Giornale  fondato nel 2002                             HOME PAGE    INFORMATIVA PRIVACY COOKIES

REDAZIONE  ARTE MUSICA MODA TEATRO FOTOGRAFIA TURISMO ENOGASTRONOMIA DVD-LIBRI NEWS 

Archivio musica 2016Archivio musica 2015Archivio musica 2014Archivio musica 2013Archivio musica 2012Archivio musica 2011Archivio musica 2010Archivio musica 2009Archivio musica 2008 Archivio musica 2007 Archivio musica 2006 Archivio musica 2005 Archivio musica 2004

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RECENSIONIDVDLIBRI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

k

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

k

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

OTTOBRE 2017

DODICI GIORNI IN POLONIA         di Giovanni Saccarello

Non si va in Polonia a cercare grandi meraviglie; non si troveranno né piramidi né colossei né grandi canyon. Ci sono invece tante piccole cose carine: belle città, belle chiese, anche di legno, castelli in bella posizione, paesaggi verdeggianti, parchi naturali. Direi che sia un ottimo posto per chi ama la “cara vecchia Europa”. Cara nel bene e nel male: la Polonia ne ha viste di ogni, nella sua storia; però è anche questo turbolento passato, ed i continui rivolgimenti, che la fanno ricca di interesse.

Abbiamo visitato la zona centrale e sudoccidentale del paese, toccando Varsavia, Cracovia, Breslavia (cioè Wrocław), Poznań e Toruń.

Non descriverò qui i tesori d'arte: questo è compito delle guide; dirò solo delle impressioni e delle curiosità.

Ci sarebbero molte passeggiate nei parchi naturali, soprattutto sui monti Tatra; ma non eravamo in vena di sgambate ed abbiamo preferito la visita delle località come escursioni in auto da Cracovia, senza così cambiare albergo. Per i parchi naturali è meglio cercare alloggi in zona.

 Le autostrade sono ancora scarse, ma stanno cercando di ricuperare il ritardo: si vedono lavori un po' dappertutto. Su certe strade normali c'è rischio di ingorghi e code senza fine; ma in genere si viaggia bene. 

Parlando dei luoghi, ci vuole una piccola digressione sulla grafia e pronuncia.

A veder certi nomi terrificanti, uno si chiede come facciano i polacchi a pronunciare tutte quelle "z" in mezzo ad altre consonanti; eppure, a sentirli parlare, è tutta una sfilza di suoni dolci tipo ciò, sci, je (francese). La "z" si sente, ogni tanto, ma viene da tutt'altra parte, cioè dalla "c", come nelle altre lingue slave: ulica (viale) si dice uliza (z dura come in nazione). La zeta nella scrittura invece serve il più delle volte a modificare la pronuncia della consonante che la precede. Poi ci sono i segni diacritici sulle consonanti e le lettere speciali, come la "Ł" che va detta come una u leggera: il nome del papa polacco va pronunciato Voitiua e non Voitila.

Forse il massimo della differenza fra grafia (loro) e pronuncia (nostra) si ha nella città di Łódź che suona all'incirca Uug': neanche una delle lettere che noi diremmo. Perciò, finché parlavamo tra di noi, per non sbagliarci citavamo i vari luoghi così come li leggiamo noi.

Per una ragione analoga userò qui la traduzione italiana dei luoghi, se c'è, rinunciando al nome originale.

L'emblema della Varsavia del dopoguerra, nel centro moderno, è il palazzo della Cultura & della Scienza, assolutamente sovietico nell'aspetto e nelle smisurate dimensioni; io lo direi l'ecomostro di Varsavia. Oggi è un po' oscurato da altri grattacieli vicini, più moderni ma non meno pretenziosi. La zona è tutta a palazzi enormi, ma l'ambiente non è affatto soffocante: c'è molto spazio fra l'uno e l'altro.

Tutta la città è ricostruita dopo la guerra, ma il centro storico è stato replicato fedelmente, anche usando i quadri settecenteschi del Bellotto! Bastano un paio d'ore per il centro storico, bello ma non eccezionale . Una stranezza: nel Rynek (piazza del mercato centrale) c'è la statua di una sirenetta, che la leggenda dice sorella di quella di Copenaghen e protettrice di Varsavia.

Al di là della Vistola c'è il quartiere Praga (si chiama proprio così), rimasto intatto dalla guerra: c'erano già i Russi su questo lato, al momento della rivolta che ha causato la distruzione del centro città da parte tedesca. Perciò questa parte di Varsavia è più "vera", anche se malandata, post-sovietica e post-industriale; ma è in ripresa e perciò un po' "alternativa". Una curiosità è il Bazar Rózyckiego, non in sé (non ha niente di caratteristico), ma per la merce in vendita in almeno metà delle bancarelle: abiti da sposa! Naturalmente non mancano lo sposo, gli invitati e perfino i bambini-paggi, per i quali ci sono vestitini incredibili. Mai vista merce simile nei mercatini nostrani.

Fa un caldo bestiale: si arriva a 36°, ed è pure umido; tante centinaia di km verso nord non sono servite. Ci si divertono solo i bambini che sguazzano seminudi nelle fontane, e a volte anche quelli cresciuti.

Una curiosità che ci colpisce subito, e che troveremo ancora, anche in centri minori, è la quantità di notai che espongono le loro insegne per strada, come se fossero tabaccai o salumieri.

Cracovia è scampata alle distruzioni belliche, e questo ha il suo peso nell'aspetto e nel fascino che emana. Da noi questa città è molto più conosciuta del resto della Polonia, e si vede subito dalla frequenza di Italiani che incontriamo; altrove ne troveremo pochi.

Affacciato sulla Vistola, il Wawel, complesso fortificato, racchiude la cattedrale, il castello e vari edifici storici. L'interno della cattedrale sorprende perché è più piccolo di quel che ci si aspetta. Fra le cappelle non sorprende di trovarne una dedicata al papa Woitiła; avrebbero voluto che fosse sepolto lì, ma al rifiuto del Vaticano si sono dovuti accontentare di una reliquia, e ne hanno trovata una originalissima: un campione di sangue usato per un esame clinico!

Per le belle vie Kanonicza e Grodzka sbuchiamo nella centrale piazza del mercato (Rynek), che presenta subito la chiesetta isolata di S. Adalberto. Nella grande chiesa di S. Maria c'è un polittico che rimane chiuso al mattino e aperto nel pomeriggio, per mostrare le ricche decorazioni su entrambi i lati.

L'imponente piazza è animatissima, molto più di quel che ricordavo dal mio viaggio di 18 anni fa.

La vicina piazza Szczepański presenta edifici liberty: il teatro vecchio, rifatto in stile eclettico, ed il palazzo secessionista Sztuki, con davanti un'altra fontana completa di bambini seminudi che si rinfrescano. C'è pure il “Bunker dell'Arte”, unico edificio di epoca sovietica nel centro città, brutto ma a modo suo pure significativo. Nel museo Czartoryski si conserva la Dama dell'Ermellino; ma l'abbiamo già vista in Italia e la escludiamo. Lì presso si raggiunge un tratto di mura, percorribile, e la porta Floriańska; all'esterno, circondato dal verde, si trova il barbacane, corpo avanzato di difesa analogo a quello di Varsavia.

Nei paraggi c'è un bel museo del sottosuolo, che, partendo dai reperti trovati negli scavi sotto il Rynek, ricostruisce la storia delle trasformazioni urbanistiche, usando anche sistemi multimediali.

Merita anche il caratteristico quartiere ebraico, col cimitero che direi meno sgangherato di quello di Praga. La successione delle varie sinagoghe è spezzata dalla chiesa del Corpus Domini, tutta circondata da un alto muro: d'altronde è un'isola cattolica nel ghetto, un'isola nell'isola!

La cucina locale comprende ottime zuppe di funghi e, strano a dirsi, grandi ravioli (pierogi) che non ci si aspetterebbe di trovare fuori dall'Italia.

La prima chiesetta di legno che visitiamo è a Debno, verso i monti Tatra: piccola, carina, isolata dal paese e circondata da un basso recinto, sempre ligneo. Molto belle le tegole tondeggianti che seguono le curvature. L'interno è tutto dipinto con decorazioni che sembrano ricami finissimi.

Poco più ad est c'è il castello Dunajec di Niedzica, in magnifica posizione sopra un lago artificiale circondato dalle foreste. Solo visite guidate, ed in polacco; fortuna che ci sono abbondanti cartelli in inglese.

Questa regione, presso il confine slovacco, è ricca di escursioni naturalistiche. Si può fare il “rafting” sul fiume (in realtà su barche normali: non ci si bagna), ma è un po' lungo il ritorno in autobus. Le rocce fra i meandri del fiume non sono poi così eccezionali: chi frequenta i paesaggi alpini è abituato a ben altro.

A Lipnica Murowana troviamo un'altra chiesa di legno; è ancora aperta malgrado l'ora tarda, e c'è dentro gente in preghiera: una cosa che sorprende è il diffuso fervore religioso.

Il monastero di Jasna Góra a Częstochova, un po' rialzato sulla città, è un complesso di chiese e alloggi per i pellegrini, preceduto da un vastissimo piazzale per cerimonie all'aperto: lo troviamo deserto, ma è facile immaginarlo zeppo di gente in certe occasioni. Dentro invece la folla c'è, specie ovviamente per la Madonna Nera; colpisce lo spessore che separa il dipinto su legno, scuro, dal contorno argenteo aggiunto poi.

A Pieskowa Skała il castello fa da museo: vi si trovano le opere trasferite dal castello di Cracovia. Si trova in bella posizione, dentro una gola stretta e pittoresca di un parco naturale che comprende lì accanto anche la “clava di Ercole”, un originale roccione isolato.

La miniera di sale di Wieliczka richiede tempi lunghi a causa dell'affollamento, più che mai nei giorni di Ferragosto, anche se è a poca distanza da Cracovia. Le visite sono solo guidate, e in più lingue; ma in italiano sono solo tre al giorno, come quelle in francese, spagnolo, ecc., e quindi bisogna imbroccare l'orario; invece ne parte una in inglese ogni venti minuti.

