negli stadi.

Milano, 22 novembre 2017

MILANO MUSIC WEEK -  1 edizione | Milano, 20-26 novembre 2017

Prosegue il programma della Milano Music Week, nuovo appuntamento per la musica in Italia, che anche per la giornata di martedì 21 novembre propone un vasto cartellone di concerti, incontri e momenti di approfondimento. Il programma della giornata parte con il panel Milano: Capitale della musica a cura di Where Milan (ore 11.00, Urban Center), che proprio in occasione della MMW indaga la vocazione di Milano come centro nevralgico dell’industria musicale italiana e non solo. Un momento di approfondimento che sottolinea l’importanza del ruolo di Milano come Music City.

Ricchissimo anche il programma degli incontri con gli artisti tra cui Caparezza (ore 18.00, Santeria Social Club) che sta raccogliendo moltissimi consensi con il suo ultimo lavoro “Prisoner 709”, e la PFM (ore 21.00, Mare Culturale Urbano), vere e proprie icone della musica in Italia: due momenti di incontro e confronto moderati da Luca De Gennaro, curatore della Milano Music Week. Altro momento di incontro con il pubblico sarà con Francesco Gabbani per il firmacopie di “Magellano Special Edition” al Mondadori Megastore.

Grande spazio anche al cantautorato femminile, che sarà grande protagonista della giornata di martedì 21 con appuntamenti da non perdere: il concerto di Meg (ore 21.00, Teatro Cinema Martinitt), simbolo assoluto della scena alternativa italiana al femminile che propone uno spettacolo raccolto che spazia tra sonorità acustiche ed elettroniche e sperimentali; Vita da Cantautrice: quattro artiste per un concerto, una serata tour con le quattro cantautrici Roberta Carrieri, Marian Trapassi, Sara Velardo e Pellegatta patrocinato dalla Fondazione Fabrizio de André (ore ore 21.00, Salumeria della Musica).

Tantissimi e variegati per ampiezza di generi anche i concerti: Quicksand, Gigi D’Alessio, Luca Gemma, l’appuntamento con Sugar, Music and Words, organizzato da Sugar, powered by Yamaha Music Europe branch Italy, che propone tre artisti scoperti da Caterina Caselli, il cantautore Raphael Gualazzi, il giovane autore Giovanni Caccamo e la polistrumentista Nyvinne, e la serata Inri Night con i live di Kaufman, I’m not a blonde, Makai e mlti altri.

Al via anche il programma di Linecheck Music Meeting and Festival, main content partner e centro nevralgico della Milano Music Week, con il concerto di Sevdaliza e la serata Linecheck Extravaganza, un esclusivo appuntamento dedicato a Lucio Dalla e alla celebrazione dei 40 anni dall’uscita di uno dei suoi album più significativi, “Come è profondo il mare”, alla presenza di Lele Sacchi, Luca Carboni, Ron, Francesco Grillo, Riccardo Senigallia, Laura Arzilli, Daniele Caracchi (Fondazione Lucio Dalla).

Il programma completo della MILANO MUSIC WEEK è disponibile l’app ufficiale, disponibile gratuitamente su Google Play e Apple Store.

Milano, 20 novembre 2017

 

FENOMENALE SUCCESSO PER IL PARTY DI GIANNA NANNINI

Il nuovo disco è Amore Gigante

    

Sta per uscire AMORE GIGANTE, il nuovo album di inediti di GIANNA NANNINI e si preannuncia già un successo FENOMENALE.

Ieri sera il “party gigante” ha registrato il tutto esaurito, una grande festa dove la rocker ha annunciat

o l’uscita del nuovo album insieme ad Andrea Rosi (Sony Music) e la partenza del prossimo tour con Ferdinando Salzano (FeP Group).

Il disco, che uscirà questo venerdì 27 ottobre, è stato anticipato da un singolo di grande successo FENOMENALE, che ieri sera ha accompagnato l’arrivo di Gianna alla festa.

 diversi ed esclusivi di copertina per un disco gigante che esce in cd semplice e in versione deluxe, che comprende anche un secondo cd con il live “Sotto la pioggia - Live a Verona”. Inoltre disponibile box superdeluxe in edizione limitata e numerata in esclusiva su Amazon dove oltre al doppio cd, ci saranno anche il vinile accompagnato da un book di 24 pagine, un block notes, una t-shirt esclusiva e una foto autografata. Amore Gigante sarà disponibile anche in vinile nella versione classica oltre ad una declinazione “picture", in edizione limitata e numerata.

Amore Gigante sarà anche live: oltre alle 4 date uniche di dicembre (a Milano, Roma e Firenze), la rocker partirà il 10 marzo dall’Alte Oper di Francoforte per poi proseguire il tour sui palchi tedeschi e italiani per un grande ritorno in puro stile Nannini.

I biglietti per le nuove date di “Fenomenale il tour” sono già disponibili in pre - sale per il fan club, mentre saranno disponibili da giovedì 26 alle ore 11:00 su Ticketone (www.ticketone.it) e da lunedì 30 alle ore 11:00 in tutti i punti vendita abituali.

Milano, 24 Ottobre 2017 

 

Michele Ciliberto "Il Nuovo Umanesimo"

   

Presentato nel secondo pomeriggio di oggi 24 ottobre 2017 a Milano alla Rizzoli in Galleria il volume di Michele
Ciliberto, illustre professore della Normale di Pisa, " Il Nuovo Umanesimo". A introdurre l'argomento Massimo Cacciari a seguito la conferenza dello stesso Ciliberto che ha saputo appassionare il pubblico in sala. A fatto seguito un dibattito con le poche domande dei presenti. Nelle foto un momento della serata e il sottoscritto con Cacciari e con Ciliberto.