Si comincia scendendo 540 gradini; fa subito fresco, ma non molto: non metterò mai il maglione di riserva.

Cercando notizie in rete, avevamo notato che fra la varie FAQ sulla miniera c'era chi chiedeva se si possono leccare le pareti per accertarsi che si tratti veramente di sale: che idea! Eppure adesso c'è nel gruppo un tale che fa questa domanda! La risposta della guida, ben abituata, è lapalissiana: “fate conto che ogni anno nella miniera passano un milione e rotti di visitatori: vedete voi”. Le prime gallerie non sono eclatanti, ma poi, scendendo con altre scale a livelli più bassi, subentrano alcuni ambienti grandiosi, che culminano nella vastissima chiesa sotterranea. Qua e là ci sono degli “effetti speciali” un po' hollywoodiani: scoppio di grisou, varie scene animate di minatori e laghetto con musiche di Chopin di sottofondo. Naturalmente nel finale ci sono bar, ristoranti, saloni per feste e quant'altro. Un'ulteriore seccatura: la coda per l'ascensore al ritorno; comunque si può salire a piedi, se uno se la sente.

A Kalvaria Zebrzydowska c'è un convento con annessa Via Crucis sulla collina, come fa capire il nome; pare che sia il 2° luogo di pellegrinaggio polacco dopo Częstochova. Le 42 cappelle sparse nel bosco sono a volte delle vere chiese; tutto il complesso è affollato da comitive in preghiera, e c'è pure un tale vestito da Gesù, con la Croce e tutto. Lo spettacolo più che dal luogo è dato dai pellegrini.

Poco oltre, a Barwałd, troviamo un'altra chiesetta di legno, sempre entro un recinto stavolta in muratura.

 

 

Breslavia (Wrocław; ho preferito il nome tedesco italianizzato: quello reale suona all'incirca Vrozuav) è carina nell'immancabile Rynek, col suo municipio scenografico, e nei vari palazzi qua e là, come l'università ed il rosseggiante Ossolineum, biblioteca nazionale. Ma è graziosa soprattutto nella zona attorno al fiume Odra (l'Oder tedesco, che più a nord fa da confine), che si ramifica e divide il quartiere in varie isolette. Su una di queste sorge la cattedrale; il ponte che vi arriva è zeppo all'inverosimile di lucchetti. Tutta la zona ha un'aria “riposante”, come secondo me è normale dove ci sono specchi d'acqua fra le case.

Una curiosità di questa città: chi va in giro col naso in aria rischia di inciampare nelle statuette bronzee degli gnomi, diffusi un po' ovunque nel centro e alti meno di mezzo metro. Derivano da un bonario movimento di protesta nato negli ultimi anni dell'ancien régime.

A Swidnica è notevole la chiesa di S. Trinità: è la più grande chiesa di legno, e può contenere 7.500 persone! Si tratta di una delle “chiese della pace”, concesse ai protestanti dopo la pace di Westfalia del 1648, ma a certe condizioni: fuori mura, niente campanili e soprattutto usare esclusivamente il legno. Tra l'altro è in graticcio, raro in Polonia. Anche dentro tutto è di legno, perfino gli altari che sembrano in marmo lucido e i grandiosi palchi. Sono escluse solo le canne dell'organo e la luce elettrica, sfuggita alle limitazioni seicentesche.

A poca distanza c'è il castello di Ksiąz, in magnifica posizione nella foresta, a strapiombo sul fiume. Abbiamo dovuto pure qui prendere una visita guidata in polacco; non si capisce un'acca, ma la guida ogni tanto ci fa un breve riassunto in inglese: siamo gli unici non polacchi del gruppo. Ci sono cartelli in inglese, ma non dappertutto, e nessuno nelle gallerie scavate dai Tedeschi nell'ultima guerra per trasformarlo in fortezza, visitabili in parte.

 

A Poznań, tanto per cambiare, il centro è il Rynek, con bei palazzi attorno ed in mezzo i suoi bravi mercato e municipio, quest'ultimo insolitamente chiaro ed irto di torrette con cupole color verderame.

A mezzogiorno non bisogna perdersi lo show dell'orologio; si tratta del solito carillon con figure animate, però questo è originalissimo. Non sono i soliti santi che sfilano: alle 12 si apre una porticina e ne escono due capre, che poi si girano l'una contro l'altra e si pigliano a cornate! Finiti i dodici scambi di cortesie, mentre le capre rientrano compare un trombettiere (vero) che suona un po', poi saluta tutti e lo spettacolo è finito. La scena ricorda un scontro caprino realmente avvenuto, illustrato pure in un monumento presso la chiesa di S. Stanislao; il trombettiere ricorre anche in altri casi, come nella torre della chiesa di S. Maria a Cracovia.

Colpisce il finto castello Królewski, sull'altura presso la chiesa dei Francescani: rifatto da zero nel 2012, è in stile polacco, un intruso in mezzo ad una città che è stata prussiana fino al 1918 (si chiamava Posen), e quindi di impronta tedesca.

Varie zone sono post-industriali: un gran birrificio è diventato un centro commerciale; è il solito riuso consumistico, ma almeno la bella struttura si è salvata.

La cattedrale si trova su un'isola fra due bracci del fiume, in posizione che ricorda quella di Breslavia, ma molto meno pittoresca. Più oltre c'è un piccolo quartiere di artisti, con la chiesetta di S. Margherita. Come quelle di legno, anche questa è recintata ma l'unica entrata è chiusa, il muro è alto e non si vede niente. La cosa più interessante nella piazzetta è un enorme trompe-l'oeil con figure di case caratteristiche.

Nelle foreste fra Gniezno e Toruń si vedono centinaia e centinaia di alberi schiantati: dev'esserci stato un uragano, e anche di recente. Si scoprirà che ha fatto 5 morti, 8 giorni fa, nella zona di Tuchova, un centinaio di km a nord di qui.

A Gąsawa c'imbattiamo in un'ennesima chiesa di legno. Come al solito è in mezzo ad un recinto, ma su un fianco le è stata aggiunta una cappella in muratura, per di più bianca in un insieme scuro!

Proseguiamo per Biskupin, dove c'è un museo archeologico che ricostruisce un insediamento protostorico. Non ne siamo interessati, ma mi fermo lo stesso a guardare da fuori: hanno ricostruito un villaggio di capanne col tetto di paglia; è una cosa un po' finta, ma può interessare gli appassionati.

Siamo in una bella regione di laghi e foreste, queste ultime sempre scorticate qua e là.

A Wenecja presso la stazione di una piccola ferrovia turistica ci sono i pochi ruderi di un castello, con ricostruzioni (pure qui) di macchine da guerra medievali. Si pronuncia Venezia, e non è un caso: vuole indicare un abitato in mezzo alle acque, ma il paesaggio attorno più che veneziano è finlandese.

Bello l'arrivo a Toruń dal ponte sulla Vistola. La città ha un centro diviso in due parti, la Città Vecchia e quella Nuova (nuova in senso relativo: è del 1264), ciascuna con un Rynek per conto suo. Naturalmente il clou è nel Rynek di quella Vecchia, col bel municipio al centro e bei palazzi attorno.

Siamo nella città di Copernico, e non ne poteva mancare il monumento: mi piace la sintetica definizione “terrae motor, solis caelique stator”. Sulla piazza invece di uno gnomo c'è una statuetta di bronzo che raffigura un cane, abbastanza realistica da ingannare un cane vero che le abbaia contro; quando poi il padrone divertito accarezza il cane finto, quello vero non ci vede più e si avventa sulla statua, nell'ilarità generale! Meglio del carillon delle capre.

La Città Nuova è meno interessante. Sono ben conservate le mura lungo la Vistola, che hanno, all'angolo sud-ovest, una torre pendente: direi che penda molto di più di quella pisana, ma è molto più bassa e non isolata, essendo parte delle mura, perciò è poco appariscente.

Riattraversiamo la Vistola davanti alla prossima meta, Płock (questa sembra facile da pronunciare, una volta tanto; in realtà dovrebbe suonare all'incirca Puozk). La veduta della città dal ponte è scenografica.

Anche qui l'orologio del municipio sul solito Rynek ha il carillon animato, stavolta con un tizio che posa la spada sulla spalla di un altro: sarà la scena di un'investitura, ma non ne conosciamo i particolari. La scena è conclusa pure qui dal suonatore di tromba. Stavolta però nella piazza siamo in quattro gatti, non la folla di Poznań: a quanto pare è un centro poco conosciuto.

La città è affacciata sulla Vistola da una certa altezza, e perciò con vaste vedute. Una torre dell'ex castello fa da campanile alla bella cattedrale.

Lungo la strada, presso Goławin, troviamo l'ultima chiesetta di legno. Poi rimane solo da raggiungere l'aereo per rientrare a casa.

 

7 ottobre 2017    Giovanni Saccarello

 

SETTEMBRE 2017

CROAZIA LAST SECOND

Una bella vacanza di una decina di giorni in Croazia, piuttosto economica visto il cambio abbastanza conveniente ( 1 euro vale circa 7.46 Kune), può essere organizzata anche all’ultimo momento, perfino in agosto. E’ quello che abbiamo fatto, decidendo il 31 luglio di partire il giorno dopo in auto da Milano, dopo aver prenotato la prima notte in Friuli su Booking. Lungo l’A4, nelle vicinanze di Verona, optiamo per una sosta di notevole interesse culturale: il castello di Soave, che non si può fare a meno di notare, tanto è imponente, passando in autostrada (www.castellodisoave.it). L’orario estivo prevede l’apertura dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18.30 (chiuso il lunedì). Fondato agli inizi del X secolo, passò a diverse famiglie feudali, poi agli Scaligeri, ai Visconti, agli Asburgo, ai Veneziani, fino a perdere il suo prestigio di fortezza per essere adibito a fattoria, subendo un grave degrado. Nell’Ottocento fu acquistato da una famiglia tuttora proprietaria che lo restaurò e poi lo aprì al pubblico. Attraverso un ponte levatoio si accede a una serie di tre cortili circondati da una bella cinta muraria, con un interessante torrione, un pozzo, un’abitazione medioevale che ospitava la guarnigione.  Vale sicuramente la visita! Inoltre, è un bell’inizio “tutto italiano” di una vacanza oltre confine.

Il pernottamento alla Bajta Fattoria Carsica, un agriturismo nel verde in Località Sales, sopra Trieste, è piacevole e rilassante. Ripartiamo la mattina, entrando in Slovenia (attenzione alla vignetta obbligatoria se si sceglie l’autostrada!). In Croazia, a poco più di 60 km da Fiume, ci aspetterà un secondo castello: quello di Segna (Senj), la cinquecentesca fortezza Nehaj, su un’altura che domina la città e il mare. Molto panoramica la vista dalle torri; ci si può pure fermare a mangiare un boccone, perché all’interno vi è un’osteria, con tavoli anche all’aperto. La nostra prima meta croata tuttavia non è Senj ma Skradin, delizioso paese all’ingresso del Parco Nazionale di Krka. La camera, prenotata grazie a Booking presso la Guesthouse Ivan (dr.Franje Tudmana 15), si rivela molto graziosa, e si è in pieno centro, a due passi da localini dove si mangia benissimo spendendo poco. Si è vicini anche al porto: in realtà un porto fluviale, anche se la foce del fiume Krka (Cherca) non è distante e sembra di essere su un’ampia baia, paradiso di uccelli acquatici (numerosi i cigni). Molti yacht lussuosi sono ormeggiati qui, accanto a piccole barche di pescatori. Si può effettuare la visita del Parco utilizzando una motonave da Skradin (biglietteria al porto) il cui costo comprende l’ingresso: si risale un tratto di fiume, si sbarca e si inizia un magnifico percorso nel verde su un sentiero di circa 2 km, che porta ad ammirare le splendide cascate di Scardona (Skradinski buk, ): qui si può anche fare il bagno. In realtà esistono numerose altre possibilità di escursioni, sia in nave, che in bicicletta, o con affascinanti trekking, per esempio fino al lago di Visovac, con un’isola famosa per il suo quattrocentesco monastero francescano, oppure al monastero di Krka o ad altre cascate più all’interno. Più di mille specie di piante, anfibi, rettili, specie endemiche di pesci, uccelli migratori popolano il Parco, la cui area si estende per circa 109 km2 (www.npkrka.hr).

Giunti a Spalato già visitata in un viaggio precedente e imperdibile per il suo straordinario centro storico -ci imbarchiamo per l’isola di Brač. La meta è Supetar, la città più grande dell’isola (4000 abitanti), raggiunta in circa 50 minuti di navigazione su un traghetto della compagnia Jadrolinija (biglietteria al porto, quattordici partenze dalle 5.15 alle 23.59 a luglio e agosto). L’albergo prenotato è Villa Britanida (Hrvatskih velikana 26), una struttura semplice, pulita, con una convenzione per un parcheggio privato gratuito- proprio davanti, e a poche decine di metri da graziose calette dove fare il bagno in acque trasparentissime. Con una breve passeggiata si raggiunge il centro e il suo elegante lungomare. Una bella chiesa barocca, la parrocchia dellAssunzione di Maria, si trova in cima a una scenografica scalinata . Negozi, taverne (konobe) e gelaterie, molto frequentate, rendono latmosfera vivace e piacevole. Camminare nei vicoli, tra case di pietra, consente di scoprire opere darte inaspettate come l’“Allegoria della mente , bel bronzo del 1886 di Ivan Rendić, eccellente scultore nativo di Supetar. E sulle sue tracce intraprendiamo un percorso suggestivo, dalla Galerija Ivan Rendic, un piccolo museo con busti in bronzo e in marmo – opere davvero interessanti - fino al cimitero, sulla punta San Nicola, dove si trovano altri suoi pregevoli lavori di arte funeraria, in particolare teste di Cristo, angeli, una Pietà, fini bassorilievi. La tomba di Rendic (1849-1932) è all’ingresso, semplice e quasi simbolica nella sua purezza. Intorno, il cielo e il mare azzurrissimi e il verde dei pini marittimi. Dall’arte alla natura il passo è breve: attraversando l’isola in auto abbiamo ammirato paesaggi rocciosi e una bella vegetazione mediterranea. Una breve sosta nel paesino di Škrip ci ha consentito di vedere la chiesa di sant’Elena (XVIII sec., foto 6) e l’interno di un antico castello in rovina. A Bol ci siamo fermati nella famosa spiaggia del Corno d’Oro : una lingua di costa coperta da ghiaia fine, circondata da meravigliose acque color smeraldo chiaro (foto 7). Si può anche stare all’ombra di grandi pini e prendere uno spuntino nei numerosi centri di ristoro. L’unico problema può essere l’affollamento: meglio arrivare presto! Ci siamo fermati a Brač cinque giorni, riuscendo a fare splendidi bagni in diverse località. Tra queste, Splitska ci è piaciuta molto, tranquilla e raccolta intorno a una bella baia.

Tornati a Spalato, ci siamo diretti a nord, oltre Šibenik, verso Tisno, sull’isola di Murter (foto 8 e 9). In realtà il paese è tagliato in due da uno stretto canale, ed è solo il grazioso centro storico realmente sull’isola: si raggiunge comunque con facilità grazie a un piccolo ponte. Tisno è nota per un Festival Musicale che si svolge proprio in agosto: temevamo di trovare folla e confusione, invece la sede del festival è a un paio di chilometri di distanza e si gode della massima tranquillità. Inoltre, ottime konobe consentono di gustare la migliore cucina dalmata, naturalmente a base di pesce. A pochi chilometri si raggiunge Murter, il capoluogo dell’isola. Da qui partono crociere di un giorno per il Parco Nazionale delle Kornati: le cosiddette isole “Incoronate” sono circa centocinquanta, anche se poco più della metà costituiscono il Parco. Splendide rocce calcaree affiorano creando un arcipelago davvero unico . La maggioranza delle isole è disabitata e pressoché priva di vegetazione. La nostra crociera sulla nave “Il Re del Mare” è durata circa sette ore; prevedeva il pranzo a bordo (squisito il pesce arrosto) e una sosta di un paio d’ore in un’isola, dove abbiamo potuto nuotare in acque assolutamente cristalline. A Tisno abbiamo trascorso tre giorni, sufficienti per conoscere Murter e organizzarci per la visita al Parco, soprannominato, non a torto, la “Polinesia croata”.

Sulla strada del ritorno abbiamo fatto una breve sortita all’isola di Krk, raggiungibile tramite un ponte a pagamento. Krk appartiene all’arcipelago del Quarnero ed è la seconda isola più grande. Dista solo 120 km da Trieste. Abbiamo visto belle spiagge ed eleganti strutture turistiche, nel complesso ci è sembrata interessante. Le dedicheremo senz’altro più tempo nella nostra prossima vacanza croata!

 

 Milano, 25 settembre 2017    Anna Busca

 

AGOSTO 2017

SPIAGGE DI PERLE, MARE DI SMERALDO    di Anna Busca

Una vacanza di dieci giorni in Sardegna, l’isola-gioiello, nel mese di luglio: possibile anche last-minute e… low cost. Siamo in tre e cominciamo a organizzarci il 10 luglio navigando online. Primo passo: ricerca di un traghetto a prezzi accettabili. Troviamo la soluzione con la Moby Lines: partenza da Piombino il 16 alle 14.30, arrivo ad Olbia cinque ore dopo. Il ritorno, da Olbia, il 26 alle 8.15. Tre biglietti A/R, compresa l’automobile, ci costano poco più di 300 euro, perché usufruiamo dello sconto “partenze intelligenti”... Dobbiamo solo raggiungere Piombino: da Milano sono circa quattro ore di autostrada (anche meno se il traffico è scarso) e partendo alle 8 si giunge verso mezzogiorno. L’unico problema, alla partenza, sarà il ritardo di un’ora del traghetto (abbiamo aspettato l’imbarco in un edificio del porto, con negozi, bar e sale d’attesa un po’ affollate; ma siamo anche riusciti, un po’ prima, a visitare l’interessante Museo Archeologico di Piombino, con preziosi reperti etruschi dell’area di Populonia, ottimizzando i tempi di attesa). Booking.com ci viene poi in aiuto per la prenotazione degli alloggi: troviamo un albergo per la prima notte ad Olbia (Hotel Royal, viale Aldo Moro 333), uno per quattro notti ad Arzachena (Hotel Citti, viale Costa Smeralda 197), un appartamento per quattro notti ad Orosei (Villa Marina, via Giotto 4) e infine ancora un albergo per l’ultima notte ad Olbia (Hotel Ristorante Terranova, via Garibaldi 3). Costo totale: circa 1000 euro. Considerando che negli hotel la colazione è sempre compresa, la spesa di poco più di 33 euro al giorno per ciascuno di noi (in stanza tripla) ci sembra ragionevole. Prenotati alloggi e traghetto, siamo pronti per la nostra vacanza. Ci imbarchiamo sulla Moby Wonder e il viaggio risulta piacevole, le sale e i luoghi di ristoro danno un buon comfort nonostante l’elevato numero di passeggeri. Sbarcati ad Olbia intorno alle 20.30, raggiungiamo in breve il nostro albergo, dove ceniamo con un ottimo menù a prezzo fisso (15 euro a testa) che include un delizioso piatto di pesce e il croccante pane carasau. L’inizio è davvero eccellente! La mattina dopo raggiungiamo il centro di Olbia per una breve visita. Restiamo affascinati dalla chiesa di S. Simplicio (XI-XII sec.), in alto, in puro stile romanico. Il centro è grazioso e vivace: si percorre corso Umberto I, fiancheggiato da caffè e negozi, si ammira la cupola policroma della chiesa di San Paolo e si giunge al porto, dove un magnifico veliero è ormeggiato tra imbarcazioni di lusso e barche di pescatori. Si parte prima di pranzo e arriviamo in poco più di mezz’ora ad Arzachena, che dista solo una trentina di chilometri. Troviamo una situazione di assoluta tranquillità: la cittadina sembra quasi deserta; il centro, che si raggiunge facilmente percorrendo alcune vie in salita, non ha né traffico né turisti. Eppure la posizione è invidiabile e strategica: sia i siti archeologici che le splendide spiagge della Costa Smeralda sono vicini; in auto vi si arriva velocemente senza problemi. Ed eccoci sdraiati sulla sabbia dorata delle spiagge più note: Liscia Ruia, Poltu di li Cogghji, Piccolo Pevero, Capriccioli, del Principe, Mannena, L’Ulticeddhu… In quattro giorni siamo riusciti, cambiando facilmente località mattina e pomeriggio, a nuotare nelle incredibili acque cristalline sia della Costa Smeralda che del Golfo di Arzachena. In spiaggia non c’è mai molta gente, si trova sempre il parcheggio e posti isolati per godersi sole e riposo. Il paesaggio è bellissimo, pinete e vegetazione mediterranea rendono l’aria ancora più profumata. Facile anche raggiungere Baia Sardinia, Cannigione, Porto Cervo: quest’ultimo centro, pur essendo tra i più noti, ci è parso molto “artificiale”, con case, piazzette e negozietti che potrebbero essere ovunque, eleganti e ordinati ma senz’anima, davanti a decine di yacht e barche che sembrano essere lì solo come vuoti emblemi di ricchezza. Una delusione. In cima al villaggio si trova però una chiesetta bianca, Stella Maris, che riserva qualche sorpresa piacevole a chi cerca nel luogo qualcosa di artistico: l’architetto Michele Busiri Vici, negli anni ’60, volle costruire un edificio singolare, bianco,in stile “mediterraneo”, con un campanile a cono, finestre decorate, un porticato sorretto da sei monoliti; lo scultore Luciano Minguzzi è l’autore delle bellissime porte in bronzo, di opere e arredi all’interno. Spicca in una nicchia un dipinto di El Greco, Mater dolorosa. Ne risulta un piccolo capolavoro, da cui si può oltretutto ammirare un magnifico panorama. Da Arzachena ci siamo spostati nei siti archeologici più famosi della Gallura: abbiamo visitato il complesso nuragico La Prisgiona, del II millennio a.C., con un grande nuraghe complesso a tholos (ossia con una sala circolare e una pseudocupola) e resti di altre costruzioni intorno (circa un centinaio), un pozzo, la “capanna delle riunioni” con un sedile ad anello; a breve distanza ecco la Tomba dei Giganti Coddu ‘Ecchjiu, poi la necropoli Li Muri e un’altra Tomba dei Giganti (Li Lolghi). Tutti monumenti straordinari, interessantissime testimonianze di una civiltà di circa quattromila anni fa, che utilizzava massi e lastre di granito per costruire capanne, villaggi e sepolcri collettivi ricchi di simboli. Anche l’enorme roccia granitica che domina Arzachena, detta il Fungo, dalla quale si gode un bel panorama, veniva utilizzata come luogo di riunioni e rituali. Siamo poi saliti, con una passeggiata di mezz’ora, in qualche punto un po’ erta e faticosa (occorrono buone scarpe) al suggestivo Tempietto Malchittu, risalente all’Età del Bronzo Medio (1600-1300 a.C.).Molto ben conservato, circondato dalla vegetazione, destinato probabilmente a riti sacri e offerte votive, ma anche in altri momenti a riunioni di carattere non religioso. Una visita davvero imperdibile. All’ufficio turistico, all’ingresso di Arzachena e presso il sentiero per il tempietto, si possono acquistare convenienti biglietti cumulativi per tutti i siti archeologici, da utilizzare anche in più giorni. Santa Teresa di Gallura, con le sue case colorate, la cinquecentesca torre aragonese dalla quale si può ammirare la costa della Corsica, sulle Bocche di Bonifacio e il magnifico Capo Testa, con un mare dalle acque trasparentissime, è un’altra meta obbligata. Da Palau abbiamo preso un traghetto che ci ha portato all’isola della Maddalena (ogni mezz’ora circa ci sono partenze dal porto, www.delcomar.it , poco più di 50 euro A/R per auto e tre passeggeri); attraversando poi un ponte siamo giunti a Caprera. Abbiamo compreso pienamente le ragioni che spinsero Giuseppe Garibaldi a trascorrere più di un quarto di secolo della sua vita su questo isolotto granitico: il mare, l’aria balsamica, il silenzio, la pace, la vita semplice sedussero l’Eroe dei Due Mondi, forse deluso, amareggiato e stanco di battaglie sanguinose, guerre, momenti effimeri di gloria, perfino di una fama a volte fastidiosa. Il Compendio Garibaldino è visitabile: si entra nella casa, obbligatoriamente in gruppo, e la guida illustra i momenti salienti della vita pubblica e privata di Garibaldi, i suoi oggetti personali, la quotidianità a Caprera, la sua malattia, la sua morte. Garibaldi spirò qui il 2 giugno 1882, a 74 anni, circondato dai famigliari: volle che negli ultimi giorni di agonia (aveva una grave e dolorosa artrite reumatoide) il suo letto fosse posto davanti alla finestra, per vedere quel mare meraviglioso che amava, prima di chiudere gli occhi per sempre. Lasciata Arzachena ma saremmo rimasti ancora almeno una settimana, se avessimo avuto il tempo siamo partiti per Orosei. Prima di dirigerci a sud abbiamo deciso di salire sul Monte Moro (422 m) per ammirare dall’alto il panorama della Costa Smeralda: la strada tuttavia a un certo punto non è più asfaltata e presenta buche e pendenze tali che solo un fuoristrada può proseguire in sicurezza. La nostra utilitaria rischiava di subire qualche danno e siamo riusciti a parcheggiarla in qualche modo su uno spiazzo, per proseguire poi a piedi verso la meta. Una fatica davvero notevole, sotto il sole a picco, premiata però dalla vista che si può godere dalla cima, raggiunta tramite una scaletta di pietra, tra costruzioni abbandonate e antenne televisive. Il vento lassù è fortissimo, sembra di essere in alta quota. Scesi dal Monte Moro, siamo poi passati per la bella San Pantaleo, Golfo Aranci, Porto Rotondo. Siamo capitati ad Orosei nei giorni della festa di San Giacomo, patrono della città, quindi l’atmosfera era del tutto diversa da quella di Arzachena. Folla di turisti nelle vie del centro storico, feste e mercati nelle piazze, concerti (anche Enrico Ruggeri!), manifestazioni: insomma una città molto vivace, accogliente, con l’imbarazzo della scelta per gelaterie, bar, taverne, negozi di artigianato. L’attività balneare è favorita anche qui da spiagge stupende, in oasi naturalistiche paradisi per gli ornitologi - come quella della vicina Su Barone (www.oasisubarone.it )o, più a nord, di Biderosa (www.oasibiderosa.com ,da prenotare se si vuole entrare con l’auto , a 12 euro + 1 euro/persona; altrimenti una comoda navetta, dal parcheggio esterno, attraversa la pineta e porta i turisti in prossimità del mare, a 10 euro/persona). Bellissima Cala Liberotto; belle anche le spiagge più a sud, verso Cala Gonone, ma qui il mare è subito profondo e le onde possono dare qualche problema a chi non è un nuotatore provetto. Chi lo desidera può pagare da qui circa 30 euro a persona per una crociera di qualche ora che porta i turisti a visitare la vicina grotta del Bue Marino e due calette molto graziose (Cala Luna e Cala Mariolu), raggiungibili facilmente solo via mare, o altri luoghi caratteristici del golfo di Orosei. Noi abbiamo considerato la proposta troppo cara per il nostro viaggio low cost e anche molto”turistica”: parecchie agenzie diverse, ognuna con il suo chioschetto, proponevano la gita allo stesso prezzo e non era possibile contrattare... Abbiamo preferito visitare una grotta nei pressi, quella di Ispinigoli, davvero splendida, con una maestosa stalagmite di 30 metri, considerata la più alta d’Europa, nel centro di un antro molto ampio e profondo (ingresso 7.50 euro), e fare il bagno nelle acque smeraldine della spiaggia di Berchida, bella e accessibile. A Dorgali il Museo Archeologico (www.museoarcheologicodorgali.it )espone una bella collezione di vasi e manufatti antichi, dal IV-III secolo a.C. fino all’età romana e ad epoche più recenti, trovati nelle zone circostanti, presso resti nuragici, grotte, scavi nel territorio. Ma anche Orosei stessa offre spunti per visite interessanti: il centro, con i suoi vicoli e piazzette, è ricco di palazzi storici, da Sa Prejone Vetza dove abbiamo visitato l’originale mostra dell’artista Giovanni Paddeu, di Mamoiada, autore di pregevoli opere in ferro al Museo “Nanni Guiso” a Palatzos Vetzos, con una bellissima collezione di teatrini in miniatura e costumi del ‘700-‘800, al complesso monumentale di Sant’Antonio Abate, alle numerose chiese. Durante i festeggiamenti di san Giacomo abbiamo avuto il privilegio di assistere, nella piazza centrale, a una “Gara poetica”, antica tenzone in lingua sarda tra poeti, su un tema a loro proposto. Magnifico Bernardo Zizi, che a 89 anni ha ancora una voce dolce e possente al tempo stesso e riesce a sostenere egregiamente la gara, contro concorrenti molto più giovani. Da Orosei, prima di ritornare a Olbia per l’ultima notte e per prendere il traghetto del ritorno, ci siamo diretti verso Nuoro: una città particolare, arroccata, con un centro piuttosto elegante, pieno di negozi, caffè e ristorantini. La nostra meta era principalmente il MAN, il Museo di Arte contemporanea di Nuoro: la mostra che abbiamo visitato, molto valida, era “Amore e Rivoluzione”- Coppie di artisti dell’Avanguardia russa, con belle opere di Rodchenko, Stepanova, Larionov, Goncharova, Popova e Vesnin (fino al 1 ottobre 2017). Associato al MAN il Museo Francesco Ciusa, eccellente scultore nuorese (1883-1949), di cui sono esposte opere, soprattutto in gesso, che suscitano grandi emozioni, come Dolorante anima sarda (1910-11), La madre dell’ucciso (1907), Il bacio (1927), Il cainita (1913-14), La filatrice (1908-09). Indimenticabili! Ci siamo poi recati alla casa natale della poetessa e scrittrice Grazia Deledda (1871-1936), vincitrice del Premio Nobel per la Letteratura nel 1926, a tutt’oggi unica donna italiana ad aver ricevuto tale riconoscimento (“per la sua potenza di scrittrice, sostenuta da un alto ideale”). La casa è diventata il Museo Deleddiano (via G. Deledda 42, chiuso il lunedì) che conserva mobili e oggetti a lei appartenuti. E’ una bella occasione per ricordare la sua biografia, per riflettere sulla sua poetica e per leggere alcuni suoi versi o brani tratti da lettere, romanzi e opere teatrali. Scriveva: “Il nostro grande affanno è la lenta morte della vita. Perciò dobbiamo cercare di trattenere la vita, di intensificarla, dandole il più ricco contenuto possibile. Bisogna cercare di vivere la propria vita, come la nube sopra il mare”. Molto soddisfatti della nostra tappa nuorese, ci siamo spostati a Orgòsolo, a circa 15 km. Paese straordinario, un tempo associato al brigantaggio (basti pensare al film-documentario girato da Vittorio de Seta nel 1961, Banditi a Orgosolo, premiato alla Mostra di Venezia di quell’anno), ora invece attrazione turistica unica per le centinaia di murales che affrescano le case. Nel cuore della Barbagia del Supramonte, in un territorio affascinante dal punto di vista naturalistico e archeologico, con diversi siti nuragici e panorami stupendi, è una meta sicuramente da non mancare. I murales raccontano la storia locale ma anche episodi avvenuti in Italia e nel mondo, oppure riguardano personaggi famosi, politici, scienziati. Spesso sono veri manifesti di protesta e di lotta popolare, tutti interessanti ed evocativi. Un murale recente cita il poeta greco Konstantinos Kavafis (1863-1933)e la sua poesia “Itaca”: Quando parti per fare il viaggio verso Itaca, devi pregare che il cammino sia lungo, pieno di avventure, pieno di conoscenze……Tieni sempre nel cuore l’idea di Itaca. E ci sembra che questa esortazione sia proprio per noi.

31 agosto 2017, Anna Busca

SPAGNA DEL NORD: GALIZIA E PAESI BASCHI di Giovanni Saccarello

Questo viaggio comprende un po’ tutta la Spagna del nord, esclusa la zona pirenaica. L’itinerario è grosso modo il triangolo Madrid - Galizia (Santiago, Vigo) Paesi Baschi (Bilbao) Madrid, includendo Burgos. Volo e auto a nolo, più un volo interno Bilbao Madrid; in tutto 14 giorni (13 notti) e 2.300 km in auto. Abbiamo dedicato un giorno a Madrid, che non era lo scopo del viaggio, ed il resto al giro vero e proprio. A tutte le altre città è stata dedicata solo mezza giornata, arrivando quasi sempre verso sera, per trovare il centro storico illuminato, quindi dedicare la mattina successiva alla visita, e ripartire dopo pranzo. A nessuno di noi è passato per la testa di fare a piedi neanche una minima parte del cammino di Santiago. Per farlo bisogna o aumentare i giorni o diminuire le tappe.

Non descriverò qui i tesori d'arte: questo è compito delle guide; segnalerò più che altro le curiosità. In questo viaggio si può far mare, ma noi ci siamo riusciti a mala pena per colpa del tempo infame. Uno non lo crederebbe, in Spagna di Luglio; ma la costa atlantica non ha il clima del resto della Spagna: perciò qualche maglia non guasta. Subito una difficoltà a Madrid, con la prima colazione: nella zona della stazione del Principe Pío, alle 9 passate del mattino non c’è verso di trovare bar aperti, e non è domenica; ci si riesce finalmente alla stazione, ma ce ne sono voluti, di tentativi. Avendo già visto l’essenziale in città, andiamo all’Escorial, che ancora mi mancava, in autobus: prenderemo l'auto nel partire da Madrid, per risparmiare giorni e non avere intralci nei parcheggi. Al pomeriggio, visita del monastero delle “Descalzas Reales”, molto interessante: si entra a gruppi, con la guida. Questa parla solo spagnolo, ma lentamente e chiaro, tanto che si riesce a capire tutto o quasi. Peccato però l’attesa fuori, in coda sotto il sole, tanto che per cercare un po’ d’ombra si finisce per ingombrare la strada, sulla quale devono pure passare le auto.

A Segovia meritano senz’altro l’acquedotto, l’Alcazar e la posizione complessiva della città; delude invece la facciata della cattedrale.  Il bello di Avila sono la cattedrale ma più ancora le mura, che si vedono bene da un punto panoramico messo apposta all’uscita dalla città, sulla strada per Salamanca. 

Salamanca è notevole per la cattedrale, la plaza Mayor, vivacizzata dai numerosi universitari, e vari palazzi concentrati nel centro storico. Qualche particolare delle decorazioni esterne della cattedrale è moderno: a cercar bene, fra le figurine compare un astronauta!

Lungo la strada si vedono sempre più frequenti nidi di cicogne; fiancheggiando un elettrodotto si può dire che ogni pilone sia coronato da un nido, con o senza abitanti. Forse proprio la presenza delle cicogne, e delle rane di cui sono ghiotte, è all’origine delle effigi di rana (si pronuncia “rrrana”) che si trovano dovunque a Salamanca, anche sull’antico cancello dell’università. Anche a León tutto è concentrato nel centro storico (in primis la cattedrale), tranne la chiesa di S. Marco, un po' periferica.

L’interesse di Astorga si riduce quasi alla sola stravagante casa di Gaudí; val la pena di fermarsi più che altro perché è sulla strada, ma se si ha fretta la si può saltare. Si lascia la Castiglia e si passa in Galizia; il paesaggio si allontana sempre più dallo stereotipo spagnolo fatto di pianure assolate e aride, come finora, e diventa sempre più verde, come sapevo già essere per la Spagna settentrionale. Spariscono i nidi di cicogne. Anche il sole sparisce dietro le nuvole e tutto assume un’aria più centro-europea.A Lugo c’è da visitare essenzialmente la cattedrale e le mura medievali, tutte percorribili. Sulla strada per Santiago cominciano a vedersi sempre più frequenti gruppi di camminatori; prima non li si vedeva perché il tracciato dei vari cammini non passa per Lugo, né ovviamente per l’autostrada.La piazza della cattedrale è affollata di pellegrini; per di più è domenica e c’è la funzione più importante (“messa del pellegrino”). Questa cerimonia è interessante, anche per chi non bada all’aspetto strettamente religioso, per lo spettacolo del “botafumeiro”, l’incensiere gigante che viene fatto dondolare per il transetto appeso al soffitto della crociera: ci si mettono in otto a spingerlo. Non visitiamo Vigo ma facciamo il giro delle varie baie, le “Rías Bajas”. Questa costa si rivela un po’ deludente; è anche molto costruita.

A Cangas abbiamo trovato i primi “horreos” (come in latino!), granai galiziani in pietra; di qui in poi li si vedrà spesso nelle campagne: sono casette in pietra che sembrano cappellette, anche perché il tetto è di solito ornato da una croce, ma hanno pareti forate, sono stretti, lunghi e soprelevati su una specie di palafitta per difenderli dai topi e dall’umidità . Bella anche la chiesetta di Hio, con deposizione dalla Croce antistante; anche questo è un motivo ricorrente in questa zona, come pure quello del crocefisso col pellegrino uno di spalle all’altro. Ci starebbe bene un po’ di mare, così ci fermiamo sulla spiaggia ad ovest del Cabo de Udra (prima di Bueu) per un bagno: fa caldo ma l’acqua è freddissima e la spiaggia quasi deserta. Diciamo che il tuffo nell’Atlantico aperto è stato fatto. Saltiamo anche Pontevedra e, sempre lungo il mare, entriamo nella penisola del Grove fino alla Toja, centri turistici famosi e celebrati, a sentir le guide, ma secondo noi niente di che; anche la chiesetta rivestita di conchiglie, tanto decantata, è roba moderna. A Noia è molto bella la vista sulla baia; grazie al fuso orario uguale all'Italia ed alla posizione molto più ad ovest, c'è un bel tramonto quando manca un quarto alle dieci! Continuando sempre lungo il mare, verso nord, il paesaggio è molto bello ed in certi punti ha un che di scandinavo, con molto verde e continue insenature. Peccato il tempo nuvoloso. Sosta a Muros, paese di pescatori interessante, con mercatino per le vie. Deviazione a Carnota per vedere l’”horreo” più grande che ci sia: è solo più lungo, ma largo come gli altri. Il luogo è bello, con una chiesetta accanto che ha lapidi funerarie (anche moderne!) sul sagrato. Il Cabo Finisterre, come previsto, è del tutto insignificante: l’unico suo merito è di essere il punto più occidentale della Spagna (quello più occidentale dell’Europa continentale è in Portogallo, poco sopra Lisbona). Per di più le nuvole basse riducono la vista del mare aperto; è una situazione simile al Capo Nord, in Norvegia: ci si va semplicemente per poi poter dire di esserci stati. Le guide reclamizzano una deviazione per vedere Malpica, che invece ci sembra una fregatura. Può andar bene se si fa mare, ma oggi non ne è il caso: piove e siamo sui 20°.

La Coruña non ha grandi tesori d’arte, ma sono molto interessanti le verande in legno delle case che si affacciano sul porto: queste continue vetrate fanno il loro effetto, soprattutto in condizioni buone di luce, ed in effetti adesso c’è un bel tramonto, con bei riflessi sulle vetrate. Andiamo a vedere la Torre d’Ercole (antico faro), alla periferia della città: con questo tempaccio (non piove, ma ci sono nuvole basse) non dice niente. Ci fermiamo a Betanzos: paese molto bello e colorito; fascino medievale e poco turismo, che si vede anche nei prezzi. La costa è alta e dirupata; bei panorami sia verso il mare che all’interno. Bello il ponte presso Ribadeo, che attraversa una specie di fiordo (foce dell’Eo): qui si esce dalla Galizia e si entra nelle Asturie. Il paesaggio non cambia; cambiano gli “horreos”, che adesso sono di legno, e più rari. Deviazione per Cudillero, pure porto di pescatori; l’arrivo è brutto (c’è un gran porto moderno), ma girata una punta si presenta un bel paesino raccolto, con un’aria quasi da Cinque Terre. 

Ad Oviedo l’interesse è concentrato nel centro storico, attorno alla cattedrale; belle anche diverse case liberty qua e là. Una curiosità di tutt’altro genere che ci colpisce è un gigantesco centro congressi, nella zona ovest, con ali a sbalzo impressionanti, da vertigine. Diversi quartieri si presentano rinnovati e anche messi bene. A quanto pare è una città in piena espansione; ma molte città spagnole danno questa impressione. Una particolarità dei ristoranti asturiani è il sidro, ma non tanto in sé quanto per il modo in cui i camerieri lo versano: con una mano tengono il bicchiere più in basso possibile, e con l’altra la bottiglia più in alto possibile; il tutto con una posa statuaria, a gambe larghe e guardando altrove. Il getto fa quindi un bel po’ di strada ma non manca il bersaglio; però è inevitabile che ci siano schizzi per ogni dove. Può essere che tutto questo abbia il suo scopo (ossigenare bene il sidro?); ma di certo il risultato è che si rischia di scivolare passando vicino ai tavoli, visto lo stato del pavimento. Poi è la volta delle “iglesias prerromanicas” (si scrive proprio con 2 “erre”) nei dintorni. . Ed infine la chiesa di S. Julian de los Prados, molto bella; peccato che le passi di fianco l’autostrada e che la zona attorno, che doveva essere tutta campagna fino a non molto tempo fa, adesso sia uno squallido quartiere di periferia. In questa zona si potrebbe fare un’escursione sui monti “Picos de Europa” (parco naturale), ma quei nuvoloni bassi ci fanno cambiare idea.

Santillana del Mar è bella ed anche molto turistica e quindi affollata, ma era prevedibile. Casette ben curate, in pietra e legno a vista, gerani alle finestre, tanto verde, prati smeraldini e pioggerella sottile: ma siamo in Spagna d’estate o in Trentino d’autunno? Il bello è che, a veder i telegiornali, sembra che il resto della Spagna stia andando a fuoco o quasi . La visita al chiostro della collegiata è particolare: al di là dell’interesse in sé, si scopre che si svolge non con una guida “umana”, bensì con una voce registrata che esce da altoparlanti nascosti, partendo ad orari fissi, e che spiega i vari dettagli ai visitatori. Niente male; ma cosa diranno quelli che abitano lì attorno, a sorbirsi tutta la tiritera ogni giorno? Santillana è famosa per le vicine grotte di Altamira; ma, come si sa, queste sono tabù: ci sarebbe il museo da visitare, ma nessuno di noi ne è interessato. Arriviamo a Santander dall’Avenida Reina Victoria, lungo il mare: ambiente belle époque, con casinò, eccetera. Di bagni, neanche a parlarne, tanto per cambiare. La cattedrale è l’unico interesse artistico; vi troviamo due matrimoni contemporanei, di cui uno nella cripta: lo spettacolo in realtà è nelle invitate che in queste occasioni hanno l’abitudine di indossare abiti da gran sera in pieno giorno. Uno dei due matrimoni comprende anche uno spettacolo folkloristico con danze tradizionali. Da Santander a Burgos si scavalcano i monti Cantabrici e si rientra in Castiglia. Riprende il clima estivo “classico” della Spagna: sole e caldo; però tira vento: sarà un riflesso del maltempo sull’altro versante. Nell'interno della cattedrale di Burgos è curioso lo show del Papamoscas, un automa associato all'orologio, che apre la bocca al battere delle ore, e quindi “mangia le mosche”; ma vediamo alcuni turisti che lo applaudono, cosa che ci pare fuori luogo. La giornata ventosa rende l’aria tersa e ci sono ottimi colori al tramonto. 

Il castello in cima alla collina è un rudere; vale solo per il panorama, ma comprende dei sotterranei che si possono visitare con guida; c’è comunque un museo che ne racconta la storia. Il monastero de las Huelgas, dove sono sepolti i bambini della famiglia reale, in più punti sembra proprio una moschea. Ed eccoci nei paesi baschi: il paesaggio è di nuovo boscoso, il clima è fresco; i toponimi sono bizzarri, la lingua locale è incomprensibile, ma tutti i cartelli sono bilingui.

Bilbao è una città rinata dopo l’abbandono delle industrie negli anni ’70-’80, e di certo gran parte del merito va al Guggenheim, che ora è l’attrattiva principale . Il guaio è che sono “rinati” anche i prezzi. Ancora difficoltà coi bar per la prima colazione, come a Madrid. In mattinata, liberi tutti: chi va al museo, chi a spasso, chi a far compere. Al pomeriggio, visto il bel tempo, si decide di far mare: lo cerchiamo, in auto ovviamente, al di là di Getxo. Si riesce a parcheggiare ragionevolmente vicino alla spiaggia, che non è troppo affollata. Una cosa interessante nei dintorni è il “ponte trasbordatore” di Portugalete: credo che sia l’unico del genere rimasto in Europa. Ormai, più che servire al suo scopo (portare uomini e cose al di là del fiume e lasciar passare anche le navi con alberature alte), è un monumento a se stesso; ma è anche un buon punto panoramico. Io però l’avevo già visto; agli altri non interessa e così non ci andiamo. Il rientro in Italia si nota subito. All'aeroporto, la ricerca dell’autobus per Milano è un po’ problematica, data l’ora tarda; nessuno sa bene quale autobus parte e quando, e ciascun interpellato risponde con la sua teoria (la stessa situazione sperimentata mille e mille volte nelle nostre ferrovie). Ci sarebbe qualche reclamo da fare alla Spagna (orari per la prima colazione, qualche cartello stradale poco chiaro, ecc.); ma anche diversi complimenti: ottima organizzazione dei servizi, strade ottime, quasi mai ingorghi, città in ripresa. Avevo visto la Spagna per la prima volta nell’81: era trent’anni indietro; oggi siamo noi che siamo indietro. Le cose che funzionano male si vedono subito, e quelle che vanno bene no; ciò vuol dire che tutto ciò che non ci ha colpito per il malfunzionamento si può mettere fra i complimenti.

24 settembre 2017 Giovanni Saccarello

 

BAVIERA ROMANTICA     di Anna Busca

Se si ha a disposizione un weekend “lungo” o comunque almeno quattro giorni, e si desidera un’immersione nella bellezza di luoghi fiabeschi non lontani da Milano, si può scegliere il tour dei castelli bavaresi di Ludwig II, perfetto per una coppia di innamorati ma anche adattissimo a famiglie con bambini e perfino agli amanti di Wagner. Settembre può essere il mese ideale. Il bellissimo Ludwig II, dall’alta statura e dall’aspetto davvero aristocratico, figlio del re Maximilian II e della regina Maria di Prussia, nato nel 1845 e divenuto monarca a soli diciannove anni dopo la morte del padre, ebbe una vita travagliata: insofferente alle regole di corte, impossibilitato a manifestare apertamente la sua omosessualità (ma in grado di rompere, suscitando grande scalpore, un fidanzamento imposto con la cugina Sophie, sorella dell’amica principessa Sissi), di profonda cultura e sensibilità, che lo isolavano dal suo ambiente perché incompreso, generoso mecenate di Richard Wagner, che quasi idolatrava da quando era appena sedicenne, nostalgico del passato glorioso delle monarchie assolute europee ma considerato incapace di governare… Morì annegato nel lago di Starnberg: aveva quarant’anni, era stato appena deposto perché considerato pazzo (come il fratello Otto), e forse non si trattò di un suicidio né di un incidente. E sulla sua morte permane a tutt’oggi il mistero: un enigma, come proprio lui voleva apertamente essere. Di lui ci restano testimonianze affascinanti: e sono proprio alcuni castelli, frutto del suo immaginario storico-artistico, che lasciano stupefatti per la ricchezza degli arredi e delle decorazioni, e soprattutto perché rievocano l’originalità del suo pensiero e la sua vita davvero unica, che ispirò anche a Luchino Visconti il magnifico film del 1973, “Ludwig”, con Helmut Berger e Romy Schneider, vincitore del David di Donatello. Partendo da Milano in mattinata si raggiunge comodamente nel pomeriggio, attraversando Svizzera, Liechtenstein e per breve tratto anche l’Austria, la città di Füssen im Allgӓu, sul fiume Lech. Noi abbiamo alloggiato al Ruchti’s Hotel und Restaurant di Alatseestrasse 38, www.hotel-ruchti.de , immerso nel verde, a pochi minuti a piedi dal centro storico, dominato da un bel castello affrescato, antica residenza dei principi-vescovi di Augsburg. Bellissima anche la chiesa barocca di S. Mang con il monastero annesso; nell’isola pedonale si possono ammirare palazzi storici, piazzette, fontane, campanili; camminando tra i vicoli si ripercorre il tessuto urbano del borgo medioevale. Füssen è all’inizio della Romantische Straße, un itinerario tra i più amati della Germania, che si conclude a Würzburg, a quasi 400 km di distanza, attraversando paesaggi e città spesso dichiarati dall’Unesco Patrimoni culturali dell’umanità. Füssen è a soli 5 km dai primi due castelli che visiteremo: Hohenschwangau e il più famoso Neuschwanstein, praticamente di fronte, a breve distanza tra i boschi. Si lascia l’auto in uno dei quattro grandi parcheggi a pagamento e ci si avvia ai Ticket Center. Noi abbiamo trovato, alle 9.30 circa, già una coda interminabile di turisti: il mese di agosto è certamente il periodo di maggior affollamento! Solo qui si vendono i biglietti per la visita; è comunque possibile, con un supplemento di 1.80 euro, prenotarli on line un paio di giorni prima e avere così uno sportello riservato dove la coda è molto più ridotta. Abbiamo optato esistono diverse possibilità -per il biglietto combinato della visita a entrambi i castelli; sul ticket è stampigliato l’orario, perché è obbligatoria la visita guidata (con audioguida o guida anche in italiano) in gruppi di 15-20 persone circa e si può dunque entrare, obliterando il biglietto, solo quando nel display all’ingresso compare l’ora e il numero del gruppo cui si è stati assegnati. Siamo riusciti a visitare Hohenschwangau in mattinata e Neuschwanstein nel primo pomeriggio. Ogni visita dura 35-40 minuti. Sono purtroppo vietate le fotografie all’interno. Abbiamo raggiunto Hohenschwangau a piedi, con una breve passeggiata nel verde, vicino a un lago dove si possono osservare anatre e cigni; il paesaggio intorno è montuoso, con vaste faggete e abetaie, di notevole fascino. Il castello, dove Ludwig trascorse infanzia e adolescenza, è piuttosto imponente e il suo colore giallo spicca tra la vegetazione; ha un arredo originale in puro stile bavarese, con stanze dalle pareti affrescate e colorate in modo vivace; divani rossi, tappeti, stucchi, ori, tendaggi verde smeraldo, lampadari di cristallo; gli ambienti sono luminosi e accoglienti. Da qui il giovane Ludwig poteva, con un cannocchiale, seguire i lavori di costruzione dell’altro castello, quello “nuovo” da lui fortemente voluto e sognato, e annunciato a Wagner con una lettera del maggio 1868 in cui manifestava il suo desiderio di far sorgere, in un luogo “dei più belli che si possano trovare, sacro e inavvicinabile” , “nello stile autentico delle antiche fortezze dei cavalieri tedeschi”, un castello degno del grande compositore, che vi avrebbe ritrovato reminiscenze del Tannhӓuser e del Lohengrin. Neuschwanstein si raggiunge a piedi con un percorso più lungo rispetto al precedente, un po’ in salita; chi teme la fatica può utilizzare, a pagamento, un bus-navetta o una più romantica carrozza trainata da una pariglia di robusti cavalli. Noi abbiamo scelto la passeggiata nel bosco, in realtà molto rilassante e piacevole. Si passa anche davanti a qualche caffè, sotto il castello, dove si possono gustare all’aperto squisiti piatti bavaresi come le classiche salsicce bianche (Weißwurst) o Würstel mit Kraut, accompagnati da ottima birra. Un viaggio in Baviera dà sempre anche grandi soddisfazioni gastronomiche! Il castello ideato da Ludwig non ha nulla di kitsch, come a volte sembra di intuire da alcune descrizioni. E’ vero che è stato fonte d’ispirazione per gli architetti di Disneyland, ed alcune immagini lo fanno apparire come un improbabile castello delle fate, ma in realtà è un sogno fattosi pietra, la meravigliosa visione di un giovanissimo re di metà Ottocento, immerso nella musica di Wagner e nella mitologia nordica, nella poesia medioevale e nella religione cristiana, in un mix quasi allucinatorio e sicuramente fantastico. Un capolavoro dell’eclettismo. Indimenticabile la sala del trono, una sorta di basilica con un’abside in cui, al posto dell’altare, doveva appunto essere collocato il trono, mai realizzato a causa della morte precoce di Ludwig. Si evince che si riteneva monarca per grazia divina, una sorta di ponte tra terra e cielo. La camera da letto, le cui pareti hanno affreschi ispirati a Tristano e Isotta, è davvero sontuosa. Ogni ambiente lascia il visitatore stupefatto. Si attraversa perfino una piccola grotta artificiale illuminata con suggestivi effetti cromatici, che rievoca la scenografia del Tannhaüser. Si esce dal castello con la sensazione di essere entrati in un luogo magico ed evocatore, di fatto nello spirito di Ludwig, che tuttavia vide l’edificio, mai concluso, fondamentalmente solo come cantiere in costruzione. L’emblema di un’illusione, di un sogno spezzato dalla sua tragica morte. Per godere di una magnifica vista del castello e del panorama circostante si può raggiungere, con una bellissima passeggiata nel bosco, il Marien-brücke, uno stretto ponte in legno e acciaio che scavalca un profondo burrone, che non è altro che la valle del torrente Pӧllat. Inutile dire che occorre aspettare un po’ in coda, vista la folla di visitatori! Ci siamo quindi spostati in auto, attraverso paesaggi incantevoli, in una seconda cittadina bavarese, la splendida Oberammergau, alloggiando presso il grazioso Hotel Garni Antonia, in Freikorpsstrasse 5 (www.hotel-antonia.com ), gestito dalla gentilissima Erika Kühl. Oberammergau è famosa in Germania per le stupende case affrescate nel ‘700, con soggetti per lo più religiosi: la più bella è sicuramente la Casa di Pilato, ma numerose sono quelle degne di ammirazione che si incontrano passeggiando per le vie del centro storico. Ogni dieci anni (prossimamente nel 2020) si celebra qui la Passione di Cristo, della durata di quasi otto ore, che coinvolge un migliaio di abitanti: nel Teatro della Passione appositamente costruito viene illustrato una sorta di Calvario vivente, che richiama moltissimi turisti. La manifestazione è storica ed è legata a un evento considerato “miracoloso”: nella seconda metà del ‘600 il paese fu uno dei pochissimi villaggi a non essere coinvolto in una terribile epidemia di peste, il che fu ovviamente interpretato all’epoca come una grazia divina! La chiesa principale ha un elegantissimo interno barocco. Oberammergau è nota anche per essere la patria dei migliori intagliatori di legno tedeschi: nelle vetrine dei negozi di artigianato spiccano opere straordinarie, soprattutto statue del presepio, ma anche di animali e di altri soggetti. Chi vuole un orologio a cucù ha solo l’imbarazzo della scelta (ma alcuni raggiungono prezzi proibitivi…). Qui ci si trova a pochi chilometri dal castello di Linderhof, l’unico realizzato in modo completo da Ludwig (fu terminato nel 1878). Il re amava questi luoghi, tra montagne, laghi, torrenti e foreste, e vi soggiornò a lungo, uscendo spesso in carrozza o a piedi anche di notte, in inverno incurante della neve e del freddo. Questa volta il modello è francese: un magnifico edificio bianco, simile a un castello della Loira, immerso in un grande parco, con fontane, scalinate, giardini a terrazze, sentieri, padiglioni… Parcheggiata l’auto negli spazi predisposti, sempre a pagamento, dopo una coda (breve, questa volta!) alla biglietteria, ci si avvia verso l’ingresso. Anche per questo castello è obbligatoria la visita guidata si può scegliere in lingua italiana- in gruppo. L’arredo è ricchissimo, decorazioni, stucchi e dipinti sono preziosi: il trionfo del rococò più raffinato. Ovunque richiami alla mitologia, alla storia antica, alle monarchie. Semplicemente meravigliosa la Sala degli specchi, dove la propria immagine può essere riflessa all’infinito e gli spazi sono dilatati senza limiti, con effetti grandiosi; ma anche la Sala delle udienze e la camera da letto del re, vastissima, sono splendide. Deliziose alcune costruzioni nel parco, che in qualche parte è una vera foresta di altissimi abeti: il Chiosco moresco, la Capanna di Hunding (realizzata secondo la scenografia del primo atto della Valchiria di Wagner), il vicino Eremo di Gurnemanz (foto), ispirato al Parsifal, la Casa marocchina all’entrata. La Grotta di Venere, associata al Tannhӓuser, addirittura con un lago sotterraneo tra stalattiti e stalagmiti artificiali illuminate da luci policrome, era purtroppo chiusa per lavori di restauro e non siamo riusciti a visitarla. Avendo più giorni si può chiudere il tour dei castelli di Ludwig recandosi più ad est ad Herrenchiemsee, sull’isola al centro del lago Chiemsee, ispirato alla reggia di Versailles. Noi abbiamo rinviato la visita ad un altro viaggio, non disponendo del tempo necessario. Magari l’abbineremo a una tappa sul lago Starnberg, presso il castello di Berg (proprietà privata, non visitabile) dove Ludwig trascorse le sue ultime ore. Sul luogo in cui furono ritrovati i corpi del re e del suo medico personale, il dottor von Gudden, anche lui misteriosamente annegato nel lago, è stata eretta una cappella votiva e sorge un’alta croce di pietra. Nella piccola Rosensinsel, l’Isola delle Rose, spesso si incontravano Ludwig e la cugina prediletta, Sissi. Qui lei era solita lasciare poesie o lettere, alle quali Ludwig rispondeva con piacere. In una di queste, Sissi si considerava un gabbiano, e chiamava il cugino “aquila”. E Ludwig le aveva risposto con questi versi: Al nido dell’aquila, dalla remota spiaggia/è arrivato il saluto del gabbiano/portando con lieve battito d’ali/il ricordo dei tempi lontani (….)/ Verso la cima del monte l’Aquila fa ritorno (…)

Milano, 29 agosto 2017 Anna Busca

GENNAIO 2017

UN TOUR ARTISTICO D’INIZIO ANNO         di Anna Busca

Si può festeggiare il nuovo anno anche dedicando tre giorni alla bellezza dell’arte italiana: un tour tanto breve quanto ricco nella zona del ferrarese e del padovano. Una vera immersione nella raffinatezza, una “boccata d’ossigeno” per occhi e cervello. Prima tappa Cento, paese natale di Francesco Barbieri, più noto come il Guercino (1591-1666). Purtroppo il sisma del maggio 2012 ha lasciato il segno: la Pinacoteca e la Chiesa del Rosario sono tuttora inagibili, sono ancora evidenti i danni ad alcuni edifici, anche se i lavori di restauro proseguono. I dipinti del Guercino, dopo essere stati esposti in numerose mostre in giro per il mondo (anche in Giappone) sono ora temporaneamente collocati nella chiesa di San Lorenzo, aperta solo il venerdì, il sabato e la domenica (per aperture in altri orari tel. 051.6843334, o consultare www.comune.cento.fe.it ). Si possono ammirare l’Assunta (1622), appesa in alto nella navata, straordinariamente prospettica; Cristo risorto appare alla Vergine (1629), il Miracolo di San Carlo Borromeo (1614) e altri splendidi capolavori. In fondo alla via principale, corso del Guercino, dove si tiene un affollato mercato settimanale il giovedì mattina, sorge la trecentesca Rocca di Cento, sede della biblioteca civica, visitabile. Interessanti anche alcuni palazzi ed edifici storici, come il Palazzo del Governatore.                 Da Cento a Ferrara si percorre in auto una quarantina di chilometri: la città estense è sempre una meraviglia. Occorre ricordare –per evitare multe salate! - che se si alloggia in un hotel del centro storico si hanno agevolazioni per l’ingresso in ZTL e la sosta, a patto che l’albergatore segnali alla Polizia municipale, entro 48 ore dall’arrivo, la targa della vettura, che così entra nella cosiddetta white list (per informazioni  http://servizi.comune.fe.it/4336/clienti-hotel-e-strutture-ricettive-collocate-in-ztl ). Fino al 29 gennaio 2017 si può visitare, nel magnifico Palazzo dei Diamanti, la bellissima mostra “Orlando furioso 500 anni. Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi” (informazioni e prenotazioni 0532.244949, oppure www.palazzodiamanti.it ). Un percorso, con audioguida compresa nel biglietto, tra opere pittoriche, sculture, testi antichi, oggetti (splendido l’Olifante detto Corno d’Orlando, dell’XI secolo) dell’universo ariostesco, in occasione del quinto centenario della prima edizione del poema (1516). Capolavori di Raffaello (“Ritratto di Tommaso Inghirami detto Fedra”),di Giorgione (“Ritratto di guerriero con scudiero detto Gattamelata”), di Mantegna (“Minerva che scaccia i Vizi dal giardino delle Virtù”), di Tiziano (“Il baccanale degli Andrii”), portano il visitatore ad immergersi in splendide immagini, evocative delle figure ariostesche di cavalieri eroici e meravigliose fanciulle, di paesaggi mitologici, di scene dell’Orlando. Usciti dalla mostra, davvero imperdibile, si ha solo l’imbarazzo della scelta. Si possono seguire gli itinerari suggeriti dalla mappa turistica della città: il centro medioevale e il ghetto ebraico, oppure l’addizione rinascimentale, dimore e chiese rinascimentali… Dipende soprattutto dal momento della giornata e dal tempo meteorologico. Nel tardo pomeriggio si può anche scegliere semplicemente di passeggiare intorno al Castello Estense (che ospita, fino al 4 giugno, una mostra delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea dedicata a Previati, Boldini, De Pisis) e al Palazzo del Municipio, visitando la bella Cattedrale, la piazza Trento e Trieste e le vie adiacenti. Una buona cena a base di cappellacci di zucca (per esempio al ristorante “Il gatto bianco” di via Mayr, con buon rapporto qualità/prezzo) può concludere piacevolmente il giro. La mattina successiva, prima di lasciare Ferrara, si riesce a visitare Palazzo Schifanoia; il ciclo di affreschi quattrocenteschi che decora il famoso Salone dei Mesi è di rara bellezza e grande fascino. [Hotel suggerito a Ferrara: Albergo San Romano, via S.Romano 120, tel.0532-760170, www.hotelsanromano.it )                Da Ferrara ci si sposta a Stra, in provincia di Venezia (circa ottanta chilometri, si viaggia sull’autostrada A13, con bella vista, sulla sinistra, dei rilievi vulcanici dei Colli Euganei): la meta è ora Villa Pisani (www.villapisani.beniculturali.it ), la più bella tra le ville venete della Riviera del Brenta, che non sfigura affatto se messa a confronto con un castello della Loira. Immenso parco, con serre, fontane, vasche, una collina-ghiacciaia, un boschetto, un magnifico labirinto di siepi. La villa fu costruita dalla ricchissima famiglia patrizia dei Pisani, che diedero un doge a Venezia, e fu terminata nel Settecento; subì varie vicissitudini, fu venduta nel 1807 a Napoleone, allora re d’Italia, che poi la cedette al figliastro Eugenio de Beauharnais. Dopo la disfatta di Waterloo del 1815 la villa passò agli Asburgo e divenne amatissimo luogo di villeggiatura dell’imperatrice d’Austria, che vi ospitò i reali di Spagna, di Napoli, di Grecia, perfino lo zar di Russia Alessandro I, mantenendo dunque sale e giardini, dove si susseguivano feste e danze, al massimo splendore. Quando il Veneto fu annesso al Regno d’Italia nel 1866 la villa diventò proprietà dello Stato e non dei Savoia; cessò il suo ruolo di rappresentanza e si trasformò in un museo. Un museo nazionale preziosissimo: la sala da ballo con il soffitto affrescato da Tiepolo (“La Gloria della famiglia Pisani”) è stupenda; l’appartamento napoleonico, con parti dell’arredo originali, e le altre sale visitabili, una trentina, contengono decori e pitture di grande eleganza e raffinatezza. Non stupisce apprendere che la villa veniva spesso visitata da D’Annunzio e Wagner!Lasciata Villa Pisani, si raggiunge in circa mezz’ora la splendida Padova. A Palazzo Zabarella (www.zabarella.it )si trova un’altra interessante mostra aperta fino al 29 gennaio: questa volta il protagonista è il pittore Federico Zandomeneghi, di cui si celebra il centenario della morte, avvenuta a Parigi nel 1917. Nato a Venezia nel 1841, figlio e nipote di scultori di fama, Zandomeneghi fu l’unico italiano a raggiungere nella capitale francese, a trentatrè anni, il gruppo degli Impressionisti, diventando amico di Degas, Pissarro e Renoir, dopo un periodo trascorso a Firenze, dove aveva frequentato i Macchiaioli. La sua pittura, fondata su un eccezionale talento naturale stimolato dagli ambienti artistici in cui aveva vissuto, mostra uno stile particolare; i soggetti sono molto spesso le donne, ritratte in momenti della loro quotidianità, con espressioni assorte, o divertite, o malinconiche, mai banalizzate o superficiali, anzi colte con grande sensibilità e attenzione. A Padova le mete da visitare sono dietro ogni angolo, e in un soggiorno così breve è opportuno selezionarle, anche in anticipo. Per chi non l’avesse mai vista, sicuramente è imperdibile la Cappella degli Scrovegni, affrescata da Giotto (1303-1305); è comunque obbligatoria la prevendita del biglietto, fino a un giorno prima della visita (www.cappelladegliscrovegni.it ). Imponente la basilica di Sant’Antonio, con il grande Prato della Valle vicino, magnifico il Palazzo della Ragione, bellissima anche la basilica di santa Giustina , e il duomo, il Battistero…Se si vuole dare alla visita anche un “taglio” scientifico, nessun problema: qui insegnò Galileo, e la sua cattedra di legno è ancora visibile nell’antica sede dell’Università, il Palazzo Bo, che conserva un magnifico Teatro Anatomico. Sempre a Padova si laureò in Medicina Andrea Vesalio, autore del De corporis humani fabrica (1543), cui il Musme (Museo di Storia della Medicina, www.musme.it ) dedica la sua esposizione “Il corpo scoperto: l’anatomia da Vesalio al futuro”, fino all’8 gennaio. [Hotel suggerito a Padova: Hotel Igea, via Ospedale 87, tel. 049-8750577, www.hoteligea.it )Ultima tappa proposta, raggiungibile il terzo (e ultimo) giorno del tour, è la Villa Contarini, a Piazzola sul Brenta - nei luoghi che diedero i natali ad Andrea Mantegna - considerata la più maestosa e scenografica delle ville nobiliari del padovano (www.villacontarini.eu ). I Contarini erano una famiglia potentissima a Venezia: ben otto dogi e quarantotto procuratori tra i suoi membri. La villa era la loro casa “di campagna”, lussuosa residenza estiva, costruita nel XVI secolo, su disegno del Palladio, e ampliata successivamente con edifici laterali per accogliere i numerosi ospiti. La visita alle sale è possibile solo con la guida, mentre nel parco, molto vasto, con un enorme prato all’inglese, un lago e canali, si può passeggiare a piacimento. Abbandonata nell’Ottocento, depredata dei suoi arredi, usata come magazzino o deposito di legname, invasa e occupata da militari durante la Seconda Guerra Mondiale, la villa rischiava di diventare un edificio fatiscente, destinato alla distruzione. Fu un medico, il prof. Giordano Emilio Ghirardi, a occuparsene, ad acquistarla nel 1969 e a trovare fondi e appoggi per il restauro. Dal 2005 appartiene alla Regione Veneto, che dovrebbe farne un fiore all’occhiello per il turismo! E’ invece a mio parere ancora poco pubblicizzata, anche se aperta a ricevimenti e convention, che in genere si svolgono nella bella Galleria delle Conchiglie, a pianterreno. Durante la visita alla villa si attraversano magnifiche sale: al primo piano la sala dell’Altalena, delle arti e delle scienze, dei Baccanali, del mosaico…La sala da ballo o degli stucchi, bellissima, la scala dei Giganti…Al secondo piano la biblioteca, ricca di libri antichi, la sala degli specchi con uno straordinario effetto ottico, il salottino dei pastelli, raffinatissimo. Ma è al terzo piano che si scopre un “segreto”: durante le feste, ma anche in altre occasioni, si diffondeva la musica suonata da orchestre collocate qui, in una sala a forma di chitarra rovesciata, tutta rivestita di legno, dall’acustica perfetta, che fungeva da “amplificatore”. Il suono riflesso dalle pareti era convogliato in una grande apertura ottagonale al centro della sala e “scendeva” ai piani sottostanti, fino alla sala dell’Auditorio e oltre…Una soluzione davvero geniale: si potevano dunque ascoltare note o voci senza vedere alcuno strumento o cantante, quasi una magia! E magico questo luogo lo è davvero. Indimenticabile.

Milano, 4 gennaio 2017     Anna Busca