Milano, 24 Ottobre 2017                               Achille Guzzardella   

Trump" libro alla Mondadori 

    

Presentato oggi 20 Ottobre 2017 allo spazio Mondadori in piazza Duomo a Milano il libro "Trump" di Gerardo Sangiuliano. A parlare del libro e del Sangiuliano  sono stati Matteo Salvini, Vittorio Feltri e Ignazio La Russa oltre allo stesso Sangiuliano che ha raccontato aneddoti  e parlato di se stesso e dei suoi incontri e delle positività del Presidente Trump coerente con quello che aveva sostenuto durante la campagna elettorale e in seguito votato dalla maggioranza degli Americani. Un folto pubblico ha assistito e applaudito ai racconti dei singoli conferenzieri. Nella foto un momento della serata ed il sottoscritto  con Matteo Salvini dopo la conferenza.


Milano, 20 Ottobre 2017                                        Achille Guzzardella

LOCALI:    "Rosso Pastrengo"

       

Stasera 19 Ottobre 2010 in via Pastrengo a Milano zona detta l'Isola (vicino alla stazione di Porta Garibaldi) è stato inaugurato un nuovo locale che é stato chiamato "Rosso Pastrengo" in onore proprio del buon vino rosso che viene servito  con sicure prelibatezze, ed ovviamente una varietà di vini bianchi e rossi. Un numeroso pubblico ha movimentato la serata, amici, parenti e conoscenti di Cesare Marano e il suo amico Sergio, i due fondatori e titolari del locale. Nella foto una delle  scritte collocate sulle pareti del locale e poi il sottoscritto con Cesare Marano.


Milano, 19 Ottobre 2017                     Achille Guzzardella                                


74° OPEN D'ITALIA DI GOLF

Presentato a Palazzo Lombardia, alla presenza del ministro dello sport Lotti, del padrone di casa Maronii del presidente del CONI Malagò e del presidente di federgolf Chimenti il 74° Open di Golf d'Italia che si svolgerà dal 12 al 15 ottobre presso il Golf Club di Milano situato nel Parco di Monza. L'Open d'Italia è l'evento principale del Progetto Ryder Cup 2022. Montepremi record per una manifestazione di questo sport nel nostro Paese. Sarà ben di sette milioni di euro. Tantissimi i campioni presenti. Saranno 25 tra i primi cento del mondo. Tutti cercheranno di battere il campione in carica, l'italiano Francesco Molinari, vincitore l'anno passato sempre al Golf Club Milano.

Per info: www.openditaliagolf.eu

Milano, Palazzo Lombardia, 27 settembre 2017        Agostino Giuzzardella

Presentato al M.A.C di Milano il volume su Autodelta dei fratelli Colombo

È stato presentato mercoledì 20 settembre al M.A.C. di piazza Tito Lucrezio Caro 1 a Milano il libro di Giuseppe e Massimo Colombo dedicato all' Autodelta. AUTODELTA, l'ala veloce dell'Alfa Romeo, è "un libro che non c'era e che andava scritto. Una storia meravigliosa che andava raccontata", così dicono i due fratelli appassionati di Alfa Romeo sin da quando erano piccoli. In estrema sintesi, dice Massimo, si tratta della cronistoria dell’Autodelta - il reparto corse dell’Alfa Romeo voluto dal mitico presidente Giuseppe Luraghi - dalla fondazione (marzo 1963) alle dimissioni del suo indimenticabile patron Carlo Chiti (ottobre 1984) . Scritto a quattro mani appunto dai fratelli Giuseppe e Massimo Colombo, appassionati alfisti e studiosi del marchio del Biscione, la storia di Alfadelta è stata inserita nel contesto politico, sociale ed economico italiano dell’epoca, non tralasciando le vicissitudini della Casa madre in quegli anni difficili. Grande il successo alla presentazione con una presenza massiccia di pubblico che gremiva il grande spazio del M.A.C. Il volume, particolarmente curato e bello esteticamente, offre una serie importante di splendide immagini fotografiche. Naturalmente si consiglia l'acquisto a tutti.

 

22 settembre 2017   Cesare Guzzardella

 

I Soul System a Rimini

  


Nella'ambito delle manifestazioni canore con complessi musicali organizzate a metà Luglio per una decina di giorni dal Rosen e Crowun, locale sito sul lungomare di Rimini all'altezza  di Piazzale Tripoli, ora Piazza Marvelli, si sono esibiti con grande successo di pubblico i Soul  System, nella foto il sottoscritto con Marialuisa il 17 Luglio al concerto Riminese. Il concerto è durato fino alla mezzanotte ed ha riscosso grandi applausi.

Milano, 20 Luglio 2017                                   Achille Guzzardella

 

Pavarotti 10th Anniversary

 

E’ proprio il 6 settembre, nel giorno esatto della scomparsa, che partono dall’Arena di Verona con una serata in prime time realizzata per Rai1 e condotta da Carlo Conti, gran cerimoniere dell’evento, le celebrazioni realizzate dalla Fondazione e dedicate al Maestro: “Pavarotti 10th Anniversary”.

 

Una giornata destinata al ricordo del Maestro con un grande evento televisivo dall’Arena di Verona, tempio della Lirica e casa di tanti successi per raccontare una storia unica al mondo, e ancora oggi insuperata.

Al centro ci sarà la sua storia umana e artistica attraverso le voci e le testimonianze delle persone che gli sono state più vicine, e che sono significative per questo racconto incredibile che lo ha reso il più amato e stimato artista di tutti i tempi.

A cominciare da Plácido Domingo e